Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera
Archive for novembre 5th, 2011

Come piantare un frutteto e quali piante da frutto scegliere

 In molti giustificano la presenza di piante da frutto in giardino per motivi ornamentali: basti pensare alla spettacolare fioritura che produce un mandorlo, oppure alla dovizia dei fiori rosa del pesco, o le candide nubi fiorite di albicocchi, meli, peri e ciliegi. Ma ammettiamolo! Siamo un popolo goloso e i frutti in giardino ci piacciono proprio!

Allora, prima di tutto, calcolate quanto è grande il vostro terreno o giardino, calcolando che normalmente le piante da frutto vengono messe a dimora ad almeno 5 metri l’una dall’altra, come gli olivi. D’altra parte, non è un frutteto destinato alla produzione intensiva, questo sarà il vostro piccolo eden, dove raccogliere direttamente la mela dall’albero oppure con i frutti fare deliziose marmellate.

Sappiate che alcune specie fruttifere, sono autofertili, cioè producono frutti anche se piantate da sole, altre invece sono autosterili, come ciliegi, mandorli, meli, noccioli, peri e susini, ciò sta a significare che queste specie, hanno bisogno nelle loro vicinanze di un altra varietà della stessa specie per fecondare.

Per questo di norma si pianta un fila di susini, una di ciliegi ecc.., in più si scelgono le piante in base al colore dei frutti e al loro periodo di maturzione in modo da poter mangiare sempre la frutta in ogni periodo dell’anno, senza ritrovarsi a dosi di susine esagerate che maturano nello stesso periodo tanto per intenderci!

In un frutteto non devono mancare gli AGRUMI(questo vale per chi stà in luoghi dalle temperature miti), quindi via libera ad aranci, bergamotto, calamandine, cedri, chinotti, clementine, kumquat, limoni, mandarini, pompelmi, satsuma o myagawa ( i mandarini verdi), pompelmi, tangeli  o mapo (ibridi tra mandarini e pompelmi), nelle zone più fredde si possono mettere in vaso. Leggetevi questo mio post sugli agrumi:

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/05/26/le-granite-sono-nate-a-boboli-e-intanto-firenze-festeggia-il-gelato/

Poi ci devono essere gli albicocchi, gli azzeruoli, un castagno, i ciliegi, i corbezzoli, i cornioli, i cotogni, i fichi, le fragole, i giuggioli, il pomo o diospero o kaki, i lamponi e un bel mandorlo, e ancora i meli, i melograni, i mirtilli americani, le more senza spine, i nespoli, i nocciòli, una bella pianta di noce, i peri, il pero orientale, i peschi, del ribes, i sorbi, i susini, e la vite da uva. Poi se avete una bella pergola metteteci dei kiwi! Ricordatevi ci vogliono un maschio e le femmine per otttenere dei frutti. E un kiwi maschio, può impollinare sino a sei femmine.

Le varietà dei vari frutti, meritano un post a parte, altrimenti verrebbe un articolo lunghissimo. Intanoto leggetevi quelli che ho già scritto! Buona scorpacciata! 😉

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/05/22/fragole-buone-buone/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2011/04/10/fiori-rosa-fiori-di-pesco/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2010/09/12/fico-che-fico/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2010/01/03/corbezzoli-belli-da-vedere-e-buoni-da-mangiare/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2009/11/17/la-terra-dei-kaki-dei-pomi-e-dei-diosperi/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2009/11/05/fiore-di-melograno/

http://lafinestradistefania.simplicissimus.it/2009/05/16/una-ciliegia-tira-laltra/

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=QFq5O2kabQo[/youtube]

5 comments