La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

set 1

Fiori profumati: come innamorarsi della Plumeria o Frangipani

Avete mai sentito parlare della pianta della Plumeria o Frangipani? Io me ne sono innamorata a prima vista all’Orto Botanico di Catania, e ringrazio tuttora di cuore Giovannino D’Agata, il capo giardiniere, che me ne ha regalata una talea, vedremo se si adatterà al clima toscano.

Ce ne sono tante specie di quest’albero, dai fiori bianchi, rossi, bicolori o rosa. Un arcobaleno di colori e con un profumo che ricorda un mix tra gelsomino e tuberosa. Hanno semplicemente bisogno di un ambiente caldo e luminoso. Come ogni frangipani in vaso apprezza l’aggiunta di un concime liquido per piante da fiore al ritmo di una volta al mese durante il periodo di crescita.

Durante l’inverno, le foglie cadono parzialmente o alcune volte del tutto.  Per fiorire, la plumeria, avrà bisogno di più di 20 °  e annaffiature regolari. Tuttavia, è importante lasciare che la superficie si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra per evitare ristagni.

La talea per fare nuove piante di frangipani è il metodo più utilizzato e  viene eseguita con sezioni di rami di circa 15 cm, piantate in vaso e collocate in un luogo caldo (25-30 ° C) e umido. Dopo 2-3 settimane si formeranno piccole radici.

Queste sono le caratteristiche di alcune plumeria frangipani:

Plumeria acuminata: la più diffusa e profumata, con fiori bianchi dal cuore giallo
Plumeria  rubra: fioritura rosso fucsia e profumo dolciastro
Plumeria ‘Fruit Salad’ (ibrido): fiori sfumati rosa, giallo e bianco
Plumeria ‘Aztec Gold’ (ibrido) fiori gialli profumati che ricordano una  pesca.
Plumeria ‘Intense Arcobaleno’ (ibrido): bellissimi fiori rossi e oro giallo

No comments

ago 31

Siena, apertura e visite guidate al pavimento del Duomo

Come tradizione vuole, dopo il Palio di agosto, si tolgono i cartoni da terra, e il pavimento del Duomo di Siena, torna a farsi ammirare in tutta la sua magnificenza fino al 27 ottobre, inoltre vi consiglio di vedere la porta del cielo.

Ognuno può pagare il biglietto ed entrare in cattedrale, ma se volete fare una cosa più approfondita, per capire meglio cosa viene raffigurato tra il marmo, sabato 6 settembre, c’è questa visita guidata.

L’Associazione Guide Siena e Oltre  organizza sabato 6 Settembre 2014 ore 15 la visita guidata al pavimento del Duomo di Siena

Un immenso tappeto di pietra.
Il pavimento «più bello, grande e magnifico che mai fusse stato fatto in Italia» (Giorgio Vasari).

• Costo della visita: € 8 a persona + Euro 1,40 per noleggio auricolari (obbligatori se il gruppo supera 15 persone).
• Durata della visita: 2 ore circa.
• Punto di ritrovo: ore 15:00 con biglietto già fatto (è sufficiente mettersi in fila 10 minuti prima dell’entrata) presso la biglietteria accanto allo sportello nr. 1

• Prenotazioni: Per prenotare si prega di telefonare al nr +39 338 61 101 27 (lun- ven dalle 14.00 alle 19.00) o inviare una mail a: info@guidesienaeoltre.com indicando il vostro nome, cognome e numero di cellulare.

No comments

ago 23

A Fonterutoli arriva l’enojazz con Matteo Addabbo Organ Trio

Giornate incredibilmente piene a lavoro e “l’agostite” nelle ossa, (quella sensazione che ti fa credee di essere in ferie, anche se è agosto ;-) ), mi hanno fato rallentare di pubblicare i post, ma quando mi è arrivata questa bella serata jazz promossa dall’amica Elena, ho detto Stefy, svegliati e ricomincia a scrivere per i tuoi lettori.

Così venerdì prossimo, il 29 di agosto, nel Chianti, si svolge l’enojazz in cantina a Fonterutoli.

Visita della Cantina, Cena a Tema, Concerto di “Matteo Addabbo Organ Trio”

Programma:
Ore 18,30: Visita della Cantina di Fonterutoli
Ore 20,00: Cena a Tema presso Osteria di Fonterutoli
Ore 21,30: Concerto di “Matteo Addabbo Organ Trio”
nella Terrazza dell’Osteria (Ingresso Libero)

Osteria di Fonterutoli – Loc.Fonterutoli – Castellina in Chianti (SI) – GPS: 43.43527 N 11.30723 E

Info e Prenotazioni: +39 0577 741125 – +39 0577 741385

osteria@fonterutoli.it – e.stefanelli@mazzei.it

Cena su prenotazione con visita gratuita della cantina

Ingresso libero per il concerto a partire dalle ore 21

 

