Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Archive for the 'Degustazioni' Category

Perla del Garda: l’eleganza del Lugana che conquista Siena

Lugana, wein, wine. spumante, miglior Lugana del Garda

Questa è la storia della “Vignaiola” Giovanna Prandini e del suo Lugana Perla del Garda, una terra di meraviglie che è arrivata a Siena, grazie alla conviviale organizzata al ristorante Il Mestolo dall’Union Europèenne des Gourmets delegazione di Siena/Firenze/Toscana, sempre attenta ad unire le eccellenze enogastronomiche.

Giovanna Prandini e Alessandro Bonelli

Il Console Alessandro Bonelli, ha nuovamente fatto centro, portandoci di nuovo alla scoperta del Belpaese e della buona tavola, unendo i preziosi vini di Giovanna Prandini alla delicata cucina di Nicoletta Marighella.

Giovanna Prandini, Donatella Cinelli Colombini, Laura Bucci

Giovanna Prandini ha portato in quel di Siena i colori e i profumi dei suoi Lugana dotati di grande acidità e sapidità : Lugana Perla 2018, Lugana Spumante Metodo Classico Brut Nature Millesimo 2011, il Lugana Riserva Madre Perla 2016 e Lugana Vendemmia Tardiva 2013. Vignaiola Indipentente della Fivi, ma anche orgogliosa di appartenere alle “Donne del Vino”, aperta a molteplici visioni per far conoscere il territorio del Lugana nel mondo, e che sostiene che la mente è come un paracadute, funziona solo quando è aperto, e per questo ha dato un calcio alla tranquillità e si è messa anima e corpo nel progetto di Perla del Garda, ripartendo da zero.

E tra i vari ospiti presenti alla conviviale non poteva mancare la vulcanica produttrice toscana Donatella Cinelli Colombini, al secondo mandato con elezione plebiscitaria che sarà presidente delle Donne del Vino nel 2019-21, ritratta sopra in foto, assieme alle “Donne del Vino” Giovanna Prandini e Laura Bucci.

Dove mangiare il pesce a Siena e provincia, Il Mestolo, Siena

E i piatti da abbinare ai vini della Perla del Garda, sono stati scelti con attenzione: delicata la Vellutata di ceci con crostacei, molluschi e crostini di pane fritto, equilibrato il Riso al limone candito, mantecato al caprino, con ragù di seppioline.

come impiattare un branzino al ristorante

La Spigola con verdute croccanti e soia, nella sua semplicità è stato il piatto più acclamato, segno che quando c’è una materia prima eccellente e una grande cuoca dietro i fornelli, la sostanza non è mai banale.

Ristorante il mestolo Siena

Finale con Crema chantilly, la sfoglia, i frutti di bosco abbinato al
Lugana Vendemmia Tardiva 2013, risultato un vero fermento.

Spumante, Lugana, Wein, Perla del Garda

Lugana, conosciamolo meglio: il disciplinare di produzione prevede la presenza di vitigni complementari a bacca bianca,  non aromatici, per una quota del 10%. Il Trebbiano di Lugana o Turbiana è il vitigno principe, che da vita a cinque diverse tipologie di vino: il Lugana base, il Superiore, la Riserva, la Vendemmia Tardiva e lo Spumante.

Gaetano De Martino e Nicoletta Marighella del
“Ristorante Il Mestolo” insieme al loro staff, come sempre si sono dimostrati perfetti padroni di casa, che sanno trattare il pesce in abito da sera.

Dove mangiare il pesce a Siena

Un ringraziamento speciale per il loro prezioso contributo fotografico a Tiziana Campi e Claudio Giomini de l’Union Europèenne des Gourmets, sempre attenti a cogliere i dettagli.

No comments

Come si mangia l’olio alla Compagnia dei Vinattieri

libri che parlano di olio

Neve, acqua, gelo, nulla può il tempo contro le ” “50 SFUMATURE D’OLIO”, serata conviviale tenuta alla Compagnia dei Vinattieri di Siena, dall’Union Europèenne des Gourmets delegazione di Siena/Firenze/Toscana.

carta dell'olio per i ristoranti

Giacomo Grassi, Fiammetta Nizzi Grifi e Andrea Leonardi, moderati da Alessandro Bonelli  del Consolato U.E.G, hanno portato tutti i partecipanti alla scoperta dell’Olio Extravergine di Oliva e di tutte le sue sfumature.

come abbinare olio extravergine di oliva ai piatti

Abbinare l’olio è importante, ogni pietanza richiede il suo olio, che sia forte, delicato, piccante, l’importante è incominciare a riconoscerli e combinarli.

libri abbinamento cibo olio

Un grande lavoro di ricerca è stato fatto da Andrea Leonardi, Filippo Falugiani e Marco Provinciali nella triologia “Come si mangia l’olio”: manuali pratici di abbinamento gastronomico con l’Olio Extra Vergine di Oliva. Un lavoro impegnativo e certosino, che ha coinvolto produttori di olio nazionali, chef dal calibro di Cristiano Tomei, Gaetano Trovato, Igles Corelli, Maurizio Bardotti, Marco Stabile, Roy Caceres, Enrico Bartolini e molti altri, che si sono impegnati in questo ambizioso progetto, compreso il gelatiere Vetulio Bondi. Non è un caso che lo chef Andrea Perini del ristorante Al 588 di Bagno a Ripoli sia lo chef dell’olio in carica, e Tommaso Vatti della Pergola di Radicondoli il “Pizzaiolo dell’Olio” per A.I.R.O.

