Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Archive for gennaio, 2011

Percorsi di Vino, festeggia tre anni di vita!

gennaio 25th, 2011 | Category: Evento Di Vino

Percorsi Di Vino Wine Fest: il 30 Gennaio tutti a Roma

Percorsi Di Vino, il diario enologico di bordo di Andrea Petrini, il prossimo 30 Gennaio compierà tre anni e per festeggiarlo ci sarà un Wine Fest a Roma presso L’Incannucciata di Dino De Bellis (via della Giustiniana 5, Roma).

 
Saranno presenti i seguenti produttori di vino:
Bele Casel
Caparsa

 Coletti

Conti

Gianfranco Fino

 Elena Fucci

I Botri di Ghiaccioforte

Le Macchiole

Le Ragnaie

 Masciarelli

 Monteraponi

Nanni Copè

 Podere S.Lorenzo

 Ronci di Nepi

 Sergio Mottura

 Tenuta S. Leonardo

 Val delle Corti

 
Tutti assieme festeggeremo il wine blog con un pranzo conviviale (inizio ore 13.00) a cui seguirà un pomeriggio dedicato alle degustazioni libere e ai seguenti laboratori del gusto (gratuiti e aperti a tutti):
Ore 15.00: Apertura degustazioni libere con i vini dei produttori presenti
Ore 15.30: Il Terroir di Radda in Chianti (a cura dell’Enoclub Siena).

Ore 16.30: Presentazione progetto “Il PostVino” a cura di Fabio Cagnetti. Evento riservato a blogger, giornalisti ed operatori di settore. Durante la presentazione verrà degustata una verticale storica di Carema della Cantina Produttori Nebbiolo di Carema:
1970 etichetta bianca 1971 etichetta rossa 1974 etichetta rossa 1978 etichetta rossa 1978 etichetta bianca
Ore 18.00: Tutti i volti del Cesanese. Relatori: Anton Maria Coletti Conti, Pierluca Proietti, Andrea Petrini. Previsti ospiti speciali!
Ore 19.00: Wine Session a sorpresa.

Se vorrete passare a trovare Andrea, anche solo per un bicchiere o per partecipare ai laboratori prenotatevi al 377/1615140 o info@percorsidivino.com

2 comments

God Save The Wine al Westin Excelsior

Il primo appuntamento di questo 2011 con “GOD SAVE THE WINE” il vivace festival del vino promosso da Firenze Spettacolo, si terrà mercoledì 26 Gennaio, 2011 dalle ore 19.30 presso  The Westin Excelsior, Firenze.

Degustazioni e delizie del Buffet ad opera dello chef Giuseppe Dalla Rosa  a Euro 20,00. Intanto scoprite questo bell’albergo di Firenze nell’attesa che riapra  a maggio,dopo un accurato restauro il vecchio Grand Hotel con il nuovo nome di THE ST. REGIS…..da farci un pensierino per il prossimo God Save the Wine a primavera….

Mentre per l’estate , speriamo che sia fla volta buona che apra il “SESTO” piano del Westin Excelsior…..vedere Firenze a 360°, con un calice di vino in mano, non capita tutti i giorni..Così dice sempre la mia cara amica Antonietta Bonelli, che conosce questi due alberghi, posti in una delle più belle piazze di Firenze, come le sue tasche!

 VINI PROTAGONISTI
 
FATTORIA DI BACCHERETO
Terre a Mano – Carmignano DOCG 2006 e 2006
Sassocarlo Terre a Mano – Bianco IGT Toscana 2006 e 2007
Vin Santo di Carmignano DOC

MIONETTO
Sergio, cuvèe di Glera e vitigni autoctoni
Sergio Rosè, cuvèe di Raboso del Piave e Lagrein del Trentino.
Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG,  Riva di San Pietro di Barbozza e Santo Stefano.
 
