Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

Ago 16

Tableaux Vivants nel giardino della Villa Reale di Marlia

Rievocazione settecentesca, costumi del 700

La mia amica Barbara, adora queste cose, partecipare ai Tableaux Vivants, e sicuramente il 17 settembre non si perderá questo appuntamento alla Villa Reale di Marlia, in Lucchesia.

Di cosa sto parlando? Domenica 17 settembre l’appuntamento al parco di Villa Reale di Marlia è con il ritorno alla storia con la sua iniziativa Il ‘700 rivive con i Tableaux Vivant. Per la prima volta il Giardino dei Limoni e il Teatro di Verzura torneranno ai fasti del barocco, quando la villa era la raffinata dimora dei nobili lucchesi Orsetti.

Per tutta la giornata l’ Associazione Culturale piemontese Le Vie del Tempo in collaborazione con il Parco Villa Reale di Marlia, avrà il piacevole compito di raccontare attraverso “quadri viventi”, tanto apprezzati anche all’epoca, le spensierate giornate in cui i padroni di casa, alla ricerca di frescura, ricevevano nel loro splendido giardino, i loro eleganti ospiti.

Il visitatore sarà così partecipe di una ricostruzione storica senza precedenti in Toscana, e passeggiando nel parco potrà incontrare giocosi innamorati, ascoltare la voce argentina di una raffinata cantante, osservare il lavoro del pittore, le frivole letture di un’allegra brigata, ma anche farsi abbagliare da cristalli e porcellane della tavola imbandita dove verranno presentate le golosità che si solevano gustare.

La Villa Reale di Marlia, è stata, nel corso di molte generazioni e molti passaggi di proprietà, la residenza di nobili famiglie e di grandi mecenati d’arte.
Nel 2015 una giovane coppia, essendosi perdutamente innamorata del complesso ormai trascurato, acquistò la proprietà accettando la sfida di riportare la Villa Reale di Marlia al suo antico splendore commissionando importanti lavori di restauro sia degli edifici sia dei giardini. Oggi fa parte del Network Grandi Giardini Italiani.

Parco della Villa Reale di Marlia
Via Fraga Alta, 2
55014 Marlia, Capannori (LU)

Tel. +39 0583 30108

Il ‘700 rivive con i Tableaux Vivant
domenica 17 settembre 2017, dalle 10 alle 18

Ingresso
Intero: € 9,00
Ridotto: € 7,00
Gruppi scuole (elementari e medie): € 5,00
Bambini (0-13 anni): gratuito
Guide turistiche: gratuito

No comments

Ago 14

La cena in Terra di Berardenga e i 650 anni di Castelnuovo

La piazza di Castelnuovo Berardenga, dove mangiare nella Berardenga

Castelnuovo Berardenga, 650 anni e non sentirli. Il suo destino, marchiato da un fiasco di vino, dipinto nel 1335 da Ambrogio Lorenzetti per un cofano nuziale. Lo spunto per festeggiare il paese nell’antico Prato delle Fiere, diventato oggi la piazza principale, il fulcro di tutte le cose.

Castelnuovo Berardenga winemaker,

E in una sera abbracciata dal vento e dagli sbuffi di una fontana felice, i Calici di Stelle si sono affiancati al buon cibo per la Cena in Terra della Berardenga. Vignaioli, cuochi e castelnuovini, fianco a fianco per il bene del paese.

Salumi della macelleria Pini Bollicine toscane per aperitivo Come servire il salame per un aperitivo

Salumi del Minucci e del Pini insieme alle Bollicine di Felsina per principiare.

Produttori di vino di Castelnuovo Berardenga

Un calice di Chianti Classico per brindare: Dievole, Felsina, La Lama, San Felice, Villa a Sesta, Vallepicciola, Poggio Bonelli, Fattoria dell’Aiola, Losi Querciavalle, Podere Le Trosce, Bindi Sergardi, Castello di Bossi, Fattoria di Corsignano e Carpineta Fontalpino, i produttori venuti a deliziare.

Cena in terra della Berardenga

Calici di Stelle a Castelnuovo Berardenga

Piatti che si accumulano, cucchiai che affondano nell crema di fagioli, gnudi di ricotta e pancetta croccante di Quei 2 e che sminuzzano quenelle di pappa al pomodoro della Taverna della Berardenga, forchette che mettono allo scoperto il ripieno di stracciata delle crêpes di Anonimax, coltelli che sminuzzano il petto d’anatra con le cipolle caramellate di Bengodi, bocche golose che sorridono all’arrivo della mousse di cioccolato bianco della Taverna della Berardenga e del semifreddo al Vin Santo della gelateria Pit Stop.

