Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Hypericum: come e quando potarlo e come coltivarlo

When to prune the hypericum

In nove anni di blog, mi sono accorta che non vi avevo mai parlato di lui, dell’Hypericum! Urge correre ai ripari, farvi conoscere l’iperico, e soprattutto come coltivarlo, e come potarlo.

hypericum o iperico, fiore giallo rustico per aiuole

E’ una pianta molto rustica l’hypericum, adatta a creare cuscini di fiori gialli per aiuole e bordure. Chissà quante volte lo avete visto e non avete saputo dargli un nome. Chiamato anche Erba di San Giovanni o Erba Scacciadiavoli, è un arbusto deciduo, sempreverde o semi-sempreverde, a seconda della varietà e della temperatura invernale

how to prune the hypericum

In questo post, oltre a farvi conoscere le varietà, vi insegnerò come fare a potare l’Hypericum, e credetemi è davvero facile. I fiori dell’iperico sono gialli, raggruppati in grappoli  e spesso, sono seguiti da bacche molto decorative.

campo di fiori gialli, field of yellow flowers

Andiamo a conoscere le varietà di Hypericum. Siete pronti?

Tousaine, androsemus officinale (Hypericum androsaemum) Dal fogliame deciduo e aromatico, fiorisce da giugno a settembre, seguito da frutti rossi, poi neri.


Albury Purple“, fogliame sfumato di viola.

Iperico calycinum
Dal fogliame persistente, e molto resistente, è ideale come tappezzante. Fa grandi fiori da giugno a settembre.

Hypericum ‘Hidcote’
Cresce fino a 1,50 m. E’ un rbusto sempreverde o semi-deciduo.  Fiorisce da luglio a ottobre, è uno dei più belli e dei più usati nei giardini.

Hypericum x inodorum
 Uno dei più robusti e fioriferi. Fogliame deciduo, verde scuro, aromatico. Fioritura da luglio a novembre.


‘Elstead’, con grandi frutti rossi presenti contemporaneamente ai fiori.

Hypericum x moserianum ‘Tricolor’
Il meno vigoroso,ma con  fogliame variegato  crema, rosa e verde. Fiorisce da luglio a settembre.

Hypericum reptans
Pianta nana, dal fogliame deciduo che diventa rosso in autunno. 

Take the hypericum plant, squeeze it and cut the branches at the base.

Pronti per capire come potare una pianta di Hypericum? Seguitemi passo dopo passo.

1 Prendete la pianta di Hypericum, stringetela e tagliate i rami alla base.

Tighten the Hypericum plant with one hand

2 Stringere la pianta di Hypericum con una mano.

With the scissors cut the branches of the hypericum to a 3/4 cm from the ground

3 Con le forbici tagliate i rami dell’Hypericum a un 3/4 di cm dalla terra. Se le piante sono giovani potete stare anche a due cm. Più corti sono i rami, meglio è.

come e quando potare l'iperico

4 Piante di Hypericum dopo la potatura. Ricordate di cimarle tutte della solita altezza.

Stefania Pianigiani giardiniera che pota le piante, woman's gardener

5 Vedete è facilissimo potare l’Hypericum.

pianta di hypericum potata, potted hypericum plant

6 Pianta d’Hypericum appena potata. Il mese ideale è all’inizio di febbraio, per potare una pianta d’Hypericum. Se guardate bene la foto, vedete che spuntano già i germogli nuovi.

pianta di hypericum dopo la potatura

Se ne avete tante di piante da potare, procuratevi un cuscino da giardinaggio oppure delle ginocchiere, per salvare la vostra schiena.

flowerbeds with yellow and pink flowers, aiuole con fiori gialli e rosa

Non dovete impaurirvi, perchè dopo la potatura il vostro Hypericum tornerà così come nella foto. Ogni anno, sarà sempre più bello.

L’erba di San Giovanni è ideale per coprire scarpate, perché è molto rustica o per fare aiuole. Associatela a perenni blu come l’agapanthus, oppure con lavanda, rose o bougaiville. E vedete che giochi di colore riuscirà a fare. Il giardino da allegria, sempre.

