Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Sangiovese Purosangue a Siena: il vino fatto ad arte

novembre 05th, 2016 | Category: Evento Di Vino

Evento di vino a Siena

Non prendete impegni, voi tutti appassionati di vino e in particolare di Sangiovese, perchè dal 10 al 13 novembre, Siena ne diventa la capitale.

Torna Sangiovese Purosangue a Siena, evento ideato ed organizzato dall’Associazione EnoClub Siena, nato per rendere omaggio ad uno dei vitigni più storici ed importanti del Bel Paese. Il quartier generale di questa edizione sarà la  Fortezza Medicea di Siena e vedrà come suoi luoghi fulcro i due bastioni dell’Enoteca Italiana di Siena dove si alterneranno incontri, dibattiti e degustazioni alla presenza dei vignaioli.

 Sangiovese Purosangue, da diversi anni, si sta impegnando per portare a compimento un progetto di valorizzazione del vitigno partendo dal nucleo del Sangiovese toscano attraverso indagini e confronti con le altre zone vinicole italiane: Romagna in primis, ma anche Umbria, Lazio, con le rispettive sottozone e cru.

programma di Sangiovese Purosangue a Siena

Giovedì 10 novembre

 Un’intera giornata dedicata agli assaggi nella Sala Esposizione dell’Enoteca Italiana, con i soli giornalisti presenti, con servizio sommelier senza produttori e una lista di circa 300 vini. In questa occasione i produttori proporranno, oltre ai vini recenti e alcune vecchie annate, i Sangiovese dell’annata 2006, in occasione del decennale della vendemmia.
 Per accrediti: enoclubsiena@gmail.com

 

 

tutte le annate del Brunello di Biondi Santi in degustazione a Siena

Da non perdere, domenica 13 novembre la verticale,  di 16 annate di Brunello di Montalcino Biondi Santi. L’appuntamento si terrà nella sala eventi della Società Romolo e Remo, Contrada della Lupa. (costo euro 350, riservato ai soci Enoclub) 1982 – 1987 – 1988 – 1993 -1997 – 1998 – 1999 – 2001 – 2004 – 2005 – 2006 – 2007 – 2008 – 2009 – 2010- 2011 Condotta e animata da Davide Bonucci e Carlo Macchi

Il vino più importante del mondoSabato 12 novembre
La giornata più dinamica e variata. Per la mattina la sede dell’evento si sposta in piazza della Stazione nell’aula magna dell’Università per Stranieri per la conferenza scientifico/universitaria “Accademia del Sangiovese”. 

RELATORI DELLA CONFERENZA

– Saluto del Rettore dell’Università per Stranieri di Siena, Prof. Pietro Cataldi

– Massimo Vedovelli – Professore Ordinario Università per Stranieri di Siena
“Il Sangiovese: natura, cultura, comunicazione”

– Adriano Zago – Agronomo ed enologo, consuente in agricoltura biodinamica
“L’approccio dell’agricoltura biodinamica in vigneto e in cantina come strumento pratico nel percorso della qualità del Sangiovese”

– Ruggero Mazzilli – Agronomo
“Sangiovese, eccellenza dei biodistretti toscani”

– Claudio D’Onofrio – Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali, Università di Pisa
“Utilizzo di elicitori naturali per stimolare la produzione degli aromi nelle uve di Sangiovese”

– Paolo Storchi – Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’economia agraria Unità di Ricerca per la Viticoltura di Arezzo
“Caratterizzazione e comportamento produttivo dei cloni di Sangiovese”

– Pietro Tonutti – Istituto di Scienze della Vita, Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa
“Epoca di raccolta e gestione delle uve Sangiovese in pre-vinificazione: effetti sulla composizione e qualità del vino”

– Fabio Mencarelli – Professore Ordinario Università della Tuscia, Dir. Dipartimento di Innovazione dei Sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali
“Sensoristica per ottimizzare qualitativamente la raccolta del Sangiovese”

– Gianpaolo Andrich – Professore Ordinario Università di Pisa, Dipartimento Scienze Agrarie, Alimentari e agro-alimentari
“La cinetica dell’estrazione dei componenti fenolici nel corso della macerazione di uve Sangiovese”

– Giacomo Buscioni – Agronomo resp. settore microbiologia enologica FoodMicro Team, spin off accademico UniFI
“La fermentazione alcolica spontanea: una scelta che fa la differenza”

