Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Alessandro Borghese a Firenze per Obicà Rocks

maggio 22nd, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,EVENTI

Alessandro Borghese a Firenze.jpg

Obicà, il primo Mozzarella Bar al mondo, mostra la sua anima rock con una serata a tema in compagnia dello chef Alessandro Borghese.

Il 23 maggio dalle 20.30 alle 23.00 Obicà Firenze invita i suoi ospiti ad un evento ispirato alla mitica atmosfera degli anni ’70, quando il rock’n roll divenne un genere di culto in tutto il mondo, grazie ad artisti del calibro di Rolling Stones, Beatles, Led Zeppelin, Tom Petty, Creedence, gli U2 e I Bee Gees!

Gli ospiti di Obicà potranno assistere al coinvolgente live cooking di Alessandro Borghese, lo chef più rock della tv italiana, che sarà a disposizione degli ospiti anche per i selfie ricordo. Cut & Blade è invece il nome del trio acustico che, attraverso nuovi ed originali arrangiamenti, interpreterà dal vivo le note dei più grandi successi della musica rock internazionale.

L’evento, aperto al pubblico su prenotazione, prevede ad un costo di 30 euro a persona: l’open bar e la degustazione del nuovo Speciale del Mese firmato Alessandro Borghese, chef creativo di Obicà. Si parte con le Zeppole Rock, con Prosciutto Cotto alla Brace, Mozzarella di Bufala Affumicata e Peperoni, per poi continuare con il Rock Burger, con Focaccia, Costine di Maiale Marinate, Mozzarella di Bufala Affumicata e Zucchine Grigliate, servito con Patate Arrosto. Anche la Pizza si veste di rock grazie ad ingredienti dal sapore forte e deciso come la Soppressata di Calabria DOP, la Mozzarella di Bufala Campana DOP, Cheddar, Funghi, Peperoni e Zucchine. Non mancherà la Mozzarella di Bufala Campana DOP abbinata agli ingredienti di qualità del Mozzarella Bar più famoso del mondo.

Gli ospiti sono invitati ad indossare un accessorio rock, per entrare completamente nel mood della festa. Fuori il chiodo dall’armadio!

Obicà Firenze

Via De’ Tornabuoni 16, Firenze

Per prenotazioni Obicà Rocks: https://www.resdiary.com/restaurant/obicafirenze

Posti limitati – Per info e prezzi: eventifirenze@obica.com

No comments

San Miniato al Monte: a Firenze apre la mostra fotografica di Andrea Ulivi

mostra fotografica a Firenze

Firenze nel 2018, celebra una delle chiese più belle della città, San Miniato al Monte, con tante iniziative, tra cui questa bellissima mostra fotografica di Andrea Ulivi, in programma alla Galleria Estra da martedì 22 mggio a domenica 10 giugno.

In occasione delle celebrazioni del Millenario dell’Abbazia di San Miniato al Monte, simbolo della storia di Firenze e monumento alla spiritualità universale, la Galleria Etra Studio Tommasi e
Yourpictureditor, con la curatela di Francesca Ambrosi, presentano la mostra del fotografo Andrea Ulivi San Miniato al Monte. Mille anni di luce.

La mostra è composta da diciotto fotografie, tratte dal progetto commissionato dall’Abbazia stessa
al fotografo fiorentino per raccontare la poesia e lo splendore di questo luogo simbolico. Le diciotto immagini in edizione unica sono stampate in grande formato da Antonio Manta e la sua stamperia
fine arts AUTEM ad Arezzo.

Le chiese più belle di Firenze

La cadenza costante della vita monastica, specchio della sacralità del luogo, segna il trascorrere dei secoli «come orologio divino che ha come metro l’infinito».

Andrea Ulivi racconta, con una selezione di diciotto fotografie, una storia fatta di silenzio, meditazione, atmosfere di contemplazione, dove la luce del «bianco bianco giorno» vede la recita delle lodi
lungo i chiostri, mentre l’oscurità del tempo di compieta, protettiva come il grembo materno, avvolge la devota accensione delle candele.

La curatrice Francesca Ambrosi, senior photo editor del network internazionale di esperti di fotografia Yourpictureditor, ha personalmente seguito, insieme al fotografo, la scelta delle
immagini in mostra, tra le molte dell’ampio e affasciante progetto di Ulivi, affinché si accordassero alla splendida cornice della Galleria Etra Studio Tommasi, nel cui giardino Benvenuto Cellini fuse
il Perseo che mostra la testa di Medusa dalla Loggia dei Lanzi.

