Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Premio Laudemio 2018, la tappa fiorentina alla Bottega del Buon Caffè

aprile 03rd, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,MANGIARE FUORI

La Bottega del Buon Caffè Firenze, ristorante stellato, Premio Laudemio

Dopo il vino, l’Olio Extra Vergine di Oliva  in Toscana è l’altro alimento importante. Dopo la vittoria dello scorso anno di Salvatore Bianco, chef del Ristorante Il Comandante di Napoli) torna il Premio Laudemio, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’olio extravergine di oliva Laudemio nella cucina di importanti chef.

Chi è Laudemio? Nel Medioevo il laudemio era il fiore del raccolto, la parte destinata alla tavola del signore. Laudemio nasce a metà degli anni Ottanta, quando una compagine di agricoltori lungimiranti, custodi di alcuni fra i più nobili cru olivicoli della regione, si strinse in un pionieristico patto per l’eccellenza produttiva, in grande anticipo sulla legislazione nazionale ed europea. Un patto, oggi come allora, improntato a regole ferree e a un rigido controllo di qualità.

Premio Laudemio 2018 Tappa di Firenze Antinori-Frescobaldi

La tappa fiorentina, si è svolta nel Ristorante La Bottega del Buon Caffè, a Firenze, dove lo chef Antonello Sardi ha interpretato il Laudemio di Frescobaldi,  Marchesi Antinori e Fattoria Petrolo, in un menu intrigante, dove l’olio è stato il grande protagonista dei piatti.

Le ricette di Antonello Sardi della Bottega del Buon Caffè a Firenze

Antonello Sardi, fiorentino, ha iniziato il suo percorso in cucina prima cucinando per gli amici, poi facendosi le ossa in varie trattorie di Firenze, fino ad arrivare alla corte di Enrico Bartolini a Milano; con lui ha fatto un paio di anni in Val D’Orcia, fino a tornare di nuovo a Firenze, questa volta alla  guida della Bottega del Buon Caffè, in  Lungarno Benvenuto Cellini 69r, ristorante che vanta una stella Michelin.

The recipes of Antonello Sardi of the Bottega del Buon Caffè in Florence

Scopriamo cosa è uscito dal cilindro di Sardi, per il Premio Laudemio: per l’antipasto, il Laudemio dei Marchesi Antinori si è trasformato in polvere per il crudo di gamberi rossi e erbe aromatiche, ed è stato anche il “ripieno” della pasta, le barchette alle cime di rapa.

Per il secondo piatto è entrato in scena il Laudemio Frescobaldi, che ha avvolto la sogliola del Mediterraneo in due consistenze. La Fattoria di Petrolo e il suo Laudemio, sono stati rivisitati per un insolita crème brûlée. Ad accompagnare la cena, e i voti dei giurati i vini di Frescobaldi.

Olio prodotto da Frescobaldi, Ristoranti stellati a Firenze

Anche questa edizione del concorso è presieduta da Fausto Arrighi, ex Direttore della Guida Michelin, e prevede otto “tappe” in altrettanti e prestigiosi ristoranti italiani.

Premio Laudemio 2018 Frescobaldi La Bottega del Buon Caffè a Firenze

Partito da Milano a Febbraio con il Ristorante Sadler guidato dallo chef Claudio Sadler; a  Marzo ha fatto prima tappa in Toscana, terra natale del Laudemio, nel Ristorante La Bottega del Buon Caffè, a Firenze, dallo chef Antonello Sardi;  poi a Roma dallo chef Adriano Baldassarre, del Ristorante Tordomatto.
L’11 aprile si torna a Milano con lo chef Luigi Taglienti, del Ristorante Lume. Per la quinta tappa il 9 maggio si andrà in provincia di Verona al Ristorante Degusto di San Bonifacio, guidato dallo chef Matteo Grandi, mentre per la sesta tappa il Laudemio approderà a Torino il 23 maggio al Ristorante Carignano dello chef Fabrizio Tesse.
La penultima tappa si svolgerà il 15 giugno nella Serenissima al Ristorante Glam dello chef Enrico Bartolini che a Donato Ascani ha affidato il ruolo di Chef Resident.
Il tour del Laudemio si concluderà il 20 giugno a Roma al Ristorante Mater Terrae guidato dallo chef Ettore Moliteo con la supervisione dello chef Pietro Leemann.

