Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Il Chianti Gourmet Festival a Vertine

giugno 23rd, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,EVENTI,Il mio Chianti....

Chianti Gourmet Festival

Vertine, a pochi km da Gaiole in Chianti, Domenica 24 Giugno ospita tra le vie del borgo il “Chianti Gourmet Festival“, un evento che porterà il grande pubblico nel Chianti, attraverso la scoperta di eccellenze legate alla ristorazione e all’enologia.

La manifestazione, nata dall’idea dello chef stellato Vincenzo Guarino del Castello di Spaltenna e da Augusto Bianciardi, Lorenzo Minucci e Antonio Carloni di Evorart, porta a Vertine chef stellati provenienti da tutta Italia, ai quali verranno affiancate le realtà più esclusive del territorio chiantigiano.

chef stellati nel Chianti

Dalle ore 11 alle ore 23, le vie di  Vertine ospiteranno un vero e proprio percorso enogastronomico, suddiviso in varie isole che  permetteranno di scoprire i piatti tipici della tradizione e le creazioni di grandi maestri in abbinamento ad alcuni dei vini più pregiati del Chianti Classico. Uno spazio sarà dedicato anche alla pizza, la birra artigianale e gli affettati di qualità.

Dove mangiare la domenica nel Chianti

Per assaggiare i vini e il cibo, si potranno acquistare dei tagliandi in vendita da 6 euro per il cibo e 3 euro per il vino. Ad arricchire la giornata, musica, giochi e anche un’area dedicata ai più piccoli.

chef Castello di Spaltenna, Gaiole in Chianti

Ma chi ci sarà a Vertine?

CHEF STELLATI

EMANUELE PETROSINO – I PORTICI, Bologna

FABRIZIO BORRACINO – IL POGGIO ROSSO, BORGO SAN FELICE, Castelnuovo Berardenga

GIOVANNI LUCA DI PIRRO- LA TORRE -CASTELLO DEL NERO, Tavarnelle Val di Pesa

GIUSEPPE AVERSA – IL BUCO, Sorrento

GIUSEPPE MANCINO – IL PICCOLO PRINCIPE, HOTEL IL PRINCIPE, Viareggio

LINO SCARALLO-PALAZZO PETRUCCI, Napoli

MAURIZIO BARDOTTI –AL 43, San Gimignano

NICOLA DAMIANI-OSTERIA DI BADIA PASSIGNANO, Badia a Passignano

ROCCO DE SANTIS – SANTA ELISABETTA, HOTEL BRUNELLESCHI, Firenze  

SILVIA BARACCHI -IL FALCONIERE, Cortona

VINCENZO GUARINO, IL PIEVANO, CASTELLO DI SPALTENNA, Gaiole in Chianti

Il nuovo locale di Giovanni Santarpia

PIZZAIOLI

GIOVANNI SANTARPIA, Pizzeria Santarpia, Firenze

MASSIMO GIOVANNINI, Pizzeria Apogeo, Pietrasanta

PIERLUIGI POLICE, Pizzeria Lo Scugnizzo, Arezzo

Tenuta-Perano-Frescobaldi.jpg

AZIENDE VINICOLE

BADIA COLTIBUONO, Gaiole in Chianti

BORGO CASA AL VENTO, Gaiole in Chianti

BORGO SAN FELICE, Castelnuovo Berardenga

CANTALICI, Gaiole in Chianti    

CAPANNELLE, Gaiole in Chianti

LAMOLE DI LAMOLE, Greve in Chianti

RICASOLI 1141, Gaiole in Chianti

ROCCA DI CASTAGNOLI, Gaiole in Chianti

SAN GIUSTO A RENTENNANO, Gaiole in Chianti

SAN VINCENTI,Gaiole in Chianti

TENUTA PERANO – FRESCOBALDI, Gaiole in Chianti

VALLEPICCIOLA, Castelnuovo Berardenga 

BIRRA ARTIGIANALE

BIRRIFICIO VALDARNO SUPERIORE, Pergine Valdarno

Vertine-Chianti-Gourmet-Festival.jpg

RISTORANTI DEL TERRITORIO

BADIA COLTIBUONO, Chef Roberto Nocentini, Gaiole in Chianti

CONTRADA – CASTEL MONASTERO, Chef Stylianos Sakalis, Castelnuovo Berardenga

FONTANELLE -LA COLONNA, Chef Daniele Cannella, Castelnuovo Berardenga

FRESCOBALDI,Chef Roberto Reatini, Firenze

IL CASALE, Chef Giuseppe Lopresti, Gaiole in Chianti

IL CELLIERE, Chef Fata Selimanovic, Gaiole in Chianti

LABORATORIO DEL GUSTO-CASA AL VENTO, Chef Antonio Sapienti, Gaiole in Chianti

LE CONTRADE, Chef Andrea Oppo e Veruska Granata, Gaiole in Chianti

LA TAVOLA DI GUIDO LOCANDA LE PIAZZE, Chef Guido Haverkock, Castellina in Chianti

OSTERIA DEL CASTELLO-BROLIO, Chef Alessandro Mennini, Gaiole in Chianti

VILLA LA PALAGINA, Chef Massimiliano Catizzone, Figline Valdarno

VITIQUE- SANTA MARGHERITA, Chef Riccardo Vivarelli e Alessio Mori, Greve in Chianti

Macelleria-Chini-Gaiole-in-Chianti.jpg

LA NORCINERIA

ANTICA MACELLERIA CHINI, Gaiole in Chianti

I CIPRESSI IN CHIANTI, Radda in Chianti

GELATERIA

ORSO BIANCO, Aversa

No comments

I Vignaioli di Radda & Radda nel Bicchiere

Dove mangiare bene a Radda in Chianti

Il sole ce l’ha messa tutta per regalare un cielo azzurro all’edizione numero 23 di Radda nel Bicchiere.

