Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Archive for the 'Toscana voglio vivere così' Category

Passeggiata sulla Via Romea Sanese, da Siena a Castellina in Chianti

Escursioni, trekking in Toscana, sentieri per trekking, tuscany pathway

La Via Romea Sanese è un sentiero bello per andare a camminare, perché oltre che per la sua importanza storica, è un percorso che è stato ripulito e sistemato da tanti “volontari”,  che amano il territorio chiantigiano.

Il “Cammino” della Via Romea Sanese offre un patrimonio ambientale e storico, tutto da scoprire, che vi lascerà a bocca aperta.

Domenica 12 Maggio, ci sarà questa bellissima camminata sulla “Via Romea Sanese”, da Siena a Castellina in Chianti, organizzata dall’associazione “Camminando a Quercegrossa” e il Gruppo Archeologico Salingolpe di Castellina in Chianti.

 

Chianti, Castellina in Chianti, hiking trail, sentier de randonnée, Wanderweg

Il ritrovo è in Piazza San Francesco a Siena alle ore 07:45, a seguire la partenza, prevista per le ore 08:30.

Camminerete tra luoghi unici, boschi e storia, da Siena fino all’arrivo a Castellina in Chianti.

Sentieri a piedi da Siena al Chianti

Il percorso per gli appassionati di trekking è  di 25 km, ma ci sarà la possibilità di dividere il sentiero in  due tratte brevi, da Siena a Quercegrossa o da Quercegrossa a Castellina in Chianti. Durante il tragitto sono previsti punti di ristoro a Quercegrossa e a Castellina in Chianti.

Mountainbike-Strecke in der Toskana, mountain bike trail in Tuscany, sentier de vélo de montagne en Toscane

Evento a prenotazione obbligatoria Clicca qui per prenotare

Per maggiori informazioni contattare i numeri: 3394899002 – 3357426075
E-mail: camminandoaquercegrossa@gmail.com
E-mail: grupposalingolpe@libero.it

LA PRENOTAZIONE SARA’ VALIDA SOLAMENTE DOPO IL PAGAMENTO DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE!

Un ringraziamento speciale a Giuseppe Stiaccini per le foto.

No comments

Foodies Festival: a Castiglioncello si rende omaggio a Zazzeri e alla Pop Edition

Cosa fare per il ponte del 25 Aprile in Toscana

A Castiglioncello (Li), dal  25 al 28 aprile, torna il Foodies Festival, la rassegna gastronomica, sostenuta anche dagli amici di Vetrina Toscana,  che spegne la sua sesta candelina con una ventata di novità all’insegna della POP Edition!

Cosa fare il 25 aprile in Toscana

Il festival si svolgerà tutta intorno al Castello Pasquini di Castiglioncello,  dove continuerà la collaborazione con l’associazione Streetfood Italia e dove saranno presenti oltre 70 banchi composti da truck food e stand.

Eventi in Toscana dal 25 Aprile al 1 Maggio

GLI APPUNTAMENTI CON GLI CHEF

Giovedì 25 Aprile
show cooking – ore 17:30 – Anfiteatro Castello Pasquini
“I pastori, il latte, il formaggio e… l’olio extra vergine di oliva”
Le attualità delle eccellenze.
ANGELA SABA – Saba Formaggi – formaggi a latte crudo
BEATRICE MASSAZZA – Santissima Annunziata – olio extra vergine di oliva biologico
Fonte San Pierino – azienda agricola biologica.

Ore 18.30 Grandi Chef per tutti
Stand Foodies Festival
Ilan Catola – Chef, docente e coordinatore della Scuola italiana Turismo
TOMAHWOK DI CINGHIALE DOLCE FORTE

Venerdì 26 aprile
Ore 18.30 Grandi Chef per tutti.
Stand Foodies Festival
Elisa Masoni, Ristorante la Quercia di Castelletti – AIC
CECINA CON MOUSSE DI BACCALA’, GOCCE DI AGLIO FERMENTATO, E ALGA FRITTA.

SABATO 27 APRILE
Ore 13.00 Grandi Chef per tutti
Stand Foodies Festival
Gianluca Somigli / Cooking in Florence
L’ERBA IN CUCINA – LA CANNETTIERA
RIVISITAZIONE DI UN CLASSICO ALL’ITALIANA A BASE DI CANAPA.

ore 17:30 “LIVORNO vs. PISA”
Anfiteatro Castello Pasquini
I CAMPANILI NELLA TAVOLA DELLE RICETTE DEI LIBRI DI PAOLO CIOLLI.

