Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

La grande bellezza del Castello della Magione a Poggibonsi

maggio 12th, 2019 | Category: Cosa vedere,Le Vie d'Italia,Terre di Siena,TOSCANA

Cosa vedere a Poggibonsi, What to see in Poggibonsi

Poggibonsi (SI), imparate a conoscerla e vi regalerà tante sorprese, a cominciare dal Castello della Magione, un bellissimo complesso medievale appartenuto ai Cavalieri Templari.

Was ist zu sehen in Poggibonsi, chiese romaniche in Valdelsa

Cercate di arrivarci a piedi a vedere questo piccolo gioiello: se arrivate in macchina, parcheggiate zona Salceto, poi seguite la stradina verde lungo il fiume in direzione sud. Sarà una passeggiata salutare che alla fine vi porterà dritti al Castello della Magione. Anche se arrivate in treno, il percorso non è lungo da fare.

Que voir à Poggibonsi, Templari in Toscana dove trovarli

Il Castello della Magione è stato definito “il più completo complesso ospedaliero medievale rimanente in Europa occidentale” ed è grazie a un restauro fatto come si deve, che ancora oggi possiamo vederlo in tutto il suo splendore.

Misteri dei Templari in Italia

All’interno si può visitare anche “La Sede Magistrale”, ovvero la residenza del Gran Maestro e dove hanno sede anche gli Organi Centrali ed i Dicasteri.

Cosa fare a Poggibonsi, chiese antiche da vedere in ValdelsaIl Castello della Magione ospita la Chiesa di San Giovanni in Jerusalem,  oggi sede della Milizia del Tempio, un’istituzione che trae ispirazione dalla regola templare è che è riconosciuta dallo Stato e dalla Chiesa.

chiesa-dove-sposarsi-a-Poggibonsi, Bella chiesa dove sposarsi a Poggibonsi e dintorni, Belle église pour se marier à Poggibonsi et ses environs, Schöne Kirche in Poggibonsi und Umgebung zu heiraten, Beautiful church to get married in Poggibonsi and surroundings

La S. Messa nella Forma Straordinaria del Rito Romano (Messa tridentina) si celebra nella Chiesa di San Giovanni in Jerusalem della Magione di Poggibonsi tutte le domeniche e le feste di precetto infrasettimanali alle ore 9,30 .

Trekking routes in Poggibonsi, Itinéraires de trekking à Poggibonsi, Wanderrouten in Poggibonsi

Ogni anno la seconda domenica di Maggio, si tiene la Festa della Magione in onore della Madonna dei Templari. con la Messa Cantata al Mattino e la Messa Letta al pomeriggio, prima di dare il via alla Festa del Pellegrino.

Quando apre il Castelo della Magione.jpg

Il Castello della Magione si visita su prenotazione, tutti i giorni feriali dalle 17.00 alle 18.30 e la domenica mattina dopo la S. Messa (10.30 – 11.30).

Poggibonsi, Francigena WayAi fedeli cattolici che nei giorni 13 e 17 Maggio visiteranno la Chiesa della Magione, il Sommo Pontefice concede il dono dell’Indulgenza Plenaria Alle 9,30 della domenica e delle feste di precetto nella Chiesa della Magione viene celebrata la Santa Messa solenne in rito tridentino.

Per maggiori info:

Tel. 0577 935330 – Fax 0577 935403 – www.ordo-militiae-templi.org – info@ordo-militiae-templi.org

No comments

La nuvola di fiori rosa del glicine del Giappone

 

ringhiere con fiori rampicanti rosa, railings with pink climbing flowers

Siamo abituati a vedere glicini bellissimi, ma spesso di color viola, lilla o bianco. Avete mai visto i fiori rosa del glicine del Giappone? Sono lunghissimi e profumatissimi i suoi fiori, e quest’anno grazie alla stagione e alla potatura fatta al momento giusto, una delle mie piante preferite, mi ha ricompensato con questa fioritura spettacolare.

particolare del fiore rosa del glicine del Giappone

Il glicine dai fiori rosa lo potete piantare lungo un muro, può coprire una pergola, abbracciare un albero, si presta a mille interpretazioni.

 Mentre scattavo queste foto per voi, ero rapita dalla bellezza e dal profumo, poi ho preso una sedia e mi sono messa a contemplarlo.

pergolato di glicine dai fiori rosa

Il Glicine del Giappone, può anche adattarsi e crescere da solo per diventare un albero, imponente e in piena fioritura. È anche molto popolare tra i bonsai e vive per tantissimi anni, se trova la giusta posizione.