L’ultimo fine settimana di Maggio, Radda in Chianti, presenta al pubblico il suo territorio, il suo Chianti Classico, i suoi produttori.

Produttori di vino di Radda

 

Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018, il piccolo comune nel cuore del Chianti Classico vedrà le vie affollate da centinaia di visitatori appassionati che potranno godersi un paesaggio mozzafiato, accompagnati da un calice di ottimo vino. Parteciperanno circa trenta aziende per un totale di quasi cento etichette sparse nelle bellissime e suggestive vie del centro storico, per una grande festa dedicata al prodotto principe del territorio famoso in tutto il mondo: il Chianti Classico.

Cosa vedere a Radda in Chianti

Ospiti d’onore di questa edizione saranno i vini, base Pinot Nero, dell’Appennino toscano, protagonisti anche di una degustazione a numero chiuso, guidata da Fabio Pracchia redattore della Guida Slow Wine. Davide Bonucci di Enoclub Siena accompagnerà invece i partecipanti a esplorare le varie sfaccettature del Vin Santo di Radda in Chianti.

chianti Classico winery

Il Programma di Radda nel Bicchiere 2018

Sabato 26 Maggio
Seminario: Estremi Caratteri
Il Chianti Classico di Radda incontra i vignaioli di Pinot Nero dell’Appennino toscano.
Produttori ospiti presenti:
Castel del Piano (Melampo),
Macea
Terre di Giotto (Gattaia Rosso),
La Civettaia
Il Pinot Nero 2015 dei produttori dell’Appennino Toscano verrà messo a confronto con il vino Chianti Classico di quattro produttori di Radda in Chianti.
Seminario tenuto da Fabio Pracchia
Redattore Guida Slow Wine
Ore 15:00 – 20:00 | Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere. Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.
Bicchieri in vendita dalle ore 15:00 alle ore 19:00
Seminario: Vin Santo di Radda
Non solo cantucci! Scopri i segreti del Vin Santo dei produttori di Radda…
Vin Santo del Chianti Classico Monterinaldi 1983
Vin Santo del Chianti Classico Caparsa 1998
Vin Santo del Chianti Classico Castello d’Albola 2005
Il dubbio Erta di Radda 2007
Vin Santo Selezione di Famiglia Colle Bereto 2009
Vin Santo del Chianti Classico Fattoria Vignavecchia 2009
Vin Santo del Chianti Classico Castello di Volpaia 2013
Seminario tenuto da Davide Bonucci – Enoclub Siena
Max. partecipanti: 40 persone
Ingresso: 15 € 
      (10 € per i Soci Enoclub Siena, AIS, FISAR, ONAV, Slow Food)
Per info e prenotazioni: proradda@chiantinet.it – 0577738494
Domenica 27  Maggio

Ore 11:00 – 19:00 |   Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere.
Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.

Ore 11:00 – 16:00 | Saletta della Misericordia
10° Degustazione alla cieca Radda nel Bicchiere. 

Radda nel Bicchiere e i vignaioli di radda in chianti

I VIgnaioli di Radda: la manifestazione aperta al pubblico sarà anticipata, nella giornata di venerdì 25 maggio, da un evento esclusivo per la stampa e opinion leader del vino, organizzato con la collaborazione del Consorzio Vino Chianti Classico.

best restaurant in Radda in Chianti

L’evento che si svolgerà a Casa Chianti Classico, quartier generale della storica denominazione, prevede, oltre al consueto programma di assaggi, anche un seminario dal titolo “La California in Chianti”, condotto dalla dott.ssa Valentina Canuti (Università degli Studi di Firenze). E sarà anche l’occasione per conoscere i nuovi gestori della Casa del Chianti Classico, Giuseppe Pollio e Alessandro Boletti.

Chianti Classico Winemaker

Ecco chi sono i Vignaioli di Radda:

Borgo La Stella

Brancaia

Caparsa

Castello di Albola

Castello di Monterinaldi

Castello di Radda

Castella di Volpaia

Colle Bereto

Fattoria Carleone di Castiglioni

Fattoria Castelvecchi

Fattoria di Montemaggio

Il Barlettaio

Istine

L’Erta di Radda

Monteraponi

Montevertine

Podere Capaccia

Podere l’Aia

Podere Terreno

Poggerino

Pruneto

Val delle Corti

Vignavecchia

No comments

Weekend di Pentecoste, cosa fare in Toscana

pentecoste, pentecost, Pfingsten, Chianti, Tuscany

Pentecoste è prevista con il sole. Se ancora non avete deciso cosa fare, ecco alcuni eventi da non perdere in Toscana.