 

No comments

Farfaraccio o Petasites, erbacea perenne che fiorisce in inverno

erbacee perenni che fioriscono in inverno, perennial herbals that bloom in winter

Mi hanno preso in giro un sacco di volte per questa pianta: Stefania togli quelle erbacce invadenti! Non vedi che soffocano tutto. A me non pareva un erbaccia, anzi questa Petasites, mi è sempre piaciuta, anche perché i suo fiori bianco-rosa, durano tutto l’inverno.

piante tappezzanti sempreverdi che fioriscono in inverno, evergreen ground cover plants that bloom in winter

Quando poi ho trovato un articolo su  Gardenia, ho gongolato! Ho portato il giornale a lavoro e trionfante ho fatto vedere che il farfaraccio, è un’erbacea perenne. Anzi un’erbacea perenne che fiorisce tutto l’inverno.

piante tappezzanti con fiori bianco-rosa, ground cover plants with white-pink flowers

Una tappezzante delicata e semplice, come ha scritto Andrea Perazzi nel ricordare Pia Pera: Se dovessimo proseguire il nostro gioco “di che pianta sei”, direi che tu sei senz’altro quella, tu sei un Petasites fragrans  (Antonio Perazzi, Gardenia, Settembre 2016).

erbacee perenni che fioriscono in autunno e inverno, herbaceous perennials that bloom in autumn and winter

Ma vediamola più nel dettaglio questa pianta. Avevo voglia di scrivere di fiori, di giardinaggio. Devo ammettere che era un po’ di tempo che non scrivevo di piante, poi, oggi a lavoro le ho viste queste Petasites, ed è scattata la scintilla.

fiori in inverno, flowers in winter

Ce ne sono di diverse varietà di queste erbacee tappezzanti; Petasites hybridus, farfaraccio, farfaraccio maggiore, Petasites fragrans, farfaraccio vaniglione, ma la fragrans, a me piace veramente tanto. Sono piante, sempreverdi, molto rustiche e fioriscono in inverno, cosa volete di più?

come si chiamano quei fiori rosa e bianchi che tappezzano le aiuole in inverno, what are the names of those pink and white flowers that cover the flower beds in winter

Questa varietà è chiamata anche Vaniglia d’inverno per il profumo dei suoi fiori; ama il suolo fresco e e si espande nel  terreno molto rapidamente. E’ un tappezzante perfetto.

 

No comments

Arti 21 a Firenze, corso di modellistica e alta sartoria

corso di modellistica, modeling course

Firenze e Milano da sempre sono le città italiane della moda. Firenze in particolare, è famosa per i suoi tanti artigiani che ancora riescono a creare dei veri capolavori e per le sue scuole di modellistica. Se il tuo sogno è diventare modellista , hai trovato la tua occasione.

sartoria per bambino, tailoring for children

Arti 21, in pieno centro a Firenze, è un laboratorio di modellistica, che da anni si occupa di moda e collabora con aziende nazionali ed internazionali. Il perfetto sodalizio tra innovazione e tradizione.

Ma per diventare stilista e modellista, serve la formazione, fatta da professionisti.

insegnanti di moda, fashion teachersAd insegnarvi tutti i segreti e i trucchi della modellistica, troverete persone preparatissime e che amano fare questo lavoro. I corsi di Arti 21 vanno dalla modellistica artigianale, alla sartoria per bambino, fino ai corsi di biancheria intima e di drappeggi complessi.

Tra gli insegnanti ci troverete anche quella forza di Rakele Tondini, abile nel cucire, nel disegnare e nel creare cose stupende. Il fondatore di questa realtà è Marco Benvenuti, poi troverete, Alessia modellista cad, Sofia esperta comunicazione, Simonetta sarta e modellista, Marialuisa modellista sarta, Valentina esperta social, Valeria sarta…..li potete vedere tutti nella foto sopra, disegnati dall’illustratore Marco Milanesi.

corsi di biancheria intima, underwear courses

Arti21 offre l’opportunità a studenti e professionisti, di frequentare corsi dove si insegnano i punti base per rifinire un capo sartoriale, ad usare la tagli e cuci, oppure a progettare graficamente un capo fino poi realizzarlo con le proprie mani.
Un centro particolare Arti21, intreccio di professionisti e principianti, dove si realizzano anche corsi “su misura”, dove il professionista può richiedere all’insegnante fi sviluppare una specifica tematica.

scuola di modellistica a Firenze

Oltre ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale, e corsi di modellistica,  da Arti 21 organizzano workshop e seminari, creando occasioni di incontro con altre aziende ed esperti del settore.

