Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Archive for agosto, 2011

Villa Chigi Saracini: il giardino della musica

Ecco il mio articolo sul numero di agosto di Toscana e Chianti News

Ringrazio di cuore  STEFANIA PIANIGIANI E FEDERICA CORADDUZZA di Città del Vino per la loro preziosa collaborazione….

Sia che si arrivi dal Chianti, che dalle crete, il perimetro della Villa Chigi Saracini, abbraccia tutto l’abitato di Castelnuovo Berardenga: due  enormi cancelli in ferro battuto, sorvegliati ai lati da  guardinghe aquile in granito , e un altissimo muro in pietra fanno intravedere l’imponente villa, ma nascondono un tesoro inestimabile, il giardino della musica. Sparsi per i viali delimitati da siepi miste di viburno, bosso o pittosporo, si ergono i busti di musicisti famosi, come Vincenzo Bellini,e Antonio Vivaldi solo per citarne alcuni.

 Il complesso urbanistico è stato disegnato e costruito dall’architetto Agostino Fantastici, celebre anche per il parco di Villa Arceno, nel 1830, ed è animato da collinette, radure e un laghetto e delle fontane, che una volta formano dei curiosi giochi d’acqua. Radure, puntellate da statue oppure da alberi secolari, come cedri, pini e una curiosa varietà di thuja con il tronco che si snoda in cinque rami voluttuosi, che pare quasi danzare.

 Per tante cose ricorda un po’ Boboli :il bosco all’inglese, ricco di cipressi, phillyrea e alloro, i viali bordati da siepi e da enormi lecci secolari, il giardino all’italiana  sia superiore che inferiore, con bordure di buxus  e rose antiche, proprio davanti alla villa. Scendendo la doppia scala del giardino all’italiana, verso il lago, troviamo due nicchie, contenenti statue in cotto a sorvegliare un colonnato: è la “Kaffehaus”, un sala ricca di mobili, vasi e decorazioni.

 Guardando l’ingresso dalla Via Chiantigiana, la prima cosa che ci balza all’occhio è un viadotto a tre arcate che serve a sostenere il tratto di strada, che dalla villa ridiscende verso il cancello, dove nello spiazzo di fronte ad esso, domina la fontana del senese Tito Sarrocchi, composta da pesci, tritoni e putti. La villa, le scuderie, la Cappella Gentilizia, la stanza degli agrumi, dove tuttora è presente la collezione di limoni antichi e di quelli baby, il giardino all’italiana e il parco con il bosco alla maniera inglese, costituiscono il polo della residenza Saracini.

Dalla piccola via a mattoni detta della Berardenga, si accede dal paese e dalla Torre dell’Orologio alla tenuta, mediante un piccolo cancello che immette nel piazzale della residenza Chigiana,  dove ha la sede l’Associazione Nazionale Città del Vino, e la prima cosa che ci balza all’occhio, sono due antiche piante di tasso, poste proprio a sorvegliare lil complesso architettonico, dando un senso di austerità , ma allo stesso tempo di protezione.

Stefania Pianigiani

2 comments

Pellegrinaggio Nazionale “Bambini di Pace” a Roma

A tutti i lettori del blog, segnalo questa bella iniziativa dell’Unitalsi a livello nazionale, che  si terra nel mese di ottobre a Roma, aperta a tutti, le date sono da venerdì 14 ottobre a domenica 16 ottobre.

Questo è il programma di massima:

Venerdi 14 ottobre
Ore 15,00 arrivo a Roma nella Basilica di S.Paolo fuori le mura
Ore 16,00 S. Messa di apertura del Pellegrinaggio
Ore 18,00 sistemazione in albergo
Ore 19,00 cena in albergo
Ore 21,00 grande festa in piazza con spettacolo di attrazione e lancio del messaggio di “Bambini in Missione di Pace”
Ore 23,00 rientro
Sabato 15 ottobre
Ore 9,00 tour della città con isole di animazione nelle piazze del centro
Pranzo……al sacco per le piazze di ROMA
Ore 16,30 partenza per S.Pietro
Ore 17,30 flambeaux nei giardini Vaticani
Ore 19,30 Rientro in hotel e cena
Domenica 16 ottobre

Ore 8,30 S. Messa Basilica di S. Andrea della Valle
Ore 10,00 Raduno in Piazza Navona
Ore 10,30 inizio Marcia della Pace fino a P.zza S. Pietro
Ore 12,00 Angelus del Santo Padre Benedetto XVI e lancio dei palloncini
Ore 12,30/13,00 pranzo a Castel S’Angelo con festa, animazione e attrazioni.
Saluti finali e rientro a casa.

