Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Archive for the 'SIENA E IL CHIANTI' Category

I Vignaioli di Radda & Radda nel Bicchiere

Dove mangiare bene a Radda in Chianti

Il sole ce l’ha messa tutta per regalare un cielo azzurro all’edizione numero 23 di Radda nel Bicchiere.

L’ultimo fine settimana di Maggio, Radda in Chianti, presenta al pubblico il suo territorio, il suo Chianti Classico, i suoi produttori.

Produttori di vino di Radda

 

Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018, il piccolo comune nel cuore del Chianti Classico vedrà le vie affollate da centinaia di visitatori appassionati che potranno godersi un paesaggio mozzafiato, accompagnati da un calice di ottimo vino. Parteciperanno circa trenta aziende per un totale di quasi cento etichette sparse nelle bellissime e suggestive vie del centro storico, per una grande festa dedicata al prodotto principe del territorio famoso in tutto il mondo: il Chianti Classico.

Cosa vedere a Radda in Chianti

Ospiti d’onore di questa edizione saranno i vini, base Pinot Nero, dell’Appennino toscano, protagonisti anche di una degustazione a numero chiuso, guidata da Fabio Pracchia redattore della Guida Slow Wine. Davide Bonucci di Enoclub Siena accompagnerà invece i partecipanti a esplorare le varie sfaccettature del Vin Santo di Radda in Chianti.

chianti Classico winery

Il Programma di Radda nel Bicchiere 2018

Sabato 26 Maggio
Seminario: Estremi Caratteri
Il Chianti Classico di Radda incontra i vignaioli di Pinot Nero dell’Appennino toscano.
Produttori ospiti presenti:
Castel del Piano (Melampo),
Macea
Terre di Giotto (Gattaia Rosso),
La Civettaia
Il Pinot Nero 2015 dei produttori dell’Appennino Toscano verrà messo a confronto con il vino Chianti Classico di quattro produttori di Radda in Chianti.
Seminario tenuto da Fabio Pracchia
Redattore Guida Slow Wine
Ore 15:00 – 20:00 | Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere. Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.
Bicchieri in vendita dalle ore 15:00 alle ore 19:00
Seminario: Vin Santo di Radda
Non solo cantucci! Scopri i segreti del Vin Santo dei produttori di Radda…
Vin Santo del Chianti Classico Monterinaldi 1983
Vin Santo del Chianti Classico Caparsa 1998
Vin Santo del Chianti Classico Castello d’Albola 2005
Il dubbio Erta di Radda 2007
Vin Santo Selezione di Famiglia Colle Bereto 2009
Vin Santo del Chianti Classico Fattoria Vignavecchia 2009
Vin Santo del Chianti Classico Castello di Volpaia 2013
Seminario tenuto da Davide Bonucci – Enoclub Siena
Max. partecipanti: 40 persone
Ingresso: 15 € 
      (10 € per i Soci Enoclub Siena, AIS, FISAR, ONAV, Slow Food)
Per info e prenotazioni: proradda@chiantinet.it – 0577738494
Domenica 27  Maggio

Ore 11:00 – 19:00 |   Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere.
Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.

Ore 11:00 – 16:00 | Saletta della Misericordia
10° Degustazione alla cieca Radda nel Bicchiere. 

Radda nel Bicchiere e i vignaioli di radda in chianti

I VIgnaioli di Radda: la manifestazione aperta al pubblico sarà anticipata, nella giornata di venerdì 25 maggio, da un evento esclusivo per la stampa e opinion leader del vino, organizzato con la collaborazione del Consorzio Vino Chianti Classico.

best restaurant in Radda in Chianti

L’evento che si svolgerà a Casa Chianti Classico, quartier generale della storica denominazione, prevede, oltre al consueto programma di assaggi, anche un seminario dal titolo “La California in Chianti”, condotto dalla dott.ssa Valentina Canuti (Università degli Studi di Firenze). E sarà anche l’occasione per conoscere i nuovi gestori della Casa del Chianti Classico, Giuseppe Pollio e Alessandro Boletti.

