Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Ago 17

Dove si trova l’Ufficio Turistico a Siena

Where is the tourist office in Siena, Siena Tourist Information

Cosa facciamo la prima volta che arriviamo in una nuova città? Cerchiamo l‘Ufficio Informazioni! Oggi vi porto alla scoperta dell’Ufficio Turistico di Siena, la mia città, una delle più visitate in Italia e nel mondo.

orari ufficio turismo di Siena

L’Ufficio Turistico di Siena si trova in piazza del Duomo, all’interno del complesso museale del Santa Maria della Scala, proprio di fronte alla scalinata del Duomo. Dove oggi c’è l’Ufficio Informazioni di Siena, una volta c’era l’ingresso dell'”Ospedale Vecchio”.

Dónde está la oficina de turismo en Siena, Wo ist das Tourismusbüro in Siena

Da non confondere con la “Biglietteria Unica” per il complesso museale Santa Maria della Scala e per il Duomo, compresi l’Oratorio di San Bernardino e il Museo diocesano d’Arte sacra. L‘ufficio turistico e la biglietteria unica, sono vicini, ma in due sedi diverse. Secondo me, sarebbe stato meglio mettere tutto insieme, visto che lo spazio c’era, ma siccome le decisioni non le prendo io, ho scritto volentieri questo articolo, per facilitarvi la vita, una volta arrivati a Siena.

heures de l'office de tourisme à Sienne, Öffnungszeiten der Touristeninformation in Siena, horario de oficina de turismo en Siena, tourist office hours in Siena

Dall’interno dell’ufficio turistico di Siena, si può avere “un’anteprima”, di quello che troverete all’interno del Santa Maria della Scala, ovvero uno scorcio dei bellissimi affreschi all’interno dell’antico ospedale. Il personale dell’Ufficio Turistico di Siena, è molto gentile, e preparato: vi saprà consigliare cosa fare in città, cosa vedere a Siena in base al tempo che avete a disposizione, prenotarvi una visita guidata con le Guide Turistiche autorizzate, suggerirvi cosa mangiare di tipico ecc.

Dove-sitrova-ufficio-turistico-a-Siena.jpg

L’Ufficio Informazioni di Siena, in piazza Duomo, è aperto, tutti i giorni, dalle ore 9 ore 18. Non perdetevi un tour guidato alla scoperta di luoghi e personaggi inediti, scoprite cosa gravita intorno al Palio di Siena, non esitate a chiedere, che la curiosità sia sempre con voi.

No comments

Ago 5

Cena sotto le stelle in piazza a Castelnuovo Berardenga

Programma di Calici di Stelle in Toscana

Quest’anno la cena in Terra di Berardenga, in piazza Marconi a Castelnuovo Berardenga (Siena), sarà ancora più bella, complici anche le belle panchine, realizzate dal genio castelnovino di Fabio Zacchei. L’appuntamento è per giovedì 8 Agosto alle ore 20.00, mentre Calici di Stelle, si svolgerà per le vie del borgo, venerdì 9 Agosto.

Curiosi di scoprire il menu?

Dove cenare all'aperto a Castelnuovo Berardenga

Cosa ci sarà di buono da mangiare quest’anno alla Cena in Terra di Berardenga? A Castelnuovo Berardenga, ogni anno, ne inventano di buone, per cominciare, ci sarà il “Soufflé di pecorino di Monteaperti su vellutata di pere” presentato dal ristorante Podere Casato. Come primo piatto ci saranno la “Sfoglia ai porcini e tartufo” verrà preparato per la Cena in Terra Berardenga dallo chef Carlo del ristorante Quei 2 e le “Perle di ricotta con pomodorini, basilico e pinoli tostati” preparate dalla chef Francesca della Taverna della Berardenga. Per secondo ci sarà la Tagliata al rosmarino con cipolle sotto la cenere e pomodori de Il Bivacco. Dulcis in fundo la focaccia alle mandorle.