Al termine delle otto tappe verranno individuati tre chef finalisti con i tre piatti (antipasto, primo piatto e secondo piatto) che avranno totalizzato il miglior punteggio. I tre finalisti verranno chiamati a preparare le rispettive creazioni in occasione di una cena di gala che vedrà la giuria eleggere il vincitore assoluto della seconda edizione del contest.
Un premio speciale verrà assegnato allo chef che (fra gli otto in gara) avrà proposto il miglior dessert, sempre, ovviamente, a base di Laudemio.

Chi sarà il vincitore del Premio Laudemio 2018? Si accettano scommesse.

No comments

Tommaso Vatti della Pergola di Radicondoli è il “Pizzaiolo dell’Olio”.

Dove mangiare la pizza buona a Siena e dintorni, Where to eat good pizza in Siena and surroundings

Se Il Premio Magnifico 2018 è andato alla Monocultivar Coratina dell’azienda Intini, un olio dal fruttato intenso con spiccati sentori verdi e vegetali, armonioso e persistente al palato, fa piacere che l’Airo, abbia dato il Premio di Pizzaiolo dell’Olio, a qualcuno delle Terre di Siena.

L’associazione italiana ristoratori dell’olio per il lavoro di ricerca e utilizzo degli oli in cucina conferisce il premio come Pizzaiolo dell’Olio AIRO 2018  a Tommaso Vatti de  La Pergola di Radicondoli.

  • margherita pizza with Petra flour
  • Leggendo la guida delle Pizzerie 2018 del Gambero Rosso, Tommaso Vatti, è uno dei pizzaioli-paladini delle Terre di Siena.
  • Dove mangiare bene a Radicondoli, Where to eat well in Radicondoli
  • Siamo stati a trovarlo insieme alla Condotta Slow Food di Siena, e per l’occasione ha abbinato le sue pizze ai presidi Slow Food.
  • Dalle sue mani, sono uscite la pizza fritta con la Mortadella di Prato, la pizza in padellino con burrata e Prosciutto Bazzone, la pizza in pala con controfiletto di razza maremmana e altre meraviglie.
  • Pizza buona in Valdelsa, Good pizza in Valdelsa
  • L’impasto con farine selezionate, la ricerca dei prodotti, la pazienza e l’umiltà, sono i segreti della sua pizza. La “pasta madre viva” è fatta con farine integrali e di tipo 1 e come dice Tommaso, le sue pizze sono “condivisibili per natura”.
  • wood oven for pizza
  • Giungere a Radicondoli, ne vale la pena: come ama sottolineare Tommaso, non è stato semplice arrivare a questo livello con la pizza, ma se l’impegno viene da uno che fin da piccolo faceva il giropizza con il fratello e i genitori, anticipando le mode, c’è da dire che la tenacia e la curiosità sul cibo è stata premiata.
  • crushed with Mortadella di Prato
  • Insieme a Tommaso alla Pergola, ci sono la moglie Silvia Rossetti, il fratello Ghigo e la mamma Velia, (che si cimenta con tortelli al ragù e altre prelibatezze).
  • Dove manigare la pizza buona in Toscana, Where to eat good pizza in Tuscany
  • Poi vi segnalo che venerdì 23 marzo ci sarà una cena speciale insieme a Adriano Antonelli del ristorante Il Campaccio di Siena.
  • Tommaso Vatti ci tiene a dire che  appena gli  è stata data l’occasione di provare e sviluppare la farina Evolutiva la nuova proposta del Molino Quaglia,  ha voluto fortemente condividerla con chi la cucina se la sente veramente cucita sulla pelle. Adriano svilupperà le farcitura di tre pizze con strutture diverse presentando sulle quali la sua maestria tra i fornelli, un’antipasto creato con la farina Evolutiva e il dessert.
  • La Pergola
    via Garibaldi n 22
    53030 Radicondoli (Siena)
    Tel   0577 790717
No comments

Siena: Il Particolare dell’Acquerello

ricette con riso Acquerello , recipes with Watercolor rice

Tutti quelli che a un certo punto della loro esistenza hanno trovato una loro identità, lo sanno.

Chi si cimenta con un “Acquerello Particolare“, sa quale è l’emozione che si prova nell’istante in cui il riso e l’ingrediente si abbracciano, l’ingrediente entra dentro lo chef, e la materia diventa un tutt’uno.