Ma cosa si impara da Arti 21?

  • Realizzazione cartamodelli uomo, donna, bambino
  • Rilevamento modello da capo campione
  • Digitalizzazione, modifica e sdifettamento cartamodelli
  • Conversione in formato AAMA/DXF
  • Realizzazione tele da cartamodello
  • Taglio modello sua carta, cartone e fibrato
  • Inserimento e sviluppo taglie
  • Piazzamento e stampa, trasmissione via internet
  • Digitalizzazione di archivi storici
  • Consulenze specialistiche personalizzate

corso di drappeggi per la moda, course of draping for fashion

Inoltre oltre ai corsi moda, troverete i corsi dulla divulgazione,  i corsi sulla comunicazione (Craft).

E naturalmente i corsi sulla formazione.

Questi i corsi in partenza

 

 PER ESSERE AMMESSI SI RICHIEDE
● Conoscenza di tecniche sartoriali e modellistica (differenti a seconda del corso)
Docenti
Rakele Tondini Responsabile formazione Arti 21, stilista e storica della moda
Alessia Pecchioli Modellista
Simonetta Stoppa Modellista
Valeria Lasalvia Sarta e modellista
Maria Luisa Fontana Modellista
Periodo
Dal 19 febbraio al 30 giugno 2018
Orario serale
Luogo
SPAZIO NOTA, Nuova Officina Toscana Artigianato
Istituto PIO X degli Artigianelli
Via dei Serragli 104
50124 Firenze
A conclusione verrà rilasciato un attestato.

CORSI FASHION

Come utilizzare la taglia e cuci

Come utilizzare la taglia e cuci

Guida ai principi base

Drappeggi complessi per l'abito Haute Couture

Drappeggi complessi per l’abito Haute Couture

Dal figurino al cartamodello di un abito con drappeggi complessi

Rifinire con cura un abito

Rifinire con cura un abito

Asole, cerniere, pieghe ed altri dettagli sartoriali.

Cucito a mano

Cucito a mano

Le tecniche e i loro impieghi

Per tutte le info, gli inizi dei corsi e i costi

 

  • Arti 21 s.r.l.

 

No comments

Bere bene: gli eventi imperdibili di gennaio

gennaio 14th, 2018 | Category: Evento Di Vino,VINO & CO.

events-of-wine-in-Italy, Wine & Siena 2018

Finite le feste, iniziano le manifestazioni legate al buon cibo e al buon bere. Se siete degli appassionati del vino buono e delle birre di qualità, non perdetevi questi eventi di gennaio in tutta Italia.

Eventi di vino a Roma, degustazioni di vino a gennaio

Sabato 20 e domenica 21 gennaio 2018
20/1/2018 – ore 14.00 – 20.00
21/1/2018 – ore 12.00 – 19.00
Radisson Blu Hotel
Via Filippo Turati 18
L’Associazione EnoClub Siena rinnova l’appuntamento con il Sangiovese a Roma, per il settimo anno consecutivo.
Partendo dal nucleo del Sangiovese Toscano, ma indagando e confrontando anche le altre zone italiane. Attraverso i banchi di assaggio e i seminari potremo valutare le diverse declinazioni territoriali (in purezza o con l’apporto di altri autoctoni).
PROGRAMMA
VENERDI 19 gennaio
Aspettando Sangiovese Purosangue al RitroVino – Via Casperia, 33 Roma
VINI DELLA SERATA ORIZZONTALE SANGIOVESE 2010
Rosso di Montalcino San Lorenzo 2010
Rosso di Montalcino La Cerbaiona 2010
Brunello di Montalcino Baricci 2010
Brunello di Montalcino Il Marroneto 2010
Chianti Classico Grosso Sanese Il Palazzino 2010
Chianti Classico Riserva Caparsino Caparsa 2010
e molti altri Sangiovese 2010 dei produttori di Sangiovese Purosangue
MENU’ DELLA SERATA
– Pizzottella di farro integrale biologico con bufala di Amaseno e prosciutto di Assisi
– Lasagna al ragù di Cinta Senese di Mauro Secondi
– Goulasch di manzo con patate
– Crema di mascarpone al Vin Santo e crumble di cantucci
Vini e cena a 65 euro
Il Ritrovino
06 4559 5722
Enoclub Siena
SABATO 20 gennaio
ore 14.00 – Apertura banchi di assaggio
ore 15.30 – Seminario-degustazione sui suoli del Sangiovese: Romagna e Toscana. A cura di Giorgio Melandri e Davide Bonucci – (Degustazione gratuita inclusa nel costo di ingresso. 8 VINI, su prenotazione)
ore 17.30 – Seminario-degustazione vecchie annate 1983-2007. A cura di Davide Bonucci (euro 45, incluso ingresso alla manifestazione)
Domenica 21 gennaio
ore 12.00 – Apertura banchi di assaggio
ore 19.00 – Chiusura banchi di assaggio
eventi di vino a Milano, cosa fare a Milano di lunedì