– Tommaso Marrocchesi Marzi – Tenuta di Bibbiano, Castellina in Chianti
“La diversità zonale del Chianti Classico come chiave di lettura del territorio e delle sue produzioni”

– Michele Satta – Produttore di Sangiovese a Bolgheri
“Sangiovese nella terra dei bordolesi: sintesi dell’esperienza di vigna e mercato”

Sabato 12 Novembre – Enoteca Italiana

16.00-19.30 Banchi di assaggio con i produttori – Enoteca Italiana

17.00-19.00 Verticale Nobile di Montepulciano Il Nocio Boscarelli, 2001-2011 (a pagamento)

verticale-chateau-yquem

Venerdì 11 Novembre – Ristorante Gli Orti di San Domenico – Viale Curtatone 15
20.30 Cena con verticale Chateau d’Yquem 1966 – 1971 – 1976 – 1990. Condotta da Christian Roger (a pagamento)

il marroneto a Sangiovese Purosangue a Siena

Venerdì 11 novembre
Nella sala conferenza del bastione San Filippo in Fortezza Medicea-Enoteca Italiana si svolgerà un convegno di aggiornamento con interventi tecnici riservato agli operatori del settore/aziende vitivinicole, a cura di Sistemi ICT. Al pomeriggio inizierà l’attività al pubblico ai banchi di assaggio. I produttori saranno disposti secondo le zone di provenienza, in modo da comunicare coerenza nell’esposizione dei territori. E’ previsto un ulteriore prestigioso momento di approfondimento con la verticale di Brunello di Montalcino di Il Marroneto.

Venerdì 11 Novembre – Enoteca Italiana

10.30 – 13.30 Conferenza con interventi tecnici riservata agli operatori del settore/aziende vitivinicole, a cura di Sistemi IT

15.30 – 19.00 Banchi di assaggio con i produttori
16.30 – 19.30 Verticale Brunello di Montalcino Il Marroneto, 16 annate, 1980-2012 (su prenotazione)

Ed ecco le aziende vinicole partecipanti al’evento:


TOSCANA

CHIANTI CLASSICO
SAN CASCIANO VAL DI PESA
Cigliano
La Bruscola

MONTEFIORALLE – GREVE IN CHIANTI
Villa Calcinaia

LAMOLE – GREVE IN CHIANTI
I Fabbri
Podere Castellinuzza

PANZANO
Fontodi
Il Palagio

VAL D’ELSA
Castello di Monsanto
Ormanni
Quercia al Poggio

RADDA IN CHIANTI
Barlettaio
Castello di Radda
Colle Bereto
Erta di Radda
Fattoria Vignavecchia
Istine
Montemaggio
Monterinaldi
Montevertine
Poggerino
Val Delle Corti

MONTI IN CHIANTI – GAIOLE IN CHIANTI
Badia a Coltibuono

GAIOLE IN CHANTI ALTA
Monterotondo
Riecine

CASTELLINA IN CHIANTI
Bibbiano
Bucciarelli – Antico Podere Casanova
Casale dello Sparviero
Pomona
Tregole

CASTELNUOVO BERARDENGA
Bindi Sergardi
Castello di Selvole
Fattoria di Corsignano
Felsina
La Lama
Lecci e Brocchi
Losi Querciavalle
Miscianello
Pacina
Podere Le Trosce
Podere Scheggiolla
Poggio Bonelli
Tolaini
Forgiardita

MONTALCINO
Baricci
Castello di Velona
Castello Tricerchi
Col d’Orcia
Corte dei Venti
Fattoria dei Barbi
Fattoria del Pino
Il Marroneto
La Fornace
Le Chiuse
Le Macioche
Le Ragnaie
Pietroso
Piombaia
Salvioni
Sanlorenzo
Sesti
Tenuta di Sesta
Terre Nere
Tiezzi
Tornesi
Ventolaio

BOLGHERI
Michele Satta

CASALE MARITTIMO
Pagani De Marchi

TERRICCIOLA
Badia di Morrona
Fattoria Fibbiano
Pieve De’ Pitti

VOLTERRA
Podere Il Mulinaccio
Podere Marcampo
Rifugio dei Sogni
Tenuta MonteRosola
Terre De’ Pepi