Questa la sintesi de “I sogni del Particolare“, la cena gourmet che si è tenuta a Siena, con il tema “Cinque sfumature di Acquerello“.

Acquerello particolare, serata gourmet

La serata gourmet ha reso omaggio a una delle eccellenze del Made in Italy, il Riso Acquerello, attraverso le creazioni inedite proposte dallo chef del ristorante Particolare di Siena Daniel Calosci, dalla chef stellata Katia Maccari, da Augusto Valzelli, già Stella Michelin e da Emanuele Donalisio, gota dei giovani ristoratori d’Europa.

vini di Brolio, Barone Ricasoli, Toscana, wines of Brolio, Barone Ricasoli, Tuscany

Un menù gourmet che ha sposato i sapori del territorio anche attraverso gli abbinamenti appositamente selezionati tra i calici della storica e prestigiosa cantina Barone Ricasoli: Torricella IGT 2015, Brolio Bettino Chianti Classico 2015, Castello  di Brolio Vinsanto e lo Champagne Maison Besserat de Bellefon.

Finger Food Particolare con Riso Acquerello, Finger Food Detail with Watercolor Rice

Il “benvenuto” è una piccola sorpresa, con il salmone abbinato a una delicata maionese al bergamotto.

ombrina e cialda di riso

 Cialda di riso al nero di seppia di Emanuele Donalisio, chef ventimigliese che è uno delle sole 4 “new entry” italiane accolte nell’esclusiva associazione Jeunes Restaurateur d’Europe; è proprio il caso di definirla “Al di là del riso”, questo delicato filetto di ombrina affumicato alla brace di ulivo, con nuvola croccante di riso, cremoso al wasaby e soia e il tocco femminile della cipria di barbabietola.

risotto con gamberi e zafferano,risotto with shrimp and saffron

Non chiamatelo solo risotto, il piatto proposto da Augusto Valzelli, classe 1991, diventato nel novembre del 2015 a soli 23 anni il più giovane chef stellato d’Europa. Il suo è un omaggio alla Milano-Sanremo, con il riso Acquerello invecchiato, i gamberi rossi di San Remo, polvere di liquirizia e zafferano.

Monumentale il coniglio karkadè e radici (foto di apertura) dello chef del Ristorante Particolare di Siena, Daniel Calosci.Il suo “senti come ziga” è un omaggio alle preziose gemme che madre natura regala, le radici, che ben si sposano con il karkadè arricchendo il coniglio e rendendolo ancora più goloso con l’arancino di riso.

Riso Acquerello al ristorante Particolare di Siena

Piero Rondolino, patron di Riso Acquerello: il menù inedito preparato dagli chef, è stato pensato per restituire a tavola il gusto unico della Riserva Acquerello invecchiata 7 anni.

Acquerello Particolare a Siena

 Raffaella Giglioni, Marco Gagliardi, Gianluigi Giglioni e Sonia Stante, padroni di casa del Particolare di Siena, hanno ideato la serata gustosa, e sono riusciti nell’intento che per una sera, Siena sia stata il capoluogo dell’eccellenza, abbinando materie prime di valore a chef di alto livello. Un’impresa ben riuscita.

Barone Francesco Ricasoli Brolio

Francesco Ricasoli, 32esimo Barone di Brolio.

torta di riso Acquerello ricetta, Rice cake Watercolor recipe

Per chiudere in dolcezza la serata Katia Maccari, chef stellato e volto noto della ‘Prova del cuoco’ di Rai Uno, ha portato in scena la sua torta di riso con gelato al frutto della passione e cioccolato al latte con crema al rhum. La “passione del riso” è stata un trionfo di Acquerello Particolare.

Cinque sfumature di Acquerello Siena

Tutti i protagonisti della serata che se all’inizio non si vedevano perché erano in cucina oppure in altre sale, si sentivano nei piatti, nei bicchieri, tutti gli elementi erano al suo posto. Il riso di Rondolino insieme ai vini di Brolio, sono stati quasi un’inondazione, quasi una febbre di gusto e sapore che ha pervaso chef e commensali, quando rendono omaggio a grandi eccellenze.

Il viaggio delle colombe libro

Gran finale con la ‘Colomba dell’Arrivederci’: dolce al gusto di caffè ideato dalla chef stellata Katia Maccari, realizzato dal maestro pasticcere Giancarlo Maistrello, protagonista anche del volume ‘Il viaggio delle colombe’ di Nieva Zanco. Il libro racconta dieci storie brevi legate alle origini storiche e leggendarie del dolce pasquale e raccoglie le ricette speciali, realizzate da tre chef stellati.

