Idea Weekend e Gita fuoriporta Le Vie d'Italia Terre di Siena Toscana voglio vivere così Val Bene una Sosta

Torna il “Trekking Urbano” a Siena il 31 ottobre

28/10/2010

Questo è l’articolo che ho scritto per Toscana & Chianti News di questo mese…se siete a Siena per il ponte del primo novembre non lasciatevi scappare questa passeggiata.

Dopo l’ampio successo delle passate edizioni, domenica 31 ottobre torna a Siena la giornata dedicata  al trekking urbano. La manifestazione, giunta alla settima edizione, è nata per dare agli amanti dell’arte e della natura, la possibilità di fare una “caccia al tesoro” culturale tra opere d’arte e palazzi meno conosciuti. Inoltre questa edizione, sarà arricchita da percorsi “sensoriali”, che impegneranno tutti i cinque sensi: oltre a vedere Siena, si avrà il piacere di sentirla, toccarla, ascoltarla e infine gustarla nei ristoranti, che per l’occasione riscopriranno antiche pietanze.

La mattina il percorso sarà fatto dai piccoli, mentre nel pomeriggio, toccherà agli adulti camminare lentamente nel centro storico e capire meglio la città, privilegiando strade insolite e luoghi meno battuti dal turismo. Il percorso  quest’anno sarà un omaggio a Giuseppe Garibaldi e all’Italia Unita: partirà da Piazza del Campo, con visita al Palazzo Pubblico, e alle sale del “Risorgimento” e quella del “Consiglio Comunale”, per trasferirsi poi in Piazza Indipendenza, dove ammirare la loggia con le tre arcate.

 Si proseguirà in Via dei Termini, dove al numero 17 una lapide ricorda Giuseppe Baldini, un senese che aveva partecipato alla spedizione dei Mille, quindi si svolterà poi per Banchi di Sopra, dove ora si trova la galleria “Odeon”: qui una volta c’era l’albergo l’Aquila Nera, e da una finestra Garibaldi arringò la folla con la famosa frase o Roma viene all’Italia o l’Italia va a Roma. Altra tappa al numero 1 di Via delle Donzelle, dove abitava il patriota Maccari, per proseguire in Via Montanini, davanti al Palazzo Bernardi Avanzati, dove ai tempi abitava una famiglia che dette un lauto contributo al Risorgimento. Poco più avanti, in Camollia, c’è l’epigrafe che ricorda Garibaldi accolto dalla folla festante, e di fronte la strada nuova a lui intitolata.

 Una bella occasione per rivivere la storia tra le meraviglie artistiche della città, con passaggio dalla “Lizza”, dove sorge la statua di Garibaldi e gran finale alla Fortezza Medicea. Un nuovo modo per vivere un’avventura a ritroso nel tempo, e godere con lentezza e passione Siena, che riuscirà ancora una volta a stupire.

Stefania Pianigiani

Ti potrebbe interessare anche

1 Comment

Rispondi

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.