Marco Certosini, patron della Compagnia dei Vinattieri, insieme al suo staff, ha creato un menu ad hoc per la serata, confermandosi come sempre all’altezza della situazione e centrando il tema della serata: l’olio protagonista in tutte le sue sfumature da abbinare al gelato, ai tortelli di baccalà su fondo di finocchi e alla faraona, e ai monovarietali di Giacomo Grassi, il produttore che ha avuto il coraggio di fare una monocultivar di Morchiaio, l’impollinatore del Moraiolo, quasi scomparso, al quale Giacomo ha dato nuova vita e autostima.

L’Olivio Bianco,  nasce dal ricordo di una storia raccontata dal nonn di Giacomo Grassi: intorno agli anni ’40 egli tentò di lavorare una partita di olive raccolte che era quasi interamente composta da frutti della varietà “Morchiaio”, un varietà autoctona minore. L’olio ottenuto era di così bassa qualità che il nonno decise di sovrinnestare tutti gli olivi con varietà di maggior pregio.

La Compagnia dei Vinattieri Siena

“Come si mangia l’olio” è un lungo lavoro di ricerca dove la comprensione passa dalla fatica della raccolta, al frantoio, al linguaggio, ai luoghi e ai cibi. Tre libri speciali, dove si spiega quanti e quali oli utilizzare, la conoscenza, l’importanza delle olive, l’equilibrio tra profumi, amaro e piccante.

Chef al 43 San Gimignano

Maurizio Bardotti, lo chef stellato del ristorante Al 43 di San Gimignano, ha creato piatti dove si esaltano gli abbinamenti gastronomici dell’Olio Extra Vergine di Oliva, come il Foie Gras con sorbetto al peperone e lampone, il Piccione al rabarbaro, falsi passatelli e salsa ponzu, la Carota con mou di scalogno, nasturzio e aceto balsamico alla cipolla e le Mezzelune con salsa aioli al bergamotto, calamaretti spillo e salsa bernese ai funghi.

produttori di olio toscano

Inoltre oltre agli abbinamenti con il cibo, è stato fatto un lungo lavoro con la “scheda di valutazione sensoriale”. Cibo e Olio dove complessità, succulenza, equilibrio, aromaticità ed altri fattori devono trovare la giusta intesa. E in occasione di “50 sfumature d’Olio”, Alessandro Bonelli, Fiammetta Nizzi Grifi e Marco Certosini, hanno trovato le monocultivar più adatte da abbinare alla cena, mettendo a confronto i commensali, e discutendo in modo intelligente, perchè la varietà Frantoio, può avere delle caratteristiche migliore del Leccino per una determinata preparazione.

Union Europèenne des Gourmets

Perché “l’olio sana ogni dolore e risolve ogni durezza: tira a se tutto l’amore, trae dell’amore la saldezza penetrando la dolcezza quanto più forte stropicci”. Lorenzo de’ Medici dai Canti Carnascialeschi.

Un ringraziamento speciale a Tiziana Campi e Claudio Giomini de l’Union Europèenne des Gourmets, per le foto.

No comments

Bibbiano in calice da sera per i suoi primi cinquant’anni

Come-versare-il-vino.jpg

Esattamente cinquant’anni fa a Bibbiano veniva messa in bottiglia la prima vendemmia, e dopo mezzo secolo l’energia creativa che contraddistingue Bibbiano, non si è ancora esaurita: Tommaso Marrocchesi Marzi  ha presentato una verticale parallela di Montornello e Vigna del Capannino, in un continuo rimando di annate e profumi, dove le vecchie annate di Bibbiano, si costruiscono una contemporaneità tutta loro.

Verticale Tenuta di Bibbiano Firenze

Vini nati per marcare una differenza, per disegnare un microcosmo con un sorso, propio sul quel crinale dove tutto cambia, dove venti, terreno, e agenti atmosferici si fermano, o fanno un passo più in la e qualche volta pure un salto. Vini nati dalle mani di “Bicchierino”,  Giulio Gambelli, che ha lasciato una grande conoscenza e sensibilità a tanti vignaioli, e che ora continuano con una nuova linfa, grazie all’esperienza di Maurizio Castelli, il cui motto è l’uva e il terreno fanno il vino.

come disporre i bicchieri per una verticale di vino

Bicchieri pronti a contenere colori e nettari, e decisi ad ospitare il prima, il durante e il dopo, di cinque differenti annate di Montornello e Vigna del Capannino. I calici da sera, così disposti, con eleganza e curiosità, in una bella sala dell’Hotel Savoy di Firenze, hanno raccontato tante storie. Siete pronti ad ascoltarle?

Verticale Vigna del Capannino e Montornello di Bibbiano

Data la sua posizione di confine tra le terre chiantigiane di Castellina e il territorio di Monteriggioni, e il suo particolare microclima, a Bibbiano la vendemmia viene spesso anticipata di una quindicina di giorni rispetto ad altre zone del Chianti. Quello che leggerete, sarà  una storia attraverso il cambiamento climatico, tra esposizioni e terreni complessi, tra alberese e arenaria, tra cloni di Sangiovese “Ilcinese” portati da Gambelli a Bibbiano negli anni cinquanta, e tra i caratteri del Montornello e della Vigna del Capannino.