Dove far arrampicare un glicine

La Wisteria Floribunda Rosea, ha delle radici piuttosto  vigorose, quindi fate attenzione a dove lo piantate.

rampicante rosa dai fiori profumati, glicine del Giappone, pink wisteria, glycine rose

E’ una pianta molto romantica, non trovate? A me piace tanto, anche perchè di questo colore, se ne vedono poche in giro.

Il glicine più profumato che c'è, glicine dai fiori rosa, glicine del Giappone

Immaginatevi come è bello stare seduti sotto una pergola così profumata: rilassa e vi mette di buonumore.

No comments

Passeggiata sulla Via Romea Sanese, da Siena a Castellina in Chianti

Escursioni, trekking in Toscana, sentieri per trekking, tuscany pathway

La Via Romea Sanese è un sentiero bello per andare a camminare, perché oltre che per la sua importanza storica, è un percorso che è stato ripulito e sistemato da tanti “volontari”,  che amano il territorio chiantigiano.

Il “Cammino” della Via Romea Sanese offre un patrimonio ambientale e storico, tutto da scoprire, che vi lascerà a bocca aperta.

Domenica 12 Maggio, ci sarà questa bellissima camminata sulla “Via Romea Sanese”, da Siena a Castellina in Chianti, organizzata dall’associazione “Camminando a Quercegrossa” e il Gruppo Archeologico Salingolpe di Castellina in Chianti.

 

Chianti, Castellina in Chianti, hiking trail, sentier de randonnée, Wanderweg

Il ritrovo è in Piazza San Francesco a Siena alle ore 07:45, a seguire la partenza, prevista per le ore 08:30.

Camminerete tra luoghi unici, boschi e storia, da Siena fino all’arrivo a Castellina in Chianti.

Sentieri a piedi da Siena al Chianti

Il percorso per gli appassionati di trekking è  di 25 km, ma ci sarà la possibilità di dividere il sentiero in  due tratte brevi, da Siena a Quercegrossa o da Quercegrossa a Castellina in Chianti. Durante il tragitto sono previsti punti di ristoro a Quercegrossa e a Castellina in Chianti.

Mountainbike-Strecke in der Toskana, mountain bike trail in Tuscany, sentier de vélo de montagne en Toscane

Evento a prenotazione obbligatoria Clicca qui per prenotare

Per maggiori informazioni contattare i numeri: 3394899002 – 3357426075
E-mail: camminandoaquercegrossa@gmail.com
E-mail: grupposalingolpe@libero.it

LA PRENOTAZIONE SARA’ VALIDA SOLAMENTE DOPO IL PAGAMENTO DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE!

Un ringraziamento speciale a Giuseppe Stiaccini per le foto.

No comments

Foodies Festival: a Castiglioncello si rende omaggio a Zazzeri e alla Pop Edition

Cosa fare per il ponte del 25 Aprile in Toscana

A Castiglioncello (Li), dal  25 al 28 aprile, torna il Foodies Festival, la rassegna gastronomica, sostenuta anche dagli amici di Vetrina Toscana,  che spegne la sua sesta candelina con una ventata di novità all’insegna della POP Edition!

Cosa fare il 25 aprile in Toscana

Il festival si svolgerà tutta intorno al Castello Pasquini di Castiglioncello,  dove continuerà la collaborazione con l’associazione Streetfood Italia e dove saranno presenti oltre 70 banchi composti da truck food e stand.

Eventi in Toscana dal 25 Aprile al 1 Maggio

GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF

Giovedì 25 Aprile
show cooking – ore 17:30 – Anfiteatro Castello Pasquini
“I pastori, il latte, il formaggio e… l’olio extra vergine di oliva”
Le attualità delle eccellenze.
ANGELA SABA – Saba Formaggi – formaggi a latte crudo
BEATRICE MASSAZZA – Santissima Annunziata – olio extra vergine di oliva biologico
Fonte San Pierino – azienda agricola biologica.

