Aperitivi Brunch Pizza Pranzi Cene Locali e Movida Cosa fare e dove andare a Cosa regalare per il compleanno l'anniversario San Valentino Cosa regalare per Natale Eventi di Cibo e Spettacolo Fotografie & Immagini Il Piacere di Leggere il Cibo e altri libri Recensioni di Ristoranti, Osterie & Trattorie Val Bene una Sosta

Natascia Santandrea, l’anima girovaga de la “Tenda Rossa”

10/05/2011

 Emozionatissima…questa è la mia prima intervista ufficiale su un ristorante stellato, fatta per TOSCANA & CHIANTI NEWS di maggio.

Natascia Santandrea è l’anima girovaga del ristorante stellato la Tenda Rossa di Cerbaia: è la persona scelta dalla sua grande famiglia gastronomica, per promuovere il ristorante in Italia e nel mondo, è la persona che  riesce ad avvicinare i giovani a un ristorante di alto livello.

NATASCIA SANTANDREA IN UN AGGETTIVO?

Un aggettivo solo non basta per descrivermi, riassumendo potrei dire che sono sorridente, armoniosa e rotondeggiante, come un vino. Il vino che adoro, il vino inteso come cosa viva che sa dare emozioni, e bisogna ricominciare a berlo nella maniera giusta. Far capire che il vino è un alimento indispensabile e magico. Che bere un buon bicchiere di vino mentre si pasteggia arricchisce ancor di più una cena.

LA SUA ULTIMA INTUIZIONE è LEGATA AL MONDO DEI GIOVANI

Da quasi tre anni al ristorante proponiamo con successo la formula “Under 30” con sconto di trenta:un modo per far conoscere  e permettere anche alle persone più giovani, che magari studiano ancora, di cenare in un ristorante di un certo tipo. Tutto è nato da una coppia di ragazzi poco più che ventenni , che vennero a cena: incuriosita da questo fatto e traendo giovamento dall’entusiasmo con il quale spiegavano la scelta di cenare alla Tenda Rossa, ho capito che i giovani sono il futuro. I ragazzi sono molto interessati al mondo del cibo e del vino.

QUANDO TUTTO QUESTO è COMINCIATO PER DAVVERO?

Quando mi sono accorta che i ragazzi leggevano di noi e di questa formula e si presentavano al ristorante. Che non erano più spaventati dall’alta ristorazione. Che si avvicinavano in maniera sana a prodotti buoni e cucinati bene. I tempi stanno cambiando e si può venire al ristorante anche solo per mangiare un piatto e bere un buon bicchiere di vino. Nei giorni che vanno dal 2 al 16 maggio Slow Food, ha organizzato “Le settimane del gusto” riservato agli under 26. Ogni ristorante lancerà la propri formula: chi andrà a fare a spesa con lo chef, chi mangerà direttamente in cucina, chi sarà seduto a tavola insieme allo chef.

PICCOLE CONTROINDICAZIONI DEL SUCCESSO?

Una donna che è nata nel mono dei ristoranti e dell’hotelliere, non ha mai un orario stabilito per niente. Ma da una parte è bello, perché si ha modo di aprire la mente, pensare senza avere uno schema ben preciso. Alcune volte le idee brillanti nascono proprio sul momento, senza troppo tempo per pensare.

L’ECCEZIONALITà DEL SUO LAVORO IN TRE PUNTI

Adoro così tanto questo lavoro che tre punti sono pochi per descriverlo. La possibilità di essere sempre a contatto con persone molto diverse tra di loro, mi h arricchito molto internamente.  La possibilità di soggiornare e mangiare in residenze da sogno. Ho imparato a sapere ascoltare, che l’abito non fa il monaco, che la gente quando viene a cena viene per divertirsi, che le persone quando scelgono di fare un evento con la Tenda Rossa, vogliono stare bene e divertirsi. E questa è la cosa più fantastica che una persona può desiderare.

IL RICORDO Più BELLO LEGATO AD UN PIATTO?

Più che ad un piatto, sono legata ad una sensazione, ad un movimento: mi piace andare in cucina, nella linea della pasticceria mentre fanno il cioccolato. Osservare il cioccolato che viene sciolto a bagno maria, vederlo girare con il mestolo, è una sensazione bellissima. Il colore del cioccolato, il suo profumo, la sua fluidità quando cada nello stampo, la gioia immensa di prendere il cucchiaio e mettere il cibo degli dei in bocca è una delle più belle sensazioni che ci possono essere.

PROGETTI?

Riscoprire il piacere di una cena attraverso il bon ton: le buone maniere a tavola, sono state un po’ dimenticate. Mi piacerebbe che si tornasse a provare piacere nel leggere un menu scritto in una certa maniera, nel pulirsi la bocca con un tovagliolo di stoffa, di godere dell’ambiente che ci circonda, nel gioire mentre si assapora un piatto, insomma di stare a tavola con calma. Il ristorante è un insieme di persone multiple: è importante l’armonia tra la cucina e la sala, è fondamentale una grande educazione, l’arte di saper sorridere, e saper rendere armonico il contatto con il cliente.

La Tenda Rossa, insieme alla vulcanica Natascia Santandrea, sembra proprio il luogo giusto per sognare.

Stefania Pianigiani

QUESTO è IL MENU PER LE SETTIMANE DEL GUSTO ORGANIZZATO INSIEME A SLOW FOOD CHE TROVATE NEL BLOG DI NELLI

La Tenda Rossa – Piazza del Monumento, 9/14
50020 Cerbaia in Val di Pesa (FI) – Tel: 055 826132
ristorante@latendarossa.it

Ti potrebbe interessare anche

3 Commenti

Rispondi

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.