IO BEVO COSì MILANO

 
 Lunedì 22 Gennaio presso l’Excelsior Hotel Gallia di Milano si terrà la quinta edizione di Io Bevo Così, la più esclusiva manifestazione dedicata ai vini naturali e di terra. L’edizione 2018 segna una svolta fondamentale per la kermesse. Gli ideatori, Andrea Sala e Andrea Pesce, infatti, da quest’anno hanno deciso di puntare sul capoluogo lombardo, organizzando un unico e imperdibile evento, riservato solo agli operatori e alla stampa di settore. Da qui la scelta di una location d’eccezione: a ospitare la degustazione saranno le stupende sale dell’Excelsior Hotel Gallia, il prestigioso 5 stelle del gruppo Luxury Collection nel cuore di Milano, a pochi metri dalla Stazione Centrale.
Domenica 21 Gennaio si terrà, sempre all’Excelsior Hotel Gallia, la cena di gala della manifestazione, un appuntamento ormai consolidato negli anni, volto a rimarcare il fil rouge che lega Io Bevo Così al mondo dell’alta ristorazione. I protagonisti della cena saranno gli chef resident del Gallia, Vincenzo e Antonio Lebano, Davide Caranchini del Ristorante Materia di Cernobbio, vincitore del premio di Giovane dell’anno della Guida ai Ristoranti dell’Espresso 2018, il cuoco greco Alexiou Vassili.Per conoscere gli espositori della manifestazione CLICCA QUI.
 
le migliori birre artigianali italiane, birre buone a Firenze

BIRRAIO DELL’ANNO A FIRENZE DAL 19 AL 21 GENNAIO

Birraio dell’Anno, è l’evento che vedrà protagonisti 25 birrifici selezionati da una giuria di 100 esperti. L’indirizzo è quello dell’ObiHall, di Firenze, che da venerdì 19 a domenica 21 gennaio, si trasformerà nel tempio italiano della birra. Giunto alla nona edizione l’evento vuole essere una “vetrina” per un settore che vanta eccellenze riconosciute e apprezzate a livello internazionale, un doveroso tributo a prodotti artigianali unici nati dalla maestria e dalla creatività dei nostri birrai, che durante la tre giorni saranno presenti all’evento pronti a raccontare la loro passione attraverso le loro birre.

QUI TROVATE TUTTO IL PROGRAMMA E I BIRRIFICI PRESENTI

Eventi di vino a Genova. I migliori vini naturali d'Italia

VINNATUR GENOVA 21 e 22 GENNAIO
VINI NATURALI E CUCINA LIGURE, BINOMIO PERFETTO

Domenica 21 e lunedì 22 gennaio la terza edizione di VinNatur Genova. Non solo un banco d’assaggio, ma cene nei locali del centro

Il terzo fine settimana di gennaio a Genova si berrà naturale. I vini di 70 produttori provenienti da Austria, Francia, Italia e Slovenia e aderenti a VinNatur, l’associazione viticoltori naturali, saranno infatti i protagonisti domenica 21 e lunedì 22 gennaio al Palazzo della Borsa, in Piazza De Ferrari, di un banco d’assaggio dedicato al mondo dei vini naturali. A partire dalle ore 11 e fino alle 19 i visitatori potranno scoprire i vini prodotti con metodi di lavoro che prevedono il minor numero possibile di interventi in vigna e in cantina, e che escludono l’utilizzo di additivi chimici e di manipolazioni da parte dell’uomo. Un’occasione unica di interagire con i produttori stessi, confrontarsi direttamente con loro e per assaggiare i loro vini. Ma sarà anche il momento giusto per scoprire come i vini naturali ben si sposino alla cucina di questo territorio. Nelle serate di domenica e lunedì nei locali del centro storico di Genova, saranno organizzate cene dove i piatti della tradizione culinaria ligure verranno abbinati ai vini naturali.