Sotto un piumone di nuvole e stelle, Associazioni in Festa, Slow Food Siena, i ristoratori di Castelnuovo, i viticoltori del Classico della Berardenga, hanno lavorato fianco a fianco per far sì che il Prato delle Fiere, fosse speciale. E ci sono riusciti.

 

No comments

Ago 6

Calici di Stelle: cinque appuntamenti da non perdere nelle Terre di Siena

calici-di-stelle-foto-il-cittadino-online.jpg

Eccoci tornati all’appuntamento annuale con Calici di Stelle. Vi segnalo alcuni appuntamenti tra Siena e la sua bellissima provincia, che per fortuna, si spalmano su date diverse, e non tutti il 10 di agosto.  Per il programma completo, sbirciate sul sito ufficiale di Calici di Stelle.

calici di stelle a Siena e provincia, 36/5000 Stars gems in Siena and province

DOMENICA 6 AGOSTO 2017 a GAIOLE IN CHIANTI

Dalle ore 19:00 alle ore 24:00 ci saranno gli stands per la degustazione dei vini delle aziende agricole di Gaiole in Chianti e dintorni. Allo stesso tempo potrete gustare tipici piatti e prodotti locali negli stands gastronomici dei ristoranti del paese.

All’entrata di piazza Ricasoli si potranno acquistare i calici per la degustazione al costo di 10 euro.

Ecco le aziende in degustazione: Azienda agricola Cantalici con Petali di rosé, rosato 2016; Chianti classico Baruffo 2014; Chianti classico Baruffo 2012. Azienda Monterotondo di Basagni Saverio con Viaggiolata, Chianti classico 2014; Sassogrosso, Igt bianco 2016; Sassorosa, Igt rosato 2016. Podere Ciona con  Rosé 2015; Chianti classico 2014. Il Colombaio di Cencio con I Massi 2015 Chianti classico; Pietrarossa 2014, Chianti classico; I Massi2013 Chianti classico riserva; Monticello 2014 Igt; Barone Ricasoli Castello di Brolio; Brolio 2015 Chianti classico Docg; Brolio riserva 2014, Chianti classico Docg. Azienda agricola San Martino con Chianti classico San Martino 2013; Chianti classico San Martino riserva 2011. Capannelle con Chianti classico 2013. Badia a Coltibuono con Badia a Coltibuono Chianti classico Docg 2015;  Badia a Coltibuono Chianti classico riserva Docg 2012; Azienda agricola biologica La Casa di Bricciano; Chianti classico riserva 2009; Il Ritrovo Igt 2008; Il Ritrovo Igt 2006. Fattoria di Rietine con Chianti classico Docg 2014; Riserva Docg 2012; Tiziano Igt 2011; Vin Santo Doc 2003; Olio extravergine 2016; Grappa Tiziano Primero.  Azienda agricola Casanova di Bricciano di Rossi Andrea con Casanova Chianti classico 2014; Casanova Gran selezione 2013; Tramonto passito Igt 1997.  San Giusto a Rentennano con  Chianti classico 2015; Chianti classico riserva Le Baroncole 2014. Azienda agricola Matteolicon Chianti classico 2014 Docg;  Chianti classico 2015 Docg. Azienda agricola Pasquini Galliano con L’Eco del tempo vino rosso; L’Eco del tempo vino bianco. Castello di Meleto con Meleto Chianti classico riserva 2015; Vigna Casi Chianti classico riserva 2013; Pieve di Spaltenna Vermentino 2016; Borgaio Igt Toscana rosso 2014; Spumante brut rosé metodo classico NV. Azienda agricola La Montanina con Nebbiano 2013; Chianti classico 2014.

Durante la serata ci sara’ musica dal vivo e dj set.

