Google+

La Finestra di Stefania

L'enogastrogiardiniera

mag 22

I caffè storici dì Firenze

 

i caffè storici di Firenze

 

Stasera a Firenze, se vi piace il caffè, c’è questo bellissimo itinerario tra i caffè storici.

Dalle Giubbe Rosse a Paskowski; da Rivoire a Gilli, da Giacosa all’Ex Doney (antico bar di Firenze di via Tornabuoni, ora un esercizio commerciale): sono alcune delle caffetterie del percorso guidato “Un caffè lungo. Dai Granduchi al futurismo”, itinerario tra le caffetterie storiche di Firenze di Giovanni Tenucci, storico dell’arte e guida turistica che si terrà domani, venerdì 22 maggio (una visita parte alle 19 e l’altra alle ore 20, ingresso libero, da piazza Repubblica), nell’ambito dell’ultimo giorno di Pausa Caffè Festival in corso a Firenze. Al termine del percorso si terrà la mia performance di Tango (da Paskowski).

Nel pomeriggio, sempre in piazza della Repubblica, si terranno tre laboratori: il primo dal titolo “Nuovi metodi di come preparare il caffè in aeropress” (ore 14.30); il secondo dal titolo “Il caffè filtro, per una slow way of life” (ore 15.00) e il terzo “Come assaggiare un caffè espresso: le schede di degustazione” (ore 16.00).

Alle 18 (al caffè Paskowski) si terrà la tavola rotonda “Le nuove prospettive di crescita per la filiera del caffè espresso italiano”, con esponenti del settore e rappresentanti istituzionali e politici.

Il campione mondiale di Victor Delpierre Coffee in Good Spirits (cocktail al caffè) preparerà presso la Gelateria Lungrano (Lungarno Amerigo Vespucci) un aperitivo al caffè con i gelati in degustazione (ore 19).

La quarta edizione di Pausa Caffè Festival chiude presso la Caffetteria Ditta Artigianale (via de neri 32) alle ore 20 con la cena “Food&Coffee”. Il menù sarà ispirato al caffè, dall’antipasto al dolce. Tra le pietanze anche una ideata dal cuoco stellato Marco Stabile e una dal pasticcere Paolo Sacchetti (vice-presidente della Accademia dei Pasticceri Italiani). La serata sarà condotta dal giornalista Luca Managlia. Per prenotazioni 055 2741541.

www.pausacaffefestival.it

No comments

mag 18

Una lettera d’amore in Piazza San Marco a Venezia

luoghi piĂą romantici di VeneziaAl tempo del’era moderna, delle mail e whatsapp, c’è chi è ancora romantico. Tra i luoghi piĂą romantici di Venezia, oggi pomeriggio, verrĂ  consegnata una lettera d’amore.

Arriveranno,  a Piazza San Marcoo Peter Rauscher e Paolo Donaggio. I due amici, partiti martedì da Pavia sulla gondola Goppion Caffè, stanno percorrendo gli ultimi chilometri che li separano dalla laguna Veneziana. Al loro arrivo leggeranno la lettera ad un’ignara fanciulla. Il suo fidanzato le ha scritto un messaggio d’amore d’altri tempi e l’ha consegnato ai postini gondolieri. Peter Rauscher leggerĂ  in pubblico la missiva: solo allora la ragazza capirĂ  di essere la protagonista involontaria di questa romantica avventura.

Questo insolito viaggio lungo il Po su una gondola originale degli anni 90 è iniziato il 12 maggio. I due tra varie avventure e vicissitudini stanno percorrendo 430 km: una media di 60 al giorno. Quindi come vedete le lettere d’amore si scrivono ancora, e vengono consegnate da postini speciali…

 

No comments

mag 15

Narni e l’invasione del Ciliegiolo

dove trovare il ciliegiolo in Italia

C’è una parte di Umbria tutta da scoprire, Narni e lo potete fare questo weekend andando a visitare il borgo durante la manifestazione Ciliegiolo d’Italia, organizzata da due miei cari amici Davide Bonucci e Marina Ciancaglini.