LOCALI ADERENTI E PRODUTTORI PRESENTI IN DEGUSTAZIONE
(la lista può subire modifiche o aggiornamenti, consultabili sul sito)

DOMENICA SERA

Pizzeria Piuma: Cinque Campi

Forchetta Curiosa: Etnella – Dos Terrias – Marina Palusci

Ai Troeggi: Cantina Collecapretta

Kowalsky: Meggiolaro vini – Cà Lustra

Les Rouges: Tenuta Belvedere – Cascina Roera – Corte Solidale – Rocco di Carpeneto – Rocca Rondinaria

Barbarossa cafè: Natalino del prete – Sauro Maule

Bellabu: La Biancara -Podere Santa Maria – Weingut Heinrich – Piccinin Daniele

Maninvino: Santa 10 – Podere della Bruciata

Tiflis: Carussin – Valli Unite

Il Canneto: Ravarini

Cantine Matteotti: Del Rebene – Santa colomba

Enoclub: Sieman – Elvira

Antica osteria di Ravecca: Fiore podere San Biagio

Locanda Tortuga: Riccardi Reale – Pian del Pino

Teatro di Campo Pisano: Lusenti – Storchi

Officina 34: Terpin

Zupp: Carlo Tanganelli – Filippi, Vini di Luce

E prie rosse: F.lli Barale

Rosso carne: Corte Sant’Alda

Bruxaboschi/braxe: La Renardiere

LUNEDÌ SERA

Maninvino: Masiero vini

Enoteca Sola: Casa Belfi

La Meridiana: La Biancara

Info in breve | VINNATUR GENOVA 2018
Data: Domenica 21 e lunedì 22 gennaio 2018
Orari di apertura: dalle 11 alle 19
Luogo: Palazzo della Borsa – Piazza De Ferrari – Genova
Ingresso: € 15 al giorno come contributo associativo (disponibile solamente all’ingresso dell’evento) comprensivi di guida della manifestazione e calice da degustazione.

le migliori birre di montagna, i rifugi della val di Sole

SnowAle: rifugi in Fermento in Val di Sole

La migliore birra artigianale trentina incontra le specialità della Val di Sole: dieci appuntamenti “frizzanti” nei rifugi a bordo pista della località Malghet Aut, nel cuore di Folgarida, grazie all’apertura straordinaria della cabinovia Belvedere. Ogni giovedì, dal 18 gennaio al 22 marzo, una proposta gastronomica per rilassarsi dopo una giornata trascorsa sugli sci

Dieci vere e proprie esplorazioni gastronomiche alla scoperta dei sapori solandri. Appuntamento in quota ogni giovedì sera, dal 18 gennaio al 22 marzo, nei rifugi della località Malghet Aut, grazie all’apertura serale della cabinovia n.2 Belvedere di Folgarida, che tutti i giovedì fa orario continuato 8.30-19.30 (compreso nello skipass) con rientro serale dalle 22.15 alle 22.45 (acquistabile a parte).

Il tutto accompagnato dalle inconfondibili birre artigianali trentine Km8 (Terres Contà), BirraFon (Fondo), BioNoc (Mezzano Primiero), Pejo e Melchiori (Tres Predaia).

Eventi di vino a Ferrara, cosa fare a Ferrara nel weekend

Evento che si svolgerà all’interno dell’elegante cornice di Palazzo Roverella edificato nel 1508, vedrà l’esposizione di vini provenienti da varie regioni italiane tutti con peculiarità e virtù che saranno svelate.

Durante le due giornate della manifestazione i visitatori avranno la possibilità di degustare ed acquistare i vini presenti.

Nella serata del 20 si avrà l’occasione di conoscere ed approfondire i vini di alcuni produttori del panorama viticolo, abbinandoli a proposte gastronomiche. Durante la cena i vini abbinamento verranno commentati dai produttori.