ROCCA DELLE MACÌE
Riserva di Chianti Classico Famiglia Zingarelli 2007
Ser Gioveto Toscana IGT 2007
Chianti Classico Tenuta Sant’Alfonso DOCG  2008
Sasyr Igt Toscana 2008 Sangiovese & Syrah
 
TENUTE SILVIO NARDI
Rosso di Montalcino DOC 2008
Brunello di Montalcino DOCG 2006
Brunello di Montalcino DOCG Manachiara 2005
 
Azienda Agricola San Martino a Cecione di RENZO MARINAI
Chianti Classico DOCG 2008
Chianti Classico DOCG Riserva 2007
 
DISTILLERIA BOTTEGA
Prosecco di Valdobbiadene DOCG
Grappa Alexander bianca
Grappa Bottega Riserva di Famiglia invecchiata
Uve d’Alexander Acquavite d’Uva
Grappa Bottega Fumè

AMARONE ZENATO VALPOLICELLA

Santa Cristina Lugana DOC 2009 
Amarone della Valpolicella 2005
Ripasso Valpolicella 2008
Merlot Sansonina IGT 2007

FONTANAFREDDA 
– Barolo Serralunga d’Alba 2006
– Roero Arneis Pradalupo 2008
– moscato d’Asti Moncucco 2009
– chianti classico Poggio Bonelli 2008
-dolcetto di Diano d’Alba la Lepre 2009
(tutti nel formato nuovo 1 litro)

info e prenotazioni 055 2716 3777

THE WESTIN EXCELSIOR
FLORENCE • ITALY

Piazza Ognissanti 1-3

 

2 comments

Bistrò del Mare a Firenze

Strutturato all’interno di un palazzo d’epoca a due passi da Via Tornabuoni, il Bistrò del Mare  si presenta con grandi sale candide, quadri stile pop art ad animare le pareti, luci calde e spirito giovane e vivace in sala. Sopra la porta d’ingresso, posizionati su un piccolo soppalco interno, si trovano dei tavoli dove mangiare e  soprattutto osservare cosa succede al piano di sotto.

Il locale propone una selezione di pesce fresco, che varia di giorno in giorno in base al pescato: ottimo per una pausa pranzo, con 8 euro,si può mangiare un antipasto e un primo. Si può scegliere tra il merluzzo in umido o l’omelette ai carciofi e tra gli spaghetti ai frutti di mare o le penne capperi, olive e pomodoro.

Il menu a la carta prevede gli appetitosi antipasti composti da assaggi di vongole e ceci, insalatina di polpo, triglie in carpione e gamberi piccanti su cavolo nero.

Semplici , ma gustose, sono le trofie al pesto di broccoli e scampi e i paccheri cannolicchi e fagioli. Tra i secondi si può scegliere un delicato San Pietro su letto di carciofi croccanti e timo, oppure optare per un branzino scottato su cime di rapa.

Per terminare in bellezza, lasciatevi tentare da un cremino al doppio cioccolato con yogurt e lavanda, oppure tuffatevi nella creme brulèe alla liquirizia e briciole di biscotti. Carta dei vini ristretta, ma in fase di ampliamento, con la possibilità di qualche proposta al bicchiere. Io ho bevuto un pinot nero Lageder del 2008. Antipasto e primi 12 euro, secondi 16 euro, dessert 5 euro.

BISTRò DEL MARE

Lungarno Corsini, 4
50123 Firenze
055 239 9224

5 comments

Fiera di Sant’Antonio Abate e benedizione degli animali

 SAN MINIATO (PI)

Domenica 23 gennaio, alle ore 11,30, in Piazza del Popolo, nel centro storico di San Miniato si terrà la consueta Benedizione degli Animali. 

A seguire, i tre animali più simpatici saranno scelti da una giuria di bambini.

FIGLINE VALDARNO (FI)

Domenica 23 gennaio Benedizione degli animali in piazza Marsilio Ficino , per un tradizionale appuntamento che si rinnova anche in questo 2011 appena iniziato.ALL’EVENTO, CI SARà l’ Associazione Cavalieri delle Balze , che parteciperà alla giornata con un nutrito gruppo di propri cavalli. La benedizione si svolgerà alle ore 10,45.