Menu-cena-terra-Berardenga.jpg

Ad ogni tavolo siederà un produttore del Classico Berardenga o un Maestro del Gusto che accompagnerà gli ospiti in un cammino di scoperta delle eccellenze della Berardenga. Saranno presenti le aziende vinicole Felsina, Losi Querciavalle, Tolaini, Vallepicciola, Podere Lecci e Brocchi, Dievole, La Lama, San Felice, Carpineto Fontalpino, Fattoria dell’Aiola, Fattoria di Corsignano, Tenuta di Arceno e il Podere Le Trosce.

Per info e prenotazioni.

Il costo della cena è di 40 Euro

📞 Katy Cherubini 348 7400653
📞 Ufficio Turistico 0577 351337
✉ cenainterraberardenga@gmail.com
✉ ufficio.turistico@comune. castelnuovo.si.it

No comments

Ago 4

Adele Diana ci insegna a usare gli oli essenziali

Adele Diana e gli oli essenziali

L’estate è il momento migliore per avventurarsi nel mondo degli oli essenziali. Perché? Perché ora quasi tutte le piante che servono per essere distillate sono in fiore, quindi potete vederle prima in natura e poi sentirle sottoforma di olio essenziale. E il mio incontro con Adele Diana di Dianaoils, non poteva che essere in una mattina d’estate.

Perchè usare gli oli essenziali, Why use essential oils

Ognuno di noi, è diverso, in base al proprio stato d’animo e al proprio modo di essere ha bisogno di un proprio olio essenziale per testarne il beneficio. E come facciamo a capire di che olio essenziale abbiamo bisogno? C’è un piccolo test che ci aiuta.

Quando e come usare gli oli essenziali.jpg


C’è un tester speciale, che va tenuto in mano, e lui elabora il tuo stato d’animo, percepisce le tue emozioni e le tue sensazioni e le manda ad un apparecchio, che sviluppa i dati e in pochi secondi ti dice di cosa hai bisogno per il tuo benessere.

blend-for-woman.jpg

E a me cosa è venuto fuori da questo esperimento?

a che serve l'olio essenziale di cipresso.jpg

A me è uscito prima il cipresso, che stimola energia e vitalità. Sarà per questo, che occupandomi di giardini e stando sempre in mezzo alla natura, sono sempre solare?

come-usare-gli-oli-essenziali-giusti.jpg

E poi Motivate: questa miscela, che ha la capacità di stimolare e rassicurare, vi aiuterà a liberare la vostra creatività. E come si usa? Basta applicarlo sulla pianta dei piedi per iniziare la giornata pieni di energia. Gli oli essenziali possono essere diffusi topicamente o aromaticamente, e ognuno può sperimentare l’effetto su di sé. Le miscele che usa per affrontare e alleviare i problemi di ogni giorno sono Balance, Serenity e Peace che aiutano a ridurre l’ansia, Motivate e Passion che aumentano l’energia, Cheers e Citrus Bliss che sono per il buon umore. Se invece abbiamo difficoltà nella sfera privata la Rosa, la Salvia o l’Ylang Ylang hanno effetti benefici sulla libido.

olio-essenziale-contro-le-zanzare.jpg

Ma chi è Adele Diana? Una persona. la cui filosofia personale l’ha sempre portata a privilegiare l’uso di rimedi naturali dove possibile, e fin da giovane, in equilibrio tra una sana attività fisica e una vita salutare, Adele pratica yoga ed è una delle fondatrici del MOT Studios di Milano. La sua necessità la portata ha scoprire l’efficacia innovativa degli oli doTerra® e da quel momento ne è diventata, prima in Inghilterra, ed ora in Italia, ambasciatrice e paladina.

In che caso si usano gli oli essenziali.jpg

Adele Diana, quando fa lezione nel suo centro, li usa nei diffusori e le persone, le confessano che la sensazione di relax che gli procurano sono una delle ragioni della loro presenza tanto che a volte fa dei seminari specifici utilizzando gli oli per lavorare sulla gratitudine o sulla tensione o altre questioni che attanagliano la vita di tutti i giorni.

