I Giardini delle Meraviglie

Il Vittoriale di Gabriele D’Annunzio e il suo giardino

31/08/2012

IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI non è solo la meravigliosa casa di Gabriele d’Annunzio, eretta a Gardone Riviera sulle rive del lago di Garda dal poeta-soldato con l’aiuto dell’architetto Giancarlo Maroni, ma un vero e proprio mausoleo della sua avventura di artista ed eroe. “ Ho trovato qui sul Garda una vecchia villa appartenuta al defunto dottor Thode. È piena di bei libri…

Il giardino è dolce, con le sue pergole e le sue terrazze in declivio. E la luce calda mi fa sospirare verso quella di Roma. Rimarrò qui qualche mese, per licenziare finalmente il “Notturno” scrive d’Annunzio alla moglie Maria in una lettera del febbraio del 1921, proprio pochi giorni dopo il suo arrivo a Gardone; l’intenzione era forse quella di soggiornare solo per un breve periodo ma oggi sappiamo che quella gardonese fu proprio la sua ultima e definitiva dimora. Il fascino, l’eleganze e la storia legata a questo Giardino ne fanno uno dei tesori più preziosi della Lombardia.

Il poeta ha progettato nel dettaglio la scenografia stravagante della sua abitazione, la Prioria, dove sono raccolti migliaia d’oggetti d’arte, ceramiche, argenti, tappeti. Al pari degli interni, i nove ettari di verde digradanti sul lago sono oggetto di un accuratissimo allestimento d’autore.

Natura e Arte si rivelano più che mai un unico “dio bifronte” nel Giardino del Vittoriale, tra apparizioni, simbologie, prospettive curiose, esaltate da una profusione di oleandri, palmizi, acanti, rododendri, molti cipressi e ulivi tra siepi di lauro e mirto, mentre la geometria delle terrazze di un’antica limonaia convive a sorpresa con la sensualità di un roseto. Fruttifica ovunque il melograno, che d’Annunzio elegge a suo emblema di vita e che nel Frutteto viene celebrato nell’opulenta scultura della Canefora di Napoleone Martinuzzi.

Inquadrato in una incredibile cornice naturale sorge un arioso Anfiteatro all’aperto, oggi sede di una prestigiosa stagione teatrale estiva. Il Giardino quindi è il trionfo artistico naturale dove prendono posto le memorie epiche del poeta stesso.

Il Vittoriale è aperto tutto il giorno, dalle ore 8.30 alle ore 20.00 fino al 30 settembre.

Ti potrebbe interessare anche

Nessun commento

Rispondi

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.