Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Iris che fiorisce in inverno? Esiste davvero.

iris blu che fiorisce in inverno

Esiste un Iris invernale? Se vi state domandando se i vostri iris o giaggioli siano impazziti, tranquillizzatevi, perchè ci sono delle varietà che fioriscono in inverno.

Esiste un giaggiolo che fiorisce in inverno? Si

Lo so che state pensando: il clima √® impazzito e questi iris fioriscono a gennaio e febbraio. Sbagliato! C’√® l’iris invernale e si chiama “Iris Unguicularis” √® molto profumato, di un bel colore blu tendente al violetto, e fiorisce dalla met√† di novembre fino alla fine di marzo. Esiste anche la variet√† “Alba” di questo iris invernale: divertitevi a piantare i rizomi bianchi e blu, da alternare a quelli primaverili, in questo modo per diversi mesi avrete colori e profumi in giardino.

fiori profumati che fioriscono a febbraio

Questo iris invernale √® molto rustico, e lo potete piantare anche in vaso, e ricordatevi di tenerli in pieno sole oppure a mezz’ombra. Per tre o quattro settimane, i fiori delicati, blu-lilla o blu malva sbocciano all’estremit√† dei gambi corti e se la temperatura √® gradevole attirano api e coccinelle.

iris bianchi e blu inverno

Questo iris invernale è molto bello e decorativo, vi darà un accenno di primavera, mentre tutto intorno è ancora in letargo. Viene chiamato anche Iris dìAlgeria, questa specie  forma ciuffi di foglie affusolate verde scuro di circa 40 cm di altezza.

No comments

Bibbiano in calice da sera per i suoi primi cinquant’anni

Come-versare-il-vino.jpg

Esattamente cinquant’anni fa a Bibbiano veniva messa in bottiglia la prima vendemmia, e dopo mezzo secolo l’energia creativa che contraddistingue Bibbiano, non si √® ancora esaurita: Tommaso Marrocchesi Marzi¬† ha presentato una verticale parallela di Montornello e Vigna del Capannino, in un continuo rimando di annate e profumi, dove le vecchie annate di Bibbiano, si costruiscono una contemporaneit√† tutta loro.

Verticale Tenuta di Bibbiano Firenze

Vini nati per marcare una differenza, per disegnare un microcosmo con un sorso, propio sul quel crinale dove tutto cambia, dove venti, terreno, e agenti atmosferici si fermano, o fanno un passo pi√Ļ in la e qualche volta pure un salto. Vini nati dalle mani di “Bicchierino”,¬† Giulio Gambelli, che ha lasciato una grande conoscenza e sensibilit√† a tanti vignaioli, e che ora continuano con una nuova linfa, grazie all’esperienza di Maurizio Castelli, il cui motto √® l’uva e il terreno fanno il vino.

come disporre i bicchieri per una verticale di vino

Bicchieri pronti a contenere colori e nettari, e decisi ad ospitare il prima, il durante e il dopo, di cinque differenti annate di Montornello e Vigna del Capannino. I calici da sera, cos√¨ disposti, con eleganza e curiosit√†, in una bella sala dell’Hotel Savoy di Firenze, hanno raccontato tante storie. Siete pronti ad ascoltarle?

Verticale Vigna del Capannino e Montornello di Bibbiano

Data la sua posizione di confine tra le terre chiantigiane di Castellina e il territorio di Monteriggioni, e il suo particolare microclima, a Bibbiano la vendemmia viene spesso anticipata di una quindicina di giorni rispetto ad altre zone del Chianti. Quello che leggerete, sar√†¬† una storia attraverso il cambiamento climatico, tra esposizioni e terreni complessi, tra alberese e arenaria, tra cloni di Sangiovese “Ilcinese” portati da Gambelli a Bibbiano negli anni cinquanta, e tra i caratteri del Montornello e della Vigna del Capannino.