Chiese da vedere a Firenze

La Galleria Etra fa parte dell’A.D.S.I. (Associazione Dimore Storiche Italiane) e il 27 maggio è la giornata nazionale di apertura 

 

San Miniato al Monte. Mille anni di luce
Galleria Etra Studio Tommasi
Palazzo Leopardi – via della Pergola 57 – 50121 Firenze – www.etrastudiotommasi.it
Aperta dal 22 Maggio fino al 10 giugno 2018
dal martedì al sabato 15.00-19.00
Ingresso libero

No comments

Corso serale di pelletteria a Firenze

maggio 03rd, 2018 | Category: Corsi & Concorsi

Dove fanno i corsi di pelleteria a Firenze o in altre zone della Toscana

In Toscana, ci sono le grandi firme, che richiedono artigiani, abili a cucire vestiti, e abili artigiani capaci di realizzare borse e scarpe.

Se il tuo sogno è quello di creare una borsa in pelle, dal disegno al prodotto finito, a Firenze è in partenza un corso serale di pelletteria.

corso per imparare a tagliare la pelle e a cucirla, course to learn how to cut the skin and sew it

ISCRIZIONI APERTE PER CORSO SERALE DI PELLETTERIA

MODELLERIA BORSE: TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Data Scadenza iscrizioni: 18 maggio 2018


DURATA: 120 ore

PERIODO: dal 23 maggio 2018 al 14 luglio 2018

ORARIO: a settimane alternate Mercoledi’, Giovedi’, Venerdi’ e Sabato | Martedi’, Mercoledi’ e Giovedi’ | 

orario giorni infrasettimanali: 18:30/22:30; orario del Sabato:  9:00/13:00 | 14:00/18:00

SEDE DEL CORSO: Spazio Reale | Via San Donnino 4/6 | Campi Bisenzio (FI)

NUMERO DEI PARTECIPANTI: massimo 12

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 1850 €, iva compresa

DESTINATARI: Il corso e’ rivolto a tutti gli occupati in pelletteria dal almeno 2 anni,

interessati ad accrescere le proprie competenze.

DOCENTE: Mauro Astolfi

corso di pelletteria in Toscana, leather goods workshop in Tuscany

Il corso insegna a trasformare le bozze disegnate in disegni tecnici 

e a tradurli nel prototipo completo di una borsa. 

Oltre alle competenze tecniche e metodologiche, fornisce un’ampia conoscenza 

di elementi di stile e design delle borse e nozioni approfondite sui materiali piu’ diffusi, 

loro caratteristiche e impiego, strumenti da lavoro, macchinari e fasi di lavorazione.

METODOLOGIA: Lezioni pratiche in laboratorio attrezzato.

ISCRIZIONI: Domanda di iscrizione – scaricabile al link https://goo.gl/LYpLfW con curriculum

vitae allegato. L’ammissione al corso prevede il pagamento preliminare del 40% del costo.

DATA SCADENZA ISCRIZIONI: 18 maggio 2018

INFORMAZIONI: info@palazzopuccieventi.it | T. (+39) 055 8991262 | (+39) 366 8352560

QUESTA LA SCHEDA DI ISCRIZIONE AL CORSO DI PELLETTERIA

>> SCHEDA DI ISCRIZIONE SCARICABILE <<

No comments

Firenze e la settimana frizzante della Florence Cocktail Week

The best cocktail bars in Florence, Florence Cocktail Week

A Firenze è tutto pronto per la terza edizione della Florence Cocktail Week, in programma da lunedì 30 aprile a domenica 6 Maggio 2018.

Sette giorni ideati e organizzati da Paola Mencarelli e Lorenzo Nigro per dar risalto alla qualità della miscelazione fiorentina, con incontri, appuntamenti, masterclass, night shift ed eventi rivolti ad un pubblico di professionisti ed appassionati, con il coinvolgimento di ospiti italiani ed internazionali.

Locali che fanno cocktail a Firenze, Clubs that make cocktails in Florence

Quest’anno, sono 21 i locali che partecipano alla Florence Coktail Week, tra caffè storici, bar di lussuosi alberghi e locali di tendenza, a sottolineare la crescita qualitativa della miscelazione fiorentina, che rende la città una delle più vive nel panorama del bartending italiano.