TORRITA DI SIENA (SI)

Tradizionale Fiera di Sant’Antonio

Domenica 23 gennaio 2011 – Torrita di Siena

XIV Mostra: bestiame selezionato della Valdichiana

XVI Expo: il Mondo Economico e Produttivo

– dalle ore 10:00 alle ore 19:00 – Fiera di Sant’Antonio per le vie del centro storico

– dalle ore 10:00 alle ore 18:00 – Esposizione dei prodotti agro/alimentari e di artigianato vario nei locali della Biblioteca Comunale a cura dell’Associazione Pro Loco

– ore 10:00 – benedizione degli animali – Porta a Pago

– ore 15:00 – 2° Torneo di Panforte “Trofeo delle Stelle” – Porta Nova

– ore 17:00 – Pesa del Maiale – Porta a Pago

ASSISI & SANTA MARIA DEGLI ANGELI (PG)

Il 23 gennaio festa grande anche a Santa Maria degli Angeli ove nella piazza della basilica, antica stazione per il cambio dei cavalli, dopo una grande parata di animali si procederà con la benedizione. Seguirà messa e la distribuzione del pane benedetto. Nei ristoranti cittadini sarà preparato il tradizionale il Piatto di sant’Antonio a base di rigatoni, carne in umido, polpette e salsiccie. La tradizione vuole che ogni partecipante al pranzo porti un dolce per poi scambiarlo con quello degli altri presenti.

CASCIA (PG)

 Il 23 gennaio in concomitanza con la festa di Sant’Antonio Abate viene organizzata la Festa delle Tradizioni Rurali della Montagna e 35 esima Rassegna Interregionale delle Pasquarelle.  Il giorno seguente è dedicato alla Rassegna Interregionale delle Pasquarelle, uno dei più importanti eventi di musica popolare della Valnerina con 30 gruppi partecipanti. Al termine della manifestazione verrà offerta la merenda del contadino.

No comments

Purcitade & Co: in tutta Italia si festeggia il maiale

 A gennaio, si fa festa con il maiale e le tegamate varie un pò in tutta Italia, intanto segnatevi questi eventi:
FRIULI VENEZIA GIULIA
 

 

Sabato 22 gennaio 2011, Mortegliano (Ud) dedica la giornata al maiale ed ai prodotti della norcineria.

In tale data si svolgerà infatti l’11a edizione della ‘Purcitade’, la tradizionale festa organizzata dall’Associazione Iniziative Mortegliano, che si tiene presso l’area festeggiamenti di Via Tomba e che esalta i gusti della tradizione, proponendo agli ospiti prelibate pietanze a base di prodotti norcini.

LOMBARDIA

Per i golosi, da gennaio in terra cremasca c’è la maialata.

I ristoratori dell’Associazione “LE TAVOLE CREMASCHE” intendono valorizzare, far conoscere ed esportare la tradizione della cucina cremasca, cucina che privilegia animali da cortile, riso e pasta fresca, verdure coltivate nell’orto, funghi e primaverili erbe spontanee, lumache, rane e pesci d’acqua dolce. I cuochi dell’Associazione si avvalgono dell’opera di artigiani e produttori virtuosi che coltivano eccellenze gastronomiche portate velocemente sulle tavole dei ristoranti. Le mani esperte in cucina ne ricavano piatti che sanno di cucina tradizionale e di innovazione per far conoscere e amare tradizioni gastronomiche di questa isola felice.

Dal 15 gennaio al 15 febbraio “LE TAVOLE CREMASCHE” propongono “LA MAIALATA”

In questo periodo la Chiesa ricorda Sant’Antonio Abate; lunga barba bianca, maialini in circolo e fiamma vivida nell’angolo: protettore degli animali e guaritore dell’herpes, il “fuoco di S. Antonio”. Si dice che il grasso dei maiali servisse per alleviare le sofferenze dei malati di herpes …..Non dimentichiamo poi che è buona tradizione “fare il maiale” prima del digiuno quaresimale.