Ore 18.30 Grandi Chef per tutti
Stand Foodies Festival
Ilan Catola – Chef, docente e coordinatore della Scuola italiana Turismo
TOMAHWOK DI CINGHIALE DOLCE FORTE

Venerdì 26 aprile
Ore 18.30 Grandi Chef per tutti.
Stand Foodies Festival
Elisa Masoni, Ristorante la Quercia di Castelletti – AIC
CECINA CON MOUSSE DI BACCALA’, GOCCE DI AGLIO FERMENTATO, E ALGA FRITTA.

SABATO 27 APRILE
Ore 13.00 Grandi Chef per tutti
Stand Foodies Festival
Gianluca Somigli / Cooking in Florence
L’ERBA IN CUCINA – LA CANNETTIERA
RIVISITAZIONE DI UN CLASSICO ALL’ITALIANA A BASE DI CANAPA.

ore 17:30 “LIVORNO vs. PISA”
Anfiteatro Castello Pasquini
I CAMPANILI NELLA TAVOLA DELLE RICETTE DEI LIBRI DI PAOLO CIOLLI.

DOMENICA 28 APRILE
Ore 13.00 Grandi Chef per tutti.
Stand Foodies Festival
Giacomo Piazzesi, ristorante Olivia – Firenze
FRITTO ALL’EXTRAVERGINE

Castiglioncello street food

DOMENICA 28 APRILE ore 17:30 Anfiteatro Castello Pasquini
EVENTO SPECIALE IN MEMORIA DI LUCIANO ZAZZERI
Per il giorno conclusivo della manifestazione gli organizzatori del foodies hanno messo in programma un momento di ringraziamento e riconoscimento allo chef e amico Luciano Zazzeri. S
“Luciano, sempre con noi, le ricette, la semplicità e le chiacchere”
ospiti gli chef dell’associazione insieme per:
Mirko Rossi – Rist il Doretto
Wilma Mattioli – Bistrot dalla Wilma
Isabella Lazzerini Denchi – Rist Scoglietto.
Cancio – Rist In Caciaia Livorno
Gli amici
Omar Barsacchi & Marco Parillo – rist Osteria la Magona
Lo Chef stellato Marco Stabile del ristorante  Ora d’Aria di Firenze, che ha dedicato un risotto a Luciano Zazzeri.

No comments

Cortona: tra Chianina & Sirah sotto il sole della Toscana

Cortona-Sirah-Razza-Chianina.jpg

Cortona la bella, la sofisticata, la patria del Sirah toscano e la casa di Jovanotti, la Chianina e le parole e le ricette di Bramasole nel libro di Frances Mayes “Sotto il sole della Toscana”, l’arte e il cinema.

Cortona dai mille volti e dalle mille risorse e se ami la Toscana, il Syrah, la Chianina? Sei appassionato di Vino, Cucina e Musica?
Non puoi amancare a Cortona dal 12 al 14 Aprile per Chianina & Sirah!

Un programma  tutto da scoprire.

LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO

Sirah-Cortona-Stefano-Amerighi.jpg

Tra gli eventi da non perdere:

VENERDI 12 APRILE

20:30 CENA DI GALA STELLATA
Il Gigante Bianco sposa la Principessa Syrah
Gli chef di Cortona ospitano i maestri del gusto:
Paolo Gramaglia – Ristorante President, Pompei, chef 1 Stella Michelin;
Silvia Baracchi – Ristorante Il Falconiere, Cortona, chef 1 Stella Michelin;
Umberto di Martino – Ristorante Florian Maison, Bergamo, chef 1 Stella Michelin;
Filippo Saporito – Ristorante La Leggenda dei Frati, Firenze, chef 1 Stella Michelin;
Sergio Mei – Four Seasons, Milano, executive chef;
Massimiliano Mandozzi – Casta Diva Resort, Blevio, executive Chef;
Emiliano Rossi –Chef Osteria del Teatro Cortona
Shady Hasbun, chef ospite della Prova del Cuoco;
Emilio Signori – Locanda La Luna, Tirli, chef ospite della Prova del Cuoco;
Matteo Donati – Ristorante Donati, Castiglione della Pescaia, chef;
Marialuisa Lovari – Resort il Verreno, Ambra, chef dell’Equipe Alta Cucina Toscana;
Keoma Franceschi, chef dell’Equipe Alta Cucina Toscana;
Paolo Paciaroni – Relais Borgo Lanciano, Lanciano, executive chef;
Stefano Lorenzoni – Pasticceria Arte Dolce, Monte San Savino, pastry chef.
Sergio Dondoli: Gelatieria Dondoli San Gimignano (SI)

Solo su prenotazione euro 65,00 a persona

Cosa vedere a Cortona, What to see in Cortona

SABATO 13 APRILE
10:30 – 19:00 MOSTRA DEGUSTAZIONE
Cortona Auditorium Sant’Agostino
Il vino Syrah, la razza Chianina, il buon vivere
Degustazioni di oltre 24 cantine produttrici del territorio di Cortona, abbinate a piatti proposti da ristoranti locali e chef aderenti. Ingresso € 15 con 3 degustazioni di Chianina e degustazioni vini libere.