Oli Essenziali: il benessere psico-fisico

L’applicazione degli olii essenziali è enorme. Ecco qui un elenco degli ambiti in cui si possono usare:

  • salute adulti e bambini, prevenzione
  • sonno, rilassante contro lo stress
  • aumentare energia
  • migliorare il proprio stato emotivo, ansia, paura, attacchi di panico, miglioratore di umore 
  • detox
  • nella pratica dello Yoga
  • Fitness, per sport intensi
  • oli per bambini per aiutarli nello studio e nella concentrazione e non ammalarsi durante il periodo scolastico, prevenzione pidocchi 
  • dimagrimento
  • livello ormonale per la donna in menopausa
  • per la cura della pelle, sia rughe che acne 
  • per i massaggi 
  • invecchiamento
  • gravidanza e neonati
  • riflessologia
  • animali, in particolar modo cani e gatti e cavalli 
  • afrodisiaci, per mancanza di libido
  • per pulire in casa naturalmente liberando la casa da sostanze tossiche, per lavatrice ed asciugatrice
  • creme fai da te. Si possono miscelare le essenze e creare un proprio profumo
  • regali natalizi
  • in giardino
  • viaggio 
  • pronto soccorso in casa ed in viaggio
  • cucina
  • profumare ambienti 

In questo video trovate Adele Diana mentre effettua il test sulla mia amica Alessandra. Buona visione.

No comments

Lug 27

Come arrivare a San Gimignano in treno

Category: Uncategorized
Stazione di Poggibonsi-San Gimignano

Come arrivare a San Gimignano in treno? Scrivo questo articolo in aiuto di tanti viaggiatori, che sono arrivati alla stazione di Poggibonsi-San Gimignano, e poi hanno avuto qualche difficoltà prima di arrivare alla New York del medioevo.

Stazione di Poggibonsi-San Gimignano, Station of Poggibonsi-San Gimignano, Station von Poggibonsi-San Gimignano

Sembra facile, uno quando fa il biglietto del treno, oppure guarda sulla App di Trenitalia, vede che la stazione di arrivo si chiama Poggibonsi-San Gimignano. San Gimignano dista da Poggibonsi più di dieci km, e il treno non arriva, c’è l’autobus.

Sia che arrivate da Siena, Firenze o Empoli, il treno non arriva direttamente a San Gimignano, si ferma alla stazione di Poggibonsi. Da Poggibonsi, dovrete prendere un autobus, che vi porterà a San Gimignano, oppure chiamare un taxi.

Dovrete uscire dalla stazione e recarvi nella nuova Piazza Mazzini, e dirigervi alla pensilina dove troverete il bus della Tiemme per San Gimignano.

Come arrivare in treno a San Gimignano da Siena e Firenze

Troverete sulla destra, accanto alla nuova piazza di Poggibonsi, la fermata della linea 130 della Tiemme per San Gimignano.

How to get to San Gimignano by train from Siena and Florence

E gli orari? Eccoli qua! Solo un avvertimento, cercate di arrivare in treno a Poggibonsi prima delle 21.00, perchè l’ultimo autobus per San Gimignano è alle 21.10.

E per il biglietto del bus? In stazione potete acquistare il biglietto per l’autobus al bar oppure all’edicola, e fuori nella piazza, sulla destra c’è la biglietteria della Tiemme. E se trovate tutto chiuso? Tranquilli, basta scaricare la App Tiemme Mobile.

No comments

Lug 21

Scoperte in notturna: a Siena si va a spasso nella storia

Scoperte notturne a Siena, arte in notturna

Si lo so che si prospetta una settimana da temperature infernali, e vorreste essere in Alaska al fresco, il segreto sarà uscire la sera per le scoperte notturne.