Tenuta di Bibbiano, Castellina in Chianti

Chianti Classico  Montornello:

1994 Un quarto di secolo di vivacità.

1996 La freschezza che ancora colpisce.

1999 Un ventenne elegante.

2005 Di carattere spigoloso, Chiantigiano, il nuovo secolo che si fa riconoscere.

2008 Innocente.

Bibbiano, vigna del Capannino

Chianti Classico Riserva Vigna del Capannino

1994 Un vino nato in un’annata discreta e che ancora sa il fatto suo, in quanto ancora mantiene un ottimo tannino.

1996 Sa ancora tenere in ottima forma la sua struttura, e mantenere sentori di frutta e tabacco.

1999 Imperdibile e dalla spiccata acidità.

2005 La perfezione.

2008 Il Grintoso.

Verticale Bibbiano Montornello e Vigna del Capannino

Alla fine della verticale parallela, continuo a pensare a quello che avrebbe potuto esserci e a quello che c’√® adesso, ancora tanta voglia di andare avanti e continuare a far bene. La Tenuta di Bibbiano √® sempre in fermento, non dimenticatelo.

No comments

Siena la mostra sul manicomio di San Niccolò della Società di Esecutori di Pie Disposizioni

mostre da vedere a Siena a gennaio

Dove una volta c’era il manicomio di Siena, ora sorge una parte di Universit√†. L’Ex San Niccol√≤, un esempio di ospedale pschiatrico e di architettura unico nel suo genere, da rivivere nella mostra “Societ√† di Esecutori di Pie Disposizioni e manicomio di San Niccol√≤: un legame secolare. Storia dell’ospedale psichiatrico senese attraverso i progetti dei suoi edifici”.

Siena, mostra manicomio San Niccolò

Il manicomio di Siena era una vera e propria piccola citt√† dentro la citt√†, dove i pazienti venivano curati, ma anche educati al lavoro e all’arte.

San Niccolò il manicomio di Siena

In esposizione troverete progetti originali, foto d’epoca e documenti d’archivio che illustrano cronologicamente le principali tappe dell’espansione del villaggio manicomiale, con riferimento ai principii che ispirarono i suoi artefici (direttori medici del nosocomio, architetti ) e all’impegno profuso dall’ente fondatore.

Mostra manicomio Siena

Inotre avrete la possibilità di vedere il bellissimo museo della Società di Pie Esecuzioni e la Chiesa del Santuccio.

vignette satiriche Siena

Una sezione ricorda, anche attraverso filmati, aspetti della vita che si svolgeva all’interno del manicomio e dei rapporti di questo con la cittadinanza senese. Sapevate che all’interno del San Niccol√≤ c’era un teatro? E che c’era pure un giornale satirico?

Museo Pie disposizioni Siena

I 200 anni del Manicomio di Siena: riflettere, capire, pensare, e non dimenticare.

disegni-arte-Siena-manicomio

La mostra resterà aperta fino al 20 gennaio 2019 nella sede della Società di Pie Disposizioni, in via Roma 71, e nell’attigua chiesa di Santa Maria degli Angeli detta del Santuccio.

 

L’ingresso è gratuito, con possibilità di visite guidate su prenotazione al 3348418736.

Mostra sul San Niccolò a Siena

Orari di apertura:

  • dal marted√¨ al gioved√¨, 10.00-12.30
  • dal venerd√¨ alla domenica, 10.00-12.30 e 16.00-18.30.

Siena mental hospital, Tuscany

E ora prendetevi un attimo e guardatevi questo bellissimo video.

 

No comments

Il giardino in inverno si veste a festa

dicembre 27th, 2018 | Category: Addobbi,Aiuole e Bordure,GIARDINAGGIO

cosa piantare in giardino in inverno

Il Natale del giardiniere è speciale, perché il giardino in questo periodo si veste a festa, in modo naturale. Bacche, fiori e colori, sono il tessuto del giardino natalizio, che ha la fortuna di durare per molti mesi. Scopriamo insieme le piante natalizie:

pianta dalle bacche rosse senza spine, gaultheria

Conoscete la Gaultheria? Nel giardino d’inverno spicca per le sue bacche rosse e per le foglie senza spine. E’ adatta per fare tante composizioni natalizie, come ghirlande, corone, festoni e centrotavola.

cosa mettere in giardino di fiorito in inverno

Questo bellissimo arbusto strisciante √® un sempreverde, che fiorisce in estate, e in autunno e in inverno li trasforma in frutti aromatici, rosso scarlatto, che spesso arrivano alla primavera. √ą una pianta interessante che si adatta anche all’ombra e si pu√≤ piantare anche in vaso.

fiori da piantare in inverno sul balcone

Conoscete i cavoli ornamentali? Danno un tocco di colore al giardino d’inverno e li potete mettere anche in vaso sul balcone. Mi raccomando, ricordatevi che non sono da mangiare!

