Cibo Chef e Cuochi Contest Eventi di Cibo e Spettacolo Fotografie & Immagini

Chef and Blogger on the Road: in qualunque posto saranno, lasceranno sempre un’emozione

01/12/2014

Quando l’amicizia è quella vera, indistruttibile, di quelle che attraversano il cuore, lascerà sempre un’emozione che non se ne vorrà andare più via.
Non so dire come, ma ogni volta che c’è “Chef on the Road” ed è il caso di cambiare titolo questa volta in “Chef e Blogger On The Road”, succede che tante persone provenienti da regioni diverse e realtà culinarie totalmente differenti, riescono a fare insieme un volo che le porta in alto. E non c’è distanza che tenga, in qualunque posto saranno al richiamo dello Chef Luca Borghini, tutti accorrerano e si ritroveranno vicini, tutti ai fornelli, uno accanto all’altro.

La strada li ha portati ancora una volta all’Osteria di Rendola, dalla Franca e da Simone Baldi, che insieme a Beppino (autore di una porchetta da urlo), sono il motore di questa bella realtà nel Valdarno, vicino a Montevarchi (AR). I padroni di casa, hanno fatto cambiare cucina agli chef e ai blogger, aprendogli quello che è diventato il nuovo ristorante di Rendola, e loro non hanno avuto paura, hanno trovato tutto l’occorrente per fare i “piatti della tradizione”.

Da Fossano, nel cuneese è tornato Willi La Paglia, che insieme a Luca Borghini hanno imbastito i  tortellacci con patate e formaggi al sugo rustico di patate e salsicce, (aiutati dalla vulcanica Maria Rosaria De Luca  del blog “Cucina Casereccia”), sia i maltagliati di semola al ragù rosso di Chianina. E se Luca è il punto di riferimento, il suo braccio destro è sempre Shady Hasbun  che si è divertito nel preparare le zuppe come l’acquacotta di Moggionaa base di pane, pomodoro e salsiccia, la zuppa lombarda con i fagioli zolfini e la zuppa di cipolle gratinate e non poteva mancare la pappa al pomodoro e la ribollita, quest’ultima nata anche grazie alle mani di un giovane, Giuseppe Lo Presti, che ha per la testa un progetto ambizioso, del quale sentirete presto parlare, se vi piace il pesce e la cucina vegana, seguitelo e scoprirete molte cose interessanti.

A far da cornice a tutto questo ben di Dio, la favolose decorazioni e l’allestimento delle pietanze di Serena Menci, giovanissima e già pronta a portare la sua pasticceria in giro per il mondo.
 E non dimentichiamo che insieme al companatico ci sta bene il pane, quello buono di  Vincenzo Petrizzelli. Anche lui è un veterano di questa brigata globetrotter,e finalmente ha coronato il sogno di aprire un suo locale, l’Osteria Da I’Pelo e dalle sue mani e da quelle di Flora Rondoni, sono nati i taralli pugliesi fatticon la semola di grano duro rimacinata, la schiacciata con la salvia a base di latte e ricotta, e la focaccia pugliese con origano e pomodoro, e una capatina a a d Oriente, ma imbottito d’Occidente, ovvero il pane indiano ripieno di finocchiona e gorgonzola.

Altra sorpresa la sbriciolata di ricotta di Francesco Gallo, che ha portato la Sicilia antica e sconosciuta ai più, dentro un dolce dalle forti emozioni, dove ricotta, farina di mandorle e cannella sono gli ingredienti principi di questo dolce  dall’impasto particolare…Senza dimenticare il tiramisù rivisitato di Rosa Cinque, blogger dallo spirito partenopeo.

Cosi’ il plotone  gastronomico vestito da “Solo Chef”, in qualunque posto sarà, non avrà confini, saranno sempre degli amici più vicini in cucina, e io so che loro ci credono, non hanno dubbi, che l’amicizia in cucina non finirà mai, sempre vivrà.

Ti potrebbe interessare anche

2 Commenti

  • Reply Rosa 02/12/2014 at 3:21 am

    Un’emozione leggerti..
    Un abbraccio dalla blogger dallo spirito partenopeo 🙂
    A presto,Rose

    • Reply Stefania Pianigiani 02/12/2014 at 9:12 pm

      E’ stato veramente un bell’evento!

    Rispondi

    Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.