08:30 – 12:00
Camucia Piazza Chateauh Chinon Camucia
66° MOSTRA DEL VITELLONE BIANCO DELL’APPENIMO CENTRALE
Esposizione di oltre 100 bovini di razza chianina, animali da selezione iscritti al libro genealogico
nazionale, vitelloni da macello e femmine da carne pregiata, degli allevamenti delle province di Arezzo e Siena.

12:00 – 12:30 TALK
Presentazione del libro: La Fiorentina
Osti, macellai e vini della vera bistecca. Di Aldo Fiordelli, giornalista e critico enogastronomico.
12:30 – 14:30 DEGUSTAZIONE
Chianina & Syrah Experience
Pranzo sul Chiostro con Masterclass “Com’è la vera Fiorentina” secondo il critico enogastronomico Aldo Fiordelli, con dimostrazione di cottura della pregiata bistecca di razza Chianina con i macellai della Valdichiana.

12:00 – 14:30 SHADY’S BURGER for Chianina & Syrah
Direttamente dalla prova del cuoco lo Chef aretino ha creato uno speciale burger per la manifestazione.
In anteprima per Chianina e Syrah lo Shady’s Burger.

16:00 – 17:00 TALK
Tavola Rotonda con l’esperta Roberta Garibaldi. Modera Luca Managlia di Identità Golose:
Scopriamo insieme la ricetta del Turismo enogastronomico. La Chianina e il Syrah due eccellenze della Valdichiana.

Miglior allevatore di Chianina a Cortona

DOMENICA 14 APRILE

12:00 – 13:00 COOKING SHOW
Dimostrazione di cucina della chef Silvia Baracchi, 1 stella Michelin, ristorante Il Falconiere, Cortona, Cosa cresce sotto il Sole della Toscana?

13:00 – 15:00 DEGUSTAZIONE
Chianina & Syrah Experience
Pranzo sul Chiostro con il critico enogastronomico Leonardo Romanelli, con dimostrazione di cottura della pregiata bistecca di razza Chianina con i grandi macellai della Valdichiana.

17:00 – 17:30 TALK
Presentazione del marchio Chianina&Aglione
Il marchio che unisce due grandi eccellenze della Valdichiana per raccontare un territorio attraverso due grandi prodotti.

No comments

Primavera: gli eventi dedicati ai fiori da non perdere in aprile

Mostre sui fiori da vedere in Italia, Verdemura, Lucca

Siamo un popolo di Santi, Cuochi e Giardinieri! Quando arriva la primavera noi italiani ci trasformiamo, da Milano a Palermo, compriamo piante e fiori da metter in giardino o sul davanzale all’ultimo piano di un grattacielo di Torino. Vogliamo fiori, profumi e colori, vogliamo la primavera da toccare con mano. E io vi accontento, portandovi alla scoperta delle manifestazioni su piante e fiori in programma in aprile. Seguitemi in questo viaggio floreale in giro per l’Italia.

dove comprare i fiori in Toscana

VERDEMURA LUCCA 5-6-7 APRILE

VerdeMura, mostra mercato del giardinaggio e del vivere all’aria aperta torna con la 12ma edizione venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 aprile 2019. Confermata la nuova collocazione: nuovi spazi più ampi e funzionali sul baluardo Santa Croce, sul baluardo e sulla Porta San Donato. Oltre 200 espositori italiani e stranieri: vivaisti di piante e specie orticole, arbusti, bulbi, attrezzi e arredi per il giardino e per l’orto, prodotti artigianali e alimentari di eccellenza, il tutto nell’ambientazione unica delle Mura di Lucca, uno dei parchi pubblici più antichi e suggestivi d’Europa. Prezzo dei biglietti d’ingresso orari e info su www.verdemura.it

VILLE IN VENETO

GIARDINITY PRIMAVERA VESCOVANA (PADOVA)

Tutti i giorni fino al 25 aprile 2019

la quarta edizione di “Giardinity primavera – I Bulbi di Evelina Pisani”

a Villa Pisani Bolognesi Scalabrin Vescovana (Padova)

Prato fiorito con tulipani

Il grandissimo prato del parco romantico della Villa si trasforma in un quadro impressionistacon la fioritura di 100mila tulipani bellissimi e coloratissimi, con 25mila nuove tonalità e specie rispetto alla scorsa edizione, che si andranno a mescolare all’erba e ai fiori spontanei di primavera.