Chianti Classico Winemaker

Ecco chi sono i Vignaioli di Radda:

Borgo La Stella

Brancaia

Caparsa

Castello di Albola

Castello di Monterinaldi

Castello di Radda

Castella di Volpaia

Colle Bereto

Fattoria Carleone di Castiglioni

Fattoria Castelvecchi

Fattoria di Montemaggio

Il Barlettaio

Istine

L’Erta di Radda

Monteraponi

Montevertine

Podere Capaccia

Podere l’Aia

Podere Terreno

Poggerino

Pruneto

Val delle Corti

Vignavecchia

No comments

La Rosa “Chianti” di David Austin

Roses, Chianti, rose da mettere in testa alle vigne

Caro David Austin, quanto ci hai visto lungo a inventare la Rosa Chianti negli anni sessanta. Hai omaggiato questa terra, dedicandole una rosa, nel periodo che gli indigeni lasciavano la campagna chiantigiana per andare in città, mentre gli inglesi gli ridavano valore.

Rosa Allevata da David C. H. Austin (Regno Unito, 1965).

‘Chianti’ è una delle primissime rose di David Austin, introdotte da Graham Thomas ‘Sunningdale Nursery.


Introdotto nel Regno Unito da Sunningdale Nursery nel 1967 come “Chianti”. Arbusto. Collezione English Rose. Così è la dizione ufficiale della “Chianti Rose”. Allevamento: ‘Dusky Maiden’ X ‘Tuscany’

La rosa del Chianti di David Austin, Chianti Rose

E non potevi che crearla così David Austin, la rosa del vino, la Rosa Chianti Rosso Sangiovese, e che produce un’esposizione massiccia di rose profumate.

Se “Constance Spry” è stata la  prima rosa, di David Austin, la  “Rosa Chianti” è stata  la sua prima rosa rossa.  Sebbene entrambe queste rose fioriscano solo una volta in una stagione, quando fioriscono producono una grande quantità di bellissime fioriture degne di confronto con il meglio delle Rose antiche.

Rosa 'Chianti', Rosa arbustiva 'Chianti', Rosa Auswine, David Austin rosa

Le fioriture sono grandi e inizialmente a forma di coppa, che si aprono formando rosette simili a galliche di un profondo color cremisi, che si trasformano con l’età in un bellissimo porpora scuro, con una forte fragranza di rose antiche.

rosa Chianti dove trovarla in Italia

Ogni vignaiolo chiantigiano, dovrebbe mettere la “Rosa Chianti” nelle proprie vigne, in testa ai filari delle viti. E Il Chianti Classico, sarebbe ancora più bello.

Questa è una rosa molto bella che dovrebbe essere coltivata più spesso.

Se le volete ordinare, le trovate qui.

No comments

Siena: Il Particolare dell’Acquerello

ricette con riso Acquerello , recipes with Watercolor rice

Tutti quelli che a un certo punto della loro esistenza hanno trovato una loro identità, lo sanno.

Chi si cimenta con un “Acquerello Particolare“, sa quale è l’emozione che si prova nell’istante in cui il riso e l’ingrediente si abbracciano, l’ingrediente entra dentro lo chef, e la materia diventa un tutt’uno.

Questa la sintesi de “I sogni del Particolare“, la cena gourmet che si è tenuta a Siena, con il tema “Cinque sfumature di Acquerello“.

Acquerello particolare, serata gourmet

La serata gourmet ha reso omaggio a una delle eccellenze del Made in Italy, il Riso Acquerello, attraverso le creazioni inedite proposte dallo chef del ristorante Particolare di Siena Daniel Calosci, dalla chef stellata Katia Maccari, da Augusto Valzelli, già Stella Michelin e da Emanuele Donalisio, gota dei giovani ristoratori d’Europa.

vini di Brolio, Barone Ricasoli, Toscana, wines of Brolio, Barone Ricasoli, Tuscany

Un menù gourmet che ha sposato i sapori del territorio anche attraverso gli abbinamenti appositamente selezionati tra i calici della storica e prestigiosa cantina Barone Ricasoli: Torricella IGT 2015, Brolio Bettino Chianti Classico 2015, Castello  di Brolio Vinsanto e lo Champagne Maison Besserat de Bellefon.