Cosa piantare in giardino per le festività natalizie

La Gaultheria, sta benissimo abbinata all‘Osmanthus, sia quello verde che a quello con le foglie variegate.

cosa piantare nei vasi in inverno Giardino d'Inverno, piante decorate

Vi piacciono questi vasi con l’Osmanthus al centro e la Gaultheria intorno? Carini, vero?

Skimmia & Osmanthus nel giardino d'inverno

Conoscete la Skimmia del Giappone? La Skimmia japonica è interessante per la fioritura primaverile, di solito bianca dai boccioli rossi, e per i loro frutti in autunno, sui cloni femminili. Ricordatevi che dovete piantare una pianta maschile nelle vicinanze per ottenere i frutti. Le piante  in autunno o in inverno si riempiono di fiori rosa o rossi.

Cosa piantare in giardino in inverno

La Skimmia sta bene anche in vaso, magari abbinata sia all’Osmanthus che all’Agrifoglio.

piante di Natale.jpg

Vedete coe stanno bene insieme? Inoltre sono sempreverdi e non sporcano.

fiori per vasi in inverno

E al posto dei gerani, cosa piantiamo nei vasi in inverno?

Vi piacciono queste cassette con i cavoli ornamentali e le eriche?

piante che fioriscono tutto l'inverno, le eriche

Le eriche, le trovate con i fiori rosa, bianchi e rossi, e fioriscono tutto l’inverno e sono molto rustiche.

cassette con fiori per finestre in inverno

E se non avete un terrazzo o un balcone, queste cassette con i cavoli e le eriche, stanno bene anche sui davanzali delle finestre.

E ora tutti a fare giardinaggio, il modo migliore per smaltire le calorie dei pranzi e delle cene natalizie.

No comments

La cena delle stelle a Siena, buona la prima al Santa Maria della Scala

dicembre 09th, 2018 | Category: Cibo Chef e Cuochi,Eventi di Cibo e Spettacolo,Siena

Come organizzare eventi al Santa Maria della Scala a Siena

Una cena a Siena sotto il tetto dell’ospedale pi√Ļ antico d’Europa, il Santa Maria della Scala, dove io sono nata, non pu√≤ che essere speciale, soprattutto se a cucinare ci sono grandi “Maestri” e i proventi vanno alla Pediatria di Siena.

come apparecchiare la tavola per una cena di beneficenza

Creare¬†i punti tra le culture gastronomiche, √® stato l’obiettivo raggiunto dagli chef presenti e gli organizzatori dell’evento, Confesercenti, Particolare di Siena e La consiglieria. Guida gastronomica non convenzionale di Nieva Zanco, all’interno della manifestazione “Il Mercato nel Campo”.

cena di beneficenza allestimento

Giuseppe Maglione del Daniele Gourmet di Avellino ha portato in quel di Siena la sua pizza gourmet, la Tuscania Felix.

le pizze di Daniele Gourmet

Peperoni cruschi, chips di barbabietola, barbabietole marinate, crema di barbabietola e ricotta di Agerola, fiordilatte di Agerola e impasto al limone.

Maglione fa ricerca dei migliori prodotti della Campania. La pizza oggi va avanti, la scintilla che lo ha portato al passaggio dalla pizza tradizionale alla pizza gourmet è stata lo studio delle farine di un tempo, e i risultati sono notevoli.

condimenti per la pizza gourmet

Marco Leonelli (L’Antica Casina di Caccia, Villa di Piazzano, selezione Michelin) reinventa la Pappa al Pomodoro 2018.

Come?

La casina di Caccia Cortona

Rielaborare la pappa al pomodoro in chiave moderna e senza scarti, modulata all’ombra della cucina molecolare. L’obiettivo √® stato riproporre visivamente un pomodoro, c’√® la prima camicia fatta con l’acqua di pomodoro aromatizzata e il picciolo cotto e glassato, all’interno la pappa al pomodoro vera e propria, e un cuore di basilico, il tutto poggiato su una crema al formaggio e un crumble di olive nere.

come fare una pappa al pomodoro versione gourmet

Giovanni Vanacore (Rossellinis, Ravello, 1* Michelin), e La Caprese Nascosta: rielaborare un classico della cucina italiana, utilizzando la mozzarella come uno scrigno, che nasconde all’interno un tesoro, il pomodoro in versione confit.