Il ristorante Particolare di Siena si trova in Via Baldassarre Peruzzi, n. 26 a Siena.

Aperto  tutti i giorni dalle ore 12:30 alle 14:30 e dalle 19:30 alle 22:30.

TEL: 0577 1793209

MAIL: info@particolaredisiena.com

No comments

Al Pont de Ferr di Milano con la cucina di Ivan Milani

dove mangiare bene sui Navigli, where to eat well on the Navigli

Sembra ieri che ho preso apposta il treno per andare a mangiare Al Pont de Ferr a Milano. Sono passati quasi otto anni, e da quel sabato qualcosa è cambiato, qualcosa è sempre al suo posto.

Perdomo ha fatto la sua strada, Maida Mercuri, prosegue per la sua via, continuando ad avere fiuto, e accogliendo ai fornelli del ristorante lo chef Ivan Milani. Trecentosessantacinque giorni all’anno o poco meno, da questa cucina escono piatti non finti, oppure immaginati, ma veri, reali, idee che scorrono in fretta e che si concretizzano.

ristorante a Milano zona Navigli Porta Genova, Milan restaurant in the Navigli Porta Genova area

E questa volta mi sono ritrovata di nuovo un sabato a pranzo sui Navigli e come in “Un romantico a Milano”, nella vita, come nella cucina non ha senso guardarsi indietro. Si può rivivere un ricordo, ma anche decidere di affidarsi totalmente al futuro.

cipolla caramellata Al Pont de Ferr Milano

La Cipolla rossa di zucchero soffiato, ripiena di formaggio di capra, cipolla caramellata su pane al sesamo, è sempre li, e io non me la sono fatta sfuggire. E’ stato un piacere, ricordarla, con qualche anno in più, ma rimane sempre un piatto affascinante.

i risotti di Ivan Milani

E vogliamo parlare di risotto? Quello con gorgonzola e nocciole è molto delicato, se volete osare c’è IL PICCIONE VIAGGIATORE: risotto con piccione, grue di cacao, profumo di rhum, ma se volete davvero uscire con qualcosa di unico, fate fare allo chef. Come un pittore nella sua bottega, Milani vi sfodererà ricci, cagliata del Pont de Ferr e lime. Pennellate di sapori che non vi deluderanno.

il miglior ristorante dei Navigli, the best restaurant in the Navigli

La pasta fatta in casa è gioia pura, SE MILANO AVESSE IL MARE: ravioli al nero di seppia ripieni di pesce, ma se vi accontentate della campagna, i tortelli ripieni di magro, hanno il suo perché.

La formula del lunch può essere semplice, e vi vedrete servire sarde fritte o faraona e cavolfiore,  ma se volete addentrarvi nella terra, c’è FUORI DAL BOSCO: cervo in tartare, filetto e carré con talli d’aglio e crauti fermentati, oppure TERRA FERTILE: radici, terra di malto, purè di patate ratte, cren, rabarbaro.mela caramellata e gellato alla frolla

Caro, scriverò sulle tovaglie dei Navigli, quanta gioia, quanti giorni, quanti sbagli, quanto freddo nei polmoni, ma che piacere, tornare Al Pont de Ferr, e chiudere in dolcezza con la tarte tatin caramellata e il gelato di pasta frolla.

AL PONT DE FERR

Ripa di Porta Ticinese, 55

Naviglio Grande

Milano
Tel  02 89406277

 

No comments

Symposium, bere insieme a Borgo Sirah

gennaio 03rd, 2018 | Category: Evento Di Vino,MANGIARE FUORI,TOSCANA,VINO & CO.

symposium, le degustazioni di Giampiero Pulcini

Non c’è cosa migliore che iniziare il nuovo anno con una serie di belle iniziative, dedicate all’enogastronomia di qualità.

LOsteria Borgo Syrah, a Cortona, parte di Tenimenti d’Alessandro, ha in programma una serie di appuntamenti pensati per chi ama il vino e la buona cucina.

Fino a giugno, ci sarano serate conviviali, cene e conversazioni, in un luogo – Osteria Borgo Syrah – che vuole mantenere il fascino e l’informalità proprio dell’osteria, portando in tavola proposte originali che raccontano la “toscanità” in chiave intima e personale.