Un weekend da favola con “Pentecoste a Castellina in Chianti”

Il 19 e il 20 maggio si rinnova l’appuntamento con “Pentecoste a Castellina in Chianti”.  Degustazioni di vino, musica, spettacoli per bambini e specialità gastronomiche.

Sabato 19 e Domenica 20 maggio, la vera full immersion fra i profumi e gli aromi del Gallo Nero, con le degustazioni dei prodotti di 32 aziende di Castellina in Chianti che presenteranno le loro eccellenze dalle 15 alle 20, lungo il camminamento di Via delle Volte.

 

Fra gli eventi collaterali e intrattenimenti vari, per i più piccoli ricordiamo la  Gimkana di sabato 19 maggio: i bambini suddivisi in tre categorie, pulcini, galletti e galli neri si impegneranno nella Gimkana di Pentecoste (ore 16 Piazza del Comune). Ai ragazzi più grandi è invece dedicato il concorso di pittura “Castellina in Chianti: andar per vigne”: l’elaborato più significativo dal punto di vista grafico avrà la possibilità di diventare il poster della Pentecoste a Castellina in Chianti 2019.

 

Da non perdere, infine, domenica 20 maggio, il “Mangiagiro nel Chianti Classico”: un tour enogastronomico fra le vigne di Castellina in Chianti (su prenotazione).

corso per imparare a pescare in alto mare

A San Vincenzo, tutto pronto per Un mare di gusto

Sabato 19 e domenica 20 maggio un ricco calendario di eventi, degustazioni

e approfondimenti dedicati alle tipicità ittiche della Costa degli Etruschi
Novità di quest’anno sono lo street food serale e il “pranzo della domenica”

La manifestazione, organizzata dal Comune di San Vincenzo e sotto la direzione artistica di Deborah Corsi – chef JRE del ristorante La Perla del Mare si presenta con numerose novità in programma, a partire dal tema protagonista di questa edizione, i fiori. Non è un caso, se il tema quest’anno viene declinato come “Palamita in fiore”: saranno infatti gli accostamenti tra il pescato e il mondo floreale, a caratterizzare il calendario che la prossima settimana animerà San Vincenzo.

Inoltre, alla Torre di San Vincenzo andranno in scena la presentazione del libro “Dall’atelier alla cucina” di Elisabetta Arrighi con un cooking show dello chef Emanuele Vallini (ore 15).

Il “Pranzo della Domenica”, una jam session culinaria lungo la passeggiata del Marinaio con quattro chef del territorio: Fabrizio Caponi (Osteria I’ Ciocio, Suvereto) con la palamita al fumo d’alloro, Ivano Lovisetto (Il Baccanale, Piombino) con la panzanella azzurra, Mirko Rossi (Il Doretto, Cecina) con i bottoni di canapa alla palamita e Deborah Corsi (La Perla del Mare, San Vincenzo) con la palamita “croc” e il dessert campigliese new style. Il tutto accompagnato dai vini del territorio.

Biglietti:

Per lo street food il costo del biglietto è di 10 euro e dà diritto a 4 degustazioni cibo o vino. Ogni ulteriore degustazione ha il costo di 2 euro .

Il pranzo della domenica ha un costo di 40 euro (20 per i bambini dai 3 ai 12 anni). Per info e prenotazioni: info@unmaredigusto.it

Locali per divertirsi in Versilia

Al Nikki Beach Versilia arriva la musica di Giacomo Urtis, il chirurgo estetico dei Vip noto per aver partecipato all’edizione 2017 dell’Isola dei Famosi. Urtis, che ha appena presentato il singolo Tìa (corazon atrapado), suo primissimo lavoro musicale, sarà protagonista sabato 19 maggio, a partire dalle 13.00, di un divertente dj set.

Inoltre ci sarà la possibilità di sorseggiare a bordo piscina i cocktail proposti dai bartender del celebre beach club di Marina Pietrasanta (LU) e gustare i piatti à la carte dell’execetuve chef Cesare Lazzeri.

Musei di Firenze aperti l domenica di Pentecoste

L’Ex Monastero di Santa Maria degli Angeli apre le porte all’A.T.T.

 

Domenica 20 Maggio un pomeriggio di cultura con l’Associazione Tumori Toscana alla scoperta dell’ex Monastero di Santa Maria degli Angeli (Via degli Alfani, 49 Firenze).

La visita sarà a cura del professor Divo Savelli e comprende:

la ex chiesa monastica, il chiostro (affreschi di Bernardino Poccetti e collaboratori e sculture di Pietro Francavilla e Giovanni Caccini), il refettorio (Cenacolo di Ridolfo del Ghirlandaio), la Cappella Ticci (affreschi di Bernardino Poccetti), la Sala del Consiglio (architettura e decorazioni anni ’30 del ‘900),la Sala delle Assemblee (affreschi dal ‘400 al ‘700), la Rotonda del Brunelleschi.

Un’occasione unica per scoprire uno dei luoghi più affascinanti e meno conosciuti di Firenze secoli di storia e di arte fiorentina.

Orario Visite ore 15.00 e 17.00.