Ecco tutto quello che c’è da fare nel fine settimana.

PROGRAMMA

Sabato 16 maggio – Auditorium di San Domenico

– ore 10.30 – Conferenza: Ciliegiolo: la storia, le caratteristiche, le prospettive di mercato. Introduzione al bere consapevole. Interverranno Roberto Luneia (Presidente e Direttore del Laboratorio Analysis), Massimiliano Tanchi (Responsabile marketing Food&Beverage Coop Centro Italia), Sandro Camilli (Presidente Ais Umbria).
– ore 12.00 – Apertura dei banchi di assaggio di Ciliegiolo e dei presidi Slow Food Terre dell’Umbria Meridionale
– ore 13.00 – Cooking Show a cura di Slow Food Terre dell’Umbria Meridionale
– ore 15.00 – Degustazione guidata “Il Ciliegiolo in Italia: differenze di territorio e di stili, con una riflessione sul ruolo del tempo nella bottiglia”. A cura di Antonio Boco, giornalista del Gambero Rosso (Sala Camino, Palazzo Eroli)
– ore 18.00 – Cooking Show
– ore 21.00 – Chiusura dei banchi di assaggio

Domenica 17 maggio – Auditorium di San Domenico

– ore 10.30 – La valenza dei vitigni identitari nella Strada del Vino. Incontro a cura della Strada dei Vini Etrusco Romana
– ore 12.00 – Apertura dei banchi di assaggio di Ciliegiolo e dei presidi Slow Food Terre dell’Umbria meridionale​
– ore 13.00 – Cooking Show, con lo chef Roberto Agostini.
– ore 16.00 – Degustazione guidata da Giampaolo Gravina, giornalista Guida Vini d’Italia L’Espresso: “Il Ciliegiolo in Umbria: un vino e i suoi diversi territori”. (Sala Camino, Palazzo Eroli)
– ore 17.00 – Cooking Show, con la chef Edi Dottori (La sala della Comitissa, Baschi
– ore 18.30 – Presentazione e degustazione dei Vignaioli Resistenti Umbri, a cura di Giampaolo Gravina, giornalista Guida Vini d’Italia L’Espresso (Sala Camino, Palazzo Eroli)
– ore 19.00 – Chiusura dei banchi di assaggio
ELENCO DEI PRODUTTORI:

LIGURIA
Pino Gino (Castiglione Chiavarese, GE)
Bisson (Chiavari, GE)

TOSCANA
Castellani Tenuta Santa Lucia ( Pontedera, PI)
Fattoria di Caspri (Montevarchi, AR)
Podere San Ferdinando (Civitella Val di Chiana, AR)
Cappella di Sant’Andrea (San Gimignano, SI)
Motta Vini (Alberese, GR)
Mantellassi (Magliano in Toscana, GR)
Rascioni&Cecconello (Fonteblanda, GR)
Sassotondo (Sovana, GR)
Antonio Camillo (Manciano, GR)
Vignaioli Morellino di Scansano (Scansano, GR)
Marco Salustri (Cinigiano, GR)
La Selva (Albinia, GR)

UMBRIA
Leonardo Bussoletti (Narni, TR)
Giro di Vento (Narni, TR)
Tenuta Casale Milli (Narni, TR)
Ruffo della Scaletta (Narni, TR)
Tenuta Frabbucciano (Narni, TR)
Agricola Ponteggia (San Gemini, TR)
Cantina Sandonna (Giove, TR)
La Palazzola (Stroncone, TR)
Cantina Colli Amerini (Amelia, TR)
San Cristoforo (Amelia, TR)
Zanchi (Amelia, TR)
Fuccelli (Montefalco, PG)
Fontesecca (CittĂ  della Pieve , PG)

MARCHE
Vini Gagliardi (Matelica, MC)

LAZIO
Mara Olivieri (Gallese, VT)

PUGLIA
Primis (Stornarella, FO)

Per contatti ed info:
info@ciliegioloditalia.it
Davide Bonucci – 328-5436775
Marina Ciancaglini – 339-8199734

No comments

mag 14

Slow Fish a Genova ecco perché andarci

slow fish a GenovaPartito oggi e prosegue fino a domenica, ecco dopo due anni il ritorno di Slow Fish: il Porto Antico di Genova e le sue mille anime, quella parte di cittĂ  che non sta mai ferma, accoglie sempre eventi ed iniziative,il cuore pulsante della cittĂ .