Queste sono le quote per partecipare al pellegrinaggio:

le quote per il Pellegrinaggio nazionale “Bambini di pace – Roma 2011 , che si terrà da venerdì 14 a domenica 16 ottobre:

Adulti (personale e familiari) = € 295,00

Bambini (4-12 anni) = € 175,00

Bambini (0-4 anni) = gratis

La quota comprende viaggio A/R in bus, 2 notti in albergo, i pasti, l’assicurazione, l’accoglienza e la tassa di soggiorno a Roma.

Per chi volesse partecipare al Pellegrinaggio con mezzi propri, senza usufruire di hotel e senza consumazione pasti, è prevista la sola quota di Euro 30,00 (Bambini da 0/4 anni n.c. gratuita) comprendente l’assicurazione, l’accoglienza e le spese vive di realizzazione del pellegrinaggio.

Per informazioni

http://www.unitalsitoscana.it/

sezione@unitalsitoscana.it

oppure può scrivermi all’indirizzo stefyp0674@yahoo.it

No comments

Mangiare e bere bene: nella Contrada della Pantera si può! Grazie all’Enoclub Siena!

agosto 29th, 2011 | Category: Evento Di Vino,Siena Palio & Contrade

L’estate sta finendo, ma le contrade vivono ancora: dopo il “Palio” c’è chi dice che a Siena è arrivato l’inverno…in parte è vero, in parte no, perchè ancora, in diverse contrade, ci sono i piccoli contradaioli da battezzare, le feste titolari da rispettare e le cene a cui partecipare…

L’ultima volta che avevo messo piede alle “Due Porte“, era il 2006, l’Italia vinse i mondiali, la Pantera aveva vinto il “Palio” da pochi giorni….Ci sono ritornata venerdì scorso per Vino & Contrade, organizzato dall’Enoclub Siena, e nuovamente è stata una bella serata….

Le eleganti tavolate imbandite con i colori rosso-blu, e i bicchieri dell’Enoclub, serigrafati con pantere per l’occasione…Le donne “panterine” con tanto di grembiule maculato che hanno imbastito una cena con i fiocchi: il tortino di asparagi, che poteva tranquillamente far concorrenza a uno chef stellato! L’abbondanza e la perfetta esecuzione dei ravioli con ciliegini freschi e listarelle di prosciutto croccanti….I saporiti medaglioni di maiale con funghi e patate..il contrasto caldo-freddo della sfogliata di mele, accompagnata dal gelato…

Oltre al cibo buono, anche degli ottimi vini ad animare la serata: bello vedere le facce attente e curiose dei commensali, quando i vari produtori presenti spiegavano il loro vino: la simpatia di Simone Coccia e del suo babbo, venuti dalle terre “fiorentine” di Lamole, con il loro Vin Santo e il Chianti Classico 2009 di Castellinuzza e Piuca. Simona Spinelli e Jacopo di Ampeleia, con Keipos e Ampeleia, due vini curiosi, fuori dagli schemi, ancora in evoluzione.

Piero Lanza di Poggerino, che dopo il suo rosato raddese nella Lupa, ha portato il suo rosso, un Chianti Classico 2009. E che dire della batteria ilcinese?  Il “Rosso” de Le Ragnaie, il vulcanico Marino Colleoni di Sante Marie e il suo “Rossso di Montalcino” 2009, la simpatia di Andrea Ciacci della Tenuta di Sesta con il Rosso e il “Brunello di Montalcino”.

Ad ottobre ci aspettano Istrice e Chiocciola…tenetevi pronti… Se ve le siete perse nella Lupa e nel Nicchio è andata così…

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/08/12/rosati-nella-lupa-metti-una-sera-a-cena-sopra-le-fonti/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/08/07/vino-contrade-nel-nicchio-la-pania-e-lenoclub-siena-in-un-connubio-perfetto/

No comments

Tino Stefanoni, la sublimazione è in un eptagono moreschino

agosto 28th, 2011 | Category: Arte, Fotografia, Colori e Pennelli

Io lo Stefanoni me lo guardo tutti i giorni! Una bellissima litografia di Tino firmata, campeggia sopra il mio divano, incorniciata di arancio…

Colori primari, disegni semplici, ma che sanno comunicare a chi li guarda, sensazioni forti, riflessioni e quella piccola presunzione di voler cercare per un attimo di bloccare il tempo e fermarsi a pensare…

Colori dalle tonalità esasperate, acrilico, contorni neri e decisi, ma anche sculture: tutto questo lo potete ammirare nella splendida Torre Eptagonale di Moresco, nelle Marche, dove si fondono antico e contemporaneo, ferro e mattoni, sette lati per cinque piani..