La rassegna gastronomica, propone menù degustazione da 25 a 35 euri. Offre agli amanti della buona cucina un’ottima opportunità per gustare piatti in cui verdure di stagione e maiale sono protagonisti assoluti: ragù con piedini, filetto con guanciale croccante, stinco, cotechino e mostarda, fagottini di verza e salsiccia, musetto e piedini in pan grattato, maialino da latte disossato, luganeghe di salame fresco, costine, salamelle, pacetta.

 RISTORANTE “BISTEK” V.le A. De Gasperi, 31 – TRESCORE CREMASCO – CR – Tel. 0373/273046

MARCHE

 SAGRA DEL MAIALE
A MONTE GRIMANO TERME

29/30 GENNAIO 2011
05/06 FEBBRAIO 2011

4° Edizione della ormai famosa Sagra del Maiale….
festa per buongustai e amanti della cucina tradizionale locale….

Pro Loco
Tel./Fax: 0541970556
2 comments

500 POST

gennaio 21st, 2011 | Category: Eventi di Cibo e Spettacolo

Tranquilli, non è che ho comprato la macchin nuova! Questo post, è solo per festeggiare i 500 articoli che ho scritto nel blog! E grazie a tutti voi, che siete sempre più numerosi nel leggermi, e anche se non commentate spesso o commentate solo su facebook, so che ci siete sempre….

I vostri argomenti preferiti? Come partecipare a chef per un giorno, i rampicanti in  tutte le salse, i miei giardini, vi piace fare i coni portariso e mangiare tanto per ristoranti e osterie. Inoltre siete ghiotti di pan coi santi, adorate arieggiare il prato, vi piace potare la siepe e costruire vialetti. Vi piace la pittura di Daniela Nasoni e siete una platea golosa di gelati! In giardino tante rose e lavande, adorate cucinare  i frascarelli e bere il Kurni!

 Insomma, alla fine, siete dei lettori, vi piace stare al’ombra di un bersò, siete golosi, che amate il verde, vi piace il vino e l’arte! Bravi!La vostra “ENOGASTROGIARDINIERA“, è un vulcano di idee, statemi dietro…vedrete che avventure!

4 comments

Villa di Geggiano: giardino di…vino

Oggi con questa spendida villa, inauguro una nuova categoria “GIARDINI DI VINO“! Si, perchè abbiamo la fortuna che molte aziende vinicole, oltre al vino prodotto, hanno dei bellissimi giardini, ed è giusto vederli, perchè sono un patrimonio artistico e botanico molto importante. Troverete giardini storici e giardini recenti, ma tutti con un motivo particolare per visitarli.

Il giardino di Villa Bianchi Bandinelli a Geggiano, poi, completa anche il tour del film “IO BALLO DA SOLA“, di cui  avevo scritto alcuni mesi fa. Se ho potuto visitare questo giardino è grazie ad Andrea Bianchi Bandinelli, e ad un pizzico di fortuna! Voi non sapete che tramite il blog ho conosciuto Virginia, una ragazza abruzzese, fan sfegatata del film di Bertolucci. Avendo letto il post, sui luoghi del film, una domenica è venuta a Siena con due sue amiche di Roma per fare il tour di “Io ballo da sola”, e io gli ho fatto da guida.

Geggiano…l’invalicabile…ce la siamo vista di fuori, perchè è una villa privata, che apre solo per visite su prenotazione. Appare possente in cima al lungo viale di cipressi che porta al cancello d’ingresso,  con i suoi muri in pietra che abbracciano la proprietà…  Bella, ma impenetrabile, tantè  che ce ne stavamo per andare verso Brolio, poi all’improvviso è arrivata una macchina..il Sig. Andrea. Gli abbiamo spiegato chi eravamo e perchè eravamo li (secondo me ci ha preso per matte! ;-)), e con molta gentilezza ci ha inviatato a visitare il giardino.

