Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera
Archive for Novembre 24th, 2014

Il treno dell’amore infinito è una coincidenza di destini

Novembre 24th, 2014 | Category: Fotografie & Immagini,Le Vie d'Italia,Val Bene una Sosta

 

Ultimamente mi capita spesso di viaggiare in treno, che a me è sempre piaciuto fin dall’agosto 1987: il mio amore è cominciato sulla tratta Buonconvento-Firenze e da all’ora il treno non ho mai smesso di amarlo.

Mi ha portato sempre in posti belli, mi ha fatto conoscere gente, restare senza fiato davanti a paesaggi a me sconosciuti, oppure conosciuti, ma che tutte le volte hanno la magia di regalarmi qualcosa di non visto.

E come sono belli i nonni e i babbi che portano i bambini alla stazione a vedere partire i treni, oppure nei paesi tutti si affacciano al passaggio a livello e fanno scommesse  su da che parte arriverà la locomotiva insieme suoi vagoni pieni di storie.

Ognuno ha le sue abitudini in treno, un viaggio porta la voglia di vivere ad un altra velocità, che sia slow con i regionali oppure fast con le frecce, l’importante è partire. Coincidenze di destini, i treni, e le stazioni dove si incrociano occhi carichi di emozioni…

E poi ci sono i treni dell’amore. Mi è capitato di leggere una bella lettera d’amore tra due pendolari pubblicata su una rivista e mi sono emozionata: due cuori a tanti km di distanza, che siano 300, o 500 non ha importanza, perché quando lo scopri l’amore cambia tutto e se prima una persona quando andava alla stazione era la spettatrice delle vite degli altri, da innamorata diventa la protagonista.

Che sia una ragazza-donna dal borsone verde smeraldo o un ragazzo-uomo con lo zaino rosso fuoco che scende dal treno una mattina d’estate o un pomeriggio d’autunno, la cosa che gli accompagna sempre è il tremore delle gambe quando il treno entra in stazione e le farfalle nello stomaco nell’attendere che si aprano le porte. E poi ci sono i ritorni, preferibilmente con il posto al finestrino e le lacrime che scorrono giù, nel ripensare alle belle ore trascorse insieme…

Lacrime che poi lasciano posto al sole negli occhi, perché due  settimane o tre alla fine passano veloci, e di nuovo i protagonisti saliranno sul treno dell’amore in attesa di scendere, per corrersi incontro e abbracciarsi e baciarsi per ricompensare quelli non dati dall’ultima volta…Che non bastano mai…

1 comment