Offerta minima 12 Euro.

cosa fare in Versilia per Pentecoste.jpg

Vini d’autore – Terre d’Italia
VI edizione

Domenica 20 e lunedì 21 maggio 2018 – Una Hotel Versilia Lido di Camaiore (Lu)
via Sergio Bernardini 335/337

Anche per questa VI edizione saranno 80 i protagonisti presenti ai banchi di assaggio, provenienti da pressoché tutte le regioni, pronti per raccontare, attraverso le loro etichette più rappresentative, la storia dell’azienda e le nuove produzioni.

Orari:

domenica dalle 11.30 fino alle 19 e lunedì dalle 11.30 fino alle 18.30

Ingresso:

Ingresso €25 (l’ingresso dà diritto a degustare tutti i vini presenti)

Ingresso ridotto (€20) per i soci AIS, FISAR, ONAV, AIES, SLOW FOOD, TOURING, ASPI e abbonati al notiziario de L’AcquaBuona

 

No comments

Faenza, tra cene itineranti e lezioni di foraging

maggio 16th, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,EVENTI

cibo-selvatico-erbe-spontanee

La Romagna è sempre stata una regione vitale, e Faenza, questo weekend, mette in piazza i suoi migliori chef per una cena itinerante, e per far scoprire il foraging. Questa sarà l’undicesima edizione, e l’associazione Distretto A ha organizzato, da venerdì 18 a domenica 20 maggio , Distretto A Weekend – DAWE –
un copioso carnet di iniziative che prevede le proposte di grandi chef e progettid’arte urbana .

Dove-mangiare-a-Faenza.jpg

Venerdì 18 maggio (solo per questa serata) 46 fra ristoranti e osterie e 38 fra cantine , barman e birrifici emiliano-romagnoli, si distribuiranno in una mappa reticolare che coprirà tutto il centro di Faenza, per l’occasione trasformato quasi totalmente in zona pedonale, con l’ausilio di navette elettriche. I gastro-passanti
potranno transitare da una tappa all’altra, muniti di calice, costruendo mano a mano il loro personale concetto di cena, collezionando multi esperienze gastronomiche. Dalla
pizza contemporanea di ‘ O Fiore Mio e Pummà con impasti al lievito madre, farine biomac inate a pietra e grande selezione di ingredienti, ai sapori marittimi dello chef Omar
Casali del Marè di Cesenatico, agli accostamenti inattesi e le tecniche innovative del nuovo Benso di Forlì che annovera Pier Giorgio Parini nella supervisione dei piatti. Per
la prima volta dopo l’apertura del suo da Gorini a San Piero in Bagno, Gianluca Gorini avrà una postazione alla Cena Itinerante, dove porterà la sua concezioneavanguardistica di “Romagna in fiore” nel piatto, versione da passeggio. Non mancherà
come a ogni edizione, un saggio di una delle esperienze più dirompenti dell agastronomia italiana contemporanea, Postrivoro, con i ragazzi di Raw Magna.

Dove mangiare a Faeenza e dintorni

Prima partecipazione al gastro pellegrinaggio faentino per Scamporella , il picnic country-chic che nelle ultime estati ha vivacizzato le colline cesenati. In antepr imasull’atteso programma estivo, la cenetta sotto gli ulivi secolari, raggiunti in trattore con il
proprio cestino di vimini e accovacciandosi intorno alla tovaglia a scacchi rossi, si trasferisce in città, sempre all’aperto, ma in questo caso ornata da un fondale urbano.
La proposta gastronomica avrà la firma di Alberto Faccani , da quest’anno bistellato Michelin del Magnolia di Cesenatico, già collaboratore principale per la partegastronomica dell’esperienza bucolica e che sarà presente anche il giorno successivo con “ Magnolia To go” il furgoncino verde mare che porta in giro il cibo di strada dello chef di Cesenatico.

ricette di foraging e cibo selvatico

Sabato 19 maggio Distretto A – DAWE proporrà un evento incluso nella quarta edizione della Wild Feral Food Week , la settimana celebrativa del cibo selvatico ideata
dal Berkeley Open Source Food , progetto che studia e promuove il wild food e che annovera nel board Roberto Flore , head chef del Nordic Food Lab di Copenhagen fondato da René Redzepi .
In tutto il mondo , nella settimana dal 18 al 27 maggio verrà rivolta attenzione da p arte di chef, ristoratori, produttori e forager all’ utilizzo di alimenti prodottispontaneamente dall’ambiente, dalle piante selvatiche agli insetti . Cibi che possono
migliorare la nutrizione dilet tando il palato, riducendo allo stesso tempo lo spreco eincrementando la biodiversità.
DAWE 2018 contribuirà alla promozione di questo obiettivo etico organizzand o, lungo ilfiume Lamone a Faenza, una passeggiata-lezione di foraging (prenotabile qui https://pptng.it/foraging ) tenuta da Valeria Mosca , pioniera in Italia nella raccolta
conservazione e uso in cucina del cibo selvatico. La chef fondatrice di Wood*ing ci condurrà alla scoperta delle specie vegetali spontanee attraverso l’alimurgia, lo studio
della commestibilità delle piante selvatiche in una gita di un paio d’ore che si concluderà con un aperitivo e assaggi a base di vegetali selvatici.