L’itinerario, facilmente percorribile a piedi, può essere piacevolmente effettuato anche in bicicletta, con i due servizi di bike sharing del Comune di Firenze Mobike e Gobee, utilizzabili grazie alle relative App.

Bar selezionati per la Florence Cocktail Week, Bars selected for the Florence Cocktail Week

Scopriamo i luoghi che si sfideranno a colpi di Mixology: il bar fiorentini sorseggiando le creazioni dei bartender in competizione? C’è l’imbarazzo della scelta: Atrium Bar/Four Seasons Hotel, Bitter Bar, Ditta Artigianale Oltrarno,  Empireo – Plaza Hotel Lucchesi,  Luca Picchi, Fu-Flux (aka Fluid Fux); Gurdulù,  Harry’s Bar, Inferno, La Ménagère,  Le Pool Bar/Villa Cora, Locale, Mad Souls&Drinks,  Manifattura, Osteria del Pavone, Picteau Lounge Bar/Lungarno Hotel,  Pint of View,  Rasputin,  The Cloister-Belmond Villa San Michele,  The Fusion Bar – Gallery Hotel Art,  Viktoria Lounge Bar,  Winter Garden Bar/The St.Regis.

programma della Florence Cocktail Week, Firenze, Florence Cocktail Week program

Ogni Cocktail Bar presenterà 4 cocktail nella Cocktail List FCW2018, studiata ad hoc per l’intera settimana ad un prezzo speciale. Nei 7 giorni della kermesse sarà possibile scegliere fra 1 Signature Cocktail – ovvero una creazione libera del Bartender prescelto dal Cocktail Bar che lo porterà a partecipare al Contest Finale – 1 Cocktail RiEsco a Bere Italiano – con prodotti esclusivamente made in Italy – 1 Twist sul Cocktail Negroni e 1 Cocktail “Abituati al Futuro”.

Alcune insegne avranno in carta anche il Cocktail Family Friendly, un drink analcolico pensato appositamente per le famiglie con bambini che non si vogliono perdere questo importante appuntamento.

Gli alberghi più lussuosi di Firenze, The most luxurious hotels in Florence

Evento speciale della terza edizione della kermesse il Convegno “Spirito and Spirits” di sabato 5 maggio presso l’Auditorium di Sant’Apollonia: un dibattito singolare sul tema Religioni e Lifestyle, a cura della Sociologa delle Religioni Dott.ssa Simona Scotti. Con l’intervento dell’editore di SapereBere.com Fulvio Piccinino ed il bartender Bledar Ndoci.

Come da tradizione il Contest Finale si terrà nell’ultima giornata del festival, Domenica 6 Maggio – presso la Sala Vanni – di fronte a una giuria di professionisti ed esperti del settore.

In giuria i bartender Lucia Montanelli e Daniele Gentili, l’ospite internazionale Philip Bischoff ed il giornalista Federico De Cesare Viola. Presenta il Contest Rachele Giglioni. Con la partecipazione di Blue Blazer.

No comments

Premio Laudemio 2018, la tappa fiorentina alla Bottega del Buon Caffè

aprile 03rd, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,MANGIARE FUORI

La Bottega del Buon Caffè Firenze, ristorante stellato, Premio Laudemio

Dopo il vino, l’Olio Extra Vergine di Oliva  in Toscana è l’altro alimento importante. Dopo la vittoria dello scorso anno di Salvatore Bianco, chef del Ristorante Il Comandante di Napoli) torna il Premio Laudemio, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’olio extravergine di oliva Laudemio nella cucina di importanti chef.

Chi è Laudemio? Nel Medioevo il laudemio era il fiore del raccolto, la parte destinata alla tavola del signore. Laudemio nasce a metà degli anni Ottanta, quando una compagine di agricoltori lungimiranti, custodi di alcuni fra i più nobili cru olivicoli della regione, si strinse in un pionieristico patto per l’eccellenza produttiva, in grande anticipo sulla legislazione nazionale ed europea. Un patto, oggi come allora, improntato a regole ferree e a un rigido controllo di qualità.

Premio Laudemio 2018 Tappa di Firenze Antinori-Frescobaldi

La tappa fiorentina, si è svolta nel Ristorante La Bottega del Buon Caffè, a Firenze, dove lo chef Antonello Sardi ha interpretato il Laudemio di Frescobaldi,  Marchesi Antinori e Fattoria Petrolo, in un menu intrigante, dove l’olio è stato il grande protagonista dei piatti.