A Siena, ritornano Le Scoperte 2019, rassegna estiva di passeggiate notturne a tema storico, che tra il 25 luglio e il 5 settembre sarà dedicata quest’anno ai personaggi senesi da riscoprire.  Un ottimo modo per camminare, unendo l’utile al dilettevole.

Le “scoperte notturne“, sono un modo diverso per scoprire la storia della città, in un trekking sotto le stelle, per vie e piazze cittadine, ogni giovedì alle 21.30 con partenza da Fonte Gaia, in Piazza del Campo.

visite guidate in notturna, soperte notturne a Siena

Si comincia giovedì 25 luglio, per San Giacomo, con la prima serata dedicata a Violante di Baviera, nota ai più per aver firmato il bando che tutt’oggi regola i confini tra le 17 contrade. Ad una di queste fu fortemente legato Ettore Bastianini: nel rione della Pantera sono tutt’ora tangibili i segni della presenza della celebre voce operistica.

E ancora Federigo Tozzi in bilico tra amore e odio per la sua città. Pio II, che fu tanto Papa quanto umanista. E la più celebre stirpe di “bottinieri” che la città abbia avuto, vi faranno compagnia ogni giovedì sera in città.

Questo il programma completo delle “Scoperte” a cura delle guide Federagit Confesercenti.

• Giovedì 25 luglio: Violante Baviera, non solo bando
• Giovedì 1 agosto: Ettore Bastianini, il baritono senese
• Giovedì 8 agosto: I Gani, bottinieri per tradizione
• Giovedì 22 agosto: Pio II, il Papa e l’umanista
• Giovedì 29 agosto: Federigo Tozzi, sofferta sensibilità
• Giovedì 5 settembre: ri-scoperte a richiesta

Cosa fare la sera a Siena in estate

Qui trovate il video con tutte le nuove scoperte del 2019

https://www.facebook.com/scoperte/videos/2345586762174294/?t=3

Ecco come fare a prenotare la visita:

https://www.facebook.com/events/305493117020715/

Prenotazione consigliata – via tel/wapp (334 8418736) mail ( federagitsiena@libero.it ) o su bit.ly/prenotascoperte

Prezzo 8 euro a persona – gratis bambini fino a 10 anni, riduzione convenzionale (5 euro) per Unisi, Unistrasi, Usiena Alumni.

No comments

Giu 30

Paestum, Venere e la rosa rosso passione

Cosa vedere a Paestum, What to see in Paestum

Torno a scrivere sul blog, dopo un po’ di tempo, ma raccontandovi qualcosa di davvero speciale. Conoscete la Rosa di Paestum?

varietà di rose rifiorenti. rose antiche rifiorenti di Paestum

Se andate in Campania a vedere i celebri scavi, rimarrete abbagliati dalla sua bellezza e dal suo profumo. E ricordate, che Saffo scrive: se Zeus volesse donare un regno ai fiori, la rosa regnerebbe su tutti.

Paestum orari sito archeologico e museo, Paestum archaeological site and museum schedules

La Rosa di Paestum, la Damascena Bifera, era innestata su un rovo, per ottenere la seconda fioritura in autunno. I “Pestani” erano commercianti attivissimi, e la rosa veniva venduta tanto a Roma. I petali della Rosa di Paestum, molto profumati, venivano usati nell’antichità per creare profumi, e usati in cucina.

rose rosse antiche rifiorenti e profumate, Comment est faite la rose Paestum, How the Paestum rose is made

Questa rosa, la trovate intorno al Museo di Paestum, in piccole aiuole e nei vasi, anche se sarebbe bello che ne facessero delle belle aiuole intorno ai templi del parco archeologico: il Tempio di Hera chiamato la Basilica, il Tempio di Nettuno e il Tempio di Atena.

“Vidi Paestano gaudere rosaria cultu”, scriveva il poeta latino, (opera attribuita ad Ausonio), nel descrivere una passeggiata mattutina di Virgilio e paragona il roseto innanzi ai suoi occhi alle più famose rose di Paestum considerate una eccellenza del tempo.

