Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Archive for dicembre, 2012

Agrumi sfiziosi: ricetta del burro all’arancia

 

Limoni, pompelmi, mandarini, arance, cedri, tutti gli agrumi in genere, con i loro colori suggeriscono freschezza e luminosità nelle fredde giornate invernali. Per questo è il momento buono per fare delle sfiziose ricette con gli agrumi. Comincerò con questa:

BURRO ALL’ARANCIA

Occorrente:

4 cucchiai di burro

la scorza grattugiata di mezza arancia

1 cucchiaio di marmellata di arancia amara

1/2 cucchiaino di zucchero

Mescolare bene gli ingredienti per amalgamarli alla perfezione e rimetttere il burro in frigorifero fino al momento dell’uso.  Darà sapore sopra una fetta di pane tostato, potrete aggiungerlo al sugo dell’anatra arrosto o al sugo delll’arista in forno.

No comments

I “Kläuse” di San Silvestro: gli uomini albero di Appenzell

I “kläuse” di San Silvestro celebrano il nuovo anno con una tradizione quasi esclusivamente confinata all’area che circonda il villaggio di Urnäsch, nel semi-cantone di Appenzello esterno in Svizzera. In un piccolo cantone elvetico, ogni anno si ripete un rito propiziatorio: bacche,  licheni e fronde vengono usati per manifestare tipiche espressioni umane.

I “Kläuse” più famosi indossano maschere femminili o maschili e costumi con enormi campanacci da mucca al collo oltre a imponenti copricapi su cui sono raffigurate scene locali tipiche. Questi sono conosciuti come i “Kläuse belli“. Di “Kläuse” ne esistono però altre due varianti: i “brutti“, che indossano maschere demoniache arricchite a volte da enormi corna e abiti grezzi fabbricati con fogliame e rami secchi, e i “Kläuse della foresta” con costumi fatti solo di fogliame.

I Kläuse, tutti uomini, marciano in piccoli gruppi di fatttoria in fattoria dove, esibendosi in una sorta di canto yodel, portano gli auguri di buon anno.

I “Silvesterkläuse” celebrano l’inizio del nuovo anno il 13 gennaio, secondo il calendario giuliano che è sfalsato di 13 giorni rispetto al calendario gregoriano. Gli abitanti di Appenzello, a maggioranza protestanti, rifiutarono nel 1582 la riforma del calendario decretata da papa Gregorio XIII, e che vedevano come un’imposizione di Roma. (Per dovere di cronaca, il semi-cantone protestante di Appenzello esterno accettò finalmente il calendario gregoriano nel 1798.)

No comments

In viaggio tra le parlate toscane, corso di dialetto in biblioteca

dicembre 29th, 2012 | Category: Corsi & Concorsi,Toscana voglio vivere così

dialetti e parlate toscane

Ecco per tutti quelli che imitano il “toscano” nel parlare e non gli riesce, oppure per sapere l’origine di “aretino”, f”iorentino” o “senese”. Per capire un “Alò Dio Caro” e perchè a Livorno si dice “Dè”, c’è una cosina davvero buffa e allo stesso modo interessante.

Aprono mercoledì prossimo, 2 gennaio, le iscrizioni per il corso di dialetto toscano in biblioteca. Il corso si terrà ogni mercoledì, dalle 20.30 alle 22.30, a partire dal 16 gennaio a Calenzano, vicino a Firenze.

Sarà tenuto da Silvia Calamai, ricercatrice in glottologia e linguistica generale all’Università degli Studi di Siena. La quota di iscrizione è di euro 35. Per iscriversi contattare la biblioteca comunale 055/8833421-292    cultura@comune.calenzano.fi.it

GUARDATE QUESTO SITO DAVVERO GANZO 😉

 

 

No comments

Vuoi fare il figurante? La comparsa?

dicembre 28th, 2012 | Category: Divertirsi con i bambini

presepe vivente a monterchiVi segnalo un idea carina per trascorrere le feste in modo diverso.

Vuoi partecipare all’allestimento del Presepe Vivente di Le Ville Monterchi (AR) o fare il figurante anche per una sola volta?

Contatta questi n.: 339 7254345 – 335 8213892 – 320 4471945

Le date della rappresentazione sono:

30 dicembre 2012
01-06 gennaio 2013

No comments

Le Scuderie de l’Antinoro a Montelupo Fiorentino

dicembre 28th, 2012 | Category: Recensioni di Ristoranti, Osterie & Trattorie

Le ”Scuderie dell’Antinoro” sono un piccolo pezzo della storia italiana, in quanto la struttura fu costruita per volere della famiglia Antinori ai tempi di Firenze “capitale” per far sostare il re. Il Ristorante si trova a metà strada tra Montelupo Fiorentino e Lastra a Signa, lungo la provinciale e il fiume Arno.