Caprese chef Vanacore Rossellinis

Paolo Gramaglia (President, Pompei, 1* Michelin) e la sua idea di mare, il Riso Acquerello Giallo, un risotto fatto con riso Acquerello invecchiato un anno, Pomodoro giallo, Gambero, riccio di mare, crumble ai lamponi.

Chef Paolo Gramaglia, President, Pompei

Chi √® Gramaglia? Uno chef stellato, che dalla tradizione, √® passato al sottrarre per moltiplicare, e per il 2019 ha lavorato per una nuova idea,¬† “I 5MM”. Cosa significa rappresentare i cinque millimetri? Quando il piatto che mangi ti dar√† l’emozione, la tua schiena si sposter√† indietro per dire WOW.

risotto ai ricci di mare e gamberi, ricetta

Ermanno Zago (Le Querce, Ponzano Veneto) con la sua Passaggiata nell’orto veneto d’inverno.

Menu per celiaci e intolleranti, ristorante La Querce

Chips al Prosecco, tapioca sotto l‚Äôargilla, radicchio di Treviso tardivo, zucca, Raboso, topinambur, rafano. Verdure semplici, che hanno trovato una giusta collocazione e una cottura perfetta. La “Marca Trevigiana” in tutta la sua bont√†.

piatto vegetariano con verdure del Veneto

Daniel Calosci e il piccione tra le nuvole. Lo chef del ristorante Il Particolare di Siena e un grande classico della cucina toscana, il piccione.

Chef Daniel Calosci, Siena

Non √® semplice fare il piccione in cotture diverse per oltre 150 persone, ma Daniel Calosci, Francesca Ciampalini & Co, hanno accettato la sfida. Come? Proponendolo scottato e farcito, e arricchito da una creme brule d’anatra.

piccione, Il Particolare, Siena

Gran finale con il bis di panettoni di¬†Giancarlo Maistrello della Pasticceria Maistrello di Villaverla (Vi), che a settembre 2017 ha vinto il titolo di Miglior Panettone Tradizionale nella¬†finale della 5¬į edizione del concorso Panettone Day, arricchito con la crema allo zabaione al Passito di Pantelleria e vaniglia Boubon, preparata dal pasticcere¬†Ettore Beligni pastry chef del ristorante 3* Michelin di Londra The fat Duck e (2¬į classificato al Valhrona C3 chocolat chef competition di New York 2018). Alla domanda che effetto fa andare¬† a New York a rappresentare l’Italia? La risposta di Beligni √® stata: una grande emozione, dove sono arrivato dopo tanti sacrifici.

panettone Maistrello.jpg

Dulcis in fundo, un grazie a Marco, Raffaella, Gianluigi e tutto lo staff del Particolare, che in maniera impeccabile ha diretto la sala, creato gli addobbi, apparecchiato con garbo i tavoli, e coordinato tutti gli chef e le cucine.

chef-stellati-Siena.jpg

1 comment

Collezione Moda: Arti 21 vi insegna a progettarla

novembre 19th, 2018 | Category: Corsi & Concorsi,Fotografie & Immagini,Moda

modeling course, Italy, Milan, Florence

Disegnare una collezione moda è il vostro sogno, ma ancora vi manca qualche funzione pratica? Nessun problema, lo staff di Arti 21 a Firenze ha organizzato dei corsi di figurinismo e per progettare una collezione.

Dove fare un corso di moda a Firenze

Vi avevo gia parlato di questa bella realt√† fiorentina, questa volta sono andata anche all’Open Day di Arti 21, e c’√® stato un sacco di gente che √® venuta a conoscere da vicino questo piccolo gruppo di professionisti, che ama questo lavoro alla follia. Vi segnalo i nuovi corsi in partenza a Firenze:

figurinism course, Firenze, Florence, Milan

Il 28 Novembre partirà un nuovo corso breve dedicato al figurinismo e alla progettazione grafica di una collezione.

Durante il corso imparerai a:
-progettare il proprio figurino
-rappresentare in modo tecnico un capo
-progettare una propria collezione
-creare un moodboard attento alle tendenze
-conoscere i tessuti e come rappresentarli su carta

Le lezioni saranno tenute dalla bravissima Rakele Tondini presso Arti 21, laboratorio di modellistica Cad nel cuore di Firenze.