GIOVEDì 10 AGOSTO A CASTIGLIONE D’ORCIA

Vini DOC Orcia, Vald'Orcia Wine Events

La magica notte di Calici di Stelle nel suggestivo borgo di Castiglione d’Orcia, cuore della Val d’Orcia e città di produzione del vino Orcia Doc

PROGRAMMA COMPLETO
Dalle ore 17:00 nel centro storico di Castiglione d’Orcia
-concorso dell’Associazione culturale e artistica “I Gigli di Castro” “L’etichetta di Orcia più bella”
-letture sul vino a cura del Laboratorio Teatrale Talenti Tintinnanti
-esposizioni di auto e moto d’epoca
-visite alla prestigiosa Sala d’Arte San Giovanni
🍴 laboratorio di pici, per imparare a tirare la tradizionale pasta locale con le massaie castiglionesi
🍴 cooking show di piatti della cucina castiglionese e punti ristoro a cura dei ristoranti del borgo
🍴 Slow Food con i piatti della tradizione
👜 artigianato artistico e prodotti tipici valdorciani
ore 18:00 “Assaporando lo Shiatsu” presso la sede Tuscany Crossing
Dalle ore 19:00 un’escursione notturna a piedi correndo o camminando sotto le stelle (ritrovo presso sede Tuscany Crossing).

DALLE 20:00 IL VINO ORCIA PROTAGONISTA
apertura banchi d’assaggio e degustazioni di vino Orcia Doc con i produttori: Cantina Campotondo Marco Capitoni, Donatella Cinelli Colombini, Il Pero, Azienda Agraria Le Crete Podere Albiano Podere Forte, Poggio Grande, Roberto Mascelloni, SassodiSole Castelnuovo Tancredi Luxury Wine Estate Azienda Agricola Trequand
a.

PER INFO E PRENOTAZIONI
info@consorziovinoorcia.it
0577 887471

wine-tasting-in-Siena

GIOVEDì 10 AGOSTO A SIENA

Stelle, vini e arte. Questi i protagonisti della notte di S. Lorenzo. L’appuntamento del 10 agosto con il fortunato connubio di vino e stelle cadenti si svolgerà in alcuni dei luoghi più suggestivi della città: dal Museo Civico, alla Torre del Mangia, a Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, alla “Terrazza su Siena” nei giardini in San Domenico della Società di Camporegio della Contrada del Drago.

Oltre all’apertura del Museo Civico e della Torre del Mangia (biglietteria in funzione dalle 20,30 alle 23,15), sarà possibile visitare il “Cantiere Maestà” di Simone Martini (ore 21, 22 e 23 max 10 persone a gruppo per un costo di 6 euro a biglietto, oltre all’acquisto del biglietto di ingresso al Museo Civico.

Mentre dalle 18 alle 22, presso l’Enoteca Emporio Mediterraneo, nel Casato di Sotto, ci sarà una degustazione di oltre trenta vini selezionati di viticultura “eroica” e non solo, da tutta Italia. Calice degustazione serigrafato ed esplorazione mappa stellare (proiezione).

GIOVEDI’ 10 AGOSTO E VENERDI’ 11 AGOSTO A CASTELNUOVO BERARDENGA.

Dove mangiare a Castelnuovo Berardenga, Castelnuovo Berardenga's restaurant

Doppio appuntamento per il Comune di Castelnuovo Berardenga.

Giovedi 10 agosto ore 20, piazza Marconi a Castelnuovo Berardenga: i ristoratori di Castelnuovo, insieme ai produttori di vino della Berardenga, e ai commercianti locali, insieme a Slow Food Siena e all’Amministrazione Comunale organizzano la “Cena in Terra di Berardenga”.

I piatti verranno preparati da i ristoranti: Quei Due, AnoniMax, Bengodi e Taverna della Berardenga.

tuscan-recipe.jpg

Il menu come vedete è da leccarsi i baffi! La cena, costa 40 euro, e per prenotare contattare l’ufficio turistico di Castelnuovo Berardenga al numero 0577-351337 oppure scrivere una e-mail a ufficio.turistico@comune.castelnuovo.si.it oppure Associazioni in Festa scrivendo all’indirizzo associazioniinfesta@gmail.com

Castelnuovo Berardenga's wine

Venerdì 11 agosto,  l’appuntamento è con “Calici di Stelle” dove saranno presenti le migliori aziende agricole, con la degustazione di vini e prodotti tipici, insieme a musica, spettacoli e arte. Un’occasione  per visitare il centro storico, il parco della Villa Chigi e la Torre dell’Orologio aperta in notturna.