POMARANCE
Statiano

SAN MINIATO
Pietro Beconcini

CERRETO GUIDI
Montellori

VINCI
Dianella

GAMBASSI TERME
Il Leccione

CERTALDO
Il Casale di Giglioli

CASOLE D’ELSA
Camporignano

CARMIGNANO
Fattoria Ambra

FIESOLE
Poggio La Noce

RUFINA
Selvapiana

CASTEL FOCOGNANO – CASENTINO
Ornina

CASTIGLION FIBOCCHI
Tenuta Sette Ponti

SAN GIMIGNANO
Il Colombaio di Santa Chiara
La Castellaccia
Le Volute

MURLO
Arizzi Wine

MONTE ANTICO
Begnardi

VAL D’ORCIA
Capitoni
Poggio Grande

MONTEPULCIANO
Boscarelli
Il Molinaccio
Gracciano della Seta

CHIUSI
Colle Santa Mustiola

SARTEANO
Palazzo di Piero

AMIATA
Castello di Potentino

GAVORRANO
Tenuta Casteani

MANCIANO
Antonio Camillo

MONTIANO
Montecivoli

SCANSANO
Val di Toro

PITIGLIANO
Poggio Concezione

ROMAGNA
ORIOLO
Ancarani
Cantina San Biagio Vecchio

MARZENO
Ca’ di Sopra

SAN VICINIO
Cantine Braschi

PREDAPPIO
Conde’
Noelia Ricci
Fattoria Nicolucci
Piccolo Brunelli
Azienda Agricola La Fornace
Rocca Le Caminate
Sabbatani Vini di Cuore
Cantina Sociale Cooperativa Forlì Predappio
Zanetti Protonotari Campi
Stefano Berti

SERRA
Costa Archi

CASTROCARO
Marta Valpiani

UMBRIA
TORGIANO
Terre Margaritelli

AZIENDE OSPITI
Champagne Tribaut-Schloesser
Coste Ghirlanda – Pantelleria

GASTRONOMIA
Birra Perugia
Casa Porciatti (giovedì 10)
Formaggi Fratelli Carai – Volterra
Forno Ravacciano – Siena
Il Cipressino – Montalcino (venerdì 11)
Macelleria Rapaccini – Siena (venerdì 11)
Torta Pistocchi – Firenze

 

Per maggiori info: Davide Bonucci – 3285436775 – enoclubsiena@gmail.com

www.sangiovesepurosangue.com

No comments

Giallo a Montevertine: Ambra Dolce di Andrea Gigliotti

libro ambientato a Montevertine con vino Pergole Torte

Ambra Dolce è un libro che ho veramente divorato e letto a tempo di record. Ve ne parlo ora perchè è un momento speciale, è il momento della vendemmia. Pensate che sia un nome di un vino passito? Sbagliato! Ambra Dolce è un romanzo, anzi un romanzo giallo chiaro per la precisione, scritto da Andrea Gigliotti, il cantiniere dell’azienda Montevertine a Radda in Chianti.

Andrea Gigliotti scrittore e cantiniere di Montevertine

La particolarità di questo giallo, ambientato proprio nel tempo di vendemmia chiantigiano, ha proprio tutte le caratteristiche che si rispettino: il morto, i sospettati, la ricerca dell’assassino, le prove. Vi state chiedendo quale è la particolarità? I personaggi del libro sono tutti, ma proprio tutti quelli che lavorano a Montevertine, dal proprietario alla cuoca! E’ stato davvero divertente leggere queste pagine e dargli un volto vero ai protagonisti, perchè conoscendoli tutti e conoscendo l’azienda, è stato proprio come farne davvero parte, mentre leggevo la storia.

magazzino del vino Pergole Tortee

Martino Manetti, il Boss, ha ripreso la tradizione di famiglia, che oltre a fare vino, stampa libri propri con le Edizioni di Montevertine, e non poteva che “riprincipiare” giocando in casa, con l’abile penna di Andrea Gigliotti, il cantiniere.

Lo staffa della cantina di Montevertine

Chi è Andrea Gigliotti? Un cantiniere-sognatore, con l’abilità di catturare tutti i particolari delle cose che lo circondano e trasferirle su carta. Appassionato di giardini, natura e archeologia, ha messo in queste pagine tutta la sua conoscenza e la passione per le cose che ama, e l’abilità del cantiniere.

etichette vino Pergole Torte

Ottobre è il momento giusto per leggere Ambra Dolce, perchè vedrete come nel Chianti, la vigna cambia colore, come si respira l’odore di vinaccia, sentirete il bollire dei tini, insomma vi verrà normale tuffarvi dentro il libro ed esserne protagonisti anche voi.

nomi e cognomi del libro Ambra Dolce di Montevertine

Se siete curiosi di scoprire di più sul libro,  sabato 15 ottobre a Montecatini Terme, durante la presentazione della guida di Slow Wine, potrete far domande su questo giallo, visto che Montevertine ha ottenuto la prestigiosa chiocciola nella guida enoica, e sarà presente alla degustazione.