Le degustazioni di Giampiero Pulcini

Symposium – Bere insieme è un calendario di incontri che vede protagonista la cucina, il vino e i racconti sugli uomini che ne sono fautori.

A condurre le serate è Giampiero Pulcini, divulgatore indipendente che ha all’attivo diverse collaborazioni tra cui quella con Porthos, Enogea e Accademia degli Alterati di Fabio Rizzari.

resort di lusso a Cortona, in Toscana, luxury resort in Cortona, Tuscany

Protagonisti saranno i vini di amici e i vini per gli amici, quelli che si vogliono condividere con persone care e appassionate: ed è così che è nato questo progetto, da una “sbicchierata” fra amici, seduti intorno ad un tavolo in una serata di dicembre, proprio a Osteria Borgo Syrah.

L’Osteria è un luogo in cui si amalgamano gastronomia contemporanea, convivialità e una carta dei vini che è un viaggio attraverso l’Europa (e non solo) alla ricerca di produttori virtuosi.

Dove mangiare bene a Cortona, Where to eat well in Cortona

SYMPOSIUM – BERE INSIEME Cene e conversazioni

Le prossime cene in programma all‘Osteria Borgo Sirah:

19 gennaio 2018 | Montevertine b-sides

23 febbraio 2018 | Il Rossese di Dolceacqua

23 marzo 2018 | La purezza del bianco

27 aprile 2018 | I colori del rosato

25 maggio 2018 | Gli Champagne artigianali

29 giugno 2018 | Classica e ancestrale, rifermentazioni a confronto

Per i partecipanti alle serate sono previste tariffe agevolate sul pernottamento presso il Resort Borgo Syrah, adiacente all’Osteria, con accesso alla Spa dalle ore 16:00 alle 20:00.

Info e prenotazioni: resort@tenimentidalessandro.it | 0575 618667

Osteria Borgo Sirah

Aperta a pranzo e cena dalle 12.00 alle 15.00 e dalle 19.00 alle 22.00
Chiusi il lunedì – Tel. 0575 618636

 
No comments

Firenze e dintorni: 5 cene speciali da segnare in agenda

dove mangiare a Firenze

Firenze e i suoi dintorni, stanno vivendo un periodo d’oro tra nuove aperture, eventi a quattro mani e nuovi menu nei ristoranti. Ecco una piccola selezione di cene a Firenze e dintorni, davvero imperdibili.

dove mangiare qualcosa di veloce a FirenzeMERCOLEDì 29 NOVEMBRE

JOHNNY BRUSCHETTA

Mercoledì 29, invece, in collaborazione con Prinz e con un’ospite di eccezione dietro al bancone, Sabrina Gallori, barlady e brand ambassador di Prinz, in calendario la serata “I love Johnny” con il cocktail Love is in the air a base di gin Gordon, cordial lime, bergamotto ed infuso alla rosa che sposerà la bruschetta Pietrasanta con salmone norvegese, crema all’erba cipollina, lattuga e glassa di balsamico, il tutto condito con musica pop anni 70’/’80.

Mercoledì 6 dicembre una serata a tutto gin, con la possibilità di degustare varie tipologie di un distillato sempre più amato e popolare. Nel bicchiere, proposto con la bruschetta Pienza con melanzane, zucchine peperoni grigliati e fonduta di pecorino il drink John…NY Collins con gin, succo di limone, sciroppo, soda ed angostura, questa volta a ritmo di musica anni 20/40.

Mercoledì 13, invece, per augurare buon Natale ai partecipanti, l’appuntamento sarà dedicato al vermuth: anche in questa occasione sarà possibile degustare vari tipi di vermuth, oltre a provare l’abbinamento tra il cocktail L’opposto con Vermuth rosso, bitter campari, prosecco ed angostura e la bruschetta Kebab alla Toscana con arrosto di scamerita, cipolla stufata e yogurt alla menta. Il ritmo, per questa data, sarà scandito da musica italiana, con una selezione dei migliori dischi nazionali.