Siepi di bossolo incorniciano i prati all’inglese di fronte alla villa, in fondo al parco compare un piccolo teatro all’aperto  con il palco delimitato da una siepe media e sorvegliato da un cipresso secolare, ai lati figurano due piccole costruzioni in  mattoni , dette boccascena, abbellite  da statue greche, dove ai tempi Vittorio Alfieri recitò le sue tragedie. Un cancello in ferro battuto lavorato, divide la parte italo-inglese, con il giardino dei colori: aiuole di zinnie  e dalie, dalle corolle profumatissime, si alternano a un lungo pergolato di vite e archi in arte topiaria. Boxus, limoni, ortensie, e agave, addolciscono il frutteto circostante.

Vecchie piante di limoni in vaso, colorano e profumano la facciata della villa. Stiamo per congedarci, quando il Sig Andrea ci invita a visitare l’interno della tenuta. La villa è stata affrescata da Ignazio Moder, pittore tirolese: sulle pareti sono disegnate scene di vita campestre, personaggi della famiglia, amici e una bella amazzone.

Ma Geggiano è anche un’azienda vinicola che produce Chianti Classico, e quì entra in scena anche Alessandro, fratello di Andrea: innamorato della terra e dei suoi frutti.

VILLA DI GEGGIANO

Azienda Agraria

Bianchi Bandinelli – Villa di Geggiano

Via Geggiano, 1 – 53010  Castelnuovo Berardenga (SI)

1 comment

Ristorante Il Palagio, in trasferta al Bar Atrium del Four Seasons

gennaio 19th, 2011 | Category: Recensioni di Ristoranti, Osterie & Trattorie

Era da tempo che aspettavo questo momento! Sedermi nella sala da pranzo  a volte del Ristorante Il Palagio del Four Seasons, in compagnia di stucchi, lampadari di murano, sedie e tovagliati color della neve……e invece mi sono ritrovata a cena al Bar Atrium! Ma che cena!

Nonostate, Il Palagio, sia chiuso per questi mesi invernali, il grande Chef Vito Mollica e la sua “troupe”, hanno allestito la sala da pranzo nel bar, e devo dire che è proprio una bella idea. Luci soffuse, tende leggere, cuscini nei toni dei bronzi e dell’avorio, il pianoforte che produce note romantiche in sottofondo e il menu…Un posto rilassante, dove gustare i riflessi della cucina del patron e dove l’arte dell’accoglienza viene dispensata dal maitre e dal sommelier.

Il menu è più ristretto in questo periodo: in carta si alternano proposte regionali, il club sandwich per un pranzo veloce, ma soprattutto i grandi piatti di Vito, che ho avuto l’onore di conoscere, poco prima di cena.

Si parte con piccoli appetizer da gustare in un solo boccone: tartellette, cubetti di salame e una piccola crema di cavolo nero con uova di quaglia.

Tra gli antipasti, gli scampi al vapore sono molto delicati, accompagnati da patate novelle allo zafferano e condimento all’aceto di Moscato.I primi piatti, sono una vera avventura e gli scialatielli con lenticchie e ragout di astice, sono profumati ed eseguti alla perfezione.

 Nei secondi, spiccano due piatti, uno legato al mare e l’altro alla terra: la scaloppa di branzino da lenza al vapore con insalata di calamaretti e patate schiacciate, nonostante si presenti come un piatto tradizionale, ha allo stesso tempo la modernità della leggerezza e della fragranza. Equilibrata la quaglia ripiena di albicocche secche e fois gras, crema di sedano rapa e salsa al tartufo nero.

Per concludere, affondate il cucchiaio nel trio di creme bruleè: alla vaniglia, al pistacchio e alla nocciola. Accompagnate da morbide madeline all’arancia.

RISTORANTE IL PALAGIO DEL FOUR SEASON

BORGO PINTI 99

FIRENZE

Tel:
 
39 (055) 2626 1

Leggi anche i post:

IL GIARDINO DELLA GHERARDESCA AL FOUR SEASON

5 comments

« Pagina precedentePagina successiva »