Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera
Archive for Settembre 7th, 2011

Banchetto di nozze: a tavola con gli Etruschi

Devo dire che se mi facessero una domanda a bruciapelo, ammetterei senza indugi che all’italiano se venissero a mancare il pomodoro e le patate in cucina, sarebbero dolori…Invece se uno ci pensa un attimo, e si ricorda delle lezioni di cucina, fatte da Livia Beni, un pranzo lo fa eccome anche senza questi ingredienti. E perfino un pranzo di nozze!

In un mondo dove predominano buffet, cene¬† seriali solo carne, solo pesce o 50&50, con tanto di sorbetto al limone¬† servito a met√†, durante la cena del giorno pi√Ļ bello, la cena etrusca, o meglio il banchetto, √® qualcosa di insolito e speciale.

Livia Beni, che √® anche una storica, riguardo alla cucina etrusca, tanto che per mettere insieme questo menu ha effettuato ricerche storico-gastronomiche. L’altra sera a un matrimonio a San Gimignano,¬†ha messo a¬†frutto, oltre alla cucina,¬†anche la parte ” artistica e pittorica”, componendo le decorazioni sui tavoli,¬†con ¬†rami di ulivo e pere. Originale, anche il tema dei tavoli, dedicati alle citt√† etrusche: Chiusi, Tarquinia, Tuscania, Vulci, Arezzo, Talamone, Populonia…

Il trionfo in tavola √® partito con l’aperitivo, in gran parte composto di frutta fresca e secca, accompagnati da formaggi vari, creando insoliti abbinamenti, che meritano un post a parte. Ma scordatevi le bollicine! Il nettare degli dei era il Mulsum, ovvero il vino rosso mielato….

Di antipasto una girandola di salumi di cighiale, crostoncino di cavolo nero e lardo di cinta, crostino con la beccaccia, quello con¬† i funghi, i dolici (fagioli con l’occhio) conditi con il Garum di acciughe.

Piatto d’intramezzo il passatino di lenticchie con crostini informaggiati, come primo le lagane (stracci di pasta), fatti con acqua, farina e olio, conditi con il sugo di cinta senese, ¬†mentuccia e¬† zucchine. A seguire 3 ravioli ripieni di pecorino e pere, conditi con caramello d’uva: la tradizione vuole che siano uno per lo sposo, uno per la sposa, e l’altro per il sacerdote.

La soppressa di polpo in salsa agrette, e la scottiglia: un insieme di vitello, maiale, faraona e galletto accompagnati da fagiolini.

Per concludere, prima dell torta degli sposi, anche quella fatta in casa, mignon di schiaccia all’uva rossa e ancora Mulsumm, servito nei gottini! Un menu insolito, per un pranzo di nozze¬† davvero originale.

Questa è la sua scuola di cucina:

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2010/10/31/atelier-del-gusto-scuola-di-arte-culinaria-e-pittorica-a-poggibonsi/

No comments