Finger Food Particolare con Riso Acquerello, Finger Food Detail with Watercolor Rice

Il “benvenuto” è una piccola sorpresa, con il salmone abbinato a una delicata maionese al bergamotto.

ombrina e cialda di riso

 Cialda di riso al nero di seppia di Emanuele Donalisio, chef ventimigliese che è uno delle sole 4 “new entry” italiane accolte nell’esclusiva associazione Jeunes Restaurateur d’Europe; è proprio il caso di definirla “Al di là del riso”, questo delicato filetto di ombrina affumicato alla brace di ulivo, con nuvola croccante di riso, cremoso al wasaby e soia e il tocco femminile della cipria di barbabietola.

risotto con gamberi e zafferano,risotto with shrimp and saffron

Non chiamatelo solo risotto, il piatto proposto da Augusto Valzelli, classe 1991, diventato nel novembre del 2015 a soli 23 anni il più giovane chef stellato d’Europa. Il suo è un omaggio alla Milano-Sanremo, con il riso Acquerello invecchiato, i gamberi rossi di San Remo, polvere di liquirizia e zafferano.

Monumentale il coniglio karkadè e radici (foto di apertura) dello chef del Ristorante Particolare di Siena, Daniel Calosci.Il suo “senti come ziga” è un omaggio alle preziose gemme che madre natura regala, le radici, che ben si sposano con il karkadè arricchendo il coniglio e rendendolo ancora più goloso con l’arancino di riso.

Riso Acquerello al ristorante Particolare di Siena

Piero Rondolino, patron di Riso Acquerello: il menù inedito preparato dagli chef, è stato pensato per restituire a tavola il gusto unico della Riserva Acquerello invecchiata 7 anni.

Acquerello Particolare a Siena

 Raffaella Giglioni, Marco Gagliardi, Gianluigi Giglioni e Sonia Stante, padroni di casa del Particolare di Siena, hanno ideato la serata gustosa, e sono riusciti nell’intento che per una sera, Siena sia stata il capoluogo dell’eccellenza, abbinando materie prime di valore a chef di alto livello. Un’impresa ben riuscita.

Barone Francesco Ricasoli Brolio

Francesco Ricasoli, 32esimo Barone di Brolio.

torta di riso Acquerello ricetta, Rice cake Watercolor recipe

Per chiudere in dolcezza la serata Katia Maccari, chef stellato e volto noto della ‘Prova del cuoco’ di Rai Uno, ha portato in scena la sua torta di riso con gelato al frutto della passione e cioccolato al latte con crema al rhum. La “passione del riso” è stata un trionfo di Acquerello Particolare.

Cinque sfumature di Acquerello Siena

Tutti i protagonisti della serata che se all’inizio non si vedevano perché erano in cucina oppure in altre sale, si sentivano nei piatti, nei bicchieri, tutti gli elementi erano al suo posto. Il riso di Rondolino insieme ai vini di Brolio, sono stati quasi un’inondazione, quasi una febbre di gusto e sapore che ha pervaso chef e commensali, quando rendono omaggio a grandi eccellenze.

Il viaggio delle colombe libro

Gran finale con la ‘Colomba dell’Arrivederci’: dolce al gusto di caffè ideato dalla chef stellata Katia Maccari, realizzato dal maestro pasticcere Giancarlo Maistrello, protagonista anche del volume ‘Il viaggio delle colombe’ di Nieva Zanco. Il libro racconta dieci storie brevi legate alle origini storiche e leggendarie del dolce pasquale e raccoglie le ricette speciali, realizzate da tre chef stellati.

Il ristorante Particolare di Siena si trova in Via Baldassarre Peruzzi, n. 26 a Siena.

Aperto  tutti i giorni dalle ore 12:30 alle 14:30 e dalle 19:30 alle 22:30.

TEL: 0577 1793209

MAIL: info@particolaredisiena.com

No comments

Siena: ancora quaranta giorni per vedere la mostra di Ambrogio Lorenzetti

Quali mostre sono in programma a Siena, What exhibitions are scheduled in Siena

Siete stati a Siena a vedere la mostra su Ambrogio Lorenzetti? No? Ahi, ahi, ahi!! Potete rimediare, visto che la mostra è prorogata fino all’8 di aprile, quindi se decidete di passare le vacanze di Pasqua a Siena, trovate ancora questa mostra incredibile.

Cosa fare per Pasqua a Siena, What to do for Easter in Siena

Ambrogio Lorenzetti a Siena, è stata inserita ai vertici delle mostre più interessanti dell’anno in Europa. Calcolando che ci sono dietro cinque anni di studi, di restauri, e di spostamenti, è un grande successo e onore per tutto lo staff di storici e restauratori, che hanno lavorato per la realizzazione di questa mostra.

Portare via gli affreschi dall’Eremo di Montesiepi vicino a San Galgano, per inserirli nel percorso della mostra al Santa Maria della Scala, è stata una grande impresa. Sarebbe contento anche il Lorenzetti, nel vedere i suoi affreschi tirati a lucido e con nuovi particolari emersi dal restauro.

