Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Ad Arezzo arrivano i pesci d’Urto

le mostre di hub garden ad ArezzoUrto? Conosci questo artista? Lo potrai scoprire dal 9 aprile al 6 maggio sarà allestita presso la galleria di Hub Garden di Arezzo. L’artista ha realizzato una nuova collezione di opere tutte in bianco e nero caratterizzate da una serie di macchie e di spruzzi monocromatici. Quello che l’artista ha voluto raccontare è proprio un nuovo punto di vista: e se il mondo fosse dei piccoli? Cosa succederebbe se i ruoli da carnefice e vittima si invertissero?
Circa dieci opere che lasciano libera l’immaginazione e che vi porteranno lontani con il pensiero. Vi sembrerà di vivere in una favola dove i pesci sono i personaggi principali e dove l’unica colonna sonora del racconto è il rumore lontano delle onde del mare.

La mostra, organizzata dall’Associazione Culturale Hub Art-Exhibit Accelerator, verrà inaugurata sabato 9 aprile a partire dalle ore 19.00 presso Hub Garden, via Galvani 14/f (zona Pratacci) Arezzo e resterà visitabile fino al 16 maggio, tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00.
Durante l’inaugurazione della mostra verrà presentato anche un nuovo progetto di Lab85, la società dentro la rete Hub Garden che offre servizi in ambito informatico. Un tocco di tecnologia per stupire con effetti speciali!

Durante l’inaugurazione sarà anche possibile degustare i prodotti della Tenuta Sette Ponti, una delle realtà più di spicco nell’ambito della produzione vitivinicola del territorio aretino.
In degustazione: Pallino Riserva 2013 e Crognolo.

No comments

Jeshua, il Cristo misericordioso che accoglie i pellegrini

febbraio 18th, 2016 | Category: Abili Artigiani,Arte, Fotografia, Colori e Pennelli

Il Cristo di San Miniato fatto con la molaPer fortuna che ancora si trovano artigiani come un tempo che danno vita a dei veri capolavori.

SarĂ  inaugurata domani nell’oratorio di San Rocco, in piazza Buonaparte a San Miniato (Pisa) venerdì 19 febbraio alle ore 18,30 alla presenza dell’artista e di tutti coloro che vorranno partecipare, l’opera di Attilio Cartone” Jeshua”, il Cristo misericordioso che accoglie i pellegrini, che ha la particolaritĂ  di essere stata modellata dallo scultore con il martello e con la mola e realizzata completamente in ferro lavorato a freddo. Una tecnica e un’abilitĂ  veramente unica.

 l'opera di Attilio Cartone" Jeshua

Attilio Cartone, 43 anni, risiede a Casciana Terme e da tantissimi anni ha il ferro quale principale compagno di vita. Prima lavorava all’officina Ferretti di Capannoli, ora è un artigiano in proprio ed è tra i pochissimi in Italia a lavorare il ferro a freddo usando la lamiera da quattro millimetri.

Dice Cartone: “Il ferro è una materia viva, un conduttore di calore, attraverso di esso riesco a trasmettere le mie emozioni. Così la forma prende corpo e trasmette a sua volta emozione. E’ allora che il ferro mi risponde. Per realizzare Jeshua è stato necessario un anno di tempo sottratto ai dopocena e alla notti”.

L’opera sarĂ  visitabile ogni giorno secondo il consueto orario di apertura che la signora Fiorella garantisce da anni al pari della cura dell’oratorio. L’opera rimarrĂ  in San Rocco per tutto il periodo quaresimale e pasquale, fino a domenica 3 aprile.

No comments

Vacanze di Natale a Firenze e il Festival delle Luci

Festival delle Luci a FirenzeChissà quanti di voi hanno deciso di passare qualche giorno a Firenze per le vacanze di Natale? Per me siete davvero tanti! Quindi non starò a parlarvi di cene, pranzi e cosa fare a Capodanno, visto che ha fatto un bellissimo post la mia amica Elena, con tutti i consigli per le vacanze di Natale a Firenze.

Vi voglio far conoscere questa bella installazione artistica a Ponte Vecchio! Il ponte piĂą famoso e romantico del mondo, cambia faccia con le luci d’artista! Il F-Lights il festival delle luci sui monumenti fiorentini tutti i giorni dalle 18.30 alle 24.