A Paestum ho visto delle rose rosse: la storia, il profumo, la coltivazione.

Le rose di allora erano sul rosa, non erano ancora quelle rosse che oggi troviamo più frequentemente, ma di un profumo intensissimo.

Can you arrive by train at Paestum? Yes. Si può arrivare in treno a Paestum? Si. Können Sie mit dem Zug nach Paestum kommen? Ja. Pouvez-vous arriver en train à Paestum? Oui.

PARCO ARCHEOLOGICO DI PAESTUM

Via Magna Grecia, 919 – 84047
Capaccio Paestum (SA)

Il Parco archeologico di Paestum (che comprende Museo e Area archeologica) è aperto tutti i giorni –tranne il 25 dicembre e il 1° gennaio – dalle 8:30 alle 19:30 (ultimo ingresso 18:50)

No comments

Giu 4

Giovanni Santarpia Pizza Summer Tour

Dove è la nuova pizzeria di Giovanni Santarpia a FirenzeGiovanni Santarpia, dopo il grande successo ottenuto a Eataly Firenze nei giorni scorsi, in occasionei della cena di beneficenza, i cui proventi saranno destinati alla Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer a sostegno del progetto Play Therapy, il pizzaiolo stabiese, si appresta a partire per il Pizza Summer Tour in giro per l’Italia.

dove-mangiare-la-pizza-buona-a-Pisa.jpg

MERCOLEDì 5 GIUGNO PISA

Cominciamo da ” Pizza Pisa Festival”: martedì 4 e mercoledì 5 giugno, alla Stazione Leopolda e al Giardino Scotto di Pisa, c’è  Pizza Pisa Festival,  il primo festival dedicato alla pizza tutto pisano!
Il primo trofeo per pizzaioli nella città della torre, avrà  giudici di eccellenza quali, Maria Probst Chef Stella Michelin, Deborah Corsi chef JRE, lo chef Daniele Fagiolini e Stefano Pinciaroli chef JRE. Mentre lo chef stellato e JRE, Filippo Saporito del ristorante La Leggenda dei Frati di Firenze, martedì 4 giugno alle 21.00 sarà il protagonista di un cooking show insieme a Giuseppe D’Auria.

Giovanni Santarpia, sfornerà le sue pizze mercoledì 5 giugno alle 20.00. Oltre alla pizza napoletana, si cimenterà per i più golosi anche nella pizza fritta.

dove-mangiare-la-pizza-buona-a-Firenze.jpg

LUNEDì 10 GIUGNO FIRENZE

A Firenze è in programma una serata di beneficienza alla pizzeria Il Vecchio e il Mare in via Gioberti al 61, con tre tra i più talentuosi e affermati pizzaioli campani di stanza a Firenze – Mario Cipriano ProfessionePizzaiolo (“Il vecchio e il mare” in via Gioberti), Marco Manzi (“Giotto” in via Veracini) e lo chef consultant Giovanni Santarpia – ancora una volta insieme all’insegna della solidarietà, per far assaggiare le loro creazioni e raccogliere fondi a sostegno dell’attività di Caterina Bellandi, nota come Zia Caterina.

Per prenotazioni:
marco@ilforchettiere.it

La pizza più buona della Toscana

MARTEDì 11 GIUGNO PIETRASANTA

Savini Tartufi prosegue il suo viaggio lungo tutta l’Italia per incontrare i maestri delle pizzerie-icona delle più importanti città italiane e sfidarli a creare una pizza al tartufo.

6 tappe | 6 pizzaioli | 6 pizzerie-icona

Martedì 11 Giugno il tour fa tappa a Pietrasanta da Massimo Giovannini patron dell’Apogeo,  e insieme a lui troverete Giovanni Santarpia e il pizzaiolo Tommaso Vatti.