Tenuta di Bibbiano, Castellina in Chianti

Chianti Classico  Montornello:

1994 Un quarto di secolo di vivacità.

1996 La freschezza che ancora colpisce.

1999 Un ventenne elegante.

2005 Di carattere spigoloso, Chiantigiano, il nuovo secolo che si fa riconoscere.

2008 Innocente.

Bibbiano, vigna del Capannino

Chianti Classico Riserva Vigna del Capannino

1994 Un vino nato in un’annata discreta e che ancora sa il fatto suo, in quanto ancora mantiene un ottimo tannino.

1996 Sa ancora tenere in ottima forma la sua struttura, e mantenere sentori di frutta e tabacco.

1999 Imperdibile e dalla spiccata acidità.

2005 La perfezione.

2008 Il Grintoso.

Verticale Bibbiano Montornello e Vigna del Capannino

Alla fine della verticale parallela, continuo a pensare a quello che avrebbe potuto esserci e a quello che c’è adesso, ancora tanta voglia di andare avanti e continuare a far bene. La Tenuta di Bibbiano è sempre in fermento, non dimenticatelo.

No comments

Dievole: viaggio tra l’olio nuovo e le monocultivar

Olio Etravergine di oliva di Dievole

Siete pronti per una giornata tra percorsi e sapori a Dievole? Domenica 18 Novembre, avrete la possibilità di assaggiare l’olio nuovo. Curiosi? Si? Bravi, perchè vi aspetta un percorso tra diverse monocultivar e alcuni blend, che non vi dimenticherete.

A partire dalle ore 12, Adua Villa, noto volto Rai (Prova del Cuoco) sommelier Master Class, enogastronoma e docente dell’Associazione Italiana Sommelier (AIS), guiderà la degustazione tecnica suggerendo l’itinerario di degustazione.

Monocultivar per olio

Io ho già assaggiato alcune monocultivar e un paio di blend, e devo dire che è molto interessante prendere parte a una degustazione di olio extravergine di oliva. Ecco come è andata:

Frantoio, olio nuovo, Dievole

Il Nocellara Monocultivar 100% Italiano, al naso ricorda il pomodoro verde e le sue foglie. Fruttato. In bocca risulta leggermente amaro in entrata, e leggermente piccante.

EVO 100% Italiano è un blend tra la Paranzana e la Coratina: si sente l’aroma della Coratina e della sua mandorla non troppo verde, al gusto arriva prima l’amaro, e poi un piccante molto persistente, complesso e armonico.

Toscano I.G.P prodotto dalle varietà Leccino, Frantoio e Moraiolo, è il classico olio per la bruschetta. Profumato, goloso, da far perdere la testa.

Coratina  Monocultivar 100% Italiano: sa il fatto suo, sorprende anche in questa annata. E se è un olio “Magnifico” ci sarà un motivo!

Il nuovo Olio di Dievole Tocca Stelle

La grande novità è

TOCCA STELLE OLIO EXTRA VERGINE CHIANTI CLASSICO DOP 2018

Lo stemma della vecchia famiglia, la mano che tocca le stelle, danno vita a questo Olio Extra Vergine Chianti Classico D.O.P. con un forte legame con la tradizione e con il territorio. Con sentori di mandorla, frutta secca e note verdi di erba tagliata e un leggero sentore di carciofo. Così prezioso, che sembra quasi un profumo di Guerlain.

Nato da una vecchia oliveta terrazzata degli anni 80’, in zona Catignano, che, dopo la gelata del 1985, era stata notevolmente compromessa e sembrava non potesse più essere produttiva. Da qui la scelta di ripartire dalle nostre radici, producendo un olio extra vergine chiantigiano, simbolo del forte legame con la zona di produzione, dove Dievole produce da sempre olio e vino” spiega Matteo Giusti, tecnologo alimentare dell’azienda.

Monika Filipinska chef di Dievole

Domenica 18 Novembre tra Olio Nuovo, Percorsi e Sapori.

Ci sarà un percorso di degustazione, dove saranno protagonisti alcuni piatti che esalteranno al meglio l’olio nuovo, e preparati dalla bravissima Monika Filipinska, Executive Chef, del “Ristorante Novecento” di Dievole. Cosa prevede il menu?

crudo e cotto di verdure, orata, succo di erbe spontanee

BIANCO BOLLITO / Verdura bianca / con Monocultivar di Nocellara
ARCOBALENO / Zuppe e vellutate con verdura di stagione / con 100% Italiano

cappellaccio ripieno di olive, zucca arrosto e ragù di guancia di vitello

PRIMI SALTATI / Pasta ripiena e risotti saltati sul momento / con Toscano I.G.P.
LA BRACE / Carne e pesce alla brace / con Chianti Classico D.O.P.

ricette alternative per guarnire e aromatizzare la panna cotta

LA PANNA / La panna cotta di Dievole con Monocultivar di Coratina, mela verde, sedano ghiacciato e cialda alle erbe.

I vini di Dievole accompagneranno il percorso di degustazione.

(acqua e caffè inclusi)

New Cellar in Dievole, tini per vino in cemento

La giornata si aprirà alle ore 11 con la visita del Dievole Wine Resort, la cantina e il nuovo Wine Club, dove potrete ammirare 30 “Wine Locker”.

Wine Locker, Wine Cabinats, Caveau, Dievole, Tuscany

Il costo della visita, della degustazione e del pranzo è di  50 euro a persona.

