Cosa fare e dove andare a Escursioni e Sentieri Fotografie & Immagini Le Vie d'Italia Terre di Siena

La fiaccolata di Natale, io che l’ho fatta vi posso dire che non è una passeggiata da Monteriggioni ad Abbadia Isola

26/12/2013

 

A casa mia è tradizione festeggiare il Natale il 25, quindi di solito la Vigilia, fatta eccezione di un punto fermo ovvero la messa, di solito è costituita da una cena semplice, prima di recarmi alla liturgia eucaristica.

Da un decennio vado alla messa ad Abbadia Isola o Badia a Isola, la chiesa romanica sulla Via Francigena, fatta eccezione per un anno dove sono andata alla messa a Siena in Duomo: per chi non fa il cenone della Vigilia del 24 dicembre la messa delle undici (alle 23.00) è più facile da seguire rispetto a quella in duomo di mezzanotte.

Tornando ad Abbadia Isola, la caratteristica è quella della fiaccolata organizzata dal Cai di Siena e che ogni anno parte dal castello di Monteriggioni e arriva lungo un sentiero di bosco alla chiesa. Sono sempre rimasta affascinata da questi camminatori che arrivavano con le fiaccole in mano dinnanzi alla chiesa, così quest’anno complice la temperatura mite mi sono decisa a farla anche io.

Sono arrivata a Monteriggioni poco prima delle 21 e sappiate che il parcheggio sotto le mura, anche se è inverno si paga tutti i giorni fino alla 24, cifra minima 2 euro, fatta eccezione del primo parcheggio. Su tutti i comunicati e i vari portali si legge che la fiaccolata è gratuita, salvo scoprire una volta arrivati al banchetto che le fiaccole costano 3 euro: un cartello riporta che i soldi servono alla manutenzione del sentiero e noi ci crediamo.

Tra una cosa e l’altra partiamo alle 21.35 minuto più minuto meno, in quattrocento scendiamo la strada sterrata del castello per attraversare la Cassia fino alla chiesa. La camminata a passo abbastanza svelto dura quasi un ora tra le varie peripezie del vento che alimenta le fiaccole e della cera che cola, insomma tenere la fiaccola è abbastanza impegnativo, bisogna stare attenti a mille accortezze, ma credetemi che alla fine ne vale la pena. Arrivati ci si può rifocillare con le salsicce alla brace oppure andare alla messa e mangiare dopo, questo sta a voi deciderlo.

Per tornare c’è la navetta gratuita che vi riporta al parcheggio, anche se è un impresa titanica salirci sopra al primo viaggio, vi merita fare un salto al rinfresco del Cai nel chiostro restaurato prima 😉

 

Ti potrebbe interessare anche

1 Comment

Rispondi

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.