Per le serate il costo dell’abbinamento cocktail più bruschetta da 20 cm sarà di 10 euro.

ogni mercoledì, una serata dedicata all’arte del pairing animerà l’area bar di Johnny Bruschetta,

con un abbraccio tra spirits, bruschette e musica

Johnny Bruschetta – via de’ Macci 77/r – Firenze

 

pizza gourmet di Paolo Pannacci

GIOVEDì 30 NOVEMBRE

La Mixology di Four Seasons Firenze arriva nel Chianti

 Le PIZZE ideate dall’incontro tra la cucina di Vito Mollica e gli impasti di Paolo Pannacci
incontrano i COCKTAIL di Edoardo Sandri di Four Seasons Firenze

 Giovedì 30 novembre Lo Spela presenta Pizza e Cocktail con Edoardo Sandri, Master Mixologist dell’Atrium bar di Four Seasons Firenze, e VKA, la prima vodka 100% toscana, per una serata all’insegna del pairing tra cocktail e pizza.

la mixology del four seasons di Firenze

Menù – LE FOUR SEASONS

 

Primavera della Gherardesca

Pizza: farina di canapa / giardino fiorito / fonduta

Cocktail: VKA, Vermut dry La Canellese, succo di lime, ginger beer, polvere di capperi, Fiori edibili.

Estate romana

Pizza: farina di farro / cacio e pepe /crema di gamberi / calamari.

Cocktail: VKA, bloody mary mix, spuma di bufala, origano, basilico, olio.

Autunno del Bosco

Pizza: semi e cereali / carpaccio di cervo cotto a bassa temperatura 7 crema di castagne / muschio di broccoli.

Cocktail: VKA, Vermut chinato La Canellese, lambrusco Allegria Grasparossa di Castel vetro, bitter al cioccolato.

Inverno lucano

Pizza: impasto con acqua di pomodoro / borzillo / butirri / zafarani cruschi.

Cocktail: VKA, Vermut bianco la Canellese, colatura di alici, acqua tonica, essenza di pepe nero.


TUTTI I COCKTAIL SONO STATI IDEATI IN COLLABORAZIONE CON VKA – VODKA BIOLOGICA TOSCANA


19.30 aperitivo con Edoardo Sandri e Paolo Pannacci – 20.00 inizio Cena


INFO E PRENOTAZIONI: tel. 055.850787 – info@lospela.it


* Evento a prenotazione – Tavoli conviviali – 30 euro € con degustazione cocktail, acqua, caffè e piccolo dessert compresi

 

 

dove cenare a Firenze, where to dine in florence

VENERDì 1 DICEMBRE

The Reds & The White

Venerdì 1 Dicembre 2017

The Reds & The White al Four Seasons di Firenze

Grandi Sapori e Profumi

L’eccellenza e l’eleganza dei grandi rossi toscani incontra sua mestà il tartufo bianco in una serata unica. Cena con menù esclusivo creato dallo Chef stellato Vito Mollica in abbinamento ai pregiati tartufi bianchi di Savini Tartufi, con la partecipazione di Elisabetta Geppetti e dei migliori vini di Fattoria Le Pupille.

EURO 170 A PERSONA (vini inclusi e tavoli conviviali) 

Per prenotazioni: 055 2626450;
ilpalagio@fourseasons.com
Cene speciali a la Tenda Rossa
IN MESCITA A BICCHIERE I GRANDI VINI DEL MONDO al ristorante LA TENDA ROSSA.

La filosofia del “wine sharing” ossia la preziosa bottiglia sarà condivisa tra tavoli che non si conoscono e al tuo tavolo puoi avere anche solo 1 bicchiere – solo su prenotazione e pagamento anticipato.

INFO E CONDIZIONI
• non è obbligatoria la vendita a tutto il tavolo – puoi comprare anche solo 1 bicchiere
• se bottiglia da 0,75 cl. sarà divisa in 6 bicchieri (120 ml. ciascuno)
• se magnum da 1,5 L sarà diviso in 12 bicchieri (120 ml. ciascuno)
• conferma della prenotazione solo al raggiungimento del numero di tutti i bicchieri venduti
• la vendita si intende per il solo bicchiere quindi non c’è un menù abbinato ma si può scegliere dal menù del giorno quello che preferisce.