Cosa fare a Ferrara nel weekend

Ad ospitare i 70 vignaioli provenienti da tutta Italia saranno le splendide sale di residenze rinascimentali incastonate nella storica Ferrara e precisamente Palazzo Poverella e Palazzo Crema. Vi saranno altresì Masterclass di degustazione guidate a cura di Sommelier nelle due giornate.

Orari

Sabato 20 dalle ore 10,00 alle ore 22,00. Domenica 21 dalle ore 10,00 alle ore 20,00.

Per il programma completo http://www.baccoapalazzo.com/

Tariffe

costo biglietto euro 15,00
costo 2 giornate euro 20,00
Biglietto ridotto € 10,00 per soci AIS, ANAG e ADO

 

eVENTO DI VINO A sIENA, SIENA WINE TASTING

WINE & SIENA 27 E 28 GENNAIO

Nella città del Palio, per il terzo anno, torna l’evento di vino, organizzato da The Wine Hunter.

I produttori di vino con i banchi di assaggio, saranno presenti tra:
Palazzo Salimbeni
Grand Hotel Continental Siena/Starhotels Collezione – Via Banchi di Sopra 85
Palazzo Comunale – Piazza del Campo
Palazzo del Rettorato – Via Banchi di Sotto 55

Naturalmente, non mancheranno le eccellenze del cibo.

Programma dal 26 al 28 gennaio

Venerdi 26 gennaio 2018

Auditorium Santa Chiara Lab
10.30 Wine Job – I professionisti al servizio delle eccellenze del territorio

Aula Magna Rettorato Università degli studi di Siena
20.00 Small Plates Dinner

Sabato 27 gennaio 2018

Consorzio Agrario
Showcooking
13.30 Focus sulla Pasta
17.00 Verticale di prosciutto e bollicine
20.00 Chianina di sera

Aula Magna Rettorato Università degli studi di Siena
15.30 Wine Identity – Il valore della sostenibilità

Aula Magna Storica del Rettorato Università degli studi di Siena
14.00-17.00 Masterclasses

Grand Hotel Continental Siena/Starhotles Collezione – Palazzo Comunale di Siena – Rocca Salimbeni
11.00-19.30 Percorsi enogastronomici

Domenica 28 gennaio 2018

Aula Magna Storica del Rettorato Università degli studi di Siena
14.00-17.00 Masterclasses

Grand Hotel Continental Siena/Starhotles Collezione – Palazzo Comunale di Siena – Rocca Salimbeni
11.00-19.30 Percorsi enogastronomici

Prevendita biglietti
Confcommercio Siena – T. 0577 248856
Wein Vino Wine – T. 0577 600392

Ticket online www.wineandsiena.it

Biglietteria durante l’evento Piazza Salimbeni
Informazioni +39 0473 210011 – info@wineandsiena.it

Mi pare che questo gennaio sia cominciato alla grande. Appassionati di vino e di birra di tutta Italia, mi pare che avete l’imbarazzo della scelta. Gli eventi non mancano.

No comments

Siena, corso per diventare Barman e Barlady

gennaio 05th, 2018 | Category: Corsi & Concorsi

Dove fare un corso per barman o barlady

L’arte della mixology, sta vivendo un vero e proprio successo. Lo dimostrano eventi importanti come la “Florence Cocktail Week”, che ogni anno vede Barman e Barlady di grido, sfidarsi a colpi di coktails:

Se la tua aspirazione è diventare Barman o Barlady, a Siena è in partenza un corso professionale.

IL CORSO BARMAN. “L’abc del barman, dalla preparazione al servizio” vuol favorire lo sviluppo di una professionalità spendibile nel mercato del lavoro in qualità di libero professionista, lavoratore autonomo, imprenditore, ma anche di commis di sala, barman o barlady alle dipendenze di pubblici esercizi, aziende della ristorazione o aziende di catering di qualità.

Il percorso formativo avrà una durata complessiva di 220 ore; le lezioni, in programma nell’aula barman di Cescot Siena,  inizieranno nel mese di Gennaio 2018 e termineranno per la fine del mese di Marzo 2018 con l’esame finale.

Per maggiori informazioni o iscrizioni:

Agenzia Cescot Siena Tel 0577 252265

 formazione@confesercenti.siena.it

 www.cescot.siena.it.

No comments

Bando di concorso ‘Il giardino della Sport Therapy’

 

progetto Sport Therapy’, concorsi a Milano

Voglio iniziare questo 2018 con un post che parla di giardinaggio. Visto che è il mio mestiere primario, sono contenta di scrivere di questo bando di concorso, nato per una giusta causa.