Per maggiori informazioni sul libro info@montevertine.it

Andrea Gigliotti, Ambra Dolce, romanzo giallo chiaro. Le Edizioni di Montevertine, pp 299, 18 €

A Radda in Chianti, lo trovate anche alla Bottega di Giovannino

No comments

Al Castello di Spaltenna, Guarino e Bardotti incantano gli ospiti

settembre 12th, 2016 | Category: Recensioni di Ristoranti, Osterie & Trattorie

Il ristorante il Pievano a Gaiole

Sere d’estate non dimenticate, dove gira nell’aria un feeling tra cibo e stelle. Siamo al Castello di Spaltenna, uno dei primi hotel con ristorante di livello nati nel Chianti, dove è partito il progetto “Dining With The Star” capitanato dallo chef padrone di casa Vincenzo Guarino, insieme a tanti chef stellati.

Questo è un ricordo di alcuni giorni fa, a Gaiole in Chianti, dove una sera si gongola e non di lune piene, ma di cene a quattro mani, in quanto il chiostro del ristorante Il Pievano, era stato arricchito di belle scene, cucinate da Guarino insieme a Maurizio Bardotti, lo chef stellato del ristorante il Colombaio di Casole d’Elsa.

romantic restaurant in Tuscany

Grilli e cicale in sottofondo, i vini della famiglia Cecchi ad accompagnare una cena romantica, ma decisa, dove si incontrano nord, sud e la Toscana, il tutto in un percorso sinuoso, morbido, senza curve a gomito di sapori, anzi un menu vincente, dove ogni portata ha raccontato una sensazione.

ricette di Maurizio Bardotti Il Colombaio di Casole

Triglia di scoglio, con pomodorini affumicati, crema d’aglio e anguria, a leggerli sembrerebbero un azzardo, invece Bardotti, parte con delicatezza, scalando la marcia per approfondire meglio le mezzelune di coniglio, con peperone, vaniglia, bufala e colatura d’alici.

Un’anteprima d’autunno negli gnocchi di patate e ricotta di Guarino, corredati da spuma di provola affumicata, polpettine di vitello e funghi porcini. Dicevano del nord, infatti arriva in tavola il merluzzo nero, ma l’illusione nordica dura poco, ci sono zucchine in tante varianti ad accompagnare, specialmente quelle in “scapece“, più sudiste di loro non ce n’è.

Ristorante romantico in Toscana

Poi arriva lui, lo zuccotto di Guarino, che io spero tanto metta nella carta de Il Pievano, sublime, eccentrico, lascia senza parole. Non vi svelo di più, lo dovete assaggiare.

Vincenzo Guarino e il dolce dello zuccotto

Ma non finisce quì, a cucinare le prossime cene a quattro mani,  insieme a Vincenzo Guarino ci saranno:

Il 18 settembre ANDREA RIBALDONE Ristorante Due Buoi di Alessandria.

Il 10 ottobre NINO DI COSTANZO Ristorante Dani Maison di Ischia.

Per finire il 27 ottobre con un CLOSER DINNER d’eccezione, protagonisti 11 grandi Chef:

Ristorante IL Piccolo Principe, Viareggio ** Chef Giuseppe Mancini.

Ristorante IL Pellicano, Porto Ercole * Chef Sebastiano Lombardi

  • Ristorante Felix Lo Basso, Milano * Chef Felice Lo Basso

  • Ristorante Butterfly, Lucca *Chef Fabrizio Girasole

  • Ristorante  Palazzo Petrucci, Napoli *Chef Lino Scarallo

  • Ristorante Marennà, Sorbo Serpico *Chef Paolo Barrale

  • Ristorante Indaco, Lacco Ameno Ischia *ChefPasquale Palamaro

  • Ristorante Il Comandante, Napoli * Chef Salvatore Bianco

  • Ristorante Le Trabe, Paestum * Chef Giuseppe Stanzione

  • Ristorante Mammà, Capri * Chef Salvatore La Ragione

  • Ristorante Il Pievano, Gaiole in Chianti * Chef Vincenzo Guarino

  • Ristorante Da Caino, Montemerano **, Chef Valeria Piccini

Per informazioni e prenotazioni

Castello di Spaltenna

www.spaltenna.it

info@spaltenna.it

No comments

Campo estivo per bambini al Museo, prima di tornare a scuola

campo estivo per bambini

Le vacanze sono finite, voi genitori state per tornare a lavoro, e il rientro a scuola dei vostri bambini è ancora lontano…Quindi cosa fargli fare, in questi giorni di fine estate? Avete mai pensato a un bel “campo estivo” al Museo?