eventi a Montalcino, Fattoria dei Barbi calici di stelle

VENERDì 11 AGOSTO

Alla Fattoria dei Barbi a Montalcino, sarà un venerdì sera in cantina all’insegna del bel connubio vino-stelle, degustando i vini direttamente dove nascono, mangiando e chiacchierando, e osservando il cielo con la sua magia guidati da un esperto astrofilo. Dalle 17.00 alla Fattoria Dei Barbi in Località Podernovi 170 a Montalcino e dopo la visita in Cantina e al Museo si comincerà con un aperitivo al tramonto, per poi gustare una cena a base di prodotti locali e immancabili calici di vini della Fattoria dei Barbi per godere infine del cielo notturno con l’Osservazione guidata a cura dell’ Osservatorio Astronomico Università di Siena: una serata con gli occhi e il naso in su per imparare a riconoscere le costellazioni principali e i pianeti visibili.
Costo: 35 euro, cena inclusa. Per prenotazioni
info@fattoriadeibarbi.it o tel. +39 0577 841111

 

No comments

Ago 5

Ferragosto a Siena e anteprime d’autunno

What to do in August for Siena

Molti di voi sono in vacanza in Toscana, chi al mare chi nella bella campagna, e avete messo in programma di passare da Siena, un giorno di agosto, oppure nella settimana di Ferragosto? Vi state domandando, cosa fare oltre a vedere il Palio del 16 agosto? Bene, ecco cosa vi riserva la città.

Siena The works of art by Giovanni Duprè

La Fondazione Monte dei Paschi di Siena, ospita dal 7 al 14 agosto la mostra Omaggio a Giovanni Duprè”. Allestita nell’Anticapella di Palazzo Sansedoni, l’esposizione è collegata al Palio di agosto, che celebra il duecentenario della nascita del famoso scultore senese. Ingresso gratuito.

27/5000 New art exhibition in Siena

Dal 15 giugno al 15 settembre 2017, Siena offrirà al pubblico una eccezionale mostra che narra l’apice della storia senese attraverso l’evoluzione della sua arte dal Duecento al Quattrocento.  Grazie al mecenatismo dell’architetto SimonPietro Salini, ai Magazzini del Sale di Palazzo Pubblico saranno esposte opere di alcuni degli artisti senesi più illustri: da Duccio a Giovanni Pisano, i Lorenzetti, Simone Martini, Jacopo della Quercia, Sassetta, Francesco di Giorgio e molti altri.

Ingresso gratuito
Orario: tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00
Ultimo ingresso visitatori ore 18.15
Chiusura straordinaria:
dal 12 agosto al 16 agosto 2017 compresi

Palio of Siena on 16 August


Per il Palio dell’Assunta del 16 agosto 2017 queste sono le Contrade che correranno elencate in ordine di estrazione e, quindi, di ingresso in Piazza:

Chiocciola, Selva, Oca, Valdimontone, Torre, Istrice, Onda, Lupa, Aquila, Bruco.

Il 10 agosto ci sarà la presentazione del Drappellonedipinto da Sinta Tantra, e dedicato al II centenario della nascita di Giovanni Duprè. Appuntamento alle ore 19 di giovedì 10 agosto, nel Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico.

Il restauro della Maestà di Simone Martini, The restoration of the Majesty of Simone Martini

Fino al 10 settembre c’è il “Cantiere Maestà”, che  offre la possibilità, unica ed irripetibile, di potersi avvicinare al capolavoro di Simone Martini in Palazzo Pubblico per ammirarlo a pochi centimetri di distanza, salendo sul ponteggio montato per i necessari lavori di manutenzione ed indagine storico-scientifica.

Le visite al “Cantiere Maestà” avranno luogo ogni venerdì, sabato e domenica alle ore 11, 12, 17 e 18. Le prenotazioni e potranno essere effettuate inviando una e-mail all’indirizzo ticket@comune.siena.it (specificando numero partecipanti, recapito telefonico, giorno e ora della visita) oppure telefonando dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30 ai numeri 0577/292614-15.

"Divina Bellezza Sotto il Duomo - Percorsi di luce","Divine Beauty Under the Duomo - Paths of Light"

E fino al 31 ottobre, c’è la  “Divina Bellezza Sotto il Duomo – Percorsi di luce” è un viaggio sotto il Duomo di Siena, un viaggio all’interno della splendida cornice architettonica dell’Oratorio dei SS. Giovannino e Gennaro. Un’esperienza immersiva nella storia, nelle tradizioni e nella bellezza di Siena con videomapping in 3D, audio multilingua in cuffia.