Cosa vedere a Siena in un giorno, What to see in Siena in one day

Ambrogio Lorenzetti, è stato è stato uno dei massimi pittori del XIV secolo, uno straordinario innovatore dei linguaggi stilistici e iconografici del suo tempo, oltre che un artista di elevate e raffinate qualità intellettuali.

cosa fare a Siena per Pasquetta, what to do in Siena for Easter Monday

A Siena potrete ammirare il ciclo di affreschi staccati della cappella di San Galgano a Montesiepi e il polittico della chiesa di San Pietro in Castelvecchio a Siena (nell’occasione più correttamente ricomposto e riunito con l’originaria cimasa raffigurante il Redentore benedicente) sono stati allestiti in un cantiere di restauro ‘aperto’, fruibile dalla cittadinanza e dai turisti. I restauri sono proseguiti con l’apertura di altri due cantieri, il primo nella chiesa di San Francesco, volto al recupero degli affreschi dell’antica sala capitolare dei frati francescani senesi, e l’altro nella chiesa di Sant’Agostino, nel cui capitolo Ambrogio Lorenzetti dipinse un ciclo di storie di Santa Caterina e gli articoli del Credo.

Quanto costa il biglietto della mostra su Ambrogio Lorenzetti a Siena, How much is the ticket for the exhibition on Ambrogio Lorenzetti in Siena

Nell’itinerario della mostra, sono esposte, tra le altre, opere provenienti dal Musée du Louvre, dalla National Gallery di Londra, dalle Gallerie degli Uffizi, dai Musei Vaticani, dallo Städel Museum di Francoforte, dalla Yale University Art Gallery – ambisce a reintegrare pressoché interamente la vicenda artistica di Ambrogio Lorenzetti, facendo nuovamente convergere a Siena dei dipinti che in larghissima parte furono prodotti proprio per cittadini senesi e per chiese della città

Pittori senesi famosi, Famous Sienese painters

La mostra ve la potete vedere da soli, prendere le audioguide, oppure prenotare una guida turistica autorizzata.

Cosa fare a Siena nel weekend, What to do in Siena at the weekend

Tra le iniziative interessanti, proseguono le visite guidate con il Centro Guide Siena alla mostra di Ambrogio Lorenzetti, allestita al Palazzo Squarcialupi, Santa Maria della Scala.

Non perdetevi gli “Aperitivi ad Arte”:

La prossima data disponibile è:

domenica 11 marzo, alle ore 10.30

Incontro con la guida davanti al Duomo, all’ingresso dell’Ufficio Informazioni, piazza del Duomo, 2. Alla fine conclusione della visita con un aperitivo presso il “Bar Osteria Bonelli” , a pochi passi dal Duomo.

Costo a persona: € 15.00    –      Numero chiuso a 30 partecipanti.

Per informazioni e prenotazioni: info@guidesiena.it  – 0577 43273

Percorso mostra di Ambrogio Lorenzetti a Siena, Itinerary exhibition of Ambrogio Lorenzetti in Siena

Informazioni utili sulla mostra

Lunedi, Mercoledì e Giovedì: dalle 10.00 alle 17.00
Venerdì: dalle ore 10.00-19.00
Sabato e Domenica: dalle ore 10.00 alle 20.00
Martedì: chiuso

http://www.ambrogiolorenzetti.it/

No comments

Siena, a lezione di Palio

come diventare guida turistica, how to become a tour guide

Il Palio per i senesi, è una delle grandi ragioni di vita, quindi se siete una guida turistica, abilitata per Siena e la sua provincia, non perdetevi questo corso “A lezione di Palio“.

come fare la comparsa del comune al Palio di Siena, how to make the appearance of the municipality at the Palio di Siena

Dal 9 gennaio, si terrà, il corso di aggiornamento avanzato a Siena su alcune nozioni  importanti in materia di Palio: dalla selezione dei cavalli, al corteo storico, l’attività di mutuo soccorso, immagine della Festa ecc…

Il corso per le guide tuistiche abilitate su Siena e provincia, partirà  il 9 gennaio e si concluderà il primo febbraio 2018 e sarà incentrato sulla corretta  informazione relativa a quanto di più peculiare mantiene il capoluogo senese.