DOMENICA 28 APRILE
Ore 13.00 Grandi Chef per tutti.
Stand Foodies Festival
Giacomo Piazzesi, ristorante Olivia – Firenze
FRITTO ALL’EXTRAVERGINE

Castiglioncello street food

DOMENICA 28 APRILE ore 17:30 Anfiteatro Castello Pasquini
EVENTO SPECIALE IN MEMORIA DI LUCIANO ZAZZERI
Per il giorno conclusivo della manifestazione gli organizzatori del foodies hanno messo in programma un momento di ringraziamento e riconoscimento allo chef e amico Luciano Zazzeri. S
“Luciano, sempre con noi, le ricette, la semplicità e le chiacchere”
ospiti gli chef dell’associazione insieme per:
Mirko Rossi – Rist il Doretto
Wilma Mattioli – Bistrot dalla Wilma
Isabella Lazzerini Denchi – Rist Scoglietto.
Cancio – Rist In Caciaia Livorno
Gli amici
Omar Barsacchi & Marco Parillo – rist Osteria la Magona
Lo Chef stellato Marco Stabile del ristorante  Ora d’Aria di Firenze, che ha dedicato un risotto a Luciano Zazzeri.

No comments

Perla del Garda: l’eleganza del Lugana che conquista Siena

Lugana, wein, wine. spumante, miglior Lugana del Garda

Questa è la storia della “Vignaiola” Giovanna Prandini e del suo Lugana Perla del Garda, una terra di meraviglie che è arrivata a Siena, grazie alla conviviale organizzata al ristorante Il Mestolo dall’Union Europèenne des Gourmets delegazione di Siena/Firenze/Toscana, sempre attenta ad unire le eccellenze enogastronomiche.

Giovanna Prandini e Alessandro Bonelli

Il Console Alessandro Bonelli, ha nuovamente fatto centro, portandoci di nuovo alla scoperta del Belpaese e della buona tavola, unendo i preziosi vini di Giovanna Prandini alla delicata cucina di Nicoletta Marighella.

Giovanna Prandini, Donatella Cinelli Colombini, Laura Bucci

Giovanna Prandini ha portato in quel di Siena i colori e i profumi dei suoi Lugana dotati di grande acidità e sapidità : Lugana Perla 2018, Lugana Spumante Metodo Classico Brut Nature Millesimo 2011, il Lugana Riserva Madre Perla 2016 e Lugana Vendemmia Tardiva 2013. Vignaiola Indipentente della Fivi, ma anche orgogliosa di appartenere alle “Donne del Vino”, aperta a molteplici visioni per far conoscere il territorio del Lugana nel mondo, e che sostiene che la mente è come un paracadute, funziona solo quando è aperto, e per questo ha dato un calcio alla tranquillità e si è messa anima e corpo nel progetto di Perla del Garda, ripartendo da zero.

E tra i vari ospiti presenti alla conviviale non poteva mancare la vulcanica produttrice toscana Donatella Cinelli Colombini, al secondo mandato con elezione plebiscitaria che sarà presidente delle Donne del Vino nel 2019-21, ritratta sopra in foto, assieme alle “Donne del Vino” Giovanna Prandini e Laura Bucci.

Dove mangiare il pesce a Siena e provincia, Il Mestolo, Siena

E i piatti da abbinare ai vini della Perla del Garda, sono stati scelti con attenzione: delicata la Vellutata di ceci con crostacei, molluschi e crostini di pane fritto, equilibrato il Riso al limone candito, mantecato al caprino, con ragù di seppioline.

come impiattare un branzino al ristorante

La Spigola con verdute croccanti e soia, nella sua semplicità è stato il piatto più acclamato, segno che quando c’è una materia prima eccellente e una grande cuoca dietro i fornelli, la sostanza non è mai banale.

Ristorante il mestolo Siena

Finale con Crema chantilly, la sfoglia, i frutti di bosco abbinato al
Lugana Vendemmia Tardiva 2013, risultato un vero fermento.

Spumante, Lugana, Wein, Perla del Garda

Lugana, conosciamolo meglio: il disciplinare di produzione prevede la presenza di vitigni complementari a bacca bianca,  non aromatici, per una quota del 10%. Il Trebbiano di Lugana o Turbiana è il vitigno principe, che da vita a cinque diverse tipologie di vino: il Lugana base, il Superiore, la Riserva, la Vendemmia Tardiva e lo Spumante.