Al Museo Archeologico del Chianti Senese di Castellina in Chianti (Siena), hanno pensato di far scoprire l’arte ai bambini con un campo estivo davvero divertente: il Campus al museo per bambini tra 6 e 12 anni. Il Campus si terrà dal 29 agosto al 2 settembre e dal 5 al 9 settembre e le attività si svolgeranno nella mattinata dalle ore 8.30 alle 13.30.

Due settimane dedicate alla scoperta e alla sperimentazione delle tecniche e del “saper fare” degli antichi popoli del Mediterraneo, fra arti e artigianato: verranno fatti  laboratori pratici, escursioni, giochi e letture animate. Parole d’ordine: sperimentazione e interattività!

campo estivo per bambini prima di tornare a scuola

Tra le attività, ‘Gli abilissimi orefici etruschi’, ‘Punzoni, lamine e bulini: il mestiere del metallurgo’, ‘L’atelier del ceramista’, ‘In scena con le maschere del teatro antico’… Ogni laboratorio prevede la realizzazione di uno o più oggetti da parte dei ragazzi.

Costi e riduzioni:

È possibile iscriversi all’intero campus o a singole giornate

Giornata singola: 30 euro;

1 settimana: 100 euro; 2 settimane: 180 euro

2°  Fratello/sorella – 1 settimana: 90 euro; 2 settimane: 160 euro

Sconto del 10% per soci coop che presentano la tessera socio.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA   entro il mercoledì che precede l’inizio del modulo settimanale (24 agosto per la prima settimana, 31 agosto per la seconda.

Campi estivi a Castellina in Chianti

Per informazioni e prenotazioni

Museo Archeologico del Chianti Senese
Piazza del Comune 17/18
53011 Castellina in Chianti (SI)
Tel: 0577/742090 Fax: 0577/741388
Mail: info@museoarcheologicochianti.it
www.museoarcheologicochianti.it

No comments

Calici di Stelle a Siena, Castelnuovo Berardenga e alla Fattoria dei Barbi a Montalcino

Calici di Stelle a Palazzo Sansedoni

La notte di San Lorenzo, il 10 agosto, è per tradizione la notte delle stelle cadenti, e la notte dedicata a Calici di Stelle: per fortuna riguardo a Calici di Stelle, le date sono aumentate, per permettere a tutti, di visitare più paesi, e più tipologie di vino, quindi avete tempo fino a domenica 14 agosto per poter degustare i migliori vini italiani. Il programma completo con tutte le date, lo trovate quì, mentre io vi segnalo tre eventi tra Siena e provincia:

Siena, mercoledì 10 agosto: per Calici di Stelle, l’appuntamento a Palazzo Pubblico è per le 21, orario in cui apriranno le biglietterie (chiusura alle 23.15) per il Museo Civico, i Magazzini del Sale e la Torre del Mangia. Nella Loggia dei Nove, fino alla mezzanotte, si terranno la degustazione di vini curata da Enoteca Italiana e l’osservazione guidata del cielo e delle stelle con i volontari dell’Unione Astrofili Senesi; i Magazzini del Sale ospiteranno, invece, i vini partecipanti al concorso enologico internazionale delle Città del Vino “La Selezione del Sindaco”, condotto dalla delegazione della Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori Siena-Valdelsa e dall’Associazione Italiana Sommelier di Siena. La degustazione sarà accompagnata con la musica del gruppo “Siena Jazz University Quartet” . Il costo dei biglietti è di 6 euro per il Museo Civico e i Magazzini del Sale, con degustazione, e di 10 euro per la Torre del Mangia.

Mentre a Palazzo Sansedoni, dalle 20.30 alle 24, al piano nobile, oltre alla degustazione dei vini,  sarà possibile ammirare alcuni tra i pezzi più pregiati della collezione di opere d’arte della Fondazione Monte dei Paschi di Siena. Ingresso con degustazione di vini, a cura di Enoclub Siena, a 6 euro.