Prenotazione è obbligatoria via email a reservations@dievole.it
oppure al telefono +39 0577 322632

Dievole

Località Dievole 6, Vagliagli
Castelnuovo Berardenga
Siena
No comments

I Vignaioli di Radda & Radda nel Bicchiere

Dove mangiare bene a Radda in Chianti

Il sole ce l’ha messa tutta per regalare un cielo azzurro all’edizione numero 23 di Radda nel Bicchiere.

L’ultimo fine settimana di Maggio, Radda in Chianti, presenta al pubblico il suo territorio, il suo Chianti Classico, i suoi produttori.

Produttori di vino di Radda

 

Sabato 26 e domenica 27 maggio 2018, il piccolo comune nel cuore del Chianti Classico vedrà le vie affollate da centinaia di visitatori appassionati che potranno godersi un paesaggio mozzafiato, accompagnati da un calice di ottimo vino. Parteciperanno circa trenta aziende per un totale di quasi cento etichette sparse nelle bellissime e suggestive vie del centro storico, per una grande festa dedicata al prodotto principe del territorio famoso in tutto il mondo: il Chianti Classico.

Cosa vedere a Radda in Chianti

Ospiti d’onore di questa edizione saranno i vini, base Pinot Nero, dell’Appennino toscano, protagonisti anche di una degustazione a numero chiuso, guidata da Fabio Pracchia redattore della Guida Slow Wine. Davide Bonucci di Enoclub Siena accompagnerà invece i partecipanti a esplorare le varie sfaccettature del Vin Santo di Radda in Chianti.

chianti Classico winery

Il Programma di Radda nel Bicchiere 2018

Sabato 26 Maggio
Seminario: Estremi Caratteri
Il Chianti Classico di Radda incontra i vignaioli di Pinot Nero dell’Appennino toscano.
Produttori ospiti presenti:
Castel del Piano (Melampo),
Macea
Terre di Giotto (Gattaia Rosso),
La Civettaia
Il Pinot Nero 2015 dei produttori dell’Appennino Toscano verrà messo a confronto con il vino Chianti Classico di quattro produttori di Radda in Chianti.
Seminario tenuto da Fabio Pracchia
Redattore Guida Slow Wine
Ore 15:00 – 20:00 | Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere. Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.
Bicchieri in vendita dalle ore 15:00 alle ore 19:00
Seminario: Vin Santo di Radda
Non solo cantucci! Scopri i segreti del Vin Santo dei produttori di Radda…
Vin Santo del Chianti Classico Monterinaldi 1983
Vin Santo del Chianti Classico Caparsa 1998
Vin Santo del Chianti Classico Castello d’Albola 2005
Il dubbio Erta di Radda 2007
Vin Santo Selezione di Famiglia Colle Bereto 2009
Vin Santo del Chianti Classico Fattoria Vignavecchia 2009
Vin Santo del Chianti Classico Castello di Volpaia 2013
Seminario tenuto da Davide Bonucci – Enoclub Siena
Max. partecipanti: 40 persone
Ingresso: 15 € 
      (10 € per i Soci Enoclub Siena, AIS, FISAR, ONAV, Slow Food)
Per info e prenotazioni: proradda@chiantinet.it – 0577738494
Domenica 27  Maggio

Ore 11:00 – 19:00 |   Radda in Chianti
Apertura della manifestazione Radda nel Bicchiere.
Degustazione dei migliori vini di Radda in Chianti in compagnia dei produttori.

Ore 11:00 – 16:00 | Saletta della Misericordia
10° Degustazione alla cieca Radda nel Bicchiere. 

Radda nel Bicchiere e i vignaioli di radda in chianti

I VIgnaioli di Radda: la manifestazione aperta al pubblico sarà anticipata, nella giornata di venerdì 25 maggio, da un evento esclusivo per la stampa e opinion leader del vino, organizzato con la collaborazione del Consorzio Vino Chianti Classico.

best restaurant in Radda in Chianti

L’evento che si svolgerà a Casa Chianti Classico, quartier generale della storica denominazione, prevede, oltre al consueto programma di assaggi, anche un seminario dal titolo “La California in Chianti”, condotto dalla dott.ssa Valentina Canuti (Università degli Studi di Firenze). E sarà anche l’occasione per conoscere i nuovi gestori della Casa del Chianti Classico, Giuseppe Pollio e Alessandro Boletti.

Chianti Classico Winemaker

Ecco chi sono i Vignaioli di Radda:

Borgo La Stella

Brancaia

Caparsa

Castello di Albola

Castello di Monterinaldi

Castello di Radda

Castella di Volpaia

Colle Bereto

Fattoria Carleone di Castiglioni

Fattoria Castelvecchi

Fattoria di Montemaggio

Il Barlettaio

Istine

L’Erta di Radda

Monteraponi

Montevertine

Podere Capaccia

Podere l’Aia

Podere Terreno

Poggerino

Pruneto

Val delle Corti

Vignavecchia

No comments

Al via La Biennale Enogastronomica di Firenze: tre settimane di gusto!