Domenica 20 maggio, sarà l’occasione per rivedere i luoghi espressione della creatività del quartiere con la luce del mattino, dopo la confortante colazione collettiva si potrà
girellare fra laboratori, visite guidate e passeggiate urbane.

No comments

A Castel Monastero si celebra la primavera a cena

maggio 08th, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,EVENTI,MANGIARE FUORI

dove-mangiare-a-Castelnuovo-Berardenga.jpg

Cosa c’è di meglio che celebrare la primavera con una cena gourmet? A Castel Monastero, hanno avuto la bella idea di unire il Chianti con la Versilia, per una cena a quattro mani imperdibile.

Giovedì 10 maggio, l’Executive Chef di Castel Monastero Stelios Sakalis proporrà alcuni dei suoi piatti più rappresentativi insieme ad un asso della cucina italiana come Giuseppe Mancino, due stelle Michelin presso il ristorante Il Piccolo Principe di Viareggio.
Una cena a quattro mani per godere della creatività culinaria più interessante della nostra regione come l’antipasto “ la panzanella toscana nascosta nell’insalata greca” creata da Sakalis per celebrare le sue origini e il paese che lo ha adottato o l’ “agnello della Garfagnana, peperoni, fagioli schiaccioni, cicoria e caffè” che Mancini ha ideato pensando al territorio che lo ospita ormai da anni.
Questi sono solo alcuni dei piatti che si potranno degustare alla cena di Castel Monastero nello splendido scenario della campagna toscana.
Cena 90 euro a persona (vini esclusi).
Castel Monastero
Loc. Monastero D’Ombrone, 19
Castelnuovo Berardenga SI
Telefono: 0577 570570
 
No comments

Tommaso Vatti della Pergola di Radicondoli è il “Pizzaiolo dell’Olio”.

Dove mangiare la pizza buona a Siena e dintorni, Where to eat good pizza in Siena and surroundings

Se Il Premio Magnifico 2018 è andato alla Monocultivar Coratina dell’azienda Intini, un olio dal fruttato intenso con spiccati sentori verdi e vegetali, armonioso e persistente al palato, fa piacere che l’Airo, abbia dato il Premio di Pizzaiolo dell’Olio, a qualcuno delle Terre di Siena.

L’associazione italiana ristoratori dell’olio per il lavoro di ricerca e utilizzo degli oli in cucina conferisce il premio come Pizzaiolo dell’Olio AIRO 2018  a Tommaso Vatti de  La Pergola di Radicondoli.

  • margherita pizza with Petra flour
  • Leggendo la guida delle Pizzerie 2018 del Gambero Rosso, Tommaso Vatti, è uno dei pizzaioli-paladini delle Terre di Siena.
  • Dove mangiare bene a Radicondoli, Where to eat well in Radicondoli
  • Siamo stati a trovarlo insieme alla Condotta Slow Food di Siena, e per l’occasione ha abbinato le sue pizze ai presidi Slow Food.
  • Dalle sue mani, sono uscite la pizza fritta con la Mortadella di Prato, la pizza in padellino con burrata e Prosciutto Bazzone, la pizza in pala con controfiletto di razza maremmana e altre meraviglie.
  • Pizza buona in Valdelsa, Good pizza in Valdelsa
  • L’impasto con farine selezionate, la ricerca dei prodotti, la pazienza e l’umiltà, sono i segreti della sua pizza. La “pasta madre viva” è fatta con farine integrali e di tipo 1 e come dice Tommaso, le sue pizze sono “condivisibili per natura”.
  • wood oven for pizza
  • Giungere a Radicondoli, ne vale la pena: come ama sottolineare Tommaso, non è stato semplice arrivare a questo livello con la pizza, ma se l’impegno viene da uno che fin da piccolo faceva il giropizza con il fratello e i genitori, anticipando le mode, c’è da dire che la tenacia e la curiosità sul cibo è stata premiata.
  • crushed with Mortadella di Prato
  • Insieme a Tommaso alla Pergola, ci sono la moglie Silvia Rossetti, il fratello Ghigo e la mamma Velia, (che si cimenta con tortelli al ragù e altre prelibatezze).
  • Dove manigare la pizza buona in Toscana, Where to eat good pizza in Tuscany
  • Poi vi segnalo che venerdì 23 marzo ci sarà una cena speciale insieme a Adriano Antonelli del ristorante Il Campaccio di Siena.
  • Tommaso Vatti ci tiene a dire che  appena gli  è stata data l’occasione di provare e sviluppare la farina Evolutiva la nuova proposta del Molino Quaglia,  ha voluto fortemente condividerla con chi la cucina se la sente veramente cucita sulla pelle. Adriano svilupperà le farcitura di tre pizze con strutture diverse presentando sulle quali la sua maestria tra i fornelli, un’antipasto creato con la farina Evolutiva e il dessert.
  • La Pergola
    via Garibaldi n 22
    53030 Radicondoli (Siena)
    Tel   0577 790717
No comments

Impariamo a conoscere gli agrumi: corso gratuito a Firenze

marzo 05th, 2018 | Category: Consigli pratici di giardinaggio,Corsi & Concorsi

varietà di agrumi rari, rare citrus varieties

Conoscere gli agrumi, sembra un gioco da ragazzi, vero? Limone, arancia, mandarino, pompelemo e poco più. Non c’è niente di più sbagliato, perché gli agrumi sono infiniti, ci sono specie di cui molti, ignorano l’esistenza.