 

calici-di-stelle-in provincia-di-Siena.jpg

Castelnuovo Berardenga, giovedì 11 agosto e venerdì 12 agosto: a Castelnuovo Berardenga quest’anno hanno fatto grandi cose, addirittura ben due date, legate al Calici di Stelle e questo è un bel segno, grazie anche alla collaborazione tra persone.

Si comincia giovedì 11 agosto, alle ore 20 in Piazza Marconi, dove il Comitato Associazioni in Festa, in collaborazione con Slow Food Siena, e i ristoratori di Castelnuovo e i produttori dell’Associazione Viticoltori Chianti Classico Berardenga, proporranno ‘A cena in Terra Berardinga’, per gustare sotto le stelle piatti tipici abbinati a vini di eccellenza di produzione locale.

La cena sarà preceduta, alle ore 19 presso l’Auditorium di Villa Chigi, dall’inaugurazione della mostra ‘Uomini di razza’, che raccoglie sculture contro il razzismo realizzate da dodici artisti dell’associazione Gruppo degli Estrosi.

Venerdì 12 agosto, a partire dalle ore 19, sarà la volta di ‘Calici di Stelle nel borgo’, con degustazione  di vini e prodotti tipici messi a disposizione dalle aziende agricole e vitivinicole castelnovine. La serata sarà accompagnata da musica, spettacoli, arte e dalla possibilità, grazie all’Unione Astrofili Senesi di osservare le stelle nel parco di Villa Chigi.

Per prenotare è possibile contattare l’ufficio turistico di Castelnuovo Berardenga al numero 0577-351337 oppure all’indirizzo e-mail ufficio.turistico@comune.castelnuovo.si.it  o chiamando il numero 348 7400653.

Calici di stelle a Montalcino

Fattoria dei Barbi a Montalcino, venerdì 12 agosto: direttamente in fattoria, dalle 17.00, Stefano Cinelli Colombini, vi condurrà  personalmente per una visita alla sua Cantina e al Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello, quindi la  serata al fresco della Fattoria Dei Barbi proseguirà tra assaggi di vino con aperitivo al tramonto, la cena a base di prodotti del territorio e imparando a riconoscere stelle e costellazioni.

La formula ̬ semplice: si partecipa su prenotazione Рscrivendo a info@fattoriadeibarbi.it o tel. +39 0577 841111
Costo: 35 euro, cena inclusa.

No comments

Aperitivo e cena con vista dalla Torre del Chianti

aperitivo e cena con vista in Toscana

Quando la fantasia oltrepassa la realtà, per fortuna si va incontro a idee belle e buone. E’ il caso della Torre del Chianti a San Casciano Val di Pesa (Firenze), che dopo un restauro, oltre a fare da cisterna dell’acqua per il paese, ha una nuova funzione estiva. Avete mai pensato ad un aperitivo o a una cena con vista da lassù? No? Ebbene aprite gli occhi e le orecchie, che finalmente c’è qualcosa di nuovo per passare una serata diversa.

gin tonic rosè per aperitivo

Ci ha pensato lo staff del ristorante La Tenda Rossa di Cerbaia, a portare una ventata di novità per l’estate, con l’aperitivo con vista e la cena al sacco.

la cena al sacco preparata da Maria Probst de La Tenda Rossa

Si può semplicemente prendere un Gin Tonic Rosè accompagnato dai bocconcini salati al tartufo del Savini per 10€, oppure fare un aperitivo più di sostanza, un “Effervescente”, dove con 20€ avete un Club Sandwich di salmone accompagnarlo da un calice di Ferrari Perlè, oppure la macedonia di pecorini “Classico Chianti” abbinati al vino del Podere La Cappella, mentre la Lussuria vi costa 25€, ma avete la terrina di fegato grasso e fragole insieme al RefiePetit Mantenga.

Desiderate un Toscano Originale? Et voilá, cassatina di gelato Dai Dai al cantuccio di Prato, grappa Solera Segnana e sigaro toscano originale vi accompagneranno fino al dopocena.

Natascia santandrea de La Tenda Rossa

Inoltre si può creare o inventare un evento, su prenotazione ordinare un plateau di ostriche, comprare una delle bottiglie di vino proposte per gli aperitivi,  e per i bambini c’è l’originale spremuta di cocomero.

E la cena al sacco? Dalle mani di Maria Prosbt escono caramelle di salmone e ginger, il profumatissimo spaghetto con cozze, lime e bottarga, servito in originali barattoli di vetro, il curioso spiedino con quaglia e verdure e per finire il wafer di cioccolato piccante. Un cestino di bontà a 50€.