INFO E PRENOTAZIONI
Telefono: 0584 793394
Email: info@pizzeriaapogeo.it

Via Pisanica, 136
55045 Pietrasanta

Dove mangiare la pizza buona in Lombardia

GIOVEDì 13 GIUGNO BERGAMO

Serata unica a 4 mani con Giovanni Santarpia, vincitore del premio Italia a Tavola, presente nei primi 50 della guida 50 Top Pizza, 3 spicchi Gambero Rosso. Con la partecipazione di Barone Pizzini e del patron di Gustarosso Paolo Ruggiero.
7 Ponti via San Carlo Borromeo, 1
Bergamo

Dove mangiare la pizza buona nei dintorni di Napoli, la canesta

15 GIUGNO CASTELLAMMARE DI STABIA

Apre la Pizzeria/ Bistrot “LA CANESTA” a Castellammare di Stabia alla Piazza Giovanni XXIII ° n. 35, il locale ambientato in un ex monastero, avrà l’onore e il privilegio di essere battezzato da un pizzaiolo stabiese Giovanni Santarpia.

dove mangiare la pizza buona a Roma

LUNEDì 24 GIUGNO ROMA

Dal 22 al 24 giugno a Roma, c’è Ciak Che Pizza. Lunedì24 giugno è previsto il Trofeo Internazionale Ciak che pizza. Gli sfidanti si affronteranno in diverse categorie, con farine tradizionali, ma anche particolari od alternative come la Moringa e Tibetana, e in giuria troveremo anche Giovanni Santarpia.

 

No comments

Mag 22

Perché vedere la mostra Venice People a Venezia

mostra fotografica da non perdere in Italia, photographic exhibition to be missed in Italy

Venezia, Scuola dei Laneri, Salizada S. Pantalon, 131/A. In questo scenario urbano ha sede il progetto “VENICE PEOPLE B/N Portraits Project by Federica Repetto”.

mostra fotografica da non perdere a Venezia, photo exhibition not to be missed in Venice

Venice People, 17+1 ritratti in bianco e nero dove Federica Repetto ha colto la luce, la spensieratezza, la felicità in uno sguardo. Ha fatto esplodere il carattere di amici che amano e vivono Venezia.

Federica Repetto, Exhibitions not to be missed in Venice

L’occhio segue intense  vibrazioni. Non ci sono colori squillanti e pastosi nelle foto, solo il Bianco e il Nero, una forma così semplice che allo stesso tempo è tale da produrre mille sfumature diverse, piacevoli, armoniose.

ヴェネツィアで見逃せない展覧会, Ausstellungen in Venedig nicht entgehen lassen

Poi c’è la gioia di quando arriva Mark Edward Smith, uno dei più grandi fotografi di Venezia insieme a Celio Scapin. Gli occhi di Federica Repetto lo hanno conosciuto fin da bambina, si emozionano, si tirano a lucido.

Smith che fotografa Repetto, Repetto che fotografa e rifotografa Angelo Vignola, Matteo Secchi, Elena Magro, Alessandro Bressanello, Chiara Visconti, Matteo Bertolin, Diego Vianello, Eva Reidt, Sabrina Franceschini, Manuel Silvestri, Valeria Presotto, Monica Broggio, Marco Baù, Benedetta Setti, Emanuele Maraga, Meron Belay, Cristina Ignomeriello.

Federica Repetto giornalista, Micaela Scapin comunicazione

La Venice People che si tira a lucido in segno di amicizia. Una riflessione sulla fotografia contemporanea che racconta delle “Genti di Venexia”.

Venice People di Federica Repetto

La Repetto allestisce se stessa a Venezia e la Venice People: le sue opere in bianco e nero identificano concetti e stati d’animo, e li trasferisce su carta fotogafica con attenzione assoluta. Ecco perché dovete vedere Venice People.

Ritratti in bianco e nero, Venice People

La mostra rimarrà aperta al pubblico, tutti i giorni, fino al 31 maggio 2019 con il seguente orario dalle 10.30 alle 12.30, dalle 15.00 alle 18.00. L’ingresso è libero. 

No comments

Pagina successiva »