Ma cosa ci sarà da fare a Slow Fish? Dai Laboratori del Gusto alle attività per i più piccoli dello spazio Slow Food Educazione, dal Mercato di Slow Fish dove acquistare il prodotto fresco e conservato, olio, spezie, sale, alghe e derivati agli approfondimenti dei Laboratori dell’acqua. E poi, cosa c’è di meglio di una sosta in Enoteca con un buon bicchiere di vino e uno sfizioso manicaretto? O dell’ormai classico abbinamento tra un bel boccale nella Piazza delle Birre e un originale street food nelle Cucine di Strada?

Le attività si svolgono tutti i giorni: per le famiglie in visita con i bambini il venerdì al pomeriggio e il sabato e domenica tutto il giorno.

E non perdetevi le cene al ristorante Il Marin di Eataly: giovedì 14 è la volta di uno dei più grandi esponenti italiani sulla cucina di mare: Luciano Zazzeri dal ristorante La Pineta, stella Michelin di Marina di Bibbona (Li). Si continua la sera del venerdì 15, con un tocco di Spagna, grazie a Barceloneta Cuina, un gruppo di chef del famoso quartiere marinaro e popolare di Barcellona, che promuove il pescato locale per ribadire l’importanza di tutelare le tradizioni culinarie della regione.

Domenica a pranzo, l’incontro tra due regioni agli antipodi geograficamente ma unite dall’amore e dal rispetto per il mare e per la cucina di pesce. Luca Collami del Baldin di Sestri Ponente (Genova) ospita e accoglie Gigi Megliola e Fabrizio Barraco, rispettivamente patron e chef del Bastimento, ristorante che a Torino propone la vera cucina del Salento.

E ancora verso l’Area Mandraccio, dove vi aspettano i molti espositori del Mercato di Slow Fish pronti a raccontare le loro storie e farci gustare le molte prelibatezze.

Avete tempo fino a domenica per scoprire Genova.

Il programma è su www.slowfood.it

 

No comments

mag 11

Pizza e Champagne a bordo piscina, succede a Villa Cora

hotel romantico a Firenze con piscinaSpesso sorge spontanea una domanda: abbinare la pizza allo Champagne si può fare? Per togliervi ogni dubbio, da giovedì 14 maggio, uno degli alberghi più belli di Firenze, apre al pubblico per fargli assaggiare la pizza di Alessandro Liberatore.

A Villa Cora, dove io sono stata qualche tempo fa per il brunch, ogni giovedì si potrà abbinare la pizza allo Champagne nel Bistrò a bordo piscina. E ora che le rose sono in fiore, e il parco si è svegliato dal letargo, è un occasione in più per provare questo luogo. E non mancheranno la musica dal vivo e dei gustosi sorbetti.

Inoltre dal 24 maggio fino a metà settembre il barbecue diventerà l’appuntamento immancabile della domenica sera a cena.

Villa Cora
Viale Machiavelli 18
50125 FIRENZE
Tel. +39 055 228790
www.villacora.it

 


1 comment

mag 10

Perchè piantare un melo cotogno e come fare la marmellata

fiori del melo cotogno

Una cara amica un giorno ha detto che se fosse una stoffa, sarebbe velluto il melo cotogno.  I suoi frutti sono tra i più adatti per fare la marmellata (lo so che si dice confettura, ma io sono toscana e per noi son tutte marmellate ;-) )

fiori di melo cotogno

I suoi frutti non sono buoni da mangiare crudi, ma sono ottimi per farci la marmellata, io li chiamo i brutti ma buoni. E po questa pianta fa dei bellissimo fiori bianchi molto profumati, che aiutano a liberare la mente. I fiori di Bach all’aperto come dico io, basta avvicinarsi e inspirare per ritrovare il buonumore.