Battistero, ore 11.00 – 18.30. Aperture serali, dalle ore 21.30 con ultimo spettacolo alle ore 23: 23 , 30 agosto 2017Costo ingresso: € 12,00, incluso l’ingresso al Battistero.

la mostra di Cesare Olmastroni a Siena

Poi vi segnalo questa mostra dedicata a Cesare Olmastroni, che termina il 20 di agosto. Di Cesare, ricorderò l’ironia e lo stupore per la vita. Ha fatto parte della mia famiglia per quasi cinquant’anni, un pittore del garbo e delle buone maniere.

“Una vita tra i pennelli” sarà aperta al pubblico dal lunedì al giovedì, in fascia 15.30/18.30, e dal venerdì alla domenica anche di mattina dalle 10.30 alle 13.30, a eccezione del weekend 4/6 agosto durante il quale osserverà soltanto l’orario pomeridiano. Chiusura il 16 agosto in occasione del Palio dell’Assunta. Galleria di Palazzo Patrizi. Ingresso libero.

Se tutto questo non vi basta, vi invito a vedere il sito ufficiale, Enjoy Siena, colmo di eventi.

Unesco in Siena

E se agosto finisce poco importa, perchè Siena in autunno vi porterà tante novità. Mettete in agenda una visita al Complesso museale del Santa Maria della Scala, che ospiterà dal 22 al 24 settembre 2017 l’ottava edizione del WTUnesco, il Salone mondiale dei siti e beni Unesco.

The exhibition on the painter Ambrogio Lorenzetti in Siena

E al Santa Maria della Scala, ci sarà la mostra su Ambrogio Lorenzetti, dal 22 ottobre 2017 al 21 gennaio 2018 – è stata preparata nel corso degli ultimi due anni ed è iniziata con l’operazione Dentro il Restauro che ha consentito il restauro di alcuni capolavori del grande pittore senese, fra cui il ciclo di affreschi nella basilica di San Francesco, il grandioso ciclo di Montesiepi e la Maestà di Sant’Agostino.

Enjoy Siena Every Day.

No comments

Lug 31

La Bottega di Montemagno vicino a Calci

alimentari che fanno panini a Pisa

Sono tornata a scrivere di cibo qui sul blog, dopo un po’ di tempo e lo faccio, parlandovi di una “bottega“, che vi stupirà.

Avete presente la bellissima Certosa di Calci, vicino Pisa? Bene se avete intenzione di andarci di domenica, ricordatevi che è aperta solo la mattina.

Noi siamo arrivati intorno alle 13, e avevamo una fame da lupi, e visto che intorno alla Certosa non c’è nulla, siamo saliti per mangiare, fino al piccolo paese di Montemagno, poco sopra la Certosa, con l’intenzione di mangiare un panino.

Poi abbiamo scoperto “La Bottega di Montemagno“.

trattoria tipica vicinoa Pisa

Da fuori, potrebbe essere il classico alimentari di paese che tiene un po’ di tutto, ma appena abbiamo visto la vetrina l’idea del panino, si è allontanata del tutto! Perché c’erano un sacco di cose buone da mangiare!

bottega che fa panini alla Cerosa di calci, Pisa, Bottega making sandwiches near the Calci Charterhouse

A parte i salumi e i formaggi, che noi abbiamo snobbato, se non per un po’ di prosciutto toscano (diciamolo che un pochino di ciccia, ci sta sempre bene), ci siamo lasciati conquistare dall’insalata di fagiolini, dalle acciughe alla povera, dai friarelli, e dalla squisita zuppa!ricetta della ribollita, ribollita recipeCI sono dei tavolini davanti al banco, e una saletta piccolissima al lato, con pochi posti a sedere, ma una cantina meravigliosa! Non ti immagineresti di trovare etichette di un certo tipo alla bottega. Tutto merito di Stefania, la proprietaria, che è una grande appassionata di vino e di cibo.

The best Tuscan ham, chi fa il prosciutto toscano più buono

Da mangiare ci sono anche altre sfiziosità, dipende dal giorno e dalla fantasia della proprietaria. Noi abbiamo assaggiato delle ottime polpette, ma se volete ci sono anche sformati di verdure e melanzane alla parmigianan e qualche torta.