Natascia santandrea, Maria Probst e Barbara Salcuni

Dalla vulcanica Natascia Santandrea, insieme a Barbara e Cristiana Salcuni, Maria Probst e tutta La Tenda Rossa, non ci possiamo che rallegrare la vista e il palato. Bravi!

L’aperitivo comincia alle ore 19 , si trasforma in un dopocena per sorseggiare un drink fino a mezzanotte, mentre la cena al sacco comincia alle 21. Ma attenzione, c’è solo il martedì, giovedì e venerdì e inoltre segnatevi la cena speciale con fuochi d’artificio il 13 agosto.

Cena con vista sulla Toscana.jpg

Data la piccola capacità di posti in cima alla torre è bene sempre prenotare. L’orario migliore? Non c’è, perché colori, luci, tramonto e atmosfera sta a noi percepirli. L’unica cosa che vi suggerisco è quella di guardare il panorama con attenzione, che spazia da Firenze al Chianti e oltre…

Un faro nella notte

La prenotazione è obbligatoria tramite mail a info@latendarossa.it oppure telefonando allo 055 826132 indicando il giorno numero di persone e orario e se per l’aperitivo o la cena e riceverete la conferma.

Seguite tutti gli aggiornamenti su FB

No comments

A Mocenni si vola: i 667 anni di Bindi Sergardi

luglio 05th, 2016 | Category: Evento Di Vino,Il mio Chianti....

Mocenni, vino nel Chianti Classico

A Mocenni si vola lo sapete? Lassù in cima al colle, oltrepassato Quercegrossa, e protetta dalla collina di Vagliagli, le vigne e la villa di Mocenni, finalmente sono tornate a nuova vita. Terra di Chianti Classico è questa, e quale occasione migliore per visitarla se non un compleanno? Fare e pensare come diceva il vecchio Candido, che da questo colle con vista su Siena, ha insegnato tutto quello che c’è da imparare a Nicolò Casini Bindi Sergardi, e lui successivamente ha insegnato alla figlia Alessandra cosa è l’amore per Mocenni.

Mocenni nel Chianti Classico

I 667 anni di Bindi Sergardi, non potevano che essere festeggiati in modo migliore, lassù, in cima al poggio, tanto amato da Nicolò.

Chi sono i proprietari di Mocenni

E a prendere il timone di questo importante impero, dopo tanti anni è tornata di nuovo una donna, Alessandra Casini Bindi Sergardi, determinata a produrre solo grandi vini nel suo cammino, e per ora sta riuscendo nell’impresa, e Mocenni non a caso, sarà il nuovo quartier generale.

Oltre alla Fattoria di Mocenni, immersa nel cuore del Chianti Classico, Bindi Sergardi conta su altre due tenute nella provincia di Siena: la Fattoria I Colli, sulla via Francigena, a Monteriggioni, località nota per la produzione di Chianti Colli Senesi, e la tenuta di Marcianella, a sud di Siena, nel comune di Chiusi, dove si produceva vino di qualità fin dai tempi degli Etruschi e che oggi regala diverse varietà di Chianti e Chianti Colli Senesi.

la festa d'estate di Bindi Sergardi a MocenniSarai contento Candido, ad osservare dal cielo, la tua cara Mocenni, tornata in piena produttività grazie a una giovane donna.

No comments

Vino: last minute nel Chianti tra Radda, Lamole e Castelnuovo Berardenga

Cosa fare il ponte del due giugno nel Chianti

Ammetto che sono un po’ latitante nel blog negli ultimi tempi, ma per me la primavera è motivo di tanto lavoro in giardino e sinceramente la sera sono cotta e non ce la faccio a scrivere, ma vi penso tanto cari lettori e in questi giorni cercherò di rimediare, perchè sono tante le cose che ho da raccontarvi. Parliamo di vino e di vignaioli oggi, perchè vi segnalo volentieri tre eventi nel Chianti che mi stanno a cuore.

Radda nel Bicchiere, I profumi di Lamole e CastelnoVino, sono tre manifestazioni nel Chianti di vino, dove la cosa fondamentale è che i vignaioli fanno gioco di squadra per far conoscere il territorio ed è questa è una bella cosa, anche perché ci stanno riuscendo. Se per il ponte del due giugno siete in Toscana e fate un salto nel Chianti, questi tre appuntamenti non perdeteveli.