Ma niete paura, che a Firenze, c’è un corso gratuito per farvi conoscere tante varietà, di queste piante tante care ai Medici, e arrivate in tante collezioni fino ai giorni nostri.

varietà toscane di agrumi, tutte le varietà di agrumi del mondo, all the citrus varieties of the world

Sabato 10 marzo, a Firenze, da C.BIO in Via della Mattonaia, dalle 14.00 alle 16.00 avrete la possibilità di  conoscere gli agrumi, dai più conosciuti alle varietà più rare e introvabili.

E’ un corso sulla cura, la potatura e la manutenzione delle piante di agrumi in vaso, dedicato a chi possiede queste meravigliose piante e vuol curarle nel miglior modo possibile.

Potatura, rinvaso, riconoscere le malattie, concimazioni e tanto altro ancora.

Gestione degli agrumi in maniera biologica per poter utilizzare i frutti nella propria cucina.

IL CORSO è GRATUITO
Per prenotare chiamate lo 055 2479271 lasciando il vostro nome, cognome e numero di telefono.

varietà di agrumi strani, strange citrus varieties

Ma cosa è C.BIO? C.BIO è una grande bottega-mercato che si trova in Sant’Ambrogio, a Firenze.
Ci puoi trovare frutta, verdura, pane, uova, latte, pasta, carne, olio,
vino, dolci, sughi, marmellate e sottaceti, mieli, piatti di gastronomia,
oltre a vestiti, prodotti per la persona, gli animali, il giardinaggio e la casa.

C.BIO, l’idea della trasparenza e la scelta etica

corso per potare e conoscere gli agrumi, course to prune and learn about citrus fruits,

Quindi non lasciatevi scappare questo corso, per conoscere le varietà di agrumi,  che prendono vita da questi frutti ‘originari’. Dal pomelo (Citrus grandis, chiamato anche pommelo o pummelo), dal cedro (Citrus medica), e dal mandarino (Citrus reticulata) deriverebbero tutti gli agrumi, ibridi naturali o incroci artificiali.

No comments

Bere bene: gli eventi imperdibili di gennaio

gennaio 14th, 2018 | Category: Evento Di Vino,VINO & CO.

events-of-wine-in-Italy, Wine & Siena 2018

Finite le feste, iniziano le manifestazioni legate al buon cibo e al buon bere. Se siete degli appassionati del vino buono e delle birre di qualità, non perdetevi questi eventi di gennaio in tutta Italia.

Eventi di vino a Roma, degustazioni di vino a gennaio

Sabato 20 e domenica 21 gennaio 2018
20/1/2018 – ore 14.00 – 20.00
21/1/2018 – ore 12.00 – 19.00
Radisson Blu Hotel
Via Filippo Turati 18
L’Associazione EnoClub Siena rinnova l’appuntamento con il Sangiovese a Roma, per il settimo anno consecutivo.
Partendo dal nucleo del Sangiovese Toscano, ma indagando e confrontando anche le altre zone italiane. Attraverso i banchi di assaggio e i seminari potremo valutare le diverse declinazioni territoriali (in purezza o con l’apporto di altri autoctoni).
PROGRAMMA
VENERDI 19 gennaio
Aspettando Sangiovese Purosangue al RitroVino – Via Casperia, 33 Roma
VINI DELLA SERATA ORIZZONTALE SANGIOVESE 2010
Rosso di Montalcino San Lorenzo 2010
Rosso di Montalcino La Cerbaiona 2010
Brunello di Montalcino Baricci 2010
Brunello di Montalcino Il Marroneto 2010
Chianti Classico Grosso Sanese Il Palazzino 2010
Chianti Classico Riserva Caparsino Caparsa 2010
e molti altri Sangiovese 2010 dei produttori di Sangiovese Purosangue
MENU’ DELLA SERATA
– Pizzottella di farro integrale biologico con bufala di Amaseno e prosciutto di Assisi
– Lasagna al ragù di Cinta Senese di Mauro Secondi
– Goulasch di manzo con patate
– Crema di mascarpone al Vin Santo e crumble di cantucci
Vini e cena a 65 euro
Il Ritrovino
06 4559 5722
Enoclub Siena
SABATO 20 gennaio
ore 14.00 – Apertura banchi di assaggio
ore 15.30 – Seminario-degustazione sui suoli del Sangiovese: Romagna e Toscana. A cura di Giorgio Melandri e Davide Bonucci – (Degustazione gratuita inclusa nel costo di ingresso. 8 VINI, su prenotazione)
ore 17.30 – Seminario-degustazione vecchie annate 1983-2007. A cura di Davide Bonucci (euro 45, incluso ingresso alla manifestazione)
Domenica 21 gennaio
ore 12.00 – Apertura banchi di assaggio
ore 19.00 – Chiusura banchi di assaggio
eventi di vino a Milano, cosa fare a Milano di lunedì