Myplant & Garden e Fondazione Minoprio indicono un concorso creativo al fine di valorizzare opere di progettisti e operatori che lavorano nel settore della progettazione, realizzazione e conservazione dei giardini e del paesaggio.

concorso per paesaggisti del verde, competition for green landscapers

l giardino pensile di una struttura ospedaliera dedicata alle cure delle leucemie infantili a Monza (MB) diventerà una palestra a cielo aperto per ampliare i programmi di ‘Sport Therapy’”, è questo il tema del bando di concorso.

L’area oggetto del concorso, coordinato dall’arch. Umberto Andolfato (AIAPP), è sita all’interno del Centro Maria Letizia Verga per lo Studio e la Cura della Leucemia del Bambino, a Monza (MB).

Il bando di concorso è aperto a progettisti del verde (architetti, agronomi, paesaggisti, garden designers, vivaisti, artisti), in forma singola o associata. La partecipazione al concorso è gratuita.

Il progetto dovrà prevedere l’articolazione dello spazio esterno tenendo presente le seguenti esigenze:

  • il progetto del giardino pensile dovrà prevedere la sistemazione dell’area perimetrale, oggetto del concorso, con piantumazioni o mascherature (camouflage) che vadano a coprire la vista dei macchinari presenti in alcune zone della copertura;
  • la creazione di zone che possano accogliere le attività fisiche e non solo, descritte nell’allegato al bando “SPORT THERAPY”;
  • la realizzazione di aree ombreggiate;
  • la possibilità che l’area venga utilizzata per ospitare eventi ufficiali;
  • le attrezzature, gli arredi, le piantumazioni e le eventuali opere impiantistiche, devono tenere presente che trattasi di un giardino pensile.

l progetto del giardino pensile, giardini pensili a Milano

Scadenze:

Iscrizione: entro il 14 gennaio 2018
Invio elaborati: entro il 2 febbraio 2018
Comunicazione del progetto selezionato: entro il 13 febbraio 2018
Invio impegno di accettazione per la realizzazione dell’allestimento: entro il 16 febbraio 2018
Inaugurazione e premiazione dei progettisti: durante la manifestazione di Myplant&Garden (21-23 febbraio 2018)
Realizzazione dell’allestimento: ottobre 2018

Clicca qui per scaricare il bando di concorso

No comments

Siena: Lorenzo Cini e la rinascita del modellismo alla stazione ferroviaria

il plastico ferroviario della stazione di Siena

C’è chi la magia la trova attraversando il binario 9 & 3/4, e chi invece la trova tra i binari 2 e 3 della stazione ferroviaria di Siena. Non c’è bisogno di andare ad Hogwarts per vedere Harry Potter, quando un mago ce lo abbiamo anche a Siena e si chiama Lorenzo Cini, il mago del plastico feroviario.

plastico ferroviario, plastic model

La passione per il modellismo, ha portato Lorenzo Cini, a ridare vita al plastico della stazione di Siena, creando un capolavoro, per chi ama andare per treni e stazioni.

che treni usare per un plastico ferroviario

Una passione che ha preso forma anni fa: da piccolo lo portavano in stazione a vedere i treni, poi il passo come volontario sul Treno Natura, il sogno realizzato di essere assunto in ferrovia, i preziosi consigli di Giancarlo Palazzi (il presepista), che lo ha spronato a dare nuova vita al plastico.

E così piano piano, con tanta pazienza e sacrifici, il sogno si è trasformato in realtà: sono stati rifatti i binari, i circuiti elettrici, i paesaggi e comprati i trenini elettrici. Si possono vedere in funzione il Treno Natura, il treno merci, il Frecciarossa, i treni regionali, le littorine a gasolio e tante altre meraviglie.

dove trovare case e arredi urbani per plastico

Un lavoro certosino e di pazienza, dove hanno preso parte anche altri giovani ragazzi, amici di Lorenzo:  Lorenzo Marrucci, Andrea Gentile l “apprendista” che  ha aiutato Cini durante i lavori e che dopo tanto tribolare finalmente è riuscito a far girare il suo D 445 1025 con i vetri curvi di casa Oskar, Francesco Redi, per la sua infinita pazienza e collaborazione nella progettazione e, Gabriele Migliorini, che ha fatto circolare le ALe 601 e con la sua maestria ha fatto girare bene tutti gli altri treni.

