Abili Artigiani Eventi di Cibo e Spettacolo Fotografie & Immagini Il mio Chianti.... Toscana voglio vivere così Utile e Dilettevole

La battitura del grano Senatore Cappelli, Renzo Marinai la fa come una volta

06/08/2013

Un sorso di vino bianco  Cecione di Cecione, il sudore sulla fronte, la fetta di salame, la pausa, la ri-partenza, la festa, la fatica, da Renzo Marinai a Panzano questa è la battitura del grano.

Una carrozza tra le vigne principesse, moto tedesche tornate a far festa e non la guerra, un chicco di grano, quello del Senatore Cappelli, simile a una piccola palla da rugby, e la forza della squadra Firenze Rugby 1931 intenta a insaccare le balle.

Un glutine elastico come non mai che smania di forza e prepotenza tra le mani del pastaio Giovanni Fabbri, il grano che si inchina tra le viti e gli olivi al passaggio del vento, la forza dell’acqua e della farina a formare una pasta unica, forte e rispettosa della terra. Un grano tornato di diritto al suo posto, la genuita, l’amicizia, la fame e la sete, il sudore, la gioia degli occhi. Questo è quello che si carpisce quardando i volti dei battitori di grano, vecchi di mestiere, giovani nell’anima.

Renzo Marinai, ha Mozart in cantina, e Beethoven nel campo che orchestra la battitrice, le persone, il rumore dei chicchi di grano,  il suono del vento. La semplicità e l’autenticità della campagna, quì sono rimaste intatte, basta vedere l’amore e la passione chei Renzo dedica al podere di Cecione.

 

Ti potrebbe interessare anche

Nessun commento

Rispondi

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.