Gaetano De Martino e Nicoletta Marighella del
“Ristorante Il Mestolo” insieme al loro staff, come sempre si sono dimostrati perfetti padroni di casa, che sanno trattare il pesce in abito da sera.

Dove mangiare il pesce a Siena

Un ringraziamento speciale per il loro prezioso contributo fotografico a Tiziana Campi e Claudio Giomini de l’Union Europèenne des Gourmets, sempre attenti a cogliere i dettagli.

No comments

Borgo Pignano eleganza di campagna

Location per matrimonio tra Volterra e San Gimignano, Location for wedding between Volterra and San Gimignano

Borgo Pignano, sulla strada che da Colle Val d’Elsa porta a Volterra, con San Gimignano poco distante, è un luogo ispirato al paesaggio, un progetto ambizioso, dove una tenuta di campagna alterna spazi formali e liberi con altri di charme.

Borgo Pignano, ha ricevuto il prestigioso premio Condé Nast Johansens Excellece Awards quale “Miglior Hotel di Campagna 2018 in Europa e Mediterraneo”.

quattro “valori” su cui si basa Borgo Pignano sono Cultura, Agricultura-Sostenibilità, Storia e eredità, Gastronomia.

idee per giardino all'inglese, ideas for an English garden,

Nei parterre della struttura principale, l’esuberanza delle fioriture della Perowskia è contenuta da qualche pianta più formale.

Agriturismo bello tra Volterra e San Gimignano, Beautiful farmhouse between Volterra and San Gimignano

Fiore all’occhiello dell’ospitalità di Borgo Pignano, sono le tre nuove Maisonettes, vere e proprie family suite caratterizzate da materiali di pregio in stile rustico toscano, perfette per chi desidera privacy e confort.

Ogni maisonette è indipendente e dispone di balconcini o terrazze private, camere da letto con bagno en-suite e cucina completamente attrezzata.

Borgo Pignano restaurant, chef Vincenzo Martella

A Borgo Pignano ci sono due  ristoranti  Villa Pignano con la cucina gourmet e Al Fresco, per chi cerca la tradizione toscana.

Vincenzo Martella Chef, Borgo Pignano, ricette con volatili insoliti

Il nuovo menu è composto da cinque antipasti dove rimane dallo scorso anno, uno dei piatti più rappresentativi della cucina dello chef La seppia scottata dell’isola d’Elba, crema di pane e pecorino, ricci di mare e fave fresche”. Cinque primi sia a base carne, che pesce, che vegetariani.Ma troviamo anche la “Starna con pistacchi e zafferano”

ricette per cucinare i rognoni di coniglio

I rognoni di coniglio e ricci di mare.

ricetta con gamberi viola e barbabietola

I secondi piatti sono sei, tutti di grande carattere e riconoscibilità, impossibile non innamorarsi del Pescato dell’isola d’Elba al cartoccio mediterraneo con ragù di murici, del capriolo oppure del Piccione di Laura Peri in quattro servizi. Il dessert per eccellenza, fotografia della filosofia e della bravura tecnica di Vincenzo rimane: la Frutta e la verdura con il biscotto sbriciolato e la crema allo zenzero

Vincenzo Martella, Executive Chef di Borgo Pignano

Il ristorante di Villa Pignano è affidato a Vincenzo Martella, Executive Chef di Borgo Pignano dal 2015, è un convinto sostenitore dell’utilizzo di sole materie prime biologiche di stagione, provenienti dal territorio circostante.

albergo di charme tra Volterra e San Gimignano, charming hotel between Volterra and San Gimignano

La villa accoglie quattordici eleganti stanze e suite, alcune delle quali presentano affreschi originali, tutte con bagno privato in marmo e travertino.

Luogo per fotografie matrimonio tra Volterra e San Gimignano, Place for wedding photography between Volterra and San Gimignano

Il giardino informale all’inglese è composto da aiuole di Teucrium Fruticans, Perowskia, Rosmarino, Lavanda, Rose e erbe officinali.

Tuscan products from organic farming

Borgo Pignano produce prodotti alimentari e cosmetici a proprio marchio sia per la vendita che per utilizzo interno. La scelta è ampia e varia: pasta, miele, Ceci, Lenticchie, Orzo Perlato, Farro Perlato, sale, pane, e cosmetici arricchiti con la lavanda prodotta ed essiccata a Borgo Pignano.