IO BEVO COSì MILANO

 
 Lunedì 22 Gennaio presso l’Excelsior Hotel Gallia di Milano si terrà la quinta edizione di Io Bevo Così, la più esclusiva manifestazione dedicata ai vini naturali e di terra. L’edizione 2018 segna una svolta fondamentale per la kermesse. Gli ideatori, Andrea Sala e Andrea Pesce, infatti, da quest’anno hanno deciso di puntare sul capoluogo lombardo, organizzando un unico e imperdibile evento, riservato solo agli operatori e alla stampa di settore. Da qui la scelta di una location d’eccezione: a ospitare la degustazione saranno le stupende sale dell’Excelsior Hotel Gallia, il prestigioso 5 stelle del gruppo Luxury Collection nel cuore di Milano, a pochi metri dalla Stazione Centrale.
Domenica 21 Gennaio si terrà, sempre all’Excelsior Hotel Gallia, la cena di gala della manifestazione, un appuntamento ormai consolidato negli anni, volto a rimarcare il fil rouge che lega Io Bevo Così al mondo dell’alta ristorazione. I protagonisti della cena saranno gli chef resident del Gallia, Vincenzo e Antonio Lebano, Davide Caranchini del Ristorante Materia di Cernobbio, vincitore del premio di Giovane dell’anno della Guida ai Ristoranti dell’Espresso 2018, il cuoco greco Alexiou Vassili.Per conoscere gli espositori della manifestazione CLICCA QUI.
 
le migliori birre artigianali italiane, birre buone a Firenze

BIRRAIO DELL’ANNO A FIRENZE DAL 19 AL 21 GENNAIO

Birraio dell’Anno, è l’evento che vedrà protagonisti 25 birrifici selezionati da una giuria di 100 esperti. L’indirizzo è quello dell’ObiHall, di Firenze, che da venerdì 19 a domenica 21 gennaio, si trasformerà nel tempio italiano della birra. Giunto alla nona edizione l’evento vuole essere una “vetrina” per un settore che vanta eccellenze riconosciute e apprezzate a livello internazionale, un doveroso tributo a prodotti artigianali unici nati dalla maestria e dalla creatività dei nostri birrai, che durante la tre giorni saranno presenti all’evento pronti a raccontare la loro passione attraverso le loro birre.

QUI TROVATE TUTTO IL PROGRAMMA E I BIRRIFICI PRESENTI

Eventi di vino a Genova. I migliori vini naturali d'Italia

VINNATUR GENOVA 21 e 22 GENNAIO
VINI NATURALI E CUCINA LIGURE, BINOMIO PERFETTO

Domenica 21 e lunedì 22 gennaio la terza edizione di VinNatur Genova. Non solo un banco d’assaggio, ma cene nei locali del centro

Il terzo fine settimana di gennaio a Genova si berrà naturale. I vini di 70 produttori provenienti da Austria, Francia, Italia e Slovenia e aderenti a VinNatur, l’associazione viticoltori naturali, saranno infatti i protagonisti domenica 21 e lunedì 22 gennaio al Palazzo della Borsa, in Piazza De Ferrari, di un banco d’assaggio dedicato al mondo dei vini naturali. A partire dalle ore 11 e fino alle 19 i visitatori potranno scoprire i vini prodotti con metodi di lavoro che prevedono il minor numero possibile di interventi in vigna e in cantina, e che escludono l’utilizzo di additivi chimici e di manipolazioni da parte dell’uomo. Un’occasione unica di interagire con i produttori stessi, confrontarsi direttamente con loro e per assaggiare i loro vini. Ma sarà anche il momento giusto per scoprire come i vini naturali ben si sposino alla cucina di questo territorio. Nelle serate di domenica e lunedì nei locali del centro storico di Genova, saranno organizzate cene dove i piatti della tradizione culinaria ligure verranno abbinati ai vini naturali.

LOCALI ADERENTI E PRODUTTORI PRESENTI IN DEGUSTAZIONE
(la lista può subire modifiche o aggiornamenti, consultabili sul sito)

DOMENICA SERA

Pizzeria Piuma: Cinque Campi

Forchetta Curiosa: Etnella – Dos Terrias – Marina Palusci

Ai Troeggi: Cantina Collecapretta

Kowalsky: Meggiolaro vini – Cà Lustra

Les Rouges: Tenuta Belvedere – Cascina Roera – Corte Solidale – Rocco di Carpeneto – Rocca Rondinaria

Barbarossa cafè: Natalino del prete – Sauro Maule

Bellabu: La Biancara -Podere Santa Maria – Weingut Heinrich – Piccinin Daniele

Maninvino: Santa 10 – Podere della Bruciata

Tiflis: Carussin – Valli Unite

Il Canneto: Ravarini

Cantine Matteotti: Del Rebene – Santa colomba

Enoclub: Sieman – Elvira

Antica osteria di Ravecca: Fiore podere San Biagio

Locanda Tortuga: Riccardi Reale – Pian del Pino

Teatro di Campo Pisano: Lusenti – Storchi

Officina 34: Terpin

Zupp: Carlo Tanganelli – Filippi, Vini di Luce

E prie rosse: F.lli Barale

Rosso carne: Corte Sant’Alda

Bruxaboschi/braxe: La Renardiere

LUNEDÌ SERA

Maninvino: Masiero vini

Enoteca Sola: Casa Belfi

La Meridiana: La Biancara

Info in breve | VINNATUR GENOVA 2018
Data: Domenica 21 e lunedì 22 gennaio 2018
Orari di apertura: dalle 11 alle 19
Luogo: Palazzo della Borsa – Piazza De Ferrari – Genova
Ingresso: € 15 al giorno come contributo associativo (disponibile solamente all’ingresso dell’evento) comprensivi di guida della manifestazione e calice da degustazione.