Tutti gli eventi a Firenze durante la Biennale Enogastronomica

Ci siamo, è tutto pronto a Firenze per l’avvio della quinta edizione della Biennale Enogastronomica che inizia oggi nelle sale della EX3, vicino alla Coop di Gavinana a Firenze Sud. Il programma è davvero ricco, e dopo averne parlato in parte su Agrodolce, ecco ancora tante cose da non perdere.

casa della biennale vicino alla coop di Gavinana a Firenze Sud

10 Novembre  alle 10.00 alla Casa della Biennale, ci sarà la tavola rotonda “La forma del cibo” su come sviluppare la promozione del territorio attraverso le eccellenze enogastronomiche. Mentre alla Mensa della Caritas in Piazza Santissima Annunziata torna il classico “Pranzo dei Santi”, dove lo chef Matteo Vacca del ristorante fiorentino I Ghibellini, preparerà un pranzo speciale per gli ospiti della mensa, in collaborazione con i ragazzi dell’Istituto Alberghiero IPSSAR Buontalenti di Firenze. I Gelatieri Artigiani Fiorentini, offriranno la “crema fiorentina”. La sera cena di gala alla Ex3 con gli chef Marco Stabile, Deborah Corsi, Filippo Saporito, Cristiano Tomei, Stefano Pinciaroli, Maria Probst e Christian Santandrea.

Lunedì 14 novembre: negli spazi EX3, dalle 10.00 alle 12.00 educational di cucina con Berto’s, uno spazio dedicato agli addetti ai lavori con protagonista la chef Deborah Corsi, mentre alle 18.00, la torrefazione Mokaflor presenta il workshop “Caffè filtro e brewing: quando una tazza di caffè diventa un prodotto gourmet”. Dalle 19.00 comincia “Shall We Shake”, dove undici bartender fiorentini creeranno cocktail, illustrandone la storia e l’arte della miscelazione, accompagnati dalle creazioni culinarie di Amblè. Misceleranno per voi: Lorenzo Bianco dell’Hotel Plaza Lucchesi; Matteo di Ienno di Locale; Robert Pavel del The Fusion bar & restaurant del Gallery Hotel; Sabrina Galloni del Ristorante Gurdulù; Matteo Poggin del Se.Sto on Arno dell’ Hotel Westin Excelsior; Francesca Lorenzoni di Villa Cora; Christian Pampo per il Winter Garden Hotel The St.Regis, Edoardo Sandri dell’Atrium Bar Four Season’s Hotel, Daniele Cancellara del Rasputin Bar; Thomas Martini dell’Harry’s Bar; e Simona Lunetta del Bar Le Bigonce. I cocktail saranno accompagnati dalla cucina di Peter Brunel del Ristorante Borgo San Jacopo di Firenze; Luca Landi del Ristorante Lunasia di Viareggio e Alessandro Liberatore del Ristorante Villa Cora di Firenze. Inoltre fino a mezzanotte il DJ Set sarà curato da Simone Sassoli e si potranno degustare i sake Tomita e Akuryu.

Da martedì 15 novembre a venerdì 18 novembre, si terrà il concorso tra studenti delle scuole alberghiere “Il futuro è giovane” che avrà luogo ogni giorno dalle ore 09.30 alle ore 12.30, alla EX3. Partecipano gli studenti dell’Istituto Chino Chini (Borgo San Lorenzo), l’Istituto Martini (Montecatini), l’Istituto Enriques (Castelfiorentino) e l’Istituto Buontalenti (Firenze). A giudicare la migliore squadra, una giuria guidata dal presidente Paolo Pellegrini, insieme a un rappresentante della Scuola di Cucina Cordon Bleu di Firenze e Riccardo Bartoloni patron del ristorante Giannino. L’ingresso è aperto al pubblico.

Where-to-eat-pizza-in-Florence.jpg

Martedì 15 novembre: dalle 10.00 alle 14.00 alla EX3 si svolgerà la tavola rotonda “Contaminazioni di Pizza, e dalle 17.00 fino alle 24.00, le pizzerie toscane, premiate con i 3 spicchi dalla guida de “Il Gambero Rosso” faranno degustare le loro specialità, accompagnate da birra o vino. Partecipano all’evento Giovanni Santarpia di Santarpia Firenze; Paolo Pannacci della pizzeria Lo Spela al Ferrone, Greve in Chianti; Massimo Giovannini, dell’Apogeo di Pietrasanta (LU) e Graziano Monogrammi de La Divina Pizza di Firenze. Durante la serata, verranno presentati il libro di Luciana Squadrilli e Tania Mauri “La Buona Pizza” e Where to Eat Pizza e Pizza, una grande tradizone italiana con Sabino Berardino.

Mercoledì 16 novembre: alla EX3, dale 17.00 si tiene “Bollicine di Toscana”, dove dieci aziende vinicole del territorio, presenteranno i loro prodotti con banchi di assaggio accompagnandoli con i Salumi Gerini e con la schiacciata del Forno Conti.

Sabato 19 e domenica 20 novembre torna il Florence Wine Festival per tutti gli appassionati di vino!

Sabato 19, alle 17, Ilaria Buccioni presenta il libro “Trattoria Sabatino”, e alle 18.00, sarà la volta di Federico Pagliai, con “Storie di Stinchi e…Contorni.

Domenica 20, alle ore 18.00, presentazione del libro”Strategy Ali-mental” di Valentina Guttadauro, Marco Stabile e Matteo Sinatti.

Ristorante L'Asinello a Villa a Sesta

Lunedì 21 novembre: alla EX3, dalle 13.00 alle 20.00 arriva “Il meglio di…”: Evento B2B aperto anche al pubblico dove i produttori nazionali di pasta, riso, olio, formaggi e salumi propongono le loro eccellenze. Sono previsti ben sette cooking show, uno all’ora, che vedranno susseguirsi gli chef Matteo Donati del Ristorante Donati di Castiglione della Pescaia, Riccardo Mini di Metro Accademy, Andrea Campani del Ristorante Il Borro Bistrot di Firenze; Simone Cipriani del Ristorante Essenziale di Firenze, Matia Barciulli dell’ Osteria Di Passignano a Tavernelle Val Di Pesa; Paolo Gori della Trattoria Da Burde di Firenze e Senio Venturi de L’Asinello Ristorante di Castelnuovo Berardenga (Siena).