Galleria d'Arte in Toscana, Art Gallery in Tuscany

Borgo Pignano è anche un contenitore d’arte. Il Borgo, infatti, ha una propria Galleria che ospita, oltre alle opere di artisti e scultori della zona, anche talenti emergenti nazionali ed internazionali.

the best resort in Tuscany

La tenuta di Borgo Pignano si estende per più di 300 ettari fra boschi incontaminati, panorami fiabeschi con stagni e laghetti, orti coltivati secondo regime biologico e biodinamico.

Borgo Pignano

Loc. Pignano, 6

 Volterra (Pisa)

Telefono e Fax: +39 0588 35032

reservations@borgopignano.com

https://www.borgopignano.com/it/

No comments

Vignaioli di Radda, che la forza del Sangiovese sia con voi

Produttori di vino di Radda in Chianti, Wine producers of Radda in Chianti

Nel nome di Radda, del Sangiovese e del Chianti Classico, si è finalmente costituita  l’Associazione ‘Vignaioli di Radda’.

Weinproduzenten von Radda in Chianti

Hanno cominciato lo scorso anno, a mettersi insieme, per far conoscere alle persone come è fatto il territorio di Radda. Quest’anno a maggio, hanno bissato, confrontandosi con il Sangiovese della California, e tra una chiacchera e l’altra, sono finalmente passati ai fatti, i Vignaioli’ hanno deciso di darsi una forma ufficiale.

Nomi dei produttori di vino di Radda, Producteurs de vin de Radda in Chianti

Questa è la storia di gente che dedica la sua vita al vino, che passa le giornate ad aiutarsi e a confrontarsi. Vignaioli che fanno squadra, e che hanno portato Radda in Chianti, a vera e propria icona del Sangiovese.

ラッダインキャンティのワイン生産者

Un territorio non facile, dove la maturazione delle uve arriva dopo, dove la vendemmia comincia quando gli altri stanno per finire, dove cinghiali e caprioli sono un grosso problema per le uve, tanto ne sono golosi.

Vignaioli di Radda, Chianti Classico, Sangiovese

Ma i Vignaioli di Radda, non demordono, si rimboccano le maniche, vanno avanti, sono testardi e coraggiosi, un po’ pazzi e tantino ambiziosi. E come non fanno ad esserlo, se tra gli obiettivi che si sono prefissati, ci sono  la tutela, la valorizzazione e la comunicazione collettiva delle eccellenze vitivinicole del territorio raddese?

Tre Bicchieri 2019 istine

I Soci Fondatori sono : Borgo La Stella, Borgo Salcetino, Brancaia, Cantina Castelvecchi, Caparsa, Castello di Albola, Castello di Volpaia, Castello di Monterinaldi, Colle Bereto, Fattoria di Montemaggio, Istine, L’Erta di Radda, Monteraponi, Montevertine, Podere Capaccia, Podere l’AJa, Podere Terreno alla Volpaia, Poggerino, Pruneto, Tenuta Carleone di Castiglioni, Terrabianca, Val delle Corti, Vignavecchia.

produttori-di-vino-di-Radda

Questi “Vignaioli” producono vini principalmente con uve proprie e provenienti da vigneti situati nel Comune di Radda in Chianti, e si stanno impegnando per una fattiva collaborazione interna, a promuovere l’agricoltura sostenibile in tutte le sue forme.

Associazione Viticoltori Radda in Chianti

Tutto ha avuto luogo, nel Chiostro di Santa Maria al Prato a Radda in Chianti,  che ospita la ‘Casa del Chianti Classico’, anche lei, “rinata” quest’anno, dalla volontà di Giuseppe Pollio e Alessandro Boletti, grandi appassionati di vino e del buon cibo.

Voplaia Radda in Chianti.jpg

Sono stati eletti Presidente dell’Associazione Roberto Bianchi (Val delle Corti) e Vice Presidente Martino Manetti (Montevertine).

Vignaioli di Radda, buon cammino, e che la forza del Sangiovese sia sempre con voi.

No comments

I Vignaioli di Radda & Radda nel Bicchiere

Dove mangiare bene a Radda in Chianti

Il sole ce l’ha messa tutta per regalare un cielo azzurro all’edizione numero 23 di Radda nel Bicchiere.

L’ultimo fine settimana di Maggio, Radda in Chianti, presenta al pubblico il suo territorio, il suo Chianti Classico, i suoi produttori.