Info e dettagli su www.arti21.com/figurinismo-e-progettazione-di-una-collezione/ o scrivendo a formazione@arti21.com

collezione moda, Firenze

Web per piccoli brand

4 workshop rivolti a piccoli brand di moda ed artigiani che vogliono migliorare la propria immagine e sfruttare il web in modo efficace!

1 Segreti e strategie per migliorare l’immagine del proprio brand

2 E-commerce a piccoli passi per brand coraggiosi

3 Facebook e Instagram, due alleati potenti per piccoli budget

4 Idee e strumenti per fidelizzare i propri clienti online

Tutti i workshop avranno una durata di 4h, di cui 3 h di lezione frontale e 1h di analisi dei brand dei partecipanti.
I workshop tenuti da Sofia Crescioli e Valentina Cangiamila si svolgeranno presso Spazio Nota in via dei Serragli 104, Firenze.

Costi: 80 euro per 1 singolo workshop, 290 euro per tutti i 4 workshop

Iscrizioni e maggiori dettagli su www. arti21.com/corsi-artigiani-online/ o scrivendo a comunicazione@arti21.com

corso di alta moda, Firenze, Florence, Milan, Milano

Modellistica CAD Donna

In partenza a Gennaioha il corso ha un programma formativo che consente di perfezionare le competenze in termini di modellistica con una preparazione di livello professionale per l’industria, diretto da Alessia Piccioli.

Qui trovate tutte le info e i costi

No comments

Thanksgiving Day, dove festeggiarlo in Italia

come apparecchiare la tavola per il Thanksgiving Day

Il “Thanksgiving Day” √® ormai un evento che in molti celebrano anche in Italia. Citt√† d’arte come Roma, Firenze, Siena e Venezia, sono sempre piene di Americani, e non solo turisti, infatti molti abitano in queste citt√†, ci lavorano, le vivono in tutte le loro forme. Spesso ci sono Americani che hanno amici Italiani e di altri stati, che hanno una famiglia composta da pi√Ļ nazionanlit√†, insomma, per farla breve, il Thanksgiving Day, sta contagiando un po’ tutti, ecco quindi una piccola guida di dove passare il giorno del ringraziamento in Italia.

Il giardino restaurant

ROMA

Per celebrare questo quarto giovedì di novembre e precisamente il giorno 22, il ristorante Il Giardino dell’Hotel Eden di Roma propone, sia a pranzo che a cena al costo di euro 80 bevande escluse, il menu  dell’Executive Chef Fabio Ciervo (1 Stella Michelin),  prevede Capesante arrostite su purea di cavolfiore e vinaigrette di tartufo, Petto di tacchino ripieno di prugne aromatizzate al brandy e a Torta di zucca con gelato alla vaniglia, caffè e piccola pasticceria.

Il Giardino Ristorante & Bar
Hotel Eden, Via Ludovisi 49, Roma

Tel 06 47812761

menu-restaurant-Castello-del-Nero.jpg

FIRENZE E DINTORNI

Al Castello del Nero, lo chef stellato Giovanni Luca di Pirro, ha preparato per il giorno del ringraziamento un menu speciale:

Pane di mais con vellutata di peperoni arrostiti, crema di zucca e salsa di mirtilli, Vellutata di zucca e castagne con porri croccanti, Tacchino farcito, tipica salsa gravy, purè di patate, barbabietole, carote, mais, fagiolini, cavoletti di Bruxelles, patate dolci, salsa di mirtilli, Crostata di zucca con gelato alla cannella, Torta di mele con gelato alla vaniglia, Piccola pasticceria.

Thanksgiving Day Menu ‚ā¨ 110,00 PER PERSONA
Castello del Nero Hotel & Spa
Strada Spicciano, 7 Tavarnelle Val di Pesa
Firenze
Tel.+39 055 806470
info@castellodelnero.com

Thanksgiving Day in Italy

Nel Giorno del Ringraziamento, Giovedì 22 novembre, è tempo di attivare il teletrasporto targato Hard Rock Cafe Firenze: da mezzogiorno a mezzanotte tutti a pranzo o a cena in USA passando per i portici di Via De Brunelleschi. Meta finale, il Thanksgiving Day, al ritmo di tradizione, melodia e gusto.

