Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera
Archive for Luglio 18th, 2010

Hibiscus: squillino le trombe, suonino le campane!

L’ibisco, sembra il fiore che  Gauguin dipingeva nei suoi quadri con le ragazze: fiori coloratissimi che ricordano la musica, tanto sono somiglianti a campane, trombe o imbuti. Si distingue in varietà sempreverdi e a foglia caduca, ama il sole e i terreni ben drenati.

Le varietà sempreverdi, sono le più delicate, quindi se le avete in vaso in inverno, ponete le  piante in luoghi riparati. La varietà “mutabilis” arriva fino a due metri di altezza,è nei colori bianco, rosa o rosso, e nella forma ricorda i fiori dell’azalea. Lo “Schizopetalus” (sembra un personaggio di Harry Potter), produce fiori rossi penduli, sostenuti da piccioli dai quali fuoriescono lunghe colonne di stami rossicci.

L’hibiscus “rosa sinensis” è detto anche “ibisco delle Haway“, dove è il fiore nazionale. I fiori non durano a lungo, ma si rinnovano tutti i giorni, continuamente dalla tarda primavera all’autunno. Sta bene in vaso, perchè é delicato e i suoi colori sono un trionfo di rossi, arancio, giallo, rosa e bianco.

L’hibiscus “Syriacus”  è a foglia caduca, fiorisce da luglio ad agosto, è molto rustico, si può utilizzare per formare delle siepi libere, dei viali alberati o semplicementi si può mettere in  piccoli gruppi nelle aiuole del giardino. Esiste a fiore doppio oppure scempio e i suoi colori sono nei toni del bianco, del rosa,(acceso o intenso), del lilla, del viola e del blu. I più particolari sono l'”Hamabo“, rosa maculato rosso e il “Red Heart“, bianco maculato porpora. Si pota a fine febbraio, pulendo tutto il tronco e lasciando piccoli getti con due-tre gemme in cima ad ogni ramo.

1 comment