Domenica 7 e 14 aprile e lunedì 22 (Pasquetta) i visitatori possono fare il Pic Nic su un’area del parco. L’ingresso per il pic nic non dà diritto all’ingresso gratuito, ma è compreso nel biglietto di ingresso. Non sono consentiti giochi con i palloni.

Ogni domenica sarà allestito “Le Petit Festival”: una selezione di vivaisti, artigiani e produttori di sapori.

fiere di piante in Lombardia

COSMO GARDEN BRESCIA 6-7-8 APRILE

Dal 6 all’8 aprile al Brixia Forum di Brescia la prima edizione di Cosmogarden, la nuova fiera di giardinaggio dentro e fuori casa con più di 200 espositori provenienti da tutta Italia. 15.000 metri quadrati di esposizione e oltre 75 tra corsi e laboratori, per un evento pensato per il pubblico ma anche per gli addetti ai lavori. Tra i diversi appuntamenti dedicati al pubblico si parlerà dell’uso delle piante nella progettazione di allestimenti, della creazione degli orti più innovativi e della realizzazione dei giardini zen, fino all’autoproduzione cosmetica con materie prime vegetali.

Mostre di fiori in Emilia-Romagna

COLORNO “NEL SEGNO DEL GIGLIO” 12-13-14 APRILE

C’è aria nuova a Colorno alla mostra mercato del giardinaggio di qualità giunta alla 26^ edizione. Immutata la magnifica location della manifestazione: il Parco storico della sontuosa Reggia di Maria Luisa d’Austria, già dei Farnese. Nuova, invece, la data: 12,13,14 aprile

Quest’anno, più che mai, si vuole puntare sulla qualità, per garantire al visitatore che, come da tradizione, viene a Colorno anche da lontano, il piacere di scoprire piante e idee nuove, di interloquire con esperti di livello, di trascorrere una giornata realmente speciale in un contesto storico-ambientale davvero unico quale è quello della Reggia con il suo grandioso Parco.

Fra le nuove iniziative, “Nel Segno del Giglio” 2019, proporrà una serie di “Balconi d’Autore”, per situazioni di pieno sole, mezz’ombra, ombra ma anche per chi voglia trasformare il balcone in un utile orto. Proposte da trasferire a casa propria a prezzi predeterminati, idee di pronto uso, perfette per chi non ha particolari conoscenze di giardinaggio o per chi, già esperto, cerca suggestioni e idee fresche.

le rose di Firenze.jpg

FIRENZE PASQUETTA AL VIVAIO LE ROSE DI FIRENZE

Stefano Magi e le sue bellissime creature “Le rose di Firenze” vi aspettano per una “Pasquetta tra le rose” tra colori e profumi al vivaio Le Rose di Firenze – Vivaio di Stefano Magi in Via delle Pratra, 50018 Scandicci. Inoltre potrete trovare le rose nelle più importanti manifestazioni floreali italiane come Piacenza in fiore, in programma questo weekend.

Manifestazioni di fiori in Emilia Romagna

BORGO PLANTARUM, il 27 e 28 aprile 2019 a Telarolo di Castellarano, Reggio Emilia.

Allestita in un delizioso borgo antico e curata dal garden designer Carlo Contesso, per chi sogna giornate trascorse tra rose odorose nel countryside inglese, passeggiando in giardino rigogliosi all’ombra di un cappello di paglia.

Tante le novità dell’edizione 2019 di Borgo Plantarum, tutta incentrata su arbusti rari e insoliti. A introdurre i visitatori nelle varietà di autoctone e classiche sarà il Vivaio Nifantani Liviana con un allestimento che è un vero e proprio viaggio nel mondo: dall’Oriente le vistose fioriture di Cornus kousa ‘Akatsuki’, dall’Europa le profumate varietà di Lillà Syringa vulgaris ‘Andenken an Ludwig Spath’. Torna a Borgo Plantarum la squadra de I Giardini Dell’Indaco con le perenni.

