La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

nov 16

Cene galeotte a Volterra, quando il carcere diventa ristorante

Tutto pronto per la nuova edizione di Cene Galeotte che si terrà dal 16 novembre al 28 giugno alla Casa di Reclusione di Volterra, e che vedrà ancora una volta alternarsi, per un venerdì al mese, grandi chef chiamati per preparare, insieme ai carcerati, una serie di cene di solidarietà aperte al pubblico.

La formula, ormai consolidata, resta la stessa anche per questa settima edizione: una volta superate le porte dello storico carcere ricavato in una fortezza medicea, il pubblico – 120 persone circa - sarĂ  accolto con un aperitivo all’interno dell’ampio cortile servito da alcuni detenuti. La cappella, invece, diventerĂ  un ristorante a tutti gli effetti, con carcerati nel ruolo di camerieri e sommelier, e vini e parte del servizio a cura della Fisar di Volterra.I piatti saranno preparati da alcuni detenuti, seguiti, passo, passo, dallo chef presente alla serata.

Grazie a Cene Galeotte i partecipanti, quanto gli chef ed i detenuti, potranno assaporare un’esperienza toccante ed unica: gli ospiti che prenderanno parte alle serate avranno la possibilitĂ  di vivere in prima persona il carcere e portare a casa un ricordo che rimarrĂ  a lungo nella memoria, forte ed intenso quanto l’impegno offerto da tutte le persone coinvolte nel progetto.

Per gli chef che passeranno un’intera – a volte due – giornate all’interno della casa di reclusione, a fianco dei carcerati, per trasmettergli i loro saperi, sarĂ  un momento davvero importante sia emotivamente, quanto lavorativamente.

I detenuti, dal canto loro, avranno la possibilitĂ  di imparare un mestiere e di vivere un’esperienza che li farĂ  sentire parte integrante della societĂ : grazie, infatti, all’esperienza formativa in cucina con gli chef, e in sala con la Fisar di Volterra, stanno acquisendo un bagaglio formativo che in sedici casi si è tradotto in un vero impiego in ristoranti locali, secondo l’art. 21 che regolamenta il lavoro al di fuori del carcere.

Nell’ultima edizione sono state circa novecento le persone partecipanti alle cene a sfondo benefico, il cui ricavato è stato devoluto, come ogni anno, alla campagna internazionale “Il Cuore si scioglie onlus” (www.ilcuoresiscioglie.it), che dal 2000 vede impegnata Unicoop Firenze, insieme al mondo del volontariato laico e cattolico nella realizzazione di progetti umanitari. Dalla prima edizione di Cene Galeotte ad oggi sono stati raccolti 100.000 euro, tutti impiegati in operazioni di solidarietĂ .

Quest’anno il calendario sarĂ  ricco di nomi importanti, dalla Toscana ma non solo: inaugureranno la settima edizione di Cene Galeotte, venerdì 16 novembre 2012, lo chef Moreno Motterle del ristorante la Porta a Monticchiello (Si) ed il pasticciere Marco Mazzetti della pasticceria Centro Storico di Chianciano Terme (Si), a dicembre, venerdì 14, sarĂ  la volta di La Carabaccia di Bibbona, seguirĂ  a gennaio, venerdì 18, L’Albergaccio (Si) una stella Michelin, a febbraio, venerdì 22, La Magnolia di Cesenatico (Fc), a marzo, venerdì 22, lo chef Mattia Barciulli di Osteria di Passignano, una stella Michelin, ad aprile, venerdì 19, Locanda Vigna Ilaria di Lucca, a maggio, venerdì 25 maggio, un’altra stella Michelin con il Ristorante Bracali a Massa Marittima (Gr) ed a giugno, venerdì 28, lo chef Dario Picchiotti di l’Antica Trattoria di Sacerno a Sacerno di Calderara di Reno (Bo).

L’iniziativa è realizzata grazie ad Unicoop Firenze,che, come ogni anno, fornirĂ  le materie prime e assumerĂ  i detenuti retribuendoli regolarmente ed alla Fisar, delegazione storica di Volterra, che si occuperĂ  di selezionare le aziende vinicole, di parte del servizio sommelier e della formazione in sala dei carcerati

Cene Galeotte è in collaborazione con il Ministero della Giustizia, la direzione della Casa di reclusione di Volterra, l’associazione Fisar, la direzione artistica del giornalista e critico enogastronomico Leonardo Romanelli e la comunicazione a cura di Studio Umami(www.studioumami.com).

Ad inaugurare questa nuova edizione saranno due maestri della cucina, uno chef ed un pasticcere, che prepareranno, insieme ai detenuti, la cena che darĂ  il via ad un nuovo calendario: Moreno Motterle, del ristorante La Porta a Monticchiello (Si) e Marco Mazzetti della Pasticceria Centro Storico a Chianciano Terme (Si) che passeranno un’intera giornata insieme ad alcuni carcerati, per insegnargli l’arte ed i trucchi del loro mestiere.

Il menu sarĂ  abbinato ai vini dell’azienda  Tenuta Gorghi Tondi che dalla sua soleggiata terra, la Sicilia, porterĂ  in assaggio alcune delle etichette piĂą rappresentative.

Questo il menu che delizierĂ  i palati dei presenti:

 

  • APERITIVO DI BENVENUTO

mousse di fagioli all’uccelletto con salsiccia
mini tramezzini
quique ai carciofi
  • ANTIPASTO

tortino morbido di zucca con cuore di radicchio con crema di pecorino stagionato di Pienza

  • PRIMI

caciucco di ceci con polpettine di farro e baccalĂ  croccanti
raviolone delicato con ragĂą di grigio su vellutata di zucchine

  • SECONDI

coniglio in tre cotture con purè all’olio

  • DOLCE

torta etrusca

IL CALENDARIO COMPLETO DELLE CENE LO TROVATE QUI’

Per informazioni:

www.cenegaleotte.it

Per prenotazioni:

www.cooptoscanaturismo.it

www.toscanaturismo.net

No comments

Nessun commento

Lascia un commento