Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Gen 12

Il favoloso mondo di Caterina e Fiammetta

scuola per la dislessiaQuesta è la storia di un’amicizia del cuore, tra Fiammetta e Caterina. Loro non si conoscono al momento, ma chissà in futuro. Non lo sanno, ma hanno tante cose in comune, come vivere in un mondo favoloso. Siete curiosi?

Caterina se ne sta spesso in cucina a fare le ricette occhiometriche, di quelle che la nonna gli ha insegnato a fare a occhio, come le polpette. Dividere, formare i biscotti, contare i pavesini, lei impara così. Il destino della Streghetta grande si ribalterà sabato prossimo, ma per il momento lei non sa nulla. La sua vita continua a scorrere tranquilla tra le ricette di mamma Ilaria e i giochi con la streghetta piccola, sua sorella.

A Caterina piace mettere i fiori sugli alberi di un quaderno speciale, fare lezione di matematica pesando burro, farina e cioccolato. Addizzionare le goccie di cioccolato, sottrarre i cucchiai di zucchero, dividere le uova dal bianco, moltiplicare i biscotti.

Dall’altra parte della città, Fiammetta se ne sta spesso in giardino. E lei adora le vacanze di Natale e di Pasqua, ma anche i fine settimana e perché? Perchè con il babbo scorrazza con un carrettino di legno da lui costruito, addiziona facendo i fastelli per l’avvio del camino, moltiplica le foglie di quercia, sottrae le erbacce, divide la stanza con la sorella grande.

E quali storie strampalate si raccontano due bambine dotate di grande fantasia? All’inseguimento dell’amica gemella su una giostra di cavalli di quelle antiche, sai quante risate? Ognuna guarda fuori dalla propria finestra con aria sognante, sentono che da una parte della città c’è qualcuno a cui si rassomigliano un pò.

Fiammetta, preferisci immaginare un legame con una persona che non c’è? Piuttosto che creare un legame con persone che conosci? No babbo, è solo che io so che da qualche parte c’è una Caterina, e noi insieme, tireremo fuori dai pasticci, anche tanti altri bambini. La dislessia non è una malattia…si chiama affrontare la realtà!

Ecco voi piccole Caterina e Fiammetta, non avete le ossa di vetro. Non vi dovete lasciare sfuggire questa occasione. Qundi lanciatevi accidenti! La dislessia si supera, l’amicizia rimane…Vi conoscete da sempre nei vostri sogni…

E chissà magari sabato prossimo, tante Caterina e Fiammetta, ma anche tanti Marco e Stefano, si daranno appuntamento in un posto speciale. Ancora non lo sanno, ma si dovranno incontrare. E dove?

Alla scuola di Caterina! Ci sono tante scuole ma la scuola di Caterina è diversa. La sua scuola è tra le colline di Scandicci, la sua scuola non ha palestra, ma ha tanto verde quasi a perdita d’occhio. La sua scuola è a misura di bambino, la sua scuola ha una sola sezione, la sua scuola ha 120 bambini, la sua  scuola ha maestre  che hanno una marcia in più perché insegnano qualcosa di più dell’italiano e della matematica…
La sua scuola ha tutti i genitori che si fanno in quattro per aiutare. La  scuola di Caterina, l’ha accolta dalla seconda quando pensava che tutte le scuole fossero piene di brutte esperienze… la sua scuola gli ha insegnato ad avere fiducia in se stessa e recuperarla negli altri, la sua scuola l’ha supportata ed accompagnata nel momento del bisogno.
Lei è arrivata n 5° felice e consiglia a tutti voi di andare a vedere quanto possa essere forte e bella l’unione di una piccola grande scuola di campagna. Naturalmente ci sarà anche Fiammetta!

Sabato 16 gennaio 

OPEN DAY SCUOLA “E. TOTI” DALLE ORE 9.00 ALLE ORE 12.00

cuola Primaria “Enrico Toti” – Via Empolese,34

San Vincenzo a Torri- Scandicci-

50018

Firenze

Tel- e Fax 055/769001
E – mail : scuolaenricototi@gmail.com

No comments

Nessun commento

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.