No comments

Perla del Garda: l’eleganza del Lugana che conquista Siena

Lugana, wein, wine. spumante, miglior Lugana del Garda

Questa è la storia della “Vignaiola” Giovanna Prandini e del suo Lugana Perla del Garda, una terra di meraviglie che è arrivata a Siena, grazie alla conviviale organizzata al ristorante Il Mestolo dall’Union Europèenne des Gourmets delegazione di Siena/Firenze/Toscana, sempre attenta ad unire le eccellenze enogastronomiche.

Giovanna Prandini e Alessandro Bonelli

Il Console Alessandro Bonelli, ha nuovamente fatto centro, portandoci di nuovo alla scoperta del Belpaese e della buona tavola, unendo i preziosi vini di Giovanna Prandini alla delicata cucina di Nicoletta Marighella.

Giovanna Prandini, Donatella Cinelli Colombini, Laura Bucci

Giovanna Prandini ha portato in quel di Siena i colori e i profumi dei suoi Lugana dotati di grande acidità e sapidità : Lugana Perla 2018, Lugana Spumante Metodo Classico Brut Nature Millesimo 2011, il Lugana Riserva Madre Perla 2016 e Lugana Vendemmia Tardiva 2013. Vignaiola Indipentente della Fivi, ma anche orgogliosa di appartenere alle “Donne del Vino”, aperta a molteplici visioni per far conoscere il territorio del Lugana nel mondo, e che sostiene che la mente è come un paracadute, funziona solo quando è aperto, e per questo ha dato un calcio alla tranquillità e si è messa anima e corpo nel progetto di Perla del Garda, ripartendo da zero.

E tra i vari ospiti presenti alla conviviale non poteva mancare la vulcanica produttrice toscana Donatella Cinelli Colombini, al secondo mandato con elezione plebiscitaria che sarà presidente delle Donne del Vino nel 2019-21, ritratta sopra in foto, assieme alle “Donne del Vino” Giovanna Prandini e Laura Bucci.

Dove mangiare il pesce a Siena e provincia, Il Mestolo, Siena

E i piatti da abbinare ai vini della Perla del Garda, sono stati scelti con attenzione: delicata la Vellutata di ceci con crostacei, molluschi e crostini di pane fritto, equilibrato il Riso al limone candito, mantecato al caprino, con ragù di seppioline.

come impiattare un branzino al ristorante

La Spigola con verdute croccanti e soia, nella sua semplicità è stato il piatto più acclamato, segno che quando c’è una materia prima eccellente e una grande cuoca dietro i fornelli, la sostanza non è mai banale.

Ristorante il mestolo Siena

Finale con Crema chantilly, la sfoglia, i frutti di bosco abbinato al
Lugana Vendemmia Tardiva 2013, risultato un vero fermento.

Spumante, Lugana, Wein, Perla del Garda

Lugana, conosciamolo meglio: il disciplinare di produzione prevede la presenza di vitigni complementari a bacca bianca,  non aromatici, per una quota del 10%. Il Trebbiano di Lugana o Turbiana è il vitigno principe, che da vita a cinque diverse tipologie di vino: il Lugana base, il Superiore, la Riserva, la Vendemmia Tardiva e lo Spumante.

Gaetano De Martino e Nicoletta Marighella del
“Ristorante Il Mestolo” insieme al loro staff, come sempre si sono dimostrati perfetti padroni di casa, che sanno trattare il pesce in abito da sera.

Dove mangiare il pesce a Siena

Un ringraziamento speciale per il loro prezioso contributo fotografico a Tiziana Campi e Claudio Giomini de l’Union Europèenne des Gourmets, sempre attenti a cogliere i dettagli.