Appena si entra nel locale, non si può non notare l’enorme forno a legna per la pizza con piano girevole, svoltando l’angolo si accede alla sala con camino: bella, imponente, dove starsene in relax d’inverno a fine cena, magari sorseggiando un distillato. Data l’imponenza del salone si è ben pensato di sfruttar la parte alta della struttura in mezzo alla stanza, dove è stato ricavata una saletta più piccola dove fare piccoli eventi.Mentre in estate, apparecchiano fuori, nella corte che costeggia il curatissimo giardino.

Per mangiare si sceglie tra pizza, pesce e  carne: Nella lista degli antipasti  si trovano: mille foglie di zucchine, pappa al pomodoro, tortino di verdure di stagione con fonduta ai formaggi. Io ho scelto l’abbondante degustazione rustica con: olive schiacciate, crostini misti con il pane tagliato in verticale, una selezione di salami locali, prosciutto, finocchiona e pecorini vari. Come primo buone le tagliatelle paglia e fieno con zucchine e fiori di zucca: la particolarità di questo piatto si nota nel leggero uso del pesto e dei fiori di zucca che vengono proposti al “naturale”. Si può scegliere anche le pappardelle al ragout di cortile con erbette aromatiche o le bavette alla viareggina. I primi di terra vengono 8 euro, quelli di mare 10-11 euro.

Trovare la brace vera è un impresa, ma alle Scuderie c’è e fatta come Dio comanda, la griglia è un istituzione e la bistecca è tenerissima, se poi vogliamo possiamo anche assaggiare il galletto oppure il coniglio. Tra i secondi di pesce, catalana di crostacei oppure l’insalata di polpo al vapore . Si finisce con un profumato budino al gianduia e albicocche caramellate, oppure con una crostata di pesche.

La carta dei vini spazia dai Super Tuscan e alle Docg toscane come il Brunello di Montalcino di Biondi Santi,  i bianchi e i “primitivi” pugliesi.

LE SCUDERIE DE L’ANTINORO

VIA TOSCO ROMAGNOLA NORD 6

MONTELUPO FIORENTINO (FIRENZE)

TEL 0571 913079

No comments

Fiabesque: che la magia sia con te

dicembre 27th, 2012 | Category: Cosa fare e dove andare a,Divertirsi con i bambini

Domenica 30 dicembre e domenica 6 gennaio, per la Befana,  Peccioli (Pisa), ospita Fiabesque, trasformandosi nella Città delle Fiabe, luogo in cui l’illusione diventa realtà e la realtà diventa magia. Quest’angolo di Toscana appartiene a tutti coloro, grandi e piccoli, che riescono ancora a guardare il mondo attraverso la magica lente della fantasia e a viverlo intensamente attraverso momenti coinvolgenti, pieni di fascino, che toccano le tre sfere principali del vivere: Arte, Cultura e Spettacolo. Un evento che descrive emozioni e pensieri; che richiama alla mente ricordi che il tempo sembrava aver cancellato, nascosti nella parte più profonda dell’ “io bambino”. Fiabesque è tutto ciò che avete sempre desiderato, cercato, sognato, aspettato.

Ogni edizione si arricchisce di nuovi momenti e nuova magia. Molte le novità negli allestimenti, negli spettacoli, nella regia. Nelle strade del centro storico si alternano performance e spettacoli di compagnie e artisti, mentre bande musicali sfilano nelle strade per omaggi musicali, suggestioni oniriche e sonore. Chiassi e vicoli si popolano di quadri viventi, cantastorie e piccole rappresentazioni.

FIABESQUE

No comments

Capodanno alle terme tra coccole,trekking e relax

Siena è stata definita la “provinciatermale” e per il 31 dicembre e le altre festività natalizie, alcune strutture termali, hanno preparato delle belle iniziative, all’insegna del relax, del benessere e del divertimento.

Terme Antica Querciolaia, a Rapolano Terme

Un fine anno all’insegna del benessere termale.
Il 31 dicembre, dalle ore 21, con brindisi di benvenuto, musica dal vivo per tutta la serata, buffet dalle ore 22 all’1, colazione alle 4,00. Con chiusura alle 5 del mattino. Prezzi davvero particolari.

Terme San Giovanni, a Rapolano Terme
Un fine anno tra piccoli riti, bagni di benessere e buffet propiziatorio.
Il 31 dicembre, apertura Parco Piscine Termali dalle ore 21. Alle 22, attesa del nuovo anno con i 7 cibi della fortuna (menu propiziatorio). A mezzanotte brindisi di Benvenuto al 2013. Alle 3,30, bomboloni e cappuccino. Un prezzo particolare per un ristretto numero di persone.

Terme di Petriolo, a Monticiano
Fine anno in pieno relax, da soli o in compagnia.
Il 31 dicembre, dalle ore 20 fino alle 2 del mattino. Un ricco buffet e tutto il benessere di queste antiche acque termali; per attendere il 2013 in modo diverso e lontano dallo stress.