 

E’ un albero ornamentale, qualche volta un pò contorto, e la sua fragranza ha tutta la sua ntensitĂ  nel mese di maggio. Vuole essere piantato al sole e i suoi frutti si raccolgono alla fine di settembre e in ottobre, un pò come la vendemmia…

Se vi piace fare la marmellata, seguite passo dopo passo la buonissima ricetta di petitchef.

 

 

No comments

mag 9

Villa Salviati, il giardino e gli Archivi Storici dell’Unione Europea

giardino storico di villa salviati a Firenze

Ed eccoci nuovamente al fine settimana e con lui arriva la fatidica domanda, cosa fare a Firenze di sabato e domenica? Io vi consiglio di fare un salto sulla via Bolognese, una delle parti piĂą belle della cittĂ  ed andare a visitare Villa Salviati.

Difatti sabato 9 maggio, la villa, apre gli archivi storici dell’Unione Europea.

arte moderna e antica

La Giornata Aperta inizierĂ  alle ore 10.00, con la premiazione del concorso artistico Sorveglianza e Democrazia in Europa. Il concorso, rivolto agli studenti delle Accademie di Belle Arti di Firenze e Carrara, ha il fine di selezionare un’opera che rimarrĂ  in esposizione nel parco di Villa Salviati. Durante la Giornata Aperta, sarĂ  possibile ammirare i bozzetti delle quindici opere finaliste, insieme a undici lavori esposti per l’occasione dai professori dell’Accademia delle Arti del Disegno.

SeguirĂ , alle 10.30, un breve concerto del Maestro Marco Vavolo, che eseguirĂ  una selezione di inni nazionali dei 28 paesi dell’Unione Europea dal suo album “Europa Mon Amour”.

giardino all'italiana a Firenze

Alle 11.00, la giornata proseguirĂ  con varie attivitĂ  ricreative e culturali per ragazzi e famiglie, come le visite guidate ai giardini di Villa Salviati a cura dell’Associazione CittĂ  Nascosta, gli spettacoli e i laboratori di circo e giocoleria organizzati dall’Associazione di Circo En Piste, e i laboratori di cucina per ragazzi del magazine Excellent Gusto.

Alle 16.00, ci sarà  il concerto del Coro Novecento di Fiesole, che proporrà brani della canzone popolare italiana.

Per maggiori informazioni:

Fabrizio Borchi

tel.: +39.055.46.85.945

email: fabrizio.borchi@eui.eu

Per registrarsi alle visite guidate:

Associazione CittĂ  Nascosta

tel. +39.055.68.02.590

email: info@cittanascosta.it

 

No comments

mag 8

Siena fiorita alla fontana di San Prospero e il mercato straordinario

che albero è quello della chigianaSe passate da Siena in questi giorni, sentirete un profumo intenso invadere l’aria. Sono i fiori della paulownia, l’albero di Via di CittĂ  e quelli di piazza Gramsci. E se non sapete dove comprare i fiori e le piante a Siena, ecco dove andare.

Sabato 9 e domenica 10 maggio, i giardini della fontana di San Prospero, si animerann di colori con rose, clematis, erbacee perenni, fioriture estive, rampicanti, piante da frutto e tutto quello che serve all’orto e al giardino.

Poi finalmente, qualcosa di positivo per  il verde pubblico di Siena: il Garden Club di Siena ha donato alla cittĂ  il ripristino, la fornitura e la messa a dimora di piante e fiori nell’area verde intorno alla Fontana di San Prospero, nel parco della Rimembranza. Il disegno dell’aiuola è stato eseguito dall’architetto paesaggista Paolo Iannaccone. E speriamo che per la prossima giornata Ugai pensino a risistemare i giardini della Lizza. ;-)

Inoltre sempre domenica 10 maggio, la mattina ci sarĂ  anche il mercato straordinario!

No comments

Pagina successiva »