No comments

Come si mangia l’olio alla Compagnia dei Vinattieri

libri che parlano di olio

Neve, acqua, gelo, nulla può il tempo contro le ” “50 SFUMATURE D’OLIO”, serata conviviale tenuta alla Compagnia dei Vinattieri di Siena, dall’Union Europèenne des Gourmets delegazione di Siena/Firenze/Toscana.

carta dell'olio per i ristoranti

Giacomo Grassi, Fiammetta Nizzi Grifi e Andrea Leonardi, moderati da Alessandro Bonelli  del Consolato U.E.G, hanno portato tutti i partecipanti alla scoperta dell’Olio Extravergine di Oliva e di tutte le sue sfumature.

come abbinare olio extravergine di oliva ai piatti

Abbinare l’olio è importante, ogni pietanza richiede il suo olio, che sia forte, delicato, piccante, l’importante è incominciare a riconoscerli e combinarli.

libri abbinamento cibo olio

Un grande lavoro di ricerca è stato fatto da Andrea Leonardi, Filippo Falugiani e Marco Provinciali nella triologia “Come si mangia l’olio”: manuali pratici di abbinamento gastronomico con l’Olio Extra Vergine di Oliva. Un lavoro impegnativo e certosino, che ha coinvolto produttori di olio nazionali, chef dal calibro di Cristiano Tomei, Gaetano Trovato, Igles Corelli, Maurizio Bardotti, Marco Stabile, Roy Caceres, Enrico Bartolini e molti altri, che si sono impegnati in questo ambizioso progetto, compreso il gelatiere Vetulio Bondi. Non è un caso che lo chef Andrea Perini del ristorante Al 588 di Bagno a Ripoli sia lo chef dell’olio in carica, e Tommaso Vatti della Pergola di Radicondoli il “Pizzaiolo dell’Olio” per A.I.R.O.

Marco Certosini, patron della Compagnia dei Vinattieri, insieme al suo staff, ha creato un menu ad hoc per la serata, confermandosi come sempre all’altezza della situazione e centrando il tema della serata: l’olio protagonista in tutte le sue sfumature da abbinare al gelato, ai tortelli di baccalà su fondo di finocchi e alla faraona, e ai monovarietali di Giacomo Grassi, il produttore che ha avuto il coraggio di fare una monocultivar di Morchiaio, l’impollinatore del Moraiolo, quasi scomparso, al quale Giacomo ha dato nuova vita e autostima.

L’Olivio Bianco,  nasce dal ricordo di una storia raccontata dal nonn di Giacomo Grassi: intorno agli anni ’40 egli tentò di lavorare una partita di olive raccolte che era quasi interamente composta da frutti della varietà “Morchiaio”, un varietà autoctona minore. L’olio ottenuto era di così bassa qualità che il nonno decise di sovrinnestare tutti gli olivi con varietà di maggior pregio.

La Compagnia dei Vinattieri Siena

“Come si mangia l’olio” è un lungo lavoro di ricerca dove la comprensione passa dalla fatica della raccolta, al frantoio, al linguaggio, ai luoghi e ai cibi. Tre libri speciali, dove si spiega quanti e quali oli utilizzare, la conoscenza, l’importanza delle olive, l’equilibrio tra profumi, amaro e piccante.

Chef al 43 San Gimignano

Maurizio Bardotti, lo chef stellato del ristorante Al 43 di San Gimignano, ha creato piatti dove si esaltano gli abbinamenti gastronomici dell’Olio Extra Vergine di Oliva, come il Foie Gras con sorbetto al peperone e lampone, il Piccione al rabarbaro, falsi passatelli e salsa ponzu, la Carota con mou di scalogno, nasturzio e aceto balsamico alla cipolla e le Mezzelune con salsa aioli al bergamotto, calamaretti spillo e salsa bernese ai funghi.

produttori di olio toscano

Inoltre oltre agli abbinamenti con il cibo, è stato fatto un lungo lavoro con la “scheda di valutazione sensoriale”. Cibo e Olio dove complessità, succulenza, equilibrio, aromaticità ed altri fattori devono trovare la giusta intesa. E in occasione di “50 sfumature d’Olio”, Alessandro Bonelli, Fiammetta Nizzi Grifi e Marco Certosini, hanno trovato le monocultivar più adatte da abbinare alla cena, mettendo a confronto i commensali, e discutendo in modo intelligente, perchè la varietà Frantoio, può avere delle caratteristiche migliore del Leccino per una determinata preparazione.

Union Europèenne des Gourmets

Perché “l’olio sana ogni dolore e risolve ogni durezza: tira a se tutto l’amore, trae dell’amore la saldezza penetrando la dolcezza quanto più forte stropicci”. Lorenzo de’ Medici dai Canti Carnascialeschi.

Un ringraziamento speciale a Tiziana Campi e Claudio Giomini de l’Union Europèenne des Gourmets, per le foto.

No comments

Pagina successiva »