Avete tempo fino a domenica 27 dicembre per vedere questa meraviglia: sulla facciata di Pontevecchio, vengono proiettate sculture classiche, quadri di Raffaello, Leonardo, Van Gogh, Hokusai, Degas, Monet, Picasso, Mirò, Schiele, Magritte, Frida Khalo, Magritte, Mondian, Roy Lichtenstein, Andy Wharol, Keith Harig.

Florence FLight Festival a FirenzeE in altre parti della città, potete assistere ad altri monumenti illuminati, come la Facciata di Santo Spirito, tutti i giorni, dalle 18 alle 2 di notte. L’ispirazione è quella dei quattro elementi (acqua, aria, terra, fuoco).

Pavimentazione di Piazza Pitti, tutti i giorni, dalle 19 alle 24. Il tema è quello della bellezza della materia, sotto forma di una realtà vista al microscopio che culmina in una specie di danza delle cellule.

Piazza San Firenze,  dalle 18 alle 24, sulla facciata dell’ex-tribunale scorrono le immagini della magia  della natura.

Convento di San Paolino/ via Palazzuolo, dalle 18.30 alle 24 Dal futurismo ai nostri giorni: proiezioni e visioni di opere dei maggiori artisti contemporanei.

Buon Santo Stefano a tutti, e godetevi al massimo questa bellissima cittĂ !

No comments

La Misericordia, il camposanto monumentale di Siena

siena camposanto monumentale della misericordiaCamposanto, ricco di storie, di creature volate in cielo delle quali non bisogna avere paura, ma rispetto. Il camposanto monumentale della città di Siena, La Misericordia, è anche un museo a cielo aperto, dove grandi artisti come Tito Sarrocchi, Giovanni Dupré e Alessandro Franchi, hanno lasciato la loro impronta.

Sculture e affreschi da ammirare,come il Tobia, la Pietà, antiche lapidi da consultare, senza paura, ma con rispetto e anche curiosità per un linguaggio ormai dimenticato. Soffermarsi sui tanti angeli in volo tra i corridoi a mattoni, scendere nelle catacombe senza timore. Ascoltare il vento che porta messaggi, pregare, soltanto osservare  e cercare di capire.

Non ho mai avuto paura dei cimiteri, me lo ha insegnato il mio babbo: bisogna avere paura dei vivi e non dei morti. Qui si cammina nel tempo tra sguardi e storie. Non regna il terrore, ma la pace e la voglia di sapere di questi inquilini particolari che vi accompagnano tra corridoi e quadri verdi. Se proprio devo trovare una cosa triste, sono i fiori finti…meglio portare un mazzo di ortensie e farle seccare all’aria, fanno piĂą allegria.

Una visita inedita di una Siena, ricca di tesori. perché questa città ha tante cose da far vedere e da raccontare. Dalle fonti storiche, ai bottini, ai vicoli semisconosciuti. Arte a cielo aperto che non stanca mai. Provare per credere, ci sono milioni di cose da fare in questa città.

No comments

L’arte del Gyotaku vista da Eduard Pages

la tecnica giapponese del gyotaku

Cosa è il Gyotaku? Me lo sono chiesta qualche tempo fa al mercato del pesce di Genova guardando l’artista spagnolo Eduard Pages mentre disegnava pesci in modo del tutto particolare.

Nella lingua giapponese “Gyotaku” significa impronta di pesce, da gyo “pesce” e taku” sfregamento” ed è nato nel 1600 per rendere omaggio alla generositĂ  del mare e si narra  che anche i samurai praticavano questa tecnica che gli serviva come esercizio di meditazione e autocontrollo.

E come si fa? L’antica tecnica permette di rilevare l’impronta di un pesce  su carta di riso e imprigionarne lo spirito e la fierezza. Si prende un pesce, si stende su un piano, poi si dipinge con il nero di seppia, e a quel punto si prende un foglio di carta di riso e si appoggia sopra. Da li in poi, saranno le nostre mani con piccole pressioni a ricavarne la forma perfetta del pesce.

Eduard Pages e Victoria Rabal Gyotaku

 

Attraverso l’esecuzione dei Gyotaku si riesce a cogliere l’essenza e la bellezza delle creature acquatiche e s’impara a modulare la pressione delle  mani nell’eseguire l’impronta del pesce sulla carta di riso. Un modo diverso per imparare l‘anatomia dei pesci.