Avete tempo fino all’11 settembre per vedere le opere di questo grande artista nato sull’altra sponda del Lago di Como, quella lecchese e che ha dipinto un bellissimo Palio di Siena, vinto dalla Contrada della Selva.

http://www.tinostefanoni.com/

TOMAV Torre di Moresco

da martedì a domenica  17.00-20.30

Moresco (FM)

Tel 0734-259983 380-6581680

1 comment

Dalle stalle alle stelle con Slow Food Siena

Stasera dalle 18.00 a Palazzetto di Chiusdino alla scoperta di Antonio Piras, allevatore e produttore di formaggi di pecora e capra il quale  svelerà i suoi “segreti”; trasferimento poi a  Borgo Santo Pietro, un luogo fuori dal mondo in un contesto inimmaginabile, ospitati in una villa del XIII secolo nella  “Valle Serena” immersa in un’oasi di verde con 250.000 piante, dove sono coccolate persino le piante aromatiche o le insalate e i pomodori raccolti ogni giorno per comporre i semplici ma suggestivi piatti per gli ospiti della Villa.

 Questa eccezionale “esperienza gustativa” verrà coronata dai vini della rinomata Azienda Agricola Altesino di Montalcino” spiegati e commentati dal Dott. Orzatesi.”

La volontà dei proprietari Janette e Claus Thottrup  è quella di condividere i risultati di sette anni di minuziosa attenzione e duro lavoro nel far nascere Borgo Santo Pietro e dunque ecco questa splendida possibilità che viene offerta ai soci Slow Food di Siena che in anteprima testeranno il Ristorante che sarà prossimamente aperto non solo ai clienti dell’Hotel, ma a tutti i buongustai che vorranno provarlo.

Tutti coloro che fossero interessati agli incontri conviviali ed alla buona tavola, ma più che tutto alla cultura sul cibo potranno visionare il programma completo sul sito www.slowfoodsiena.it, o collegarsi, per informazioni e prenotazioni, all’indirizzo e-mail eventi@slowfoodsiena.it o chiamando  Marco Bechi al 3394977937.

1 comment

La guerra delle sagre

agosto 26th, 2011 | Category: Feste fiere e sagre

Mi scappa da ridere quando leggo l’articolo apparso su Italia a Tavola, che trovate quì, dove Attilio Marucelli, presidente della Confcommercio mugellana, e titolare di un locale, si sfoga, contro le sagre selvagge che tolgono lavoro ai ristoranti, prendendo a esempio la provincia di Pistoia che ha una media di 34 sagre all’ANNO!

Ma io mi domando, queste persone, sono mai state nelle Marche? Specialmente nel fermano, dove le sagre nel mese di agosto sono 34 in un settimana e la maggior parte di quelle assurde? Allora cosa direbbero? E voi a quale sagra più stramba avete visto o mangiato? Ancora in Toscana siamo fortunati…ricordatevelo

Ho scritto un articolo su Dissapore al riguardo…LEGGETEVELO, poi mi dite…

http://www.dissapore.com/primo-piano/alternative-alla-patrimoniale-litalia-e-una-repubblica-fondata-sulle-sagre/

1 comment

Pergola di Clematis o Clematide: il ti amo è assicurato!

Lo so che della clematis ve ne avevo già parlato quì:

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2009/05/19/la-clematis-principessa-dei-rampicanti/

Ma come non rischiare di salire sulla scala, per fotografare queste pergole meravigliose? E con il panorama del Chianti in secondo piano? Era impossibile non farlo! 😉

Io  se avessi un gazebo, un pergola o un bersò, lo riempirei di clematis…Se fossi propietario di in ristorante idem..vuoi mettere un pranzo o una cena sotto una pergola fiorita, delicata e profumata così? Ci scappa il “Ti Amo” di sicuro…. 😉

Oggi mi sento romantica…saranno i 40 gradi che mi aspettano fuori? 😉

Ti possono anche interessare:

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/05/24/pergola-di-rose-rosse/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/category/rampicanti/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/01/08/archi-e-griglie-in-ferro-per-rampicanti/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2009/10/26/gazebo-pergole-berso-e-convivium/

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=hur6CVqh3hM[/youtube]

1 comment

Castelfalfi: l’ultimo paradiso, prima dell’invasione internazionale

Io Castelfalfi, ho avuto la fortuna di visitarlo qualche anno fa, e mi ricordo che ne rimasi sorpresa: se mi avessero portato in quel posto bendata, dopo non avrei capito dove fossi…un panorama mozzafiato sul pisano, che però in qualche modo è similare alle crete..un paesino bellissimo, pieno di tesori nascosti e con un giardino tropicale…rimasi stupita dalla presenza di tante palme a quellaltitudine…

Purtroppo, diventerà un borgo privato, se potete andate a vederlo fino a che è possibile…e il giardino ha un sacco di piante dalle forme strane…

Leggetevi sotto come è atto a divenire….

http://www.corriere.it/cronache/11_giugno_15/tenuta-castelfalfi-tortora_f00cbdee-975a-11e0-83e2-2963559124a0.shtml

2 comments

Pagina successiva »