No comments

ago 7

Calici di Stelle con musica e arte a Siena

calici-si-stelle-programma-siena
San Lorenzo tutti a guardare il cielo, con un calice di vino in mano a pensare a una rondine che non c’è più, ma che è sempre nei nostri cuori.
Il fascino della notte di San Lorenzo in una cornice di musica e vino, con l’immancabile osservazione guidata del cielo e dei suoi astri: il 10 agosto, torna il consolidato appuntamento con “Calici di Stelle”, promosso a livello nazionale dall’associazione Città del Vino in collaborazione con il Movimento Turismo del Vino.
A Siena sono in programma una serie di iniziative eterogenee, organizzate dall’assessorato al Turismo, e diffuse nei principali luoghi di cultura cittadini.
Il Museo civico effettuerà un’apertura straordinaria dalle 21 alle 24 al prezzo di 5 euro, comprensivo della degustazione di vino curata dal consorzio Chianti Colli senesi, in collaborazione con la Federazione italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori (FISAR), che si terrà nella splendida terrazza della Loggia dei Nove, dove i volontari dell’Unione Astrofili Senesi accompagneranno il pubblico nell’osservazione guidata della volta stellata.
Sullo sfondo, l’accompagnamento musicale degli allievi e dei docenti dell’Istituto superiore di studi musicali “Rinaldo Franci”, che si esibiranno in una performance nella Sala del Mappamondo.
Anche la Torre del Mangia si aprirà al pubblico in fascia notturna 21/24: ingresso alla tariffa corrente di 8 euro, oppure al costo complessivo di 13 euro per il binomio con tutta l’offerta del Museo civico.
Musica e vino protagonisti anche al Santa Maria della Scala, dove le note del gruppo “Siena Jazz ensemble”, formazione in seno alla Fondazione Siena Jazz, costituiranno lo sfondo per le degustazioni nella “corte degli archi” di vini dolci, passiti e liquorosi, offerte dall’associazione Città del Vino in collaborazione con Fisar. L’ingresso, al costo di 5 euro, prevede anche la visita alla mostra “Satira e Sogni” di Sergio Staino, che sta riscuotendo un notevole successo in termini di pubblico e interesse.
Un incontro tra il mondo del vino e quello dell’arte è in programma anche sotto il Tartarugone di piazza del Mercato per “Stelle dell’Arte in Piazza”, lo scenario creativo per i rappresentanti del “Gruppo Estrosi” che delizieranno il pubblico con realizzazioni e allestimenti di opere in estemporanea, sempre a partire dalle 21.
Qui saranno presentati i vini partecipanti al concorso enologico “La selezione del Sindaco”, curato da Città del Vino e dalla delegazione senese dell’Associazione Italiana Sommelier (AIS), a cui si potrà partecipare al costo di 5 euro.
Nella ricca e articolata offerta della serata, infine, la possibilità della visita al Palazzo del Capitano in piazza Duomo, dove saranno esposte alcune opere artigianali e scultoree, ispirate al tema delle trasparenze, grazie alla collaborazione di Fondazione MPS e il supporto organizzativo di Vernice Progetti Culturali: ingresso a 5 euro, comprensivo della degustazione di vini curata da Enoclub Siena.
No comments

ago 4

Castello d’Albola: Verticale Chianti Classico Riserva 1985-2009

Una verticale per pochi amici, quelli dell’Ais Siena con il delegato Marcello Vagini e il braccio destro Alessandro Balducci, e ancora Ais con Pizzolato e Castellani, gli amici dei Grandi Vini, e pochi altri grandi scrittori di vino. La prima verticale di Chianti Classico Riserva del Castello d’Albola 1985-2009 è stata tutta un percorso, un Sangiovese che si è fatto scoprire piano piano, con un’inaspettata continuità di stile.

Le persone e il vino raccontano sempre una storia, e si sa che i grandi vini devono esprimere il territorio, e a Radda, i vignaioli sono rispettosi con il Sangiovese: un Sangiovese che qualche volta è ostinato a farsi lavorare, che cerca qualcuno che abbia il senso del tempo, che cerca sempre qualcuno abile in cantina e soprattutto che abbia coraggio, coraggio nel far esprimere tutto il potenziale che può avere questo vitigno. Impresa che Alessandro Gallo sta portando avanti, in modo determinato.

Una verticale quasi miracolosa, piacevole, con una varietà e un’originalità di sensazioni nelle varie annate degustate:

2009, annata calda e una grande potenzialità di evoluzione.

2008, elegante e fresca.

2007,  equilibrio e buona acidità.

2006, potenza ed eleganza.

2004, piacevole, con una varietà di sentori, ha già un corpo.

2003, il grande caldo.

1988, leggermente ossidato.

1986, una grande sorpresa.

1985, la grande bellezza.