1 dicembre Cena degustazione con Silvana e Cora
dell’azienda friulana LE DUE TERRE

ECHEZEAUX DRC 2007 ⇒ sabato 2 dicembre  → euro 460
MARGAUX 1995 ⇒ giovedì 7 dicembre  → euro 180
MASSETO 2001 ⇒ sabato 16 dicembre  →  euro 140
DOM PERIGNON magnum 1992 ⇒ sabato 23 dicembre  →  euro 50
CHATEAU CHEVAL BLANC 1986 ⇒ venerdì 29 dicembre  →  euro 150

la tenda rossa-prenota grigio

solo su prenotazione ♠ info@latendarossa.it | 055 826132
inviaci una mail per ricevere i prezzi e disponibilità

abbinare il pesce alla grappa<h3 “”=”” id=”yui_3_16_0_ym19_1_1511804754970_6660″>IN MESCITA A BICCHIERE I GRANDI VINI DEL MONDO<h3 “”=”” id=”yui_3_16_0_ym19_1_1511804754970_6660″>IN MESCITA A BICCHIERE I GRANDI VINI DEL MONDO
MERCOLEDì 6 DICEMBRE

Al ristorante Konnubio a Firenze una serata dedicata al pesce ed alle preziose etichette dell’Istituto Tutela della Grappa del Trentino

 

Mercoledì 6 dicembre dalle ore 20.30

Ristorante Konnubio – Chef Beatrice Segoni

Via dei Conti 8R – Firenze

Ogni piatto sarà abbinato ad un vino e ad una grappa

Tartar di ricciola con spaghetti di grappa e porcini marinati

Tortello di baccalà mantecato alla grappa

Trancio di storione marinato alla grappa ed agrumi con carciofi fritti e non

Semifreddo alla grappa, crumble di spezie e sorbetto di pere e zenzero

Acqua, vino, grappe in abbinamento e caffè – 50 euro

gli-eventi-di-obica
Obicà, il primo Mozzarella Bar al mondo, ha in serbo gustose sorprese per il mese dicembre. Prima tra tutte il nuovo Speciale del Mese che punta sull’assoluta qualità delSalmone Selvaggio, ingrediente raffinato, appetitoso, con tante proprietà benefiche. Un omaggio alla tradizione natalizia, che
vede il salmone protagonista sulla tavola degli italiani.
Nella calda atmosfera del Mozzarella Bar è possibile assaporare la
bontà del Salmone Affumicato, all’interno di tre piatti eleganti e sfziosi al tempo stesso, quali:
Tagliolini Freschi all’Uovo con Salmone Affumicato, Limone,
Aneto e Salsa allo Yogurt
Pizza con Mozzarella di Bufala Affumicata, Salmone Affumicato,
Stracciatella Pugliese, Limone e Aneto
Obicà
Via de’ Tornabuoni, 16,  Firenze
No comments

Bye Bye Venezia, il Mercato Centrale di Firenze saluta la Serenissima con una grande festa

ottobre 25th, 2017 | Category: Cibo Chef e Cuochi,EVENTI,Eventi di Cibo e Spettacolo

 

dove mangiare a venezia vicino alla stazione, where to eat in venice near the station

Come passa veloce il tempo. Pare ieri di quando ho scritto qui dell’arrivo del Mercato Centrale di Firenze in Tour a Venezia, che è gia tempo di fare la festa di chiusura della stagione.

L’avventura a Venezia termina con una grande festa sabato 28 Ottobre 2017: durante l’estate il mercato in movimento ha allietato la piazzetta interna della stazione Santa Lucia di Venezia accogliendo tanti sorrisi e tanta voglia di trascorrere del tempo insieme.

Il mercato centrale di Firenze a Venezia dove è

Il Mercato Centrale di Firenze in Tour, saluta la laguna, gli artigiani salutano Venezia con tanta musica e bontà!

Il programma:
Ore 17:00 – I festeggiamenti si aprono a suon di jazz contemporaneo in compagnia dei Civico19.
Ore 19:00 – L’aperitivo sarà in compagnia di Stefano Volpato: voce, basso, chitarra e batteria elettronica per un’atmosfera soul e R’n’B.
Ore 21:00 – La serata si conclude a suon di rock con successi di Lou Reed, David Bowie e tanti altri con i The Wanderers.

Ma chi ci sarà?

dove mangiare a Venezia

Che #TrippaDay sarebbe senza trippa? La trovate tutti i giorni dalle 11 a mezzanotte, alla bottega di Giacomo Trapani.

gli hamburger de La Toraia a Venezia

Voglia di burger, ma buono, fresco e di qualità. Trovi la bottega de La Toraia.