Le ricette di Antonello Sardi della Bottega del Buon Caffè a Firenze

Antonello Sardi, fiorentino, ha iniziato il suo percorso in cucina prima cucinando per gli amici, poi facendosi le ossa in varie trattorie di Firenze, fino ad arrivare alla corte di Enrico Bartolini a Milano; con lui ha fatto un paio di anni in Val D’Orcia, fino a tornare di nuovo a Firenze, questa volta alla  guida della Bottega del Buon Caffè, in  Lungarno Benvenuto Cellini 69r, ristorante che vanta una stella Michelin.

The recipes of Antonello Sardi of the Bottega del Buon Caffè in Florence

Scopriamo cosa è uscito dal cilindro di Sardi, per il Premio Laudemio: per l’antipasto, il Laudemio dei Marchesi Antinori si è trasformato in polvere per il crudo di gamberi rossi e erbe aromatiche, ed è stato anche il “ripieno” della pasta, le barchette alle cime di rapa.

Per il secondo piatto è entrato in scena il Laudemio Frescobaldi, che ha avvolto la sogliola del Mediterraneo in due consistenze. La Fattoria di Petrolo e il suo Laudemio, sono stati rivisitati per un insolita crème brûlée. Ad accompagnare la cena, e i voti dei giurati i vini di Frescobaldi.

Olio prodotto da Frescobaldi, Ristoranti stellati a Firenze

Anche questa edizione del concorso è presieduta da Fausto Arrighi, ex Direttore della Guida Michelin, e prevede otto “tappe” in altrettanti e prestigiosi ristoranti italiani.

Premio Laudemio 2018 Frescobaldi La Bottega del Buon Caffè a Firenze

Partito da Milano a Febbraio con il Ristorante Sadler guidato dallo chef Claudio Sadler; a  Marzo ha fatto prima tappa in Toscana, terra natale del Laudemio, nel Ristorante La Bottega del Buon Caffè, a Firenze, dallo chef Antonello Sardi;  poi a Roma dallo chef Adriano Baldassarre, del Ristorante Tordomatto.
L’11 aprile si torna a Milano con lo chef Luigi Taglienti, del Ristorante Lume. Per la quinta tappa il 9 maggio si andrà in provincia di Verona al Ristorante Degusto di San Bonifacio, guidato dallo chef Matteo Grandi, mentre per la sesta tappa il Laudemio approderà a Torino il 23 maggio al Ristorante Carignano dello chef Fabrizio Tesse.
La penultima tappa si svolgerà il 15 giugno nella Serenissima al Ristorante Glam dello chef Enrico Bartolini che a Donato Ascani ha affidato il ruolo di Chef Resident.
Il tour del Laudemio si concluderà il 20 giugno a Roma al Ristorante Mater Terrae guidato dallo chef Ettore Moliteo con la supervisione dello chef Pietro Leemann.

Al termine delle otto tappe verranno individuati tre chef finalisti con i tre piatti (antipasto, primo piatto e secondo piatto) che avranno totalizzato il miglior punteggio. I tre finalisti verranno chiamati a preparare le rispettive creazioni in occasione di una cena di gala che vedrà la giuria eleggere il vincitore assoluto della seconda edizione del contest.
Un premio speciale verrà assegnato allo chef che (fra gli otto in gara) avrà proposto il miglior dessert, sempre, ovviamente, a base di Laudemio.

Chi sarà il vincitore del Premio Laudemio 2018? Si accettano scommesse.

No comments

Le rose di Firenze si vestono di nuovi colori

marzo 11th, 2018 | Category: Consigli pratici di giardinaggio,GIARDINAGGIO,Rose

Dove comprare rose belle a Firenze

Rose, rose, rose. Penso che in questa stagione ne ho potate più di diecimila tra i vari giardini sparsi. Ti pungono, graffiano, per dirti che ci sono, le guardi incattivita, ma poi le perdoni, perché sai che da quella potatura, nasceranno nuovi fiori.

E anche da altre parti, sono tutti indaffarati con queste creature. Anche Le Rose di Firenze, si vestono di nuovi colori.