The American Tast: Corn Chowder Soup, ossia la succulenta zuppa di mais servita con bacon, l’immancabile tacchino arrosto servito con il suo ripieno di castagne, purea di patate, verdure rigorosamente di stagione e salsa al mirtillo, per concludere  Pumpkin Pie, la gustosa torta di zucca della tradizione, servita con panna montata.

Inoltre, l’Hard Rock Cafe offre ai suoi ospiti la¬† possibilit√† di prenotare per tempo, acquistando fin d‚Äôora, il menu sul sito di Hard Rock Cafe Firenze https://shop.link2ticket.nl/en/S/Event/A1hXcUMFfFlLUw/A1hXcUMFeF9CVQ

Where to celebrate Thanksgiving in Florence, Dove festeggiare il giorno del ringraziamento a Firenze

Il Bernini Palace, 5 stelle Luxury in pieno centro, sa come farli sentire ‚Äúa casa‚ÄĚ: in occasione del Thanksgiving Day, la pi√Ļ ‚Äúamericana‚ÄĚ e tradizionale delle feste, l‚Äôhotel organizza, gioved√¨ 22 novembre, una speciale Chef‚Äôs table. Appuntamento per l‚Äôaperitivo dalle ore 18 alle ore 21, nell‚Äôelegante Lounge dell‚Äôhotel. Oltre al tacchino ripieno, gli ospiti potranno rilassarsi assaporando i migliori cocktail a la carte: tra questi il ‚ÄúManhattan‚ÄĚ preparato con Whiskey Wild Turkey 81, denso nettare con aromi di caramello, dalla paletta aromatica ricca, lievemente speziato.

Hotel Bernini Palace

Piazza San Firenze, 29, Firenze

Tel.  055 288621

Thanksgiving Day in Siena

SIENA

I Sogni del Particolare Pink Edition per il Thanksgiving Day

Un’altra data da non perdere dei sogni delle serate al Particolare di Siena, quattro Chef per un’esperienza unica:
Daniel Calosci, chef del Particolare di Siena
Marco Leonelli, chef Villa di Piazzano, Cortona
Simone Breda, chef Sedicesimo Secolo, Pudiano Orzinuovi
Ettore Beligni, pastry chef The fat duck, Londra
MENU
Benvenuto degli Chef
Riso rosa – Villa di Piazzano
Risotto Acquerello al Franciacorta, cipolla e ristretto di capretto – Sedicesimo secolo
Agnello in rosa – Particolare di Siena
Pre dessert – Particolare di Siena
Think pink, melograno, cioccolato bianco, yogurt, vaniglia – The fat duck
Vini in abbinamento

Prezzo per persona euro 60

Via Baldassarre Peruzzi, 26
Siena

Tel 0577 179 3209

No comments

A Venezia per vedere Qwalala di Pae White

cosa vedere a Venezia

Ogni volta che vado a Venezia, mi sono ripromessa che devo vedere sempre qualcosa di nuovo. Dopo avervi parlato dei vetri trasparenti di Vittorio Zecchin, oggi tocca a Pae White e alla sua opera Qwalala.

cosa vedere a Venezia a Natale

Si torna un po’ bambini, ci lasciamo incantare dai colori. Questa opera d’arte, che fino al 30 Novembre, colora l’isola di San Giorgio Maggiore, √® una penetrante riflessione di Pae White, che¬† riesce a combinare materiali comuni e tecnologie, artigianato tradizionale e ingegneria avanzata.

 

Il titolo dell‚Äôinstallazione, Qwalala, √® un termine coniato dalla trib√Ļ di nativi americani Pomo e fa riferimento al corso serpeggiante del fiume Gualala nella California del nord.

opera-d'arte-con-vetri-colorati-a-Venezia

Per chi √® appassionato d’arte, trover√† che anche questa volta, Venezia, sa coniugare l’arte contemporanea insieme al classico. E’ un furore di immagini, sempre diverso, basta spostare lo sguardo e il corpo, ed entrare in un vortice di creativit√† a tratti mistico.

Venice Glass Artist

Il lungo muro curvo, realizzato con migliaia di mattoni di vetro colati a mano, da Pae White, sar√† visitabile tutti i giorni, eccetto il mercoled√¨, dalle 10 alle 16.30, fino al giorno di Sant’Andrea.

No comments

Pagina successiva »