Alle ore 20.00 ci sarà lo spettacolo “Galeotto fu il risotto” di e con Leonardo Romanelli.

Gli eventi a Firenze di pop eating

Martedì 22 novembre: dalle ore 18.00 alle ore 22.00, alla EX3, Lorenzo Noccioli e Bianca Tecchiati, fondatori del web magazine indipendente PopEating, narrano la cucina contemporanea attraverso quattro cooking show d’avanguardia a cui prendono parte Terry Giacomello del Ristorante L’Inkiostro di Parma alle ore 18.00, a seguire Gianluca Gorini del Ristorante Le Giare di Montiano (FC), poi sarà la volta di Michelangelo Mammoliti del Ristorante La Madernassa di Guarene (Cuneo), chiude Nikita Sergeev del Ristorante L’Arcade di Porto San Giorgio (Fermo). Evento gratuito con assaggi su prenotazione. Per partecipare, inviare una email a pop@popeating.it indicando il nome dello chef che si vuole seguire, oppure chiamare il 3453397052.

Mercoledì 23 novembre: alla Casa della Biennale, l’EX3, arriva “Firenze, città golosa”. Dalle ore 20.00 venti produttori e attività tipiche dell’enogastronommia fiorentina offriranno in degustazione cibi e vini del territorio.

Giovedì 24 novembre: alle 17.00 tornano “Le Grandi Annate”. Dieci aziende vinicole toscane presentano i loro prodotti con banchi di assaggio accompagnati dai formaggi del Caseificio Busti e dalla schiacciata del Forno Conti. Special event dalle ore 19 una degustazione didattica seduta dell’annata 1995 guidata da Leonardo Romanelli, su prenotazione (massimo 100 posti). Per informazioni e prenotazioni: 055 2705233; biennale@confesercenti.fi.it

Sabato 26 novembre dopo la giornata dedicata ai cooking show, alle ore 19.00 Sergio Maria Teutonico presenterà il suo nuovo libro “Cenere e silenzio” mentre Leonardo Romanelli realizzerà un piatto a sorpresa. Domenica 27 novembre giornata con gli chef Tomei, Cai, Segoni, La Mantia e tanti altri che cucineranno il quinto quarto!La giornata sarà arricchita dalla presenza di nove birrifici artigianali: Birra dell’Elba, Birrificio Badalà, Birrificio del Forte, Birrificio MOA, Bruton, I Due Mastri, La Diana, La Gilda dei Nani Birrai, San Girolamo. Per l’occasione sarà aperta la caffetteria della Biennale con la Torrefazione Mokaflor che propone le sue pregiate miscele e offre workshop dedicati al caffè.

Lunedì 28 Novembre: La Biennale ringrazia tutti gli addetti ai lavori con una cena, dove i Gelatieri Artigiani Fiorentini, offriranno la “crema fiorentina”.

FUORI BIENNALE: tra gli eventi da segnalare

Nelle giornate di mercoledì 9, domenica 13, mercoledì 16, giovedì 17 e domenica 20 novembre, alle 18.00 da Olivia, in piazza Pitti 14, sarà possibile scoprire il fantastico mondodell’olio extra-vergine d’oliva con un percorso creato ad hoc e guidato da un critico esperto di olio. A seguire, una degustazione dei fritti che più caratterizzano la proposta di Olivia. Il costo del workshop e della degustazione sarà di 25 euro. Per info e prenotazioni: info@oliviafirenze.com

Giovedì 10 novembre: “La Biennale in Freccia” alla Stazione Centrale di Milano. Nel Freccia Club Milano (dalle ore 17.00 alle ore 20.00), si potranno degustare vino e salame toscano: l’etichetta “Clemente VII”, Chianti Classico DOCG dell’azienda Castelli del Grevepesa incontra gli insaccati dell’Antica Macelleria Manetti. Un evento speciale in collaborazione con Trenitalia, per i possessori di CartaFRECCIA.

Ribollita a Firenze

Sabato 12 novembre: dale 11.00 alle 14.00 al Mercato Centrale di San Lorenzo si tiene “Il Palio della Ribollita. Appassionati di cucina, non professionisti presenteranno a una giuria di chef e giornalisti la loro “ribollita”. Per partecipare iscriversi gratuitamente telefonando a 055 2705233; o scrivendo a biennale@confesercenti.fi.it o presso l’info point del Mercato Centrale di San Lorenzo.

Giovedì 17 novembre, al Freccia Club della stazione di Firenze Santa Maria Novella, dalle 17.00 alle 20.00 arriva “La Biennale in Freccia”. Viaggio nella storia del gusto toscano attraverso l’assaggio di una selezione di insaccati del Salumificio Monsanto, i crostini neri preparati dallo storico Ristorante Giannino e il Brunello di Montalcino Fattoria dei Barbi. Evento speciale in collaborazione con Trenitalia, per i possessori di CartaFRECCIA.