Siena, corso per imparare tutto sul Palio, Siena, a course to learn everything about the Palio

Oltre all’Amministrazione Comunale, collaboreranno le istituzioni contradaiole: Consorzio per la tutela, Comitato Amici del Palio, Ufficio Palio Ufficio Economato e Commissione veterinaria del Comune cureranno infatti le docenze delle sette lezioni da 4 ore ciascuna, alle quali farà seguito un test finale per il rilascio dell’attestato di frequenza.

Così, nell’aula Maccherini di palazzo Berlinghieri (che ospiterà tutte le lezioni),  lunedì 9 gennaio Laura Bonelli (Consorzio Tutela del Palio) sarà docente di “rituale contradaiolo”, entrando anche nello specifico della comunicazione sui social media; due giorni più tardi Marco Pepe (Commissione Veterinaria) affronterà “tutela e selezione dei cavalli da Palio”. La settimana seguente sarà la volta dello storico Giovanni Mazzini (“origine storica delle Contrade ed evoluzione del Palio”) e di Rita Bianciardi (Economato del Comune di Siena) e Riccardo Frosini (Maestro di Campo), che durante la lezione sul corteo storico condurranno i partecipanti nella sala dei Costumi. Archivi di Contrada, allestimento della piazza, Regolamenti di Palio e Masgalano e tutela di simboli e immagine saranno i temi delle successive tre lezioni, condotte da Mazzini, Paolo Ceccotti, Senio Corsi, Michela Bacconi, Gabriele Bartalucci, Paolo Leoncini e Stefano Morandini. Giovedì 1 febbraio sarà infine il giorno dell’esame finale per le Guide turistiche partecipanti.

Siena corso sulla corretta informazione sul Palio, Siena course on correct information on the Palio

Come partecipare al corso di aggiornamento sul Palio?

Se sei una guida turistica , abilitata per Siena e la sua provincia, devi contattare l’Ufficio Cescot Siena – 0577 252234 o 0577 252265

Per iscrizione inviare i seguenti documenti a:  formazione@confesercenti.siena.it o fax 0577252284 o consegnare a mano all’Ufficio Cescot Siena – S.S. 73 Levante, 10 (Loc. Due Ponti) entro lunedì 8 gennaio.

Scheda di iscrizione compilata

– Copia patentino di guida turistica

– Copia documento di identita

No comments

Siena: Lorenzo Cini e la rinascita del modellismo alla stazione ferroviaria

il plastico ferroviario della stazione di Siena

C’è chi la magia la trova attraversando il binario 9 & 3/4, e chi invece la trova tra i binari 2 e 3 della stazione ferroviaria di Siena. Non c’è bisogno di andare ad Hogwarts per vedere Harry Potter, quando un mago ce lo abbiamo anche a Siena e si chiama Lorenzo Cini, il mago del plastico feroviario.

plastico ferroviario, plastic model

La passione per il modellismo, ha portato Lorenzo Cini, a ridare vita al plastico della stazione di Siena, creando un capolavoro, per chi ama andare per treni e stazioni.

che treni usare per un plastico ferroviario

Una passione che ha preso forma anni fa: da piccolo lo portavano in stazione a vedere i treni, poi il passo come volontario sul Treno Natura, il sogno realizzato di essere assunto in ferrovia, i preziosi consigli di Giancarlo Palazzi (il presepista), che lo ha spronato a dare nuova vita al plastico.

E così piano piano, con tanta pazienza e sacrifici, il sogno si è trasformato in realtà: sono stati rifatti i binari, i circuiti elettrici, i paesaggi e comprati i trenini elettrici. Si possono vedere in funzione il Treno Natura, il treno merci, il Frecciarossa, i treni regionali, le littorine a gasolio e tante altre meraviglie.

dove trovare case e arredi urbani per plastico

Un lavoro certosino e di pazienza, dove hanno preso parte anche altri giovani ragazzi, amici di Lorenzo:  Lorenzo Marrucci, Andrea Gentile l “apprendista” che  ha aiutato Cini durante i lavori e che dopo tanto tribolare finalmente è riuscito a far girare il suo D 445 1025 con i vetri curvi di casa Oskar, Francesco Redi, per la sua infinita pazienza e collaborazione nella progettazione e, Gabriele Migliorini, che ha fatto circolare le ALe 601 e con la sua maestria ha fatto girare bene tutti gli altri treni.