le migliori birre di montagna, i rifugi della val di Sole

SnowAle: rifugi in Fermento in Val di Sole

La migliore birra artigianale trentina incontra le specialità della Val di Sole: dieci appuntamenti “frizzanti” nei rifugi a bordo pista della località Malghet Aut, nel cuore di Folgarida, grazie all’apertura straordinaria della cabinovia Belvedere. Ogni giovedì, dal 18 gennaio al 22 marzo, una proposta gastronomica per rilassarsi dopo una giornata trascorsa sugli sci

Dieci vere e proprie esplorazioni gastronomiche alla scoperta dei sapori solandri. Appuntamento in quota ogni giovedì sera, dal 18 gennaio al 22 marzo, nei rifugi della località Malghet Aut, grazie all’apertura serale della cabinovia n.2 Belvedere di Folgarida, che tutti i giovedì fa orario continuato 8.30-19.30 (compreso nello skipass) con rientro serale dalle 22.15 alle 22.45 (acquistabile a parte).

Il tutto accompagnato dalle inconfondibili birre artigianali trentine Km8 (Terres Contà), BirraFon (Fondo), BioNoc (Mezzano Primiero), Pejo e Melchiori (Tres Predaia).

Eventi di vino a Ferrara, cosa fare a Ferrara nel weekend

Evento che si svolgerà all’interno dell’elegante cornice di Palazzo Roverella edificato nel 1508, vedrà l’esposizione di vini provenienti da varie regioni italiane tutti con peculiarità e virtù che saranno svelate.

Durante le due giornate della manifestazione i visitatori avranno la possibilità di degustare ed acquistare i vini presenti.

Nella serata del 20 si avrà l’occasione di conoscere ed approfondire i vini di alcuni produttori del panorama viticolo, abbinandoli a proposte gastronomiche. Durante la cena i vini abbinamento verranno commentati dai produttori.

Cosa fare a Ferrara nel weekend

Ad ospitare i 70 vignaioli provenienti da tutta Italia saranno le splendide sale di residenze rinascimentali incastonate nella storica Ferrara e precisamente Palazzo Poverella e Palazzo Crema. Vi saranno altresì Masterclass di degustazione guidate a cura di Sommelier nelle due giornate.

Orari

Sabato 20 dalle ore 10,00 alle ore 22,00. Domenica 21 dalle ore 10,00 alle ore 20,00.

Per il programma completo http://www.baccoapalazzo.com/

Tariffe

costo biglietto euro 15,00
costo 2 giornate euro 20,00
Biglietto ridotto € 10,00 per soci AIS, ANAG e ADO

 

eVENTO DI VINO A sIENA, SIENA WINE TASTING

WINE & SIENA 27 E 28 GENNAIO

Nella città del Palio, per il terzo anno, torna l’evento di vino, organizzato da The Wine Hunter.

I produttori di vino con i banchi di assaggio, saranno presenti tra:
Palazzo Salimbeni
Grand Hotel Continental Siena/Starhotels Collezione – Via Banchi di Sopra 85
Palazzo Comunale – Piazza del Campo
Palazzo del Rettorato – Via Banchi di Sotto 55

Naturalmente, non mancheranno le eccellenze del cibo.

Programma dal 26 al 28 gennaio

Venerdi 26 gennaio 2018

Auditorium Santa Chiara Lab
10.30 Wine Job – I professionisti al servizio delle eccellenze del territorio

Aula Magna Rettorato Università degli studi di Siena
20.00 Small Plates Dinner

Sabato 27 gennaio 2018

Consorzio Agrario
Showcooking
13.30 Focus sulla Pasta
17.00 Verticale di prosciutto e bollicine
20.00 Chianina di sera

Aula Magna Rettorato Università degli studi di Siena
15.30 Wine Identity – Il valore della sostenibilità

Aula Magna Storica del Rettorato Università degli studi di Siena
14.00-17.00 Masterclasses

Grand Hotel Continental Siena/Starhotles Collezione – Palazzo Comunale di Siena – Rocca Salimbeni
11.00-19.30 Percorsi enogastronomici

Domenica 28 gennaio 2018

Aula Magna Storica del Rettorato Università degli studi di Siena
14.00-17.00 Masterclasses

Grand Hotel Continental Siena/Starhotles Collezione – Palazzo Comunale di Siena – Rocca Salimbeni
11.00-19.30 Percorsi enogastronomici

Prevendita biglietti
Confcommercio Siena – T. 0577 248856
Wein Vino Wine – T. 0577 600392

Ticket online www.wineandsiena.it

Biglietteria durante l’evento Piazza Salimbeni
Informazioni +39 0473 210011 – info@wineandsiena.it

Mi pare che questo gennaio sia cominciato alla grande. Appassionati di vino e di birra di tutta Italia, mi pare che avete l’imbarazzo della scelta. Gli eventi non mancano.

No comments

Pagina successiva »