Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera
Archive for maggio 24th, 2016

L’aperitivo gourmet dell’Isola d’Elba

i profumi di un'isola

Avete mai provato un aperitivo gourmet, magari con i profumi dell’Isola d’Elba? Vetrina Toscana e il consorzio Elba Taste per valorizzare il territorio Elbano e i suoi prodotti stanno organizzando degli  aperitivi “profumati”  e come location hanno scelto i negozi dell’ Acqua dell’Elba.

Rosmarino, lavanda, elicriso, ginepro sono le piante che caratterizzano l’Elba, e questi aperitivi verranno curati da Elba Taste, il consorzio d’imprese che si occupa di promozione dell’enogastronomia dell’Isola d’Elba e delle Isole dell’Arcipelago Toscano.

I prossimi appuntamenti con l’aperitivo saranno martedì 24 maggio a Lucca in Via Fillungo, 65 e l’11 giugno a Marciana Marina Via R. Margherita, 54 e Via Aldo Moro, 69.

Io ho avuto modo di partecipare all’aperitivo profumato nel negozio di Siena, e ho assaggiato molte chicche dei piccoli produttori elbani. Altra caratteristica di questi aperitivi, è che non sono mai uguali, in quanto le piccole aziende consorziate cambiano ogni volta. Ho avuto modo di assaggiare il panficato, un dolce antico riscoperto  da poco da Gabriele Messina di Elba Magna (leggetevi la sua storia), che abbinato al prosciutto crudo fa la sua figura, insieme al cerimito  servito tostato e con salumi, per non parlare dei morbidi biscotti del contadino con miele, fichi secchi, mandorle e semi di finocchio selvatico. Poi la Taverna dei Poeti di Capoliveri si è prodigata in un insolito finger food, la spuma di mozzarella all’elicriso con prosciutto di tonno, molto buona e insolita. Conoscete Armando in Portoazzurro? Fa delle marmellate particolari tipo pera-zafferano-rosmarino da abbinare ai formaggi, compresa la gelatina di Ansonica, e a Siena ha portato anche in assaggio la burrata “condita” con marmelata di arance arancia amara mela e noce moscata.

E siccome un calice di vino è un buon modo per brindare a un incontro con un’amica che non vedi da tempo, invece che Champagne, noi abbiamo brindato con i vini elbani delle aziende Mazzarri e di Sapereta e l’ Acqua di Toscana.

Tutelare e conoscere le piante significa tutelare il paesaggio e il territorio e affondare il “naso” nelle radici della nostra cultura per questo l’evento ha avuto anche il patrocinio del Parco Nazionale Arcipelago Toscano, e io da giardiniera non posso che sottolineare che affondare il naso tra le piante è un buon toccasana per la mente e la salute. Stasera per chi può faccia un salto a Lucca, non se ne pentirà.

No comments