Dove comprare le rose a Firenze

A Firenze, da Stefano Magi, è tempo di “E’PRIMAVERA FIORISCONO LE ROSE”
Nei giorni 17 e 18 marzo 2018, dalle ore 10 al tramonto, il vivaio sarà aperto al pubblico. In tale occasione oltre la presentazione e vendita delle  rose e clematidi, ci saranno anche varie specie di piante portate da altri vivaisti. Inoltre avrete il piacere di seguire i consigli di Rita Paoli, cara amica e esperta di rose e ortensie.

When to prune roses, Quand tailler les roses?

Le Rose di Firenze è un vivaio speciale, nel quale potete vedere le rose in tutte le loro sfumature: dalla nursery, alla serra, fino a quelle coltivate all’aria aperta.

Corsi sule rose in Toscana, Courses on roses in Tuscany

Sabato17  e domenica 18 marzo,  alle ore 15 c’è il corso gratuito sulla potatura delle rose antiche e moderne tenuti dal titolare del vivaio Stefano Magi.

pink variegated rose, rose panachée rose

Sabato 17 marzo alle ore 16, al vivaio “Le Rose di Firenze”, imparerete ad annaffiare le piante. Non tutte le rose sono uguali, e hanno bisogno della solita acqua. Scoprirete che le rose antiche, le rambler, le rose inglesi o quelle moderne, hanno bisogno di attenzioni diverse.

le rose di Firenze

E lo sapevate che il terriccio per le rose non è uguale per tutte le varietà? Domenica 18 marzo alle ore 16, potete partecipare al corso gratuito per la preparazione dei vari terricci per la coltivazione di diverse specie.

vivaio di rose a Firenze, rose nursery in Florence, rose pépinière à Florence

La nursery, vi affascinerà: vedrete le rose piccine piccine, pronte a scalpitare, per essere messe nei vasi più grandi, per crescere, fiorire e invadervi le narici con il loro profumo.

rose cut pink, rose taille rose

Oltre alle rose, potete scoprire tante cose sulle ortensie e le clematidi.

variegated pink, rose panaché

Tutti i partecipanti, sabato 17 marzo potranno degustare alle 18.00 un aperitivo speciale.

Florence where to find ancient and vintage roses, Florence où trouver des roses anciennes et vintage

www.lerosedifirenze.com
Via Delle Prata

50018 Scandicci Firenze
Tel 329 0529736

No comments

Quale sarà il miglior olio al “Premio Il Magnifico” 2018?

marzo 07th, 2018 | Category: EVENTI,TOSCANA

Olio Extra Vergine di Oliva Toscano, Tuscan Extra Virgin Olive Oil

Marzo è il mese della primavera, ma in Toscana è anche il mese dove si attende il produttore che ha fatto l’olio migliore.

Infatti, le iscrizioni al premio Il Magnifico 2018 – European Extra Virgin Olive Oil Award, che si sono chiuse alla fine di gennaio, hanno superato ogni più rosea aspettativa oltrepassando la soglia dei 300 campioni concorrenti al titolo di “Magnifico 2018”.

Cantina per matrimonio in Toscana, Cellar for wedding in Tuscany

Processo selettivo articolato e composto in più fasi che sono attualmente in corso in attesa dell’appuntamento di giovedì 15 marzo con la cerimonia di premiazione nell’affascinante location di Cantine Antinori di Bargino a San Casciano Val di Pesa. A Il Magnifico sarà consegnato in premio una particolare opera d’arte in bronzo realizzata dall’artista chiantigiana Elettra Brancolini raffigurante la dea etrusca dell’olivo uscita dal fuoco e dalla terra: Menvra.

Quale è l'olio più buono del mondo? Which is the best oil in the world?

Grazie al costante lavoro di diffusione della Quality rEVOOlution per la divulgazione dell’olio moderno da parte dell’Associazione Premio il Magnifico (APM) e dell’Associazione Internazionale Ristoranti dell’Olio (AIRO)  la sesta edizione del Premio Il Magnifico ha visto nascere e consolidare collaborazioni importanti. Prima fra tutte quella con il Consorzio Olio Toscano IGP che celebrerà i suoi 20 anni all’interno del Premio Il Magnifico con la valorizzazione del migliore olio Toscano IGP con l’assegnazione del premio  “Il Toscano IGP Magnifico 2018”.

Olio più buono del mondo, The best oil in the world

Altra novità introdotta per questa edizione 2018 è la collaborazione con Andrea Perini che curerà gli aspetti della ristorazione del Premio e la cucina dei “Magnifici” eventi. Il giovane chef fiorentino che ha fatto della ricerca sull’olio extravergine d’oliva la sua missione all’interno del suo percorso professionale in cucina.

