Concerti Musical & Teatri Cosa fare e dove andare a Eventi di Cibo e Spettacolo Idea Weekend e Gita fuoriporta Val Bene una Sosta

Irlanda in festa per San Patrizio

15/03/2011

Siamo giunti al sedicesimo anno di Irlanda in Festa, la grande kermesse di musica e divertimenti che a Firenze festeggia San Patrizio e la cultura irlandese.
All’interno del Saschall saranno presenti un banco ristorazione self service con piatti tipici irlandesi, quali il salmone affumicato irlandese, l’irish stew ed altre specialità irlandesi. Non mancheranno i formaggi irlandesi importati per l’occasione e i dolci al whiskey e… alla birra tipici dell’ isola.
Per quanto riguarda la birra ci saranno tre pub per degustare la famosissima stout irlandese e la birra non pastorizzata, che si puo’ gustare solo in queste grandi occasioni. D’ obbligo la presenza del whiskey irlandese che sarà possibile comparare anche con altri whiskey scozzesi all’interno della sala dove sarà allestito un banco speciale.
Quest’anno saranno presenti due scuole di danze irlandesi. La Coyle School of Irish Dancing è una rinomata scuola di danze irlandesi proveniente da Inishowen, in Donegal: aprirà ogni serata esibendosi sul palco centrale e organizzerà stage di danze irlandesi nel Ridotto del Saschall.
 L’altra scuola è Gen’s Dys, la prima e unica Accademia italiana dedicata ai balli dell’ Isola di Smeraldo, i cui ballerini animeranno la platea durante i concerti coinvolgendo il pubblico.
La festa si terrà presso il Saschall – Teatro di Firenze, via Fabrizio De Andrè angolo Lungarno Aldo Moro, raggiungibile con il bus n. 14 dalla stazione di Santa Maria Novella, in auto uscita A1 Firenze sud.
Ingresso alla festa tutti i giorni dalle 19.30.

MERCOLEDI’ 16 E GIOVEDI’ 17 VENERDI’ 18: 12,00 euro intero, 10,00 euro ridotto soci Coop e studenti, 8,00 euro ridotto Carta Superflash.

SABATO 19: 15,00 euro intero, 12,00 euro ridotto soci Coop e studenti, 9,00 euro ridotto Carta Superflash.

INFORMAZIONI E ORARI

info: 055.6504112
Il 17 Marzo di ogni anno in Irlanda si celebra il St. Patrick’s Day, in onore appunto di San Patrizio patrono dell’isola e la popolazione festeggia questa festa nazionale con canti, maschere, parate e processioni.
Non si hanno per la verità molte informazioni su San Patrizio. Nacque in Scozia (a Kilpatrick) nel 387; figlio di una nobile famiglia (il padre era originario di una importante famiglia romana) fu rapito e venduto come …schiavo ad un pastore irlandese.
Dopo anni di faticoso lavoro, imparò il Gaelico e riuscì a recarsi dapprima in Gran Bretagna, poi in Francia dove iniziò a studiare ed anche in Italia. Al suo ritorno in Irlanda nel 432, divenuto vescovo, iniziò a convertire la popolazione dal paganesimo al cristianesimo, così come volle Papa Celestino; sembra che presso la rocca di Cashel anche Re Angus si convertì al cristianesimo. La sua morte avvenne il 17 Marzo del 461.
La sua opera fu così grandiosa che molte chiese furono innalzate e divenne ben presto un eroe nazionale, oltre che patrono. A Downpatrick si dice che una lapide indichi il luogo della sua sepoltura ed ogni anno, alla fine di luglio, moltissimi fedeli raggiungono a piedi la cima di Croagh Patrick, vicino alla cittadina di Westport.
Attorno alla sua figura sono sorte famose leggende, per esempio sull’isola d’Irlanda non ci sarebberono serpenti perchè fu lui a cacciarli in mare oppure il celeberrimo pozzo di San Patrizio, così chiamato perchè si dice custodisse un pozzo senza fondo, da cui si aprivano le porte del Purgatorio. Il trifoglio, poi, divenne simbolo nazionale dopo una sua predica alla popolazione.
Anche Dublino si prepara alla festa in maniera grandiosa organizzando una settimana di celebrazioni.

Ti potrebbe interessare anche

Nessun commento

Rispondi

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.