Consigliato vivamente, se capitate a Calci. Non è aperto per cena, fa l’orario di bottega. Un aperitivo però ce la fate a farlo!

La domenica però, fa orario continuato.

LA BOTTEGA DI MONTEMAGNO

VIA VENEZIA, 1

MONTEMAGNO DI CALCI (PISA)

TEL 050 938736  CELL. 330 216068

Invece per i locali imperdibili di Siena e Firenze, e le rispettive province, seguitemi su  Agrodolce

No comments

Lug 28

Botanica e la forza delle piante, che sono il filo della vita

Category: EVENTI

Botanica a Firenze

Scrivo ora di Botanica, perchè dovevo ancora rimettere insieme i pezzi. Una serata inaspettata, non programmata, anzi suggerita di cuore da una cara amica: chi meglio di te Stefania per Botanica, ha detto Elena!

E così con 35 gradi suonati, sono partita per Firenze, per il Musart in Piazza Santissima Annunziata, per vedere e sentire cosa avevano architettato Stefano Mancuso, Aboca e i Deproducers.

Questo lo dovrei scrivere alla fine, invece lo metto proprio qua, per farvi capire dove andremo a finire, per farvi capire cosa è Botanica. Ringrazio i Deproducers per la loro musica, e spero che il relatore Stefano Mancuso, sia riuscito a risvegliare attraverso voci, musica, e immagini le coscienze dei presenti verso l’importanza del mondo botanico nella nostra vita.

Stefano Mancuso Neurobiologovegetale Università di Firenze

Dovremmo prendere più cose dalle piante, essere più simili ai vegetali. Prendiamo ad esempio l’essere umano che ragiona  con il cervello e comanda tutti gli altri organi importanti. Un modello che è stato plasmato su tutta la società, c’è sempre un cervello e sotto i vari organi, in tutto: aziende, organizzazioni, strutture varie.

Invece prendiamo le piante, loro  ragionano con tutte le parti del proprio corpo: applicato al nostro mondo, potremmo dire che internet funziona come le piante, con una struttura molto più orizzontale. Ne è un esempio pratico Wikipedia,  dove tutti posono partecipare senza che ci sia un vertice che decida.

gruppo musicale Deproducers

Ricordate sempre, che le piante sono il filo della nostra vita, sono l’anello di congiunzione tra il sole e la terra. Basta pensare al miracolo della fotosintesi. Ma sono anche le regine della chimica, per la molteplicità di cose che riescono a fare, e che vivono in una natura psicoattiva.

Eventi in piazza a Firenze in estate

Meno male che qualcosa di buono hanno fatto, per tutelare tutte queste specie vegetali. Sapete cosa è lo Svalbard Global Seed Vault, ovvero il “Deposito globale di sementi delle Svalbard“? Questo deposito, ha la funzione di fornire una rete di sicurezza contro la perdita botanica accidentale del “patrimonio genetico tradizionale” delle sementi. E’ il più grande e importante “caveau” di semi.

E quante cose importanti ha detto Stefano Mancuso, che nella vita è “Neurobiologo Vegetale“, all’Università di Firenze: sapevate che i girasoli giocano tra di loro, e così imparano a stare insieme?

Sapevate che ogni giorno sulla terra, circa mille specie vegetali (il 50% a noi sconosciuto), sparisca dalla faccia del pianeta?

A seminar la buona pianta con Aboca a Firenze

Le piante, sono il motore del clima, peccato che l’uomo spesso mina le basi che ci permettono di vivere. Meno male che Vittorio Cosma, Riccardo Sinigallia, Max Casacci e Gianni Maroccolo, ovvero i Deproducers, abbiano creato questo incontro tra musica e scienza, dando lo spunto per riflettere sulla nostra linfa vitale, la “botanca”.

Le cose di ogni giorno raccontano segreti a chi le sa guardare ed ascoltare.

Ricordiamo sempre queste parole di Gianni Rodari, musicate da Sergio Endrigo:

Per fare un tavolo ci vuole il legno
per fare il legno ci vuole l’albero
per fare l’albero ci vuole il seme
per fare il seme ci vuole il frutto
per fare il frutto ci vuole un fiore
ci vuole un fiore, ci vuole un fiore,
per fare un tavolo ci vuole un fio-o-re.