Menchetti non prepara solo delle gustose pizze, ma crea dei veri e propri capolavori. Tutti i giorni fino a mezzanotte.

La bottega di Mendolia è un vero e proprio emporio della pasta: ogni giorno qui si celebra il prodotto simbolo del Made in Italy e protagonista assoluto della dieta mediterranea.

Dove mangiare il tartufo a Venezia

Nella bottega del tartufo di Savini non ci sono segreti, è tutto nel piatto.

I segreti della porchetta di Granieri? Interno ben cotto, esterno croccante e dorato. Scegli di gustarla nel panino, non te ne pentirai!

Montanara, pollo fritto e baccalà in pastella sono solo alcune delle specialità presenti in menù alla bottega del Fritto di Bellincampi.

La bottega di Bodini ti aspetta con tramezzini, insalate coloratissime e frullati con ingredienti di stagione.

street food in Venice, where?

Arà porta i profumi e le bontà siciliane.

Affettati, tartare e tantissime specialità. La carne di Savigni è forte!

Puoi ordinare da bere al bar o direttamente dal Menù della Piazza e scegliere cosa mangiare tra le tante bontà degli artigiani.

Ultimo giorno del Mercato nella piazzetta interna della stazione Santa Lucia di Venezia (lato binari regionali (15-21) è il 29 ottobre.

I Mercato centrale di Firenze in tour a Venezia dove è?

In attesa di vedere una versione fissa a Venezia del Mercato Centrale, godetevi la grande festa di chiusura.

No comments

Il Gourmettino, benvenuti al sud

benvenuti al Sud, cucina pugliese a Firenze

Si pensa subito benvenuti al sud leggendo il menu de Il Gourmettino, il ristorante nel cuore di Firenze, dove lo chef Domenico Cilenti ha portato la cucina della sua Peschici.

fish restaurant in Florence, ristorante di pesce a Firenze

La ” garganica”Porta di Basso” è una delle cucine più apprezzate della Puglia, e avere la possibilità di gustarla anche nel capoluogo toscano, è un gran privilegio, per quei palati che vogliono il sapore di mare e di terra baciata dal sole.

chef il gourmettino Firenze, chef porta di basso peschici limoni da arredo gelateria Carabè Firenze e Valdarno

Nel menu spiccano insalata di polpo con olive di Peranzana, calamari gratinati con salsa di bietola e limone candito,  e le bombette pugliesi ripiene di capocollo, ma soprattutto delle curiose linguine al nero con crema di seppie e granita al pomodoro.

Ho scritto granita al pomodoro? Ma la granita è siciliana, e quindi cosa ci incastra con la Puglia? Diciamo che ha dato il la, per coinvolgere al Gourmettino il mastro gelatiere di Carabè, Antonio Lisciandro.

cocktail alternativo

Così per gioco, è venuto fuori uno dei cocktail più strepitosi e ingegnosi mai assaggiati, la “Caipirinha di Sgombro e Granita agli Agrumi“, che potrebbe tranquillamente partecipare alla prossima Florence Cocktail Week. Sbaraglierebbe tanti drink fatti da affermati barman, questa insolita creatura, che ha dato il buon auspicio a tutta la cena.

cannolo ripieno di ricotta e gelato al cioccolato riceette gourmet del sud Italia ricetta del pancotto con erbe di campo

Gelato che si prende la rivincita, accompagnandosi a piatti salati, la sua funzione di dessert, è solo un lontano ricordo: dalla mente  e dalle mani di tal “Lisciandro Cilenti”, viene fuori un pancotto con verdure spontanee addolcito dal gelato al latte di capra, la pasta terra-mare, si condisce con il gelato all’olio di oliva, mentre il gelato alle mandorle funge da pane per il capocollo al Negroamaro. Chiude la cena Sua Maestà il cannolo con la crema di ricotta al cioccolato e la ricotta tradizionale. Puglia e Sicilia, sono un ottima coppia di fatto in cucina, questa cena lo ha dimostrato. Viene da dire, bene, bravi, bis…

Il gourmettino, ristorante di pesce a Firenze

Il Goumettino

Via Matteo Palmieri 31r

Firenze

Tel. +39  055 2001237
firenze@ilgourmettino.com

Orari:
10:00 – 23:00 da lunedì a venerdì,
10:00 – 24:00 sabato e domenica.
FREE WI-FI

GIARDINO Interno

No comments

Pagina successiva »