Stefania Pianigiani

La Trenista, quest’anno ha festeggiato in modo speciale i suoi trent’anni di treno: presentando il libro di Enrico Menduni “Andare per treni e stazioni” e vedere finalmente in funzione il plastico ferroviario della stazione di Siena.

treni per modellismo

Se non fossi andata a trovare Giancarlo Palazzi, al binario 1, per vedere le novità del presepe, non avrei scoperto questa cosa.

quanto costa un plastico ferroviario, how much does a railway model cost?

Questo è davvero un atto d’amore verso i treni, il modellismo, e la stazione di Siena.

il plastico della stazione di Siena

Non avete idea di quanto è complicato far girare un treno, di quanti fili sono stati aggiuntati per dare la corrente.

macchina di comando

Mettetevi in contatto con Lorenzo, e andate a vedere questa meraviglia.

andare per treni e stazioni

Ringrazio mio cugino Andrea Pagliantini per questa foto, che mi ritrae insieme a Lorenzo, e per il suo articolo sul plastico.

Dove portare i bambini a Siena quando piove

La prossima occasione per vedere in funzione il plastico ferroviario è per la Befana: sabato 6 gennaio, Lorenzo Cini, dalle 16 alle 19, sarà al binario 2 a far muovere i treni, mentre se volete vederlo in funzine in altra occasione, basta prendere un appuntamento, scrivendo sulla Pagina Fb.

No comments

Le novità del presepe della stazione di Siena

Cosa fare a Siena per le vacanze di Natale, What to do in Siena for the Christmas holidays

Ad agosto, dopo il Palio, a Siena, c’è chi va in vacanza al mare, e c’è chi invece pensa al Natale. E’ il caso dei volontari del Presepio della Ferrovia Val D’Orcia, capitanati da Giancarlo Palazzi, che ogni anno a mezza estate, cominciano a pensare alle novità del presepe della stazione di Siena.

presepe della stazione di Siena

Ne avevo pralato già qualche tempo fa del presepe meccanico, ma l’altra sera sono tornata di nuovo al binario 1 della stazione di Siena, per vedere cosa avevano combinato Giancalo Palazzi, Fabrizio Bonechi e compagnia bella.

l'inventore del presepe della stazione di Siena

Di nuovo vi dico che dovete scovare la Piazza del Campo salutata da angeli cantanti, ammirare la nuova cinta muraria del presepe con il ponte levatoio che si alza e…

Non vi dico di più. Sta a voi cercare le novità, sentirvi parte della scena, perdervi nel blu della notte, vedere l’alba far capolino, perdervi in questo atto creativo.

I movimenti delle statue sono 270, e si contano oltre quattrocento effetti speciali, che vanno dalla neve, ai fulmini, alla musica, e ai vari tipi di illuminazione. Roba da restare a bocca aperta.

Giancarlo Palazzi e il presepe alla stazione ferroviaria di Siena

E’ questa la magia del presesepe della stazione di Siena, che ogni hanno attrae, grandi e piccini, a vedere, un’opera di ingegneria meccanica artistica.

Il presepe meccanico è visitabile per tutto il periodo natalizio e non solo. Infatti i volontari del Presepe della stazione di Siena, lo possono aprire in qualsiasi momento dell’anno su prenotazione. Immaginatevi la scena, fare una sorpresa ai vostri bambini, portandoli a Siena in treno, farli scendere alla stazione, e fargli vedere il presepe e addirittura il plastico con i treni in funzione!

Siena, ha una stazione speciale: oltre ad andare in treno per stazioni, quì c’è la mano di grandi artigiani appassionati di modellismo, che si tramandano questa arte di generazione in generazione. Non lo dimenticate.

I presepi da vedere in Italia

Gli orari per vedere il presepe della stazione di Siena, al binario 1 sono:

Tutti i giorni fino al 7 gennaio dalle 10.30 alle 12.15 e dalle 15.30 alle 19.00.

Se invece volete vedere il presepe, in un altro periodeo dell’anno, va prenotata la visita al numero 3388992577.

Buone Feste, cari lettori del blog.