No comments

Lug 22

Composizioni di fiori stagionali autopulenti

fiori con poca manutenzione, Unusual flower arrangements

Stefania, quest’anno nei vasi ci voglio del giallo, e che i fiori stagionali siano autopulenti!

E’ stata questa la richiesta della signora Viola, stufa di pulire ogni anno vasi e vasi di gerani parigini e surfinie. L’estate non è fatta solo di sfioriture, ci saranno dei fiori autopulenti?

Certamente!

Vases with lantana, solanum and dipladenia, idee per vasi fioriti

Ci ho pensato un po’, e alla fine come fiori gialli ho scelto le lantane ricadenti. La lantana, non è proprio stagionale, se avete fortuna di vivere in un luogo non troppo freddo d’inverno sopravvivono.

Self-cleaning blooms, fioriture autopulenti E visto che gli piace il bianco, ho pensato di mettere delle piantine di solanum: belli, resistenti e rifiorenti. Piante che si arrampicano, scendono, insomma vanno dove vogliono, facendo scena, e sono molto rustiche.

fiori alternativi ai gerani parigini,Colorful flower pots

La signora Viola è anche una appassionata del colore rosa, quindi di rosa e autopulente ci ho messo la dipladenia, che è un fiore resistente e simile alla mandevilla.

fiori alternativi alle petunie surfinie, quoi planter dans des pots de fleurs autonettoyantes

Il risultato è questo qua, un trionfo di colori, che fa tutto da se. I fiori si puliscono da soli senza stare li a perder tempo con le sfioriture, basta solo che bagnate le piante.

What to plant in a pot of self-cleaning flowers, fiori rustici in vaso

E se siete fortunati, con queste piante autopulenti, il prossimo anno ci sta che non dovete cambiare nemmeno i fiori. Se l’inverno non sarà freddissimo sopravviveranno. Basterà che li copriate con un telo di tessuto non tessuto e a primavera cimare i rametti secchi e dargli un po’ di concime.

 

4 comments

Lug 17

Affinità Elettive a Capannelle

Arte nel Chianti

Ridendo e scherzando Matthew Spender e Maro Gorky, sono quasi cinquant’anni che hanno messo le radici nel Chianti. La loro arte fatta di quadri e sculture in terracotta e travertino, si fonde nel paesaggio chiantigiano, ed Evorart, insieme a Capannelle, il Castello di Meleto e il Castello di Spaltenna, celebra i due artisti con le “Affinità Elettive”.

Capannelle Resort and Wine

Un percorso di 12 km da fare a piedi oppure in bici, ma anche in automobile, che unisce arte e buon vino nel comune di Gaiole in Chianti. Un anello artistico dove vedere la natura che abbraccia le sculture di Matthew Spender: teste, donne che camminano, guardiani e perfino Liv Tyler, e dove i muri accolgono pennellate di colore, tracciate dalla mano di Maro Gorky.

Tuscany art

A Capannelle ci sono donne di fuoco in giardino, pronte a raccontarvi la loro storia. Sedetevi sul prato e ascoltate in silenzio quello che avranno da dirvi.

Per gli indigeni queste sono le sculture di “Matteo di San Sano”, famoso in tutto il mondo, ma che resta sempre umile, sognatore e dispensatore di note musicali. Opere chiantigiane, che non ci stancheremo mai di guardare, perchè ormai fanno parte del territorio.

Evorat-Affinità-Elettive.jpg

Se il giardino di Capannelle è il regno di Spender, l’antica casa è la custode dei quadri della Gorky: paesaggi visti dalla finestra del podere chiantigiano che raccolgono emozioni, rielaborano il panorama, restituiscono pensieri e visioni.

Augusto Bianciardi, Lorenzo Minucci e Antonio Carloni, sono i tre moschettieri dell’arte chiantigiana. Con il nuovo progetto di Evorart, continuano ad unire la bellezza del paesaggio, con l’arte e il vino. Le tre eccellenze del territorio, di cui tutti noi dobbiamo essere fieri.

Opere di Maro Gorky e Matthew Spender a Capannelle

Avete tempo fino al primo di novembre per scoprire le Affinità Elettive.

Affinità-Elettive-in-Chianti.jpg

Capannelle, il Castello di Meleto e il Castello di Spaltenna, dodici km dedicati al percorso del gusto e dell’arte.

No comments

Pagina successiva »