Terme di Montepulciano, a Montepulciano
Le Terme di Montepulciano hanno studiato alcuni trattamenti particolari riuniti in pacchetti dedicati ad una clientela diversificata e dalle più varie esigenze. Alcuni sono rivolti a intere famiglie.
I prezzi sono davvero convenienti e questi trattamenti si possono fare fino al 20 dicembre. Eccone alcuni, come il “Principessa”, per le ragazze; l’Happy Family, per mamme e papà, insieme ai figli; il New Boy, dedicato ai ragazzi; e, visto il periodo, un bellissimo trattamento chiamato “Momenti di relax aspettando il Natale”, comprensivo della suggestiva “grotta lunare” di massaggi con polvere d’oro e mirra.

Terme Sensoriali, di Terme di Chianciano, a Chianciano Terme
Da soli, o in coppia o in compagnia di amici, tante notti molto particolari, con aperture straordinarie, per farsi avvolgere nei sensi, per regalare o regalarsi emozioni da ricordare nel tempo.
Anche il giorno di Natale, le Terme saranno aperte. Dalle ore 15,30.
Sabato 29 e domenica 30 dicembre, l’apertura sarà dalle 21,30 alle 1,30.
Il 31 dicembre, Fine d’anno, con serata a buffet fino al mattino.
1 gennaio, Capodanno al Sensoriale, apertura dalle ore 14.
5 gennaio, aspettando la Befana, apertura dalla 21,30 alle 1,30.
E per il giorno del tuo compleanno, uno sconto speciale del 20% sui trattamenti del Cntro Benessere.

Centro Termale Fonteverde, a San Casciano dei Bagni.
Un ricco calendario nelle “terme più belle del mondo”, per le festività più belle dell’anno.
“La magia del Natale a Fonteverde” e “Capodanno a Fonteverde”: alcune proposte complete, per usufruire dei trattamenti speciali di questo centro nel modo più comodo e conveniente. Sempre con un’attenzione particolare alla formulazione di un’offerta di gran classe che mette al centro dell’attenzione l’ospite e il suo benessere globale.
L’intera offerta termale del Sistema Termale Provinciale, su www.termebenessere.terresiena.it
Sul Monte Amiata, tra un bagno termale e un massaggio, si potrà godere di tante occasioni per fare trekking, a tutti i livelli, anche in famiglia. Per passeggiare sui sentieri dell’acqua, per raccogliere i frutti rossi del bosco; e, in caso di neve, un po’ d’avventura in stile “grande nord” andando in giro con le ciaspole. E poi, l’occasione unica per visitare una miniera e farsi raccontare, direttamente da un minatore, tanti episodi di vita vissuta nel pericolo e nella fatica.


Tutti gli eventi nel territorio provinciale su www.terresiena.it
6 comments

Presepe Vivente di Santa Brigida

Buon Natale a tutti i lettori del blog, in questa giornata grigina, ma perfetta per stare in famiglia, aprire delle ottime bottiglie, e mangiare del cibo cucinato con amore da noi o da altri familiari cari. Vi faccio i miei più sentiti auguri di vero cuore, con un post natalizio che è davvero una chicca…

IL PRESEPE VIVENTE DI SANTA BRIGIDA

Questo presepe, io l’ho visto lo scorso anno, e vale davvero la pena, arrampicarsi su per le colline ed arrivare in questo borgo.

La rappresentazione è indubbiamente suggestiva, per la scenografia, le musiche, il gioco di luci ed i costumi. Il Presepe Vivente si svolge all’aperto, a valle della Chiesa, in un ambiente che ben si presta per la sua rappresentazione: una sorta di anfiteatro naturale, un saliscendi immerso nel verde, dove – in basso – si trovano alcune baracche occupate dagli abitanti di Betlemme e – più in alto – la capanna dove nascerà Gesù contornata da ulivi. Il tutto con una voce fuori campo che si rifà al Vangelo di Luca. La scenografia, con i suoi 50 figuranti.

 Le date in cui si svolge la rappresentazione sono:

  il pomeriggio del 26 dicembre, alle ore 18;

  il pomeriggio del 6 gennaio, alle ore 18 (in coincidenza, per quest’ultima data, con la Festa della Befana, dedicata soprattutto ai bambini).

 Per dare al paese un tocco di vitalità: il  6 gennaio per la festa  della Befana  c’è il

Mercatino di Natale

con oggetti tipici come le statuine del presepe e gli addobbi per l’albero. Artigiani espongono i loro prodotti (impagliatori, produttori di miele ecc). Sono stati allestiti spazi di solidarietà per la raccolta di fondi da destinare a beneficenza. Il tutto arricchito da  melodie natalizie e luci. Bella anche l’esposizione di vari presepi realizzati dalla comunità parrocchiale.

No comments

Pagina successiva »