1 comment

Siena e dintorni: 4 mercati gastronomici da non perdere

il-mercato-dipiazza-del-campo, Siena quando c'è il mercato in Piazza del Campo

E come da tradizione, con l’avvicinarsi delle festività natalizie, Siena e la sua provincia, mettono in scena dei mercati gastronomici di alto livello. Segnatevi le date in agenda. Poi per la dieta ci pensate dopo il 6 di gennaio.

come partecipare come espositore al Mercato nel Campo a Siena

SIENA 2 e 3 DICEMBRE

A Siena il Mercato nel Campo festeggia la decima edizione riportando tutta la magia delle feste in Piazza del Campo, in occasione della due giorni dedicata alle eccellenze dell’enogastronomia e dell’artigianato. L’appuntamento con il “Mercato Grande”, che quest’anno è dedicato ai ‘Borghi autentici d’Italia’, torna nella sua tradizionale veste invernale, sabato 2 e domenica 3 dicembre.

Mercatini di Natale nel Chianti
VILLA A SESTA 2 e 3 DICEMBRE

Tornano le giornate dedicate alla solidarietà verso le popolazioni colpite dal terremoto che ha scosso il Centro Italia.

Dopo il successo dello scorso anno, i nostri volontari sono tornati nelle zone terremotate per acquistare direttamente sul posto norcinerie ed altri prodotti culinari, per farvi passare un Natale Solidale.
Dove trovare i prodotti di Amatrice
PROGRAMMA DELLE GIORNATE
🎄SABATO 02 DICEMBRE
dalle ore 15:00 alle ore 21:00
🎄DOMENICA 03 DICEMBRE
dalle ore 10:00 alle ore 21:00 – Circolo ARCI di Villa a Sesta

🎁Mercato di norcinerie ed altri prodotti culinari acquistati direttamente da imprenditori colpiti dal sisma.
🍴Degustazione di piatti tipici di Amatrice e Norcia.

⭐AMATRICE⭐
Pasta, marmellate, e formaggi

⭐MONTAGNA MARCHIGIANA⭐
Pasticceria natalizia, vini e ciauscolo

⭐NORCIA⭐
Salumi, lenticchie, legumi, miele e zafferano.

Inoltre ci sarà la possibilità di fare un’escursione con il gruppo del GEB, il sabato pomeriggio, che vi porterà alla scoperta del Ponte Leopoldino.
mercatini-a-castelnuovo-Berardenga.jpg
CASTELNUOVO BERARDENGA 9 E 10 DICEMBRE
Castelnuovo Berardenga per le festività natalizie presenta un goloso mercatino. Le associazioni paesane Assinfesta, hanno organizzato per sabato 9 e domenica 10 dicembre i Mercatini di Natale.Oltre 60 standisti affolleranno le vie del paese alle porte del Chianti; tra questi, artigiani, artisti e produttori delle eccellenze enogastronomiche del territorio con la possibilità di farsi confezionare i cesti natalizi.

Sarà presente anche la condotta Slow Food di Siena, che venderà i prodotti delle zone terremotate: da Arquata del Tronto arriveranno zuppe, conserve e lenticchie, da Visso, ciauscolo, guanciale e prosciutto, da Amatrice, stracchino stagionato, caciotte e pasta fatta da Masciarelli per Casale Nibbi, e da Campotosto arriveranno formaggi e salumi vari tra cui il Caciofiore Aquilano e la Mortadella di Campotosto. Il ricavato servirà per acquistare un macchinario in una delle aree colpite dal terremoto, e per far ripartire le attività.

chef da tutta Italia ad AscianoASCIANO 8 E 9 E 10 DICEMBRE

Dal 8 al 10 dicembre 2017 ritorna ad Asciano la terza edizione della Mostra Mercato Del Tartufo Bianco Delle Crete Senesi organizzata da Comune di Asciano, associazione Tartufai Del Garbo, Consorzio Vino Chianti Classico, con la collaborazione di Terretrusche Events.

Per due giorni Asciano sarà il centro della Cucina Italiana: 18 chef provenienti da ogni parte d’Italia, 6 chef stellati, tra i quali Pino Cuttaia e Claudio Sadler, si cimenteranno tra due cene di gala, show cooking, Chianti & Tartufo: degustazioni guidate con esperti sommelier, cani campioni nella ricerca del tartufo, mostra mercato con pregiati tartufi delle Crete.

Un diamante bianco per le stelle della cucina, chef d’Italia ad Asciano per il Tartufo Bianco delle Crete Senesi.

Per informazioni e prenotazioni:

Online:

Passione Tartufo – Asciano, 8 dicembre 2017
Sua Eccellenza Tartufo Bianco – Asciano, 9 dicembre 2017

Box Office Terretrusche:

Tel. 0575 606887
Orari: Lunedì-Venerdì, 9:00-18:30

No comments

Pagina successiva »