Castelnovino i produttori

CastelnoVino a Castelnuovo Berardenga il 2 giugno: la quarta edizione di CastelnoVino, la rassegna territoriale dei produttori di vino della Berardenga sarà all’interno del parco della villa Chigi Saracini,  dalle ore 18, fino alla mezzanotte, quì trovate le aziende di vino presenti alla manifestazione.

Idee last minute nel Chianti per il ponte del due giugno

Radda nel Bicchiere il 4 e 5 giugno a Radda in Chianti:  è un’iniziativa della Proloco di Radda in Chianti con la quale tutto il paese si offre ai suoi visitatori ed enoturisti, per far scoprire i vini di questo splendido borgo chiantigiano, dove oltre venti produttori raddesi presenteranno le loro migliori etichette.

Questo il programma della due giorni:

Sabato 4 giugno 2016

Ore 10,30 | Presso la Sala del Podestà di Radda in Chianti – Radda incontra L’Etna

Analogie e differenze del rosso d’altura
Aziende dell’Etna presenti all’incontro: Passopisciaro, Graci, Giuseppe Russo, Aglaea.

Il Seminario sarà tenuto dal Wine Writer Giampaolo Gravina. L’ingresso è riservato ad un massimo di 40 persone per un costo d’ingresso di 25 Euro. (20,00 € per i soci Soci Enoclub Siena, AIS, FISAR, ONAV)

Per informazioni e prenotazioni: proradda@chiantinet.it – 0577738494

Ore 15,00 – 20,00 | Radda in Chianti – Apertura Radda nel Bicchiere 2016

Inaugurazione ufficiale di Radda nel Bicchiere 2016. Degustazioni dei migliori vini del territorio di Radda in Chianti in compagnia dei produttori vinicoli.

Bicchieri in vendita dalle 15.00 alle 19.00

Ore 16,30 | Sala del Podestà di Radda in Chianti – Radda in Nero

I vini di Radda in Chianti alla prova dei bicchieri neri, con qualche intruso

Il seminario pomeridiano sarà condotto da Davide Bonucci, Presidente Enoclub Siena. L’ingresso è riservato ad un massimo di 28 persone per un costo d’ingresso di 20 Euro. ( 15 Euro per Soci Enoclub Siena, AIS, FISAR, ONAV).

Per info e prenotazioni: proradda@chiantinet.it – 0577738494

Domenica 5 Giugno 2016

Ore 11,00 – 19,00 | Radda in Chianti

Apertura del secondo e ultimo giorno di Radda nel Bicchiere 2016. Anche oggi degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori locali.

Bicchieri in vendita dalle 11.00 alle 18.00

Ore 11:00 – 16:00 | Saletta della Misericordia

9° Degustazione alla cieca Radda nel Bicchiere.

Ore 18.00 | Piazza Francesco Ferrucci

Premiazione della 9° Degustazione alla cieca Radda nel Bicchiere.

I migliori vini del Chianti quali sono

I Profumi di Lamole il 4 e 5 giugno a Lamole (Greve in Chianti): una piccola comunità di vignaioli che da diversi anni fa conoscere il suo vino che è tra le colline più alte del territorio del Chianti Classico. Per chi volesse arrivare in tutta comodità, è prevista una navetta da Greve in Chianti, ogni 30 minuti, che farà la spola in orario 11-19.

Questo il programma de weekend:

4 GIUGNO

Ore 11.00

Apertura degli stand di degustazione dei Produttori Lamolesi.

STAND OSPITE: BancarelVINO di Mulazzo, un territorio di Vini della Provincia di Massa Carrara

Degustazione guidata presso il Salotto di Lamole con il sommelier Pietro Palma

Ore 15.00

INAUGURAZIONE e Taglio del nastro alla presenza del sindaco

LAMOLESE COCG 2016

Conferimento onorificenza a Pietro Palma

CERIMONA del IX Vino di Lamole 2016 e Brindisi

I produttori di Lamole uniscono i propri vini a formare simbolicamente un unico Nono vino di Lamole

Ore 19.00

APERITIVO inaugurale al tramonto lamolese

5 GIUGNO

Ore 11.00

Apertura degli stand di degustazione dei Produttori Lamolesi

Ore 12.00

STAND OSPITE: “BancarelVINO” di MULAZZO assaggio dei tradizionali Testaroli Lunigianesi

Ore 15.30

DEGUSTAZIONE GUIDATA PRESSO IL “SALOTTO DI LAMOLE”

“Lamole e gli altri territori del Chianti Classico: particolarità a confronto”con il Lamolese DOCG Davide Bonucci.

No comments

Pagina successiva »