La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

nov 18

Platano dalla corteccia mimetica

Quando hanno cominciato a disegnare le mimetiche dei soldati oppure dei cacciatori, senza dubbio gli “stilisti” più che al colore dei boschi si sono ispirati alla corteccia di alcuni tipi di piante, il platano in primis.

Il platano è quella bellissima e imponente pianta che spesso viene piantata per formare viali alberati, un esempio è la famosa Via Veneto a Roma, abbellita oltre agli alberghi di lusso simbolo della dolce vita, anche da questi maestosi alberi.

Il platano è di rapida crescita, robusto, con la chioma a cupola e grossi rami contorti e si presta a potature drstiche, la cosidetta capitozzatura. La sua corteccia che si sfoglia in grosse lamine, creando dei suggestivi giochi di colori, serve a proteggere il sistema vascolare della pianta, isolandola dai bruschi sbalzi di temperatura, dal fuoco e dai denti aguzzi degli animali.

I platani più comuni sono il platano orientale europeo e il platano occidentale originario delle Americhe: per dstinguerli basta guardare le foglie, che saranno a tre lobi e meno pronunciate nell’europeo, mentre ci saranno cinque-sette lobi nella varietà americana, la più diffusa. Per riconoscerli si guarda anche a corteccia, chiazzata da zone chiare, bianco-verdastre che si alternano a altre bruno-grigiastre.

No comments

Nessun commento

Lascia un commento