Dove si produce l'olio più buono del mondo? Where is the best oil in the world produced?

Queste le categorie dei premi.

I premi

Il Magnifico 2018 – European Olive Oil Award

Marco Mugelli Award – Premio alla Carriera 2018

Massimo Pasquini Award – Premio personaggio dell’olio 2018

Menvra Award – donna dell’olio 2018

AIRO Chef dell’Olio 2018

AIRO Ristorante dell’Olio 2018

AIRO Pizzeria dell’Olio 2018

Emerging Company Award 2018

Biofenoli Award 2018

Best Organic Award 2018

Full Value Award 2018

Toscano IGP Il Magnifico Award 2018

Chianti Classico DOP Award 2018

Kids Choice Award 2018

Best of Europe “Spain” Award 2018

Best of Europe “Italy” Award 2018

Best of Europe “Europe” Award 2018

Packaging Award 2018

Veneranda 19 della Tenuta Zuppini

Il primo step del processo di selezione è iniziato in questi giorni presso la sede del Consorzio del Chianti Classico DOP dove i “Magnifici Assaggiatori” costituiti da esperti assaggiatori del Consorzio e di ANAPOO. Questo Panel di assaggio costituito da esperti di attestata e comprovata esperienza iscritti all’Elenco Nazionale degli esperti assaggiatori di olio di oliva sta valutando le componenti olfattive e retro-olfattive, gustative-tattili, di armonia e pulizia complessive di ogni campione presentato.

Che vinca il migliore!

Il Magnifico Extra Virgin Olive Oil Award 2017 è andato al Veneranda 19 della Tenuta Zuppini di Torricella Sicura

Il Magnifico Extra Virgin Olive Oil Award 2016  è andato a il 100% Italiano Monocultivar Coratina dell’azienda di Dievole

 

No comments

Impariamo a conoscere gli agrumi: corso gratuito a Firenze

marzo 05th, 2018 | Category: Consigli pratici di giardinaggio,Corsi & Concorsi

varietà di agrumi rari, rare citrus varieties

Conoscere gli agrumi, sembra un gioco da ragazzi, vero? Limone, arancia, mandarino, pompelemo e poco più. Non c’è niente di più sbagliato, perché gli agrumi sono infiniti, ci sono specie di cui molti, ignorano l’esistenza.

Ma niete paura, che a Firenze, c’è un corso gratuito per farvi conoscere tante varietà, di queste piante tante care ai Medici, e arrivate in tante collezioni fino ai giorni nostri.

varietà toscane di agrumi, tutte le varietà di agrumi del mondo, all the citrus varieties of the world

Sabato 10 marzo, a Firenze, da C.BIO in Via della Mattonaia, dalle 14.00 alle 16.00 avrete la possibilità di  conoscere gli agrumi, dai più conosciuti alle varietà più rare e introvabili.

E’ un corso sulla cura, la potatura e la manutenzione delle piante di agrumi in vaso, dedicato a chi possiede queste meravigliose piante e vuol curarle nel miglior modo possibile.

Potatura, rinvaso, riconoscere le malattie, concimazioni e tanto altro ancora.

Gestione degli agrumi in maniera biologica per poter utilizzare i frutti nella propria cucina.

IL CORSO è GRATUITO
Per prenotare chiamate lo 055 2479271 lasciando il vostro nome, cognome e numero di telefono.

varietà di agrumi strani, strange citrus varieties

Ma cosa è C.BIO? C.BIO è una grande bottega-mercato che si trova in Sant’Ambrogio, a Firenze.
Ci puoi trovare frutta, verdura, pane, uova, latte, pasta, carne, olio,
vino, dolci, sughi, marmellate e sottaceti, mieli, piatti di gastronomia,
oltre a vestiti, prodotti per la persona, gli animali, il giardinaggio e la casa.

C.BIO, l’idea della trasparenza e la scelta etica

corso per potare e conoscere gli agrumi, course to prune and learn about citrus fruits,

Quindi non lasciatevi scappare questo corso, per conoscere le varietà di agrumi,  che prendono vita da questi frutti ‘originari’. Dal pomelo (Citrus grandis, chiamato anche pommelo o pummelo), dal cedro (Citrus medica), e dal mandarino (Citrus reticulata) deriverebbero tutti gli agrumi, ibridi naturali o incroci artificiali.

No comments

Pagina successiva »