 

Venerdì 18 novembre All’Opera per l’A.T.T. Nel Foyer dell’Opera di Firenze, al parco delle Cascine, alle 20.00, si terrà una cena di raccolta fondi per l’Associazione Tumori Toscana al termine della quale i Gelatieri Artigiani Fiorentini, offriranno la “crema fiorentina”. Prenotazioni: Paola Neri 335 6586211; paola.neri@associazionetumoritoscana.it

Alle 16.00, in via Ricasoli 66, non perdetevi “I banchetti sacri”, ovvero “L’ultima cena” in un percorso dall’ex ospedale di San Matteo, per poi proseguire fino al Monastero di Candeli, fino ad arrivare aal convento di Santa Maria degli Angiolini. Tre interpretazioni del sacro banchetto attraverso i secoli a cura di Federica Bustreo per la Città Nascosta. Per informazioni Tel 0556802590

Domenica 20 novembre: all’ Hotel Radisson Blu, di Roma, dalle ore 11.30 alle ore 19.30, c’è Life of Wine, un evento unico nel mondo del vino interamente dedicato alle vecchie annate. Info e prenotazioni: info@studioumami.com

Inoltre a Firenze torna la Città Nascosta con “Le antiche delizie del palato”: un percorso per scoprire la dieta degli antichi egiziani, romani e greci. Enza del Bene vi farà conoscere i gusti di Plinio e i maiali di Celio Apicio. Appuntamento alle 11 in piazza SS. Annunziata all’ingresso del Museo Archeologico. Prenotazioni allo 0556802590

Venerdì 25 novembre: “Il mare in città” arriva al Ristorante La Loggia al Piazzale Michelangelo di Firenze), dove alle ore 20.30, gli chef dell’Elba realizzeranno un menu a base di pesce e prodotti tipici dell’isola. Per prenotazioni: 055 2342832. Inoltre ci sarà la “Scuola Aperta” al Cordon Bleu in via Giusti, che organizzerà incontri, degustazioni e lezioni insieme a Slow Food Firenze. Per informazioni Tel.0552345468. Mentre da Eataly Firenze, in via Martelli, dal 25 al 27 novembre ci sarà “Cioccolato, Rhum e altri Vizi”.

Durante la Biennale Enogastronomica, ci sarà anche il progetto fotografico “Cibo e Danza” e nei giorni del 13 e del 27 novembre, veranno realizzate performance che racconteranno il gioco della danza, la fotografia e la cucina. E le foto realizzate, saranno esposte nello spazio di Click4Food di Paolo Matteoni all’interno della Biennale. Le ballerine poseranno insieme a piatti forniti dagli espositori della Biennale, e in seguito ci sarà un confronto di idee tra il fotografo e le ballerine Isabella Sorino e Federica Taffoni della compagnia Controverso Danza di Firenze, diretta dal coreografo e regista Massimiliano Terranova.

No comments

Firenze, quante belle cose da fare a metà ottobre

Cosa fare a Firenze nel weekend

Siete pronti a segnarvi in agenda cosa fare nel weekend a Firenze? Preparatevi a nuove aperture, concerti enoici e brunch con vista. Questa città ha un fermento pazzesco, approfittatene, godetevi il bello e il buono che sa offrirvi.

concerto in favore dell'Att

Venerdì 14 ottobre

Un “enoconcerto” benefico per la ricerca contro i tumori: si terrà venerdì 14 ottobre alle ore 21 presso l’Auditorium Cassa di Risparmio di Firenze (via Carlo Magno 7) “Concerto Chiave di Vino”, il particolare percorso eno-musicale in cui alle caratteristiche dei vini di Villa Montepaldi, situata fra San Casciano Val di Pesa e Cerbaia, nell’azienda dell’Università degli Studi di Firenze, saranno associate le note di Scriabin e Beethoven, eseguite dall’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, diretta dal M° Paolo Ponziano Ciardi.

Per prenotazione e acquisto biglietti patrizia@divinonline.it e paola.neri@associazionetumorit oscana.it, infoline al 3356586211;  costo biglietti € 30 a persona, € 50 per 2 persone, per gruppi da 3 persone in poi € 20 a persona, studenti € 15

Il ricavato della serata sarà interamente devoluto a favore dell’Associazione Tumori Toscana ATT

Nuovi ristoranti da provare a Firenze

Sabato 15 ottobre, finalmente dopo tanta attesa,  a Firenze, inaugura Olivia! In piazza De’ Pitti 14R. Ma cosa è Olivia?  E’ una bottega tutta dedicato all’olio per la vendita al dettaglio, con il valore aggiunto della cucina, grazie alla quale si potranno gustare in loco o portare via specialità preparate per esaltare l’importanza dell’utilizzo di un buon olio a tavola.

Olivia sarà un luogo di ristorazione veloce dove tutto inizia dall’olio. C’è anche il kit “fai da te”, per prepararsi la propria bruschetta toscana, bere succhi freschi, assaggiare l’olio Bio insieme all’insalata di stagione, acquistare prodotti realizzati con l’olio di Santa Tea come il cioccolato e i biscotti e scoprire la linea benessere di cosmesi.

Per far sì che la proposta gastronomica sia all’altezza di un’importante azienda come il Frantoio di Santa Téa, l’ideatrice di OLivia, Serena Gonnelli ha scelto di avvalersi della collaborazione di noti chef toscani iniziando con lo chef di Essenziale, Simone Cipriani, giovane ma già affermata promessa della cucina italiana che incanterà i palati con le sue irresistibili ricette di fritto: Pappa Donuts, Seppie Soffiate al lime, Cubetti di ribollita e Tortellini alla crema di parmigiano.