No comments

Perché andare a Flora Firenze? Perché è arte, non solo una mostra di fiori

giardino di stile francese Monet

Volete vedere non solo una semplice mostra di fiori, ma delle installazioni artistiche con fiori e piante? Allora ho quello che fa per voi! Flora Firenze, trasforma dal 30 aprile all’ 11 maggio, Firenze nella capitale del giardino mondiale al Parco delle Cascine. Un evento pari nel suo genere solo all’Euroflora di Genova.

Saranno realizzate ambientazioni desertiche, boschive, l’ambiente di lago, il campo da golf. E non mancheranno i convegni: sil giorno 8 maggio, l’Accademia dei Georgofili organizza il convegno “BiodiversitĂ  e diversitĂ  di forme”, ovvero il nuovo progetto del verde nelle cittĂ . La competizione italiana della “Federfiori”, la coppa dei campioni del fioraio piĂą bravo e artistico prenderĂ  vita durante il ponte del primo maggio con le prove, decorazione della tavola, composizioni a tema e bouquet.

peschi fioritura meravigliosa

 

E ancora la “Land Art”, ovvero l’arte della terra, il torneo di golf, e sabato 9 maggio ci sarĂ  la presentazione del giardino italiano e addirittura come fare un biolago.

L’orario è da giovedì 30 Aprile a Lunedì 11 Maggio dalle ore 8.30 alle ore 21.00 (ultimo ingresso ore 18.30) giorni feriali e dalle ore 8.30 alle ore 23.00 nei giorni festivi e prefestivi, ultimo ingresso ore 18.30

IL BIGLIETTO COSTA 20 EURO, gratutito per bambini sotto i 5 anni, e ci sono tanti sconti. Per maggiori informazioni leggete qui’.

No comments

Scoprire Siena tra botteghe e vecchie insegne

le-insegne-più-vecchie-di-SienaInsegne e botteghe antiche a Siena? Quante ce ne sono che non conosciamo. Lo sapete dove è uno dei dentisti più vecchi della città? E dove era la fabbrica del panforte del Parenti?

Sabato 7 febbraio, nel pomeriggio non prendete impegni, se vi piacciono le botteghe antiche, gli arredi d’epoca, i mestieri scomparsi e gli artigiani, c’è questa bella visita in cittĂ .

Il ritrovo è alle 15.00 in piazza Salimbeni ( dove c’è la sede del Monte dei Paschi, per i forestieri), e il costo è di 6 euro a persona. Le guide turistiche autorizzate, vi porteranno alla scoperta di queste meraviglie.

Per informazioni e prenotazioni tel 0577 43273

No comments

L’arte contemporanea alle Serre Torrigiani di Firenze

Oggi vi voglio parlare di un posto davvero meraviglioso, le Serre del Giardino Torrigiani di Firenze, che ho avuto modo di vedere insieme alla mia amica Antonietta. E’ un luogo davvero speciale, che si presta a tante cose, e ci sono delle piante bellissime.

E se al giardino ci vengono accostate le opere d’arte cosa ne viene fuori? Ecco in arrivo “Prospettive Contemporanee” organizzato da Associazione “Per Boboli” e Florence Biennale con l’obiettivo di creare un momento di confronto e dibattito sul tema dell’Arte Contemporanea.

L’appuntamento è per sabato 24 gennaio 2014 alle h.16.30 presso i suggestivi spazi di Serre Torrigiani (via Gusciana, 21 – Firenze. Ingresso dal parcheggio di Piazza della Calza o Piazza Tasso) e, in forma di conversazione, verterĂ  sul tema dell’interazione tra arte contemporanea e giardini storici.

Intervengono:

Dott.ssa Alessandra Griffo, Direttrice Giardino di Boboli

Arch. Mauro Linari, Direttore Ufficio Parchi e Giardini del Polo Museale Fiorentino

Dott.ssa Miranda Mc Phail, curatrice di arte contemporanea

Gidon Graetz, artista, scultore

Introducono:

Jacopo Celona, Direttore Florence Biennale

Eleonora Pecchioli, Presidente Associazione “Per Boboli”

Simone Bellocci, AD Serre Torrigiani

Vanni Torrigiani Malaspina, Serre Torrigiani

Vittoria Gondi, Presidente Garden Club Firenze – AGI (Associazione Giardini Italiani)

Niccolò Rosselli Del Turco, Presidente Associazione Dimore Storiche Italiane – Sez.Toscana

L’incontro è gratuito e aperto al pubblico.

www.associazioneperboboli.com

No comments

Pagina successiva »