Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Nov 22

Enoclub Siena & Slow Wine: il connubio perfetto nato a Montalcino.

Category: Evento Di Vino

Sabato 13 ottobre 2010, una data storica! Storica, perchè per la prima volta mi sono trovata dall’altra parte del banco, nelle veci di produttore e non di degustatore, insieme a tanti cari amici dell’Enoclub Siena.

Io, Davide, Francesco, Enrico, Ester e Francesco, rappresentanti per l’Enoclub Siena,  abbiamo avuto l’onore e il piacere di rappresentare i produttori di Radda in Chianti segnalati nella guida di Slow Wine 2011.

La mattina abbiamo fatto un salto al Teatro Astrusi di Montalcino, dove Marco Bechi della condotta di Siena, ha presentato gli ospiti e gli autori della guida:  Roberto Burdese, presidente di Slow Food, Raffaella Grana, presidente di Slow Food Toscana, Giancarlo Gariglio, curatore della guida, Donatella Cinelli Colombini in rappresentanza del Consorzio del Brunello, il Sindaco Maurizio Buffi, Stefano Ferrari, Fabio Pracchia, Vito La Cerenza e Fausto Ferroni.

Alle tre, si sono aperte le porte delle sale e la degustazione ha avuto inizio! Radda con ben quattro aziende selezionate: Monteraponi con il produttore Michele Braganti e la sua “Riserva” IL CAMPITELLO 2007.  Il vino di Michele, non solo è stato eletto “VINO SLOW”, ma Monteraponi è stata citata anche come azienda che ha espresso un ottima qualità per le bottiglie presentate alle degustazioni.

Tutto il Team dell’Enoclub, sopra citato, che si è diviso nel raccontare e servire il vino di Caparsa, Val delle Corti e Montevertine.Caparsa dell’amico Paolo Cianferoni  con il suo “Rosso di Caparsa”, eletto nella guida “Vino Quotidiano”, Val delle Corti di Roberto Bianchi con il “Chianti Classico 2007” per la categoria “Grandi Vini” .

Montevertine di Martino Manetti che si è imposto come grande vino con  il suo “Pergole Torte 2007”, e “Montevertine 2007” è stato eletto “Vino Slow”. Ma non è finita, perchè Montevertine ha preso anche il sibolo della chiocciola e quello della bottiglia, simboli che stanno a caratterizzare , come una cantina interpreti i valori di Slow Food!

Dirimpetto a noi la grandissima Susanna Grassi dell’Azienda “I FABBRI” di Lamole, premiata per il buon rapporto qualità prezzo e della quale scriverò a breve.

Vini degustati, grazie anche a “Francesco nel paese dei balocchi”: il Brunello di Montalcino Riserva 2004 di Biondi Santi, Tenuta di Trinoro 2008, Tenuta San Guido Bolgheri Sassicaia 2007, il “Capannino”  2008 del Castello del Terriccio.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=HHdNNrAtzOU[/youtube]

3 comments

Nessun commento

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.