Dove fare il brunch nel weekend a Firenze

Domenica 16 ottobre

Dalla prossima domenica, Il Caffè dell’Oro con vista su  Ponte Vecchio, dalle 12 alle 15, propone il brunch domenicale.

L’Executive Chef 1 stella Michelin Peter Brunel ha elaborato insieme agli chef di Casa e al sommelier Salvatore Biscotti un vero viaggio nei sapori d’Italia, per un buffet imperdibile unito ad un primo piatto e ad un secondo, preparati e serviti espressi, da scegliere à la carte. Da provare: i centrifugati di frutta e verdura da comporre in base ai propri gusti.

Il brunch costa 58 euro per gli adulti, 30 euro per i bambini da 5 a 12 anni, quelli più piccoli sono ospiti.

Qui trovate tutte le prelibatezze del brunch del weekend

 

No comments

Calici di Stelle a Siena, Castelnuovo Berardenga e alla Fattoria dei Barbi a Montalcino

Calici di Stelle a Palazzo Sansedoni

La notte di San Lorenzo, il 10 agosto, è per tradizione la notte delle stelle cadenti, e la notte dedicata a Calici di Stelle: per fortuna riguardo a Calici di Stelle, le date sono aumentate, per permettere a tutti, di visitare più paesi, e più tipologie di vino, quindi avete tempo fino a domenica 14 agosto per poter degustare i migliori vini italiani. Il programma completo con tutte le date, lo trovate quì, mentre io vi segnalo tre eventi tra Siena e provincia:

Siena, mercoledì 10 agosto: per Calici di Stelle, l’appuntamento a Palazzo Pubblico è per le 21, orario in cui apriranno le biglietterie (chiusura alle 23.15) per il Museo Civico, i Magazzini del Sale e la Torre del Mangia. Nella Loggia dei Nove, fino alla mezzanotte, si terranno la degustazione di vini curata da Enoteca Italiana e l’osservazione guidata del cielo e delle stelle con i volontari dell’Unione Astrofili Senesi; i Magazzini del Sale ospiteranno, invece, i vini partecipanti al concorso enologico internazionale delle Città del Vino “La Selezione del Sindaco”, condotto dalla delegazione della Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori Siena-Valdelsa e dall’Associazione Italiana Sommelier di Siena. La degustazione sarà accompagnata con la musica del gruppo “Siena Jazz University Quartet” . Il costo dei biglietti è di 6 euro per il Museo Civico e i Magazzini del Sale, con degustazione, e di 10 euro per la Torre del Mangia.

Mentre a Palazzo Sansedoni, dalle 20.30 alle 24, al piano nobile, oltre alla degustazione dei vini,  sarà possibile ammirare alcuni tra i pezzi più pregiati della collezione di opere d’arte della Fondazione Monte dei Paschi di Siena. Ingresso con degustazione di vini, a cura di Enoclub Siena, a 6 euro.

 

calici-di-stelle-in provincia-di-Siena.jpg

Castelnuovo Berardenga, giovedì 11 agosto e venerdì 12 agosto: a Castelnuovo Berardenga quest’anno hanno fatto grandi cose, addirittura ben due date, legate al Calici di Stelle e questo è un bel segno, grazie anche alla collaborazione tra persone.

Si comincia giovedì 11 agosto, alle ore 20 in Piazza Marconi, dove il Comitato Associazioni in Festa, in collaborazione con Slow Food Siena, e i ristoratori di Castelnuovo e i produttori dell’Associazione Viticoltori Chianti Classico Berardenga, proporranno ‘A cena in Terra Berardinga’, per gustare sotto le stelle piatti tipici abbinati a vini di eccellenza di produzione locale.

La cena sarà preceduta, alle ore 19 presso l’Auditorium di Villa Chigi, dall’inaugurazione della mostra ‘Uomini di razza’, che raccoglie sculture contro il razzismo realizzate da dodici artisti dell’associazione Gruppo degli Estrosi.

Venerdì 12 agosto, a partire dalle ore 19, sarà la volta di ‘Calici di Stelle nel borgo’, con degustazione  di vini e prodotti tipici messi a disposizione dalle aziende agricole e vitivinicole castelnovine. La serata sarà accompagnata da musica, spettacoli, arte e dalla possibilità, grazie all’Unione Astrofili Senesi di osservare le stelle nel parco di Villa Chigi.

Per prenotare è possibile contattare l’ufficio turistico di Castelnuovo Berardenga al numero 0577-351337 oppure all’indirizzo e-mail ufficio.turistico@comune.castelnuovo.si.it  o chiamando il numero 348 7400653.

Calici di stelle a Montalcino

Fattoria dei Barbi a Montalcino, venerdì 12 agosto: direttamente in fattoria, dalle 17.00, Stefano Cinelli Colombini, vi condurrà  personalmente per una visita alla sua Cantina e al Museo della Comunità di Montalcino e del Brunello, quindi la  serata al fresco della Fattoria Dei Barbi proseguirà tra assaggi di vino con aperitivo al tramonto, la cena a base di prodotti del territorio e imparando a riconoscere stelle e costellazioni.

La formula ̬ semplice: si partecipa su prenotazione Рscrivendo a info@fattoriadeibarbi.it o tel. +39 0577 841111
Costo: 35 euro, cena inclusa.

No comments

Pagina successiva »