Stefania Pianigiani

La Trenista, quest’anno ha festeggiato in modo speciale i suoi trent’anni di treno: presentando il libro di Enrico Menduni “Andare per treni e stazioni” e vedere finalmente in funzione il plastico ferroviario della stazione di Siena.

treni per modellismo

Se non fossi andata a trovare Giancarlo Palazzi, al binario 1, per vedere le novità del presepe, non avrei scoperto questa cosa.

quanto costa un plastico ferroviario, how much does a railway model cost?

Questo è davvero un atto d’amore verso i treni, il modellismo, e la stazione di Siena.

il plastico della stazione di Siena

Non avete idea di quanto è complicato far girare un treno, di quanti fili sono stati aggiuntati per dare la corrente.

macchina di comando

Mettetevi in contatto con Lorenzo, e andate a vedere questa meraviglia.

andare per treni e stazioni

Ringrazio mio cugino Andrea Pagliantini per questa foto, che mi ritrae insieme a Lorenzo, e per il suo articolo sul plastico.

Dove portare i bambini a Siena quando piove

La prossima occasione per vedere in funzione il plastico ferroviario è per la Befana: sabato 6 gennaio, Lorenzo Cini, dalle 16 alle 19, sarà al binario 2 a far muovere i treni, mentre se volete vederlo in funzine in altra occasione, basta prendere un appuntamento, scrivendo sulla Pagina Fb.

No comments

Le novità del presepe della stazione di Siena

Cosa fare a Siena per le vacanze di Natale, What to do in Siena for the Christmas holidays

Ad agosto, dopo il Palio, a Siena, c’è chi va in vacanza al mare, e c’è chi invece pensa al Natale. E’ il caso dei volontari del Presepio della Ferrovia Val D’Orcia, capitanati da Giancarlo Palazzi, che ogni anno a mezza estate, cominciano a pensare alle novità del presepe della stazione di Siena.

presepe della stazione di Siena

Ne avevo pralato già qualche tempo fa del presepe meccanico, ma l’altra sera sono tornata di nuovo al binario 1 della stazione di Siena, per vedere cosa avevano combinato Giancalo Palazzi, Fabrizio Bonechi e compagnia bella.

l'inventore del presepe della stazione di Siena

Di nuovo vi dico che dovete scovare la Piazza del Campo salutata da angeli cantanti, ammirare la nuova cinta muraria del presepe con il ponte levatoio che si alza e…

Non vi dico di più. Sta a voi cercare le novità, sentirvi parte della scena, perdervi nel blu della notte, vedere l’alba far capolino, perdervi in questo atto creativo.

I movimenti delle statue sono 270, e si contano oltre quattrocento effetti speciali, che vanno dalla neve, ai fulmini, alla musica, e ai vari tipi di illuminazione. Roba da restare a bocca aperta.

Giancarlo Palazzi e il presepe alla stazione ferroviaria di Siena

E’ questa la magia del presesepe della stazione di Siena, che ogni hanno attrae, grandi e piccini, a vedere, un’opera di ingegneria meccanica artistica.

Il presepe meccanico è visitabile per tutto il periodo natalizio e non solo. Infatti i volontari del Presepe della stazione di Siena, lo possono aprire in qualsiasi momento dell’anno su prenotazione. Immaginatevi la scena, fare una sorpresa ai vostri bambini, portandoli a Siena in treno, farli scendere alla stazione, e fargli vedere il presepe e addirittura il plastico con i treni in funzione!

Siena, ha una stazione speciale: oltre ad andare in treno per stazioni, quì c’è la mano di grandi artigiani appassionati di modellismo, che si tramandano questa arte di generazione in generazione. Non lo dimenticate.

I presepi da vedere in Italia

Gli orari per vedere il presepe della stazione di Siena, al binario 1 sono:

Tutti i giorni fino al 7 gennaio dalle 10.30 alle 12.15 e dalle 15.30 alle 19.00.

Se invece volete vedere il presepe, in un altro periodeo dell’anno, va prenotata la visita al numero 3388992577.

Buone Feste, cari lettori del blog.

1 comment

Pagina successiva »