Produttori di vino di Radda

 

Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018, il piccolo comune nel cuore del Chianti Classico vedrà le vie affollate da centinaia di visitatori appassionati che potranno godersi un paesaggio mozzafiato, accompagnati da un calice di ottimo vino. Parteciperanno circa trenta aziende per un totale di quasi cento etichette sparse nelle bellissime e suggestive vie del centro storico, per una grande festa dedicata al prodotto principe del territorio famoso in tutto il mondo: il Chianti Classico.

Cosa vedere a Radda in Chianti

Ospiti d’onore di questa edizione saranno i vini, base Pinot Nero, dell’Appennino toscano, protagonisti anche di una degustazione a numero chiuso, guidata da Fabio Pracchia redattore della Guida Slow Wine. Davide Bonucci di Enoclub Siena accompagnerà invece i partecipanti a esplorare le varie sfaccettature del Vin Santo di Radda in Chianti.

chianti Classico winery

Il Programma di Radda nel Bicchiere 2018

Sabato 26 Maggio
Seminario: Estremi Caratteri
Il Chianti Classico di Radda incontra i vignaioli di Pinot Nero dell’Appennino toscano.
Produttori ospiti presenti:
Castel del Piano (Melampo),
Macea
Terre di Giotto (Gattaia Rosso),
La Civettaia
Il Pinot Nero 2015 dei produttori dell’Appennino Toscano verrà messo a confronto con il vino Chianti Classico di quattro produttori di Radda in Chianti.
Seminario tenuto da Fabio Pracchia
Redattore Guida Slow Wine
Ore 15:00 – 20:00 | Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere. Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.
Bicchieri in vendita dalle ore 15:00 alle ore 19:00
Seminario: Vin Santo di Radda
Non solo cantucci! Scopri i segreti del Vin Santo dei produttori di Radda…
Vin Santo del Chianti Classico Monterinaldi 1983
Vin Santo del Chianti Classico Caparsa 1998
Vin Santo del Chianti Classico Castello d’Albola 2005
Il dubbio Erta di Radda 2007
Vin Santo Selezione di Famiglia Colle Bereto 2009
Vin Santo del Chianti Classico Fattoria Vignavecchia 2009
Vin Santo del Chianti Classico Castello di Volpaia 2013
Seminario tenuto da Davide Bonucci – Enoclub Siena
Max. partecipanti: 40 persone
Ingresso: 15 € 
      (10 € per i Soci Enoclub Siena, AIS, FISAR, ONAV, Slow Food)
Per info e prenotazioni: proradda@chiantinet.it – 0577738494
Domenica 27  Maggio

Ore 11:00 – 19:00 |   Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere.
Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.

Ore 11:00 – 16:00 | Saletta della Misericordia
10° Degustazione alla cieca Radda nel Bicchiere. 

Radda nel Bicchiere e i vignaioli di radda in chianti

I VIgnaioli di Radda: la manifestazione aperta al pubblico sarà anticipata, nella giornata di venerdì 25 maggio, da un evento esclusivo per la stampa e opinion leader del vino, organizzato con la collaborazione del Consorzio Vino Chianti Classico.

best restaurant in Radda in Chianti

L’evento che si svolgerà a Casa Chianti Classico, quartier generale della storica denominazione, prevede, oltre al consueto programma di assaggi, anche un seminario dal titolo “La California in Chianti”, condotto dalla dott.ssa Valentina Canuti (Università degli Studi di Firenze). E sarà anche l’occasione per conoscere i nuovi gestori della Casa del Chianti Classico, Giuseppe Pollio e Alessandro Boletti.

Chianti Classico Winemaker

Ecco chi sono i Vignaioli di Radda:

Borgo La Stella

Brancaia

Caparsa

Castello di Albola

Castello di Monterinaldi

Castello di Radda

Castella di Volpaia

Colle Bereto

Fattoria Carleone di Castiglioni

Fattoria Castelvecchi

Fattoria di Montemaggio

Il Barlettaio

Istine

L’Erta di Radda

Monteraponi

Montevertine

Podere Capaccia

Podere l’Aia

Podere Terreno

Poggerino

Pruneto

Val delle Corti

Vignavecchia

No comments

Siena: Lorenzo Cini e la rinascita del modellismo alla stazione ferroviaria

il plastico ferroviario della stazione di Siena

C’è chi la magia la trova attraversando il binario 9 & 3/4, e chi invece la trova tra i binari 2 e 3 della stazione ferroviaria di Siena. Non c’è bisogno di andare ad Hogwarts per vedere Harry Potter, quando un mago ce lo abbiamo anche a Siena e si chiama Lorenzo Cini, il mago del plastico feroviario.