No comments

lug 31

Siena, caccia al tesoro in notturna

le-scoperte-del-giovedì-siena

Stasera, c’è una bella caccia al tesoro in notturna a Siena, alla ricerca del gotico senese. Sarà questo il tema del nuovo appuntamento con “Le Scoperte”, la caccia notturna ai tesori dell’arte e della vita senese, in programma oggi, giovedì 31 luglio (ritrovo ore 21,30 – Piazza del Campo).

Siena è la città medievale, ‘gotica’ per eccellenza: vero, verissimo. O non del tutto?

Il pubblico potrà anche riconoscere quei pregevoli interventi postumi, a firma soprattutto di Giuseppe Partini, che soprattutto nell’Ottocento permisero di vestire di ‘neogotico’ molti celebri edifici, dando vita al cosiddetto ‘purismo’ architettonico senese. Una dissimulazione che troverà emozionanti episodi anche laddove la bellezza della città toglie maggiormente il respiro, come ad esempio in piazza Duomo.

Illustrazioni in italiano e inglese.
Costo di partecipazione Scoperte: € 8
Organizzazione Federagit Siena

Info & prenotazioni: 349 2613881.
altri dettagli su www.facebook.com/scoperte

Prima e dopo i tour, possibillitù di fare soste gustose con il 15 % di sconto e proposte speciali per i partecipanti nei ristoranti Babazuf – Bandierino – Bettola del grillo – Casato – Grotta del gallo nero – Grotta di Santa Caterina – Osteria il vinaio – Sansedoni in Birreria – Vinaio di Cane e Gatto – Vinaio di Sant’Agata .
dettagli proposte e contatti ristoranti su www.mangiareasiena.it

No comments

lug 27

Le piante al telefono: comunicare il verde in città per regalare emozioni

Io giardiniera, che ho la fortuna di vivere e lavorare in Toscana, quando vedo queste cose sono felice.

Sono entusiasta di questa bella iniziativa che ha inventato Silvia Minenti, le “Piante al telefono“:  a Roma, Milano e a breve anche a Genova, le cabine della Telecom, purtroppo sempre meno usate (eppure era bello chiamare l’amica ol il fidanzato dalla cabina), diventano verdi grazie a fiori e piante aromatiche, e diventano delle vere e proprie serre urbane e spazi di scambio per nuove idee.

Come funziona? Qualcuno mette dei vasi e li accudisce, altri prendono una pianta e la portano da un altra parte, e ne aggiungono una nuova, uno passa e le bagna, insomma un nuovo utilizzo e spazio di condivisione dell’arredo urbano.

Per essere sempre aggiornati, seguite l’iniziativa anche su Facebook:  per sapere se anche la vostra città ha cominciato ad inverdire le cabine telefoniche, oppure se sarai proprio te la prima persona a far nascere una nuova cabina verde, nel paese o nella città dove vivi. Guerrilla Gardening, sempre attivi!

https://www.facebook.com/piantetelefono/timeline

3 comments

lug 24

La gelateria Edoardo a Firenze, il biologico in piazza Duomo

Siete in pieno centro a Firenze e state pensando, ma che caldo fa, devo trovare qualcosa per rinfrescarmi? Il rimedio giusto è il gelato, e la città gigliata, è anche la città delle gelaterie artigianali. Scoperta per caso, praticamente in piazza Duomo, è stato amore a prima vista il gelato biologico di Edoardo per due motivi: il primo è che è una gelateria di alto livello in una delle piazze più turistiche del mondo, ed oltre a proporre eccellenti gusti fa anche i coni da sola, fatti a mano uno a uno. Ingredienti biologici a km zero, provenienti da piccole aziende del territorio, ne fanno un locale di qualità e attento alle esigenze del cliente, inoltre quel contrasto tra il freddo della crema e il caldo della cialda, è qualcosa di indescrivibile, che se non lo provate, non lo potete capire.

Uno sposalizio tra Piemonte e Toscana ha dato vita a questa piccola realtà dove i gusti variano a seconda delle stagioni, si omaggiano i territori con la crema gianduja e il sorbetto al Chianti, e non spaventatevi se vedete la fila fuori, vale la pena aspettare. I gusti sono sedici che vanno dallo zabaione, alla nocciola, alla crema di una volta e alla cannella per le creme, e non mancano gusti con la frutta stagionale: e ogni settimana accanto ai classici c’è un gusto nuovo come lo yogurt variegato ai frutti di bosco, oppure il cocco-ciocco a base di cocco variegato con nocciola e cioccolato. Se tutto questo non vi basta, fanno anche granite e crepes, e alla fine Edoardo risulta un piccolo tempio goloso a tutto tondo.
Gelateria Edoardo
Piazza del Duomo 45/R
Firenze
Aperta tutti i giorni
http://www.edoardobio.it/

foto 1(3)

No comments

Pagina successiva »