plastico ferroviario, plastic model

La passione per il modellismo, ha portato Lorenzo Cini, a ridare vita al plastico della stazione di Siena, creando un capolavoro, per chi ama andare per treni e stazioni.

che treni usare per un plastico ferroviario

Una passione che ha preso forma anni fa: da piccolo lo portavano in stazione a vedere i treni, poi il passo come volontario sul Treno Natura, il sogno realizzato di essere assunto in ferrovia, i preziosi consigli di Giancarlo Palazzi (il presepista), che lo ha spronato a dare nuova vita al plastico.

E così piano piano, con tanta pazienza e sacrifici, il sogno si è trasformato in realtà: sono stati rifatti i binari, i circuiti elettrici, i paesaggi e comprati i trenini elettrici. Si possono vedere in funzione il Treno Natura, il treno merci, il Frecciarossa, i treni regionali, le littorine a gasolio e tante altre meraviglie.

dove trovare case e arredi urbani per plastico

Un lavoro certosino e di pazienza, dove hanno preso parte anche altri giovani ragazzi, amici di Lorenzo:  Lorenzo Marrucci, Andrea Gentile l “apprendista” che  ha aiutato Cini durante i lavori e che dopo tanto tribolare finalmente è riuscito a far girare il suo D 445 1025 con i vetri curvi di casa Oskar, Francesco Redi, per la sua infinita pazienza e collaborazione nella progettazione e, Gabriele Migliorini, che ha fatto circolare le ALe 601 e con la sua maestria ha fatto girare bene tutti gli altri treni.

Stefania Pianigiani

La Trenista, quest’anno ha festeggiato in modo speciale i suoi trent’anni di treno: presentando il libro di Enrico Menduni “Andare per treni e stazioni” e vedere finalmente in funzione il plastico ferroviario della stazione di Siena.

treni per modellismo

Se non fossi andata a trovare Giancarlo Palazzi, al binario 1, per vedere le novità del presepe, non avrei scoperto questa cosa.

quanto costa un plastico ferroviario, how much does a railway model cost?

Questo è davvero un atto d’amore verso i treni, il modellismo, e la stazione di Siena.

il plastico della stazione di Siena

Non avete idea di quanto è complicato far girare un treno, di quanti fili sono stati aggiuntati per dare la corrente.

macchina di comando

Mettetevi in contatto con Lorenzo, e andate a vedere questa meraviglia.

andare per treni e stazioni

Ringrazio mio cugino Andrea Pagliantini per questa foto, che mi ritrae insieme a Lorenzo, e per il suo articolo sul plastico.

Dove portare i bambini a Siena quando piove

La prossima occasione per vedere in funzione il plastico ferroviario è per la Befana: sabato 6 gennaio, Lorenzo Cini, dalle 16 alle 19, sarà al binario 2 a far muovere i treni, mentre se volete vederlo in funzine in altra occasione, basta prendere un appuntamento, scrivendo sulla Pagina Fb.

No comments

Stefania Calugi e le piante che nutrono i tartufi

novembre 25th, 2017 | Category: Abili Artigiani,Toscana voglio vivere così

i tartufi di Stefania Calugi

Qualche giorno fa, sono stata a trovare Stefania Calugi, nella sua azienda di Castelfiorentino, dove ha inaugurato “La strada del tartufo“, per festeggiare i suoi trent’anni di attività.

E’ dal 1987 che Stefania, ha  intrapreso la vendita del tartufo fresco, provvedendo a selezionare il prodotto da una rete di tartufai di fiducia individuati e valutati dal padre Renato.  Stefania ha sempre valorizzato  il territorio e la filiera della sua regione, la Toscana, con l’obbiettivo di costruire nel tempo un’eccellenza del Made in Italy.

Dove trovare i tartufi in Toscana, Where to find truffles in Tuscany

Per celebrare questa ricorrenza, è stato allestito fuori dall’azienda, un piccolo percorso sensoriale, per far capire alle persone, quali sono le piante adatte alla crescita dei tartufi. Una piccola anticipazione di quella che sarà una vera e propria “Truffle Journey”, ovvero poter vivere l’esperienza della
caccia insieme al tartufaio e al cane nelle tartufaie biologiche di proprietà di Stefania Calugi.

piante dove nascono i tartufi, plants where truffles are born

Il percorso racconta di come i tartufi per crescere, si devono nutrire, hanno bisogno di piante buone. In particolare, il tartufo bianco, il Tuber magnatum Pico, ha bisogno di una peculiare combinazione tra ambiente, composizione chimica del suolo e le giuste piante simbionti.

Durante il percorso, troverete una Roverella, un pino domestico e un leccio. Tre piante che vi raccontano la simbiosi perfetta tra loro e i tartufi.

piante di cui si nutrono i tartufi

Al tartufo bianco, piace stare in compagnia della Farnia (Quercus Robur), della Roverella (Quercus Pubescens), del Pioppo Nero (Populus Nigra), del Salice Bianco (Salix Alba), il Carpino Nero (Ostrya Carpinifolia), il Nocciolo (Corylus Avellana), il Tiglio (Tilia Platyphyllos), il Cerro o Leccio (Quercus Cerris) e il Rovere (Quercus Petraea).

Mentre al Tartufo Nero, piacciono tutte queste piante, tranne il Rovere, il Salice Bianco, ma è goloso di Cisto (Cisto SPP).

pino domestico dove cresce il tartufo

Il pino domestico  (Pinus Pinea) invece produce prevalentemente tartufi bianchi, come il Tartufo Bianco di Alba.

quercus ilex o leccio sempreverde

Il leccio (Quercus Cerris), è la quercia sempreverde più diffusa in Toscana, e produce in prevalenza i tartufi neri come il Tartufo Uncinato, il Tartufo Nero invernale, lo Scorzone, il Tartufo nero Pregiato, chiamato comunemente nero di Norcia.

zone italiane vocate al tartufo bianco, Italian zones with white truffles

Con il tartufo, si possono preparare un sacco di piatti, dove valorizzarlo al meglio. Per l’occasione, Diego Spatari Tironi ha creato un menu molto sfizioso, dove ha utilizzato sia il pregiato tubero, che altre specialità gastronomiche, che hanno fatto di Stefania Calugi, un nome importante nel campo gastronomico.

come utilizzare il tartufo in cucina, how to use truffle in the kitchen

Fagottini di pasta fillo in sorpresa di carciofo su patata viola e dadolata di zucca gialla al miele di acacia, cialde di polenta al cavolo nero in glassa di burro tartufato.
–Mousse tiepida di patate al Parmigiano Reggiano DOP 30 mesi con affettato di tartufo e croutons di segale al timo.
– Degustazione delle creme di verdure con varie tipologie di pane e cruditè di vegetali.

Linguine di Campofilone al tartufo mantecate alla zucca gialla con tartufo fresco, fonduta di Parmigiano Reggiano DOP e nocciole tostate.

Tartare di Chianina battuta a coltello su salsa Bearnaise al profumo di zafferano, meringata salata e affettato di tartufo.

Crumble di amaretti con pasticcera di mandorle e tartufo, Cialda di Montecatini e gelée di balsamico Modena DOP.

 

bosco perfetto per i tartufi, plant for truffleMa ricordiamoci, che anche le “Piante Comari”, sono importantissime per la crescita dei tartufi. Le piante comari sono generalmente degli arbusti che vivono in prossimità della pianta simbionte, contribuiscono  a creare quel microambiente necessario al micelio dei tartufi per produrre il corpo fruttifero.

Vicino alle tartufaie, quindi troverete:

Ginepri (Juniperus communis, Juniperus oxycedrus)

Ciliegio canino (Prunus mahaleb)

Ginestra (Spartium junceum)

Pruno (Prunus spinosa)

Biancospino (Crataegus monogyna, Crataegus oxyacantha)

Corniolo (Cornus mas)

Fumana (Fumana procumbens)

Cisti (Cistus albidus,Cistus incanus,Cistus)

Sanguinello (Cornus sanguinea)

Ligustro(Ligustrum vulgare)

Fusaggine (Evonymus europaeus)

Lauro (prunus laurocerasus)

Rose (rosa canina, rosa gallica)

Vite (vitis vinifera)

Sambuco (sambucus nigra)

Quindi se siete amanti del tartufo, andate a trovare Stefania, e immergetevi